BUSINESS NEWS SOMMARIO

breaking news IBS

rinnovabili terreni fotovoltaico

RINNOVABILI

SI RICERCANO TERRENI

PER LA COSTRUZIONE DI NUOVI PARCHI FOTOVOLTAICI IN GRID PARITY IN ITALIA

** CLICCA SUL LINK E VAI ALLA PAGINA PER I DETTAGLI **

IBS come unico interlocutore, sarà il soggetto giuridico che coordinerà lutto l’ iter dalla presentazione fino alla concessione della Autorizzazione Unica per iniziare la costruzione dell’ impianto . Esistono accordi in essere con investitori motivati ad acquistare le Autorizzazioni appena rilasciate . Gli investitori manifestano interesse per Impianti di dimensioni da 5 MW sino a 50 MW senza limite superiore. Chiunque fosse in grado di segnalare, oltre ai terreni, anche Autorizzazioni già cantierabili, è invitato a prendere contatto con i nostri responsabili .

SEMPRE IN ITALIA :

- Per conto di altri acquirenti pronti all’ acquisto, cerchiamo impianti o parchi fotovoltaici connessi alla rete, a terra, ad inseguimento, pensiline, tetti , serre che usufruiscono di incentivi .

PROGETTI ED IMPIANTI ESTERI :

- Polonia : per Fondo specializzato nel Fotovoltaico , cerchiamo concessioni e progetti per parchi da costruire da 1 MW senza limite superiore .
- Per investitori cerchiamo Impianti già connessi alla rete che usufruiscano di incentivi oppure progetti cantierabili con tutte le autorizzazioni pronte e tariffa con ente statale, sia nell’ ambito Fotovoltaico che Eolico .

edilizia e infrastrutture

COMMESSE ESTERE

E LAVORI INFRASTRUTTURALI IN AMBITO EDILE E COSTRUZIONI :

- Disponiamo di lavori in campo edile e commesse infrastrutturali finanziate da eseguire in alcuni paesi Extra – UE . Saremo a fornire maggiori informazioni a seguito di richiesta da parte di Aziende interessate .

IMMOBILIARE :

- Disponiamo di strutture commerciali a reddito in vendita . In questo momento mandato per vendita di un Centro Commerciale .
- Per conto di un investitore, cerchiamo un palazzo cielo terra in centro a Milano con canone di locazione attivo .
- Siamo alla ricerca di investitori per importanti progetti di sviluppo immobiliare con piano di fattibilità già effettuato e con gestore già disponibile a rilevare l’ immobile .

trading commodities

TRADING COMMODITIES ALIMENTARI

E NON ALIMENTARI :

- Prodotti Food & Beverage Catalogo ed Offerte
- Oli Vegetali : Olio di Girasole, Olio di semi di Soia, Olio di Mais, Olio di Colza, Olio di Palma, UCO .
- Carburanti e prodotti Oil & Gas : procedure ed elenco prodotti direttamente dalle Raffinerie
- Cippato e Pellet : disponiamo di produttori in America e Canada , Russia, Sud America, Sud Africa che possono fornire prodotto in navi intere a prezzi competitivi .

News opportunità business esteri e fondi

ibs-news-sommario

news-opportunita-estero

News Opportunità di Business all’Estero e Fondi

FILIERE AGRICOLE E AGRIBUSINESS : forniamo chiavi in mano filiere pomodoro , latte – carne , avicola , serre / sistemi colture protette o progetti agroalimentari.

COMMESSE ESTERE : abbiamo mandato e contatto con i vertici di Aziende di primaria importanza del panorama nazionale e internazionale, attraverso il nostro network. Sono Aziende interessate a commesse in paesi esteri nei settori industriali, nelle costruzioni, nell’energia. Seguono alcuni esempi:
ENERGIA: power station, turbine a gas, turbine a vapore (120 MW), intelligent energy solutions, generating sets, marine generating sets, pompe, lighting tower anche con batterie al litio, gruppi elettrogeni, trasformazione e distribuzione energia. Pipelines gas, raffinerie, service ecc.
COSTRUZIONI ED INFRASTRUTTURE : ospedali, aeroporti, ponti, dighe, scuole, porti, hotel, strade, perforazioni non petrolifere, ecc…. . Nel caso di abitazioni o strutture private, necessario un promotore locale high standing.
SETTORE OSPEDALIERO E MEDICAL DEVICES: arredamenti di letti ed arredi per camere di degenza, sale operatorie, progettazione e fornitura “chiavi in mano” , arredi in acciaio inox per sale operatorie e sale di sterilizzazione.
SETTORE HOTELLERIE, CONTRACT & RESIDENTIAL: arredamenti ” interior design” e “living”, arredamenti di “imbottiti e tendaggi” , con possibile fornitura “chiavi in mano” , per Hotel 4 stelle, 5 stelle, 5 stelle lusso, per potenziali clienti in tutto il mondo. Arredamenti cucine, sia per Hotel che per edilizia residenziale.
TEMA ELETTRICO : elettrificazione, impianti, revamping, fibra ottica, ecc.
AGRICOLTURA: filiere latte, filiere pomodoro, impianti di trasformazione, progetti agricoli con vendita di animali e filiere, inclusi macchinari ecc.
TEMA ACQUA: depurazione, desalinizzazione, perforazioni, ecc.
TEMA PACKAGING: creazione di filiere nel packaging alimentare, farmaceutico, ecc.
In caso di contatti con general contractor, istituzioni, in grado di generare commesse in un contesto giuridico bando, affidamento diretto, creazione di società locale, Joint Venture si prega di prendere contatto con IBS attraverso la pagina Contatti nel Menu.
Finanziamento: nel caso fosse richiesto un finanziamento in paesi con una capacità finanziaria limitata, al network sono collegati dei Fondi specializzati che possono valutare se intervenire e finanziare le attività soprattutto nel caso di grande opere, previa verifica della disponibilità della Banca Centrale del paese in cui sono preventivate le opere, di emettere delle opportune garanzie.
Per INFO di dettaglio e news contattaci.

BRASILE BUSINESS TOUR, MISSIONE IMPRENDITORIALE ITALIA – BRASILE : il Brazilian Business Tour, importante evento promosso da Enti industriali, Associazioni ed Istituzioni bilaterali italiane e brasiliane fa tappa a Recife, Fortaleza, Rio de Janeiro, Belo Horizonte, Porto Alegre, Curitiba, Florianopolis, São Paulo. Il tour che si configura come una missione imprenditoriale volta a generare nuove opportunità di business fra imprese italiane e brasiliane, prevede una introduzione istituzionale a cui seguiranno incontri B2B in formato di business rounds. Principali settori : Agroindustria , Calzaturiero , Cosmetico , Farmaceutico e Biomedicale , Energia , Infrastrutture , Metalmeccanico , Minerario , Nautico e Navale , Oil & Gas , Tessile . Il tour tocca le seguenti località : Rio Grande do Sul , Santa Catarina , Ceará , Minas Gerais , Paraná , Pernambuco , Rio de Janeiro . Per informazioni di dettaglio e news, per accedere alla pagina riservata per scaricare la brochure è necessario inviare propri riferimenti e dati Aziendali tramite pagina CONTATTI del sito.

BULGARIA MISSIONI IMPRENDITORIALI : attraverso Confindustria Bulgaria, Missioni Imprenditoriali, incontri B2B e ricerca partner, benefici fiscali e hub produttivo. Inoltre una ampia gamma di servizi erogati da studi professionali di eccellenza in ambito legale, tributario e fiscale, amministrativo inclusa la gestione dipendenti e busta paga, nonché la normativa relativa al diritto del lavoro e alla certificazione qualità.

FINANZIAMENTI PER STARTUP CANARIE, TENERIFE : opportunità di business, agevolazioni fiscali, finanziamenti e fondi per Startup innovative nei settori IT, elettronica, automazione, ricerca scientifica, nanotecnologie, biotecnologie, altre news. Zona Speciale Canaria ZEC, Zona Franca Tenerife ZFT, agevolazioni doganali, fiscali ed altre news.

INCOMING AZIENDE CINESI IN ITALIA : delegazioni cinesi in Italia, Aziende selezionate da CCPIT e dalle istituzioni cinesi, che incontrano Aziende italiane con obiettivi specifici nell’ambito di incontri BtoB mirati, partnership strategiche e commerciali. Settori: tessile, meccanica, automobilistico, energia, chimico, farmaceutico, medicale, tecnologico e innovazione brevetti, Information and Communications Technology ITC, ed infine food and beverage e prodotti agroalimentari ed altre news.

EXPORT DEL MADE IN ITALY IN CINA : tramite società italiana con sedi in Cina e digital agency di proprietà, le Aziende italiane possono esportare il Made in Italy in Cina. Tramite piattaforme e-commerce e canali social i prodotti italiani sono offerti a 600 milioni di persone (ogni giorno mediamente connesse ad internet), mediante canali B2C, B2B, il tutto gestito da un sistema ERP (Enterprise Resource Planning) avanzato. A carico dell’Azienda italiana solo una provvigione commerciale sul venduto che include i servizi di front end, back end, lead to cash, operation, spedizione all’acquirente finale. È come se l’Azienda italiana avesse in outsourcing una propria sede distributiva in Cina. L’Azienda italiana si dovrà preoccupare di fornire il prodotto che vuole commercializzare sdoganato in Cina più eventuali promozioni. Per alcuni prodotti si può far transitare il prodotto in FTZ (free trade zone) con il pagamento dei diritti doganali (ossia le spese di importazione o sdoganamento del prodotto), dopo che la vendita sia stata perfezionata, con la possibilità di servire anche i paesi limitrofi con accordi FTZ con la Cina (esempio Malesia). A cura dell’Azienda anche la produzione dei certificati per poter immettere il prodotto in Cina secondo le norme di legge, ed è previsto per questo una assistenza. Tutte le categorie di prodotto sono ammesse (food, abbigliamento e fashion, arredamento, lusso, ecc. ), tuttavia appena ricevuta una manifestazione di interesse sarà nostra cura fare una preliminare analisi di fattibilità. Si prega di inviare richiesta per maggiori informazioni e news tramite la sezione CONTATTI.

OPPORTUNITÀ NEI PAESI ECOWAS : attraverso organizzazioni non governative ONG e tramite un rappresentante di ECOWAS, entità sovranazionale collegata a 54 stati dell’Africa è possibile individuare opportunità mirate di investimento, sia nel campo sociale, sia nel business in ambiti differenti, dalle costruzioni, all’energia, alle infrastrutture per varie tipologie di investitori. Mediante ECOWAS è possibile stabilire un dialogo diretto con i vertici delle istituzioni dei paesi aderenti, con le persone che ricoprono le massime cariche. È possibile ottenere news e informazioni di prima mano, unitamente a poter sottoporre progetti di sviluppo, sulla base di linee di sviluppo strategico, concordate con le Banche di Sviluppo e con i Donors Internazionali. Per sottoporre alla nostra attenzione un progetto, per richiedere un contatto con i referenti indicati e per news eventuali contattaci.

RUSSIA: Importante news e possibilità per le Aziende Italiane di essere rappresentate in Russia nei contesti fieristici, nei business meeting, o in eventi organizzati per promuovere opportunità di business bilaterali tra Russia e Italia, da rappresentanti, agenti, o consulenti commerciali italo – russi. In aggiunta ad un canale privato, esistono anche opportunità messe a disposizione dalla Confindustria russa e da consoli russi nel quadro di una cooperazione con le associazioni industriali italiane. Tale cooperazione rende accessibili a prezzi estremamente contenuti pacchetti per le Aziende PMI, con una gamma di servizi che spaziano da un supporto per uno scouting di opportunità, ad un supporto operativo anche strutturato per Aziende interessate al territorio russo, che desiderano insediarsi in Russia, o partecipare a commesse, nelle aree di Mosca, San Pietroburgo, altre regioni più strategiche, ma anche territori con alte potenzialità e poco conosciute, unitamente ai paesi con Free Trade Agreement e libero scambio con la Russia, come Bielorussia, Kazakhstan, Serbia. Alcuni settori che segnaliamo: oil and gas, automotive, medicale, agricoltura, biotech e tender per commesse in vari ambiti.

KAZAKHSTAN BUSINESS : opportunità di Business in Kazakhstan, ufficio di rappresentanza presso prestigiosa struttura in prossimità delle istituzioni governative, con possibilità di canoni di locazione a prezzi molto bassi per uffici e sede o per servizi in outsourcing con personale locale. Opportunità nel settore delle energie rinnovabili, ad Expo 2017 ad Aksana ed altre news.

GIAPPONE, COREA, MADE IN ITALY : opportunità di esportazione del Made in Italy in Giappone e Corea. Rivista dei Tesori d’Italia e promozione di brand italiani di eccellenza. Incontri BtoB con buyers, distributori. Spazi espositivi a Nagoya presso Galleria Italia con oltre 25.000 visite di operatori specializzati. Per maggiori Informazioni e news contattaci.

UGANDA : opportunità di business in Uganda, elenco servizi attivi, opportunità nel settore delle energie rinnovabili, parchi fotovoltaici e PPA con acquisto dell’energia prodotta, unitamente ad opportunità di varia tipologia, esempio nel settore delle costruzioni, dell’elettrificazione, delle opere pubbliche, in ambito minerario.

MAURITANIA SETTORE ITTICO : opportunità nel settore ittico in Mauritania zona estremamente pescosa dell’Africa occidentale attraverso l’elaborazione dei prodotti ittici e successiva commercializzazione nella regione e paesi confinanti. Per maggiori INFO e news contattaci.

PARCO FOTOVOLTAICO IN VENTURE CAPITAL : investitori per la costruzione di impianti fotovoltaici con PPA e tariffe da concordare con le autorità governative, (in funzione di dove si andranno a collocare i parchi, dall’irraggiamento solare medio, e se le zone individuate sono sprovviste di copertura elettrica, dunque nelle priorità del paese). Il tutto in territori ad elevato irraggiamento e a fronte di accordi pluriennali di acquisto dell’energia prodotta, garantiti da assicurazioni riconosciute dal Fondo Monetario Internazionale, comunque in aree non soggette a disordini o rischi di natura politica, economica od operativa considerati al di sopra della soglia accettabile. Per INFO e news contattaci.

news-area-servizi

News Servizi

STRATEGIE FINANZIARIE INTERNAZIONALI : percorso finalizzato all’ottenimento di un finanziamento, in capo a progetti sostenibili, business plan credibili, Aziende presentabili, due diligence, ed esperti in ambito finanza.

CONSULTI E SERVIZI NEL SETTORE TRADE AND EXPORT FINANCE : ricerca partners commerciali e finanziari, elaborazione di contratti export, gestione dei contratti export, ricerca e negoziazione di strumenti bancari per export ed il trade finance (crediti documentari, stand by, garanzie bancarie, forfaiting, etc.), gestione dei crediti export. Attraverso partner relazioni nei principali centri finanziari mondiali, Londra, New York e Hong Kong, relazioni con istituti bancari e agenzie istituzionali per il sostegno e sviluppo dell’export. Per qualunque approfondimento SCRIVI MAIL TRAMITE PAGINA CONTATTI del sito.

ELENCO CORSI TRADE & EXPORT FINANCE : percorsi iper specialistici su Trade & Export Finance e Gestione Rischio di Credito nel Commercio Internazionale .

QUOTARE IN BORSA SOCIETÀ : consulenza per quotare in borsa una società, quotazione in Borsa e alta finanza per società operanti in vari settori. Per presentare la propria azienda e per le news sui servizi, inviaci richiesta con i riferimenti aziendali. Sarà nostra premura prendere contatto con la vostra società.

DESK ESTERI : servizi attivi nei Desk esteri e nelle sedi dei partner IBS all’estero.

ICE BRUXELLES : bandi, appalti, programmi paesi terzi, bandi extra-EU, agevolazioni, finanziamenti e opportunità tramite ICE Bruxelles ed altre news.

FONDI REGIONALI ITALIANI: Fondi stanziati per lo sviluppo di aree del sud Italia, e del centro. Sono Fondi e finanziamenti che privilegiano progetti occupazionali o brevetti innovativi e startup innovative che abbiano ricadute sui territori in termini di occupazione e rilancio delle attività produttive e socio economiche. Per informazioni e news contattaci per una valutazione del tuo progetto imprenditoriale. E’ opportuno disporre di un business plan sintetico preliminare. Per qualunque richiesta di informazioni e news contattaci.

PIATTAFORMA INNOVATIVA E-MAIL E SMS MARKETING : piattaforma per impostare o supportare le strategie di comunicazione e marketing aziendali attraverso un sistema altamente tecnologico e innovativo. Campagna pubblicitaria su misura, capace di mostrarvi concretamente la potenza del proprio sistema per incrementare le vendite, e-commerce, o pubblicizzare iniziative ed eventi sia per mobile marketing che PC. Sistema integrato di customer journey, micro-contenuti distribuiti nel tempo via SMS e mail, soluzioni landing page e story telling. In base alla modalità di approccio, il comportamento del potenziale consumer viene misurato ed analizzato dai moduli mobile analytics e customer. Vengono analizzate le interazioni tra gli utenti, misurate in un’ottica temporale, personalizzazione dei contenuti per le comunicazioni future. La piattaforma fornisce una targettizzazione non più semplicemente custom bensì predictive. Decine di milioni di contatti solo in Italia e presenza internazionale estesa. Promozioni, lead, coupon, survey dinamiche, booking, deal, mflyer, donation e story telling. Tracking, lead scoring, predictive marketing. Per informazioni di dettaglio e news scrivici una mail.

GEOPOLITICS & INTELLIGENCE, RISK ASSESSMENT : news su geopolitica e intelligence, determinazione del rischio o risk assessment, country profile, geopolitical risk analysis, observatory conflicts, actor profile, country security assessment, travel security plan.

RELAZIONI INTERNAZIONALI ARTICOLI : news e vari articoli di natura geopolitica, socio economica, tecnica, relativamente a varie regioni e aree suddivise per continenti.

SACE ASSICURAZIONE DEL CREDITO : Sace e assicurazione del credito, Country Risk Map, rischio paese, rischio mancato pagamento controparte sovrana, bancaria, corporate, violazioni contrattuali, trasferimento capitali e altri rischi legati all’Internazionalizzazione, dettagliati per ogni paese estero, con soluzioni assicurative del credito e condizioni di assicurabilità. Per le news sulle nuove soluzioni assicurative o per richieste specifiche inviaci una mail e sarà nostra cura farla pervenire al responsabile di SACE che prenderà contatto con la Vostra Azienda.

INVIACI AL TUO POSTO IN FIERA : IBS invia un consulente alla fiera di interesse tra quelle programmate nei vari paesi esteri, raccoglie un numero certificato e concordato di contatti commerciali e biglietti da visita, senza che l’Azienda italiana debba impegnare il tempo prezioso dei propri collaboratori. Centralizzando il servizio, tramite una persona che è presente e ha mandato per più di 1 Azienda si ottiene un risparmio in costi e tempo. Per aggiornamenti e news sulle fiere di interesse scrivici una mail.

SERVIZI PER BREVETTI E STARTUP : servizi per titolari di brevetti e startup attraverso professionisti con una elevata expertise nella gestione di invenzioni, brevetti, industrializzazione prodotto, sviluppo startup.

news-food-e-commodities

News Food and Beverage e Commodities

CATALOGO AGRI-FOOD ED OFFERTE : catalogo agro-food con prodotti agro-alimentari di eccellenza come il parmigiano reggiano, vari formaggi, il prosciutto di parma, prosciutti e salumi anche DOP, pasta secca di grano duro in vari formati e vario contenuto proteico, pasta fresca napoletana, riso, pomodoro, pesce fresco e congelato, salse e conserve, verdure, funghi, tartufo, frutta, legumi, cereali, caffè, latte, gelato, acqua naturale e addizionata di CO2, vini bianchi, vini neri, spumanti, moscati, olio di oliva e olio extravergine di oliva, e tanti altri prodotti Made in Italy + alcuni prodotti di importazione, incluse alcune commodities come zucchero, farine, grano, olio vegetale sia grezzo che raffinato (olio di girasole, olio di mais, olio di semi di soia) ecc. Offerte continuative, offerta spot, offerte stock. Per prodotti a catalogo o non inclusi nel catalogo, per news, o per richieste customizzate e fuori procedura contattaci tramite sezione contatti del sito.

PASTA PRIVA DI ALLERGENI : abbiamo incarico di trovare acquirenti e distributori di pasta con caratteristiche innovative, nelle varie declinazioni pasta fresca, pasta secca, pasta ripiena, totalmente priva di allergeni (no glutine, no uova, no lattosio, no mono e di-gliceridi), con anche versioni certificate vegan e BIO. Un perfetto abbinamento di bontà e salute. Novità mondiale, la pasta è integrata da fibre e vitamine con l’aggiunta di verdura e legumi; in questo modo ha altresì un indice glicemico bassissimo. Per info di dettaglio, preventivi, news inviaci richiesta tramite pagina contatti.

FOOD & BEVERAGE TOP GAMMA : food and beverage BIO e top gamma. Aziende di eccellenza del made in Italy, prodotti al vertice in termini di qualità prodotto, certificazione BIO, caratteristiche organolettiche e salute. Dal riso alla pasta, dal vino di pregiate uve ad oli extravergini di primaria qualità, prodotti con proprietà nutritive uniche. Per maggiori informazioni, listini prezzo, news prodotti, inviaci tramite pagina contatti richiesta scritta.

FRUTTI DI BOSCO E FUNGHI SURGELATI : produttore russo leader di mercato di frutti di bosco e funghi surgelati cerca buyers, acquirenti e partnership strategiche per sviluppare lo sbocco in Italia ed Europa. Per richieste, per ricevere una offerta e news contattaci.

VINO VINI CANTINE OLTREPO PAVESE : IBS è lieta di promuovere le migliori cantine dell’Oltrepò Pavese attraverso i vini più pregiati e genuini. Per altre informazioni Contattaci. I VINI ROSSI : BARBERA, anche nella versione affinata per circa 10 mesi in barriques di rovere. RUBINO, mediante uve croatina 100 %. BONARDA DOC, vitigno Croatina in purezza. BONARDA DOC, colore rosso rubino che un profumo di accentuata intensità. LA CENFRASCA, vino Bonarda prodotto da viti vecchie, scarsamente produttive. BUTTAFUOCO DOC, vino nobile dal colore rosso rubino particolarmente intenso, grazie alla vinificazione di uve dei vitigni Croatina, Barbera, Uva Rara. VINACERO, è un Pinot Nero vinificato in rosso. BARBERA, rappresenta la versione ferma del Barbera. VINI BIANCHI : PINOT NERO, tramite vinificazione di uve di vitigni Pinot nero 90 % + Chardonnay 10 %. RIESLING, vinificazione di uve Riesling Italico 80 % + Riesling Renano 20 %. CROSÉ, vino Rosé, ottenuto dalla vinificazione in rosa di uve di vitigno Pinot Nero. CHARDONNAY “BLUE DIAMOND”, vino Bianco secco, aromatico, uve vitigno Chardonnay 100 %. PINOT GRIGIO “ GREY DIAMOND ” vino bianco, di colore giallo paglierino, pieno. LACLIMA , Chardonnay fermo, fresco e delicato, prodotto nei vigneti denominati “ Prumù ”. SPUMANTI: PINOT SPUMANTE CHARMAT da uve vitigno Pinot Nero, vinificate in bianco attraverso il metodo “Charmat”. ROSÉ SPUMANTE CHARMAT da uve vitigni Pinot Nero, vinificate in rosa attraverso metodo “Charmat”. PINOT SPUMANTE BRUT METODO CLASSICO. Il Moscato di Volpara, metodo TRADIZIONALE, SPUMANTE, PASSITO ottenuto tramite uve vitigno Moscato lasciate appassire sui tralci fino a Novembre inoltrato, ed una volta vinificato viene poi lasciato riposare in botte per dodici mesi.

OLI VEGETALI : attraverso Raffinerie in Ucraina, Russia, Malesia, Filippine, Bulgaria, Ungheria sono disponibili a prezzi competitivi oli vegetali, prodotto raffinato, crudo – grezzo, degummed a seconda della tipologia di olio. Oli vegetali disponibili: olio di girasole, csfo , olio di mais, olio di semi di soia, olio di palma, cpo, olio di colza, palm methyl ester, palm rbd – cp 8 / cp 10, UCO oil ( used cooking oil ) . Packaging sia in PET bottiglie da 1 , 2 , 5 , 10 litri, che bulk o flexitank a seconda del tipo di prodotto. Termine di resa CIF , performance bond 2,00 % . Per maggiori informazioni Contattaci

FUELS E PRODOTTI PETROLIFERI : IBS ha rapporti diretti con i mandatari ufficiali di Raffinerie in Russia, Medio Oriente, Sud America, Libia, Iraq, Iran. Nella pagina dedicata indichiamo procedure di acquisto FOB e CIF ed i principali prodotti forniti. Clicca sul link per visitare la pagina Carburanti. Elenco prodotti :
RUSSIAN D2 GAS OIL GOST ( DIESEL ) LO 2 62 GOST 305 82 ORIGIN
MAZUT M100 GOST 10585 75
MAZUT 100 GOST 10585 99
JP54 AVIATION KEROSENE COLONIAL GRADE 54 JET FUEL
JET FUEL JPA1 ( AVIATION KEROSENE COLONIAL GRADE A1 )
VIRGIN LOW POUR DIESEL FUEL OIL ( D6 )
DIESEL GAS OIL ULTRA – LOW SULPHUR DIESEL 50 / 10 PPM / EN590
LIQUEFIELD NATURAL GAS 5542 87 ( LNG )
LIQUEFIELD PETROLEUM GAS ( PROPANE ( C3H8 ) 50 % + BUTANE ( C4H10 ) SEPARATED ( LPG )
RUSSIA EXPORT BLEND CRUDE GOST 51 858 2002 ( R.E.B.C.O )
RUSSIA EXPORT BLENDS CRUDE GOST 9965 76
RUSSIAN DIESEL OIL EN 590 10 PPM
ULTRA LOW SULPHUR DIESEL 50 PPM
GASOLINE 87 OCTANES RUSSIAN ORIGIN
GASOLINE 89 OCTANES RUSSIAN ORIGIN
GASOLINE 93 OCTANES RUSSIAN ORIGIN
AUTOMOTIVE GASOIL ( AGO )
COMPRESSED NATURAL GAS ( CNG )
UREA GRANULAR AND PRILLED RUSSIAN ORIGINS
BITUMEN / PETROLEUM ASPHALT
FUEL OIL CST180
PETROLEUM COKE
BASE OIL SN 150
BASE OIL SN 500

PRODUTTORE DI PELLET : dimensione 6-8 mm, colore sia pellet chiari che pellet scuri, costi a tonnellata competitivi, disponibili informazioni di dettaglio (scheda prodotto e descrizione), fornitura sia attraverso packaging bulk come big bag 1000 kg, sia sacchi da 15 kg. Ceneri 0,23 – 0,27% molto basse, perché la materia prima utilizzata è legno di prima qualità impiegato per la progettazione e costruzione di case di legno e i residui per la produzione di pellet. Pellet sia per uso civile top gamma, sia per uso industriale. Logistica e consegna prodotto sia via camion che via nave. Ordine minimo 1 container o 1 camion.

CIPPATO : disponiamo di produttori in America e Canada , Russia, Sud America, Sud Africa che possono fornire prodotto in navi intere a prezzi competitivi .

LEGNA DA ARDERE e PRODUTTORE di TRONCHI DI LEGNO : produttore legna da ardere e tronchi di legno. Per preventivo contattaci indicando quantità, diametro, tipo di legna e umidità. Logistica tramite nave, treno, camion.

PRODOTTI MINERARI : ematite, calcare, bentonite, cristalli di barite, talco bianco e ocra, carbonato di calcio, limonite, direttamente dal produttore tramite miniere di proprietà, per Aziende importatrici o acquirenti nel settore vernici o utilizzatori dei suddetti prodotti.

COMMODITIES VARIE : varie commodities, dai prodotti di eccellenza del made in Italy quotati alla Borsa di Parma (come Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma e altri salumi, derivati del pomodoro, foraggi, granaglie, farine ecc. ), ai semi vegetali (olio di semi di girasole, olio di semi di mais, olio di semi di soia, olio di palma, olio di colza), ai prodotti petroliferi (carburanti, oil and gas), metalli e varie. Per INFO, richieste e altre news Scrivici mail.

STOCKS : stock di merci, di varia tipologia, dai generi alimentari, ai vini e beverage, salse e spezie, capi di abbigliamento e accessori (camicie, accappatoi, ecc.), arredamento e lenzuolame (coprimaterassi, strofinacci, ecc.), articoli per la casa (lampade, ecc.) e cucina (padelle, coltelli, ecc.), articoli di design, orologi, gioielli, articolo per la pulizia della casa, ecc. Per l’elenco aggiornato dei beni in stock, per le news, inviaci richiesta tramite mail.

news-partnership-e-vendite

News Business di nicchia e partnership estere, latest news

Grazie al nostro network estero, abbiamo contatto diretto con mandatari e proprietà, promotori di opportunità che segnaliamo a seguire. Per richieste od offerte contattaci.

OPERAZIONI DI MERGING AND ACQUISITION : fusioni e acquisizioni nei settori biomedicale farmaceutico e dispositivi ortopedici, ICT realtà aumentata e internet of things, food, ristorazione, materie plastiche, elettromeccanica, componenti. Tipi di deal: start-up, turnaround, acquisizione, acquisizione / aumento di capitale. Info disponibili: risk level, actual enterprise value, fatturato, EBITDA (%), PFN, potenzialità di crescita / fatturato raggiungibile, fabbisogno oggetto del round, quota ceduta con il round, IRR atteso, way-out period (nr years), way-out cash multiple, strategia di exit, eventuali partners nell’operazione. Scrivici una mail indicando i dati aziendali e i riferimenti personali di contatto per informazioni di dettaglio.

CONCESSIONI NELLE RINNOVABILI vendita concessioni nel settore rinnovabili – PPA (power purchase agreement). Esempi: progetto eolico Brasile, progetto eolico Grecia, progetto fotovoltaico Giordania, progetto fotovoltaico Egitto e progetto fotovoltaico Marocco. Disponibili anche impianti chiavi in mano. Per le news e per un elenco dei progetti o impianti disponibili vi preghiamo di inviarci una richiesta scritta.

INVESTIMENTI MINERARI in Marocco, Tanzania, Colombia e in aggiunta investimenti in Cu, Ni, Grafite, Litio tramite società con sede in Canada e Svizzera. Avvocati e banche di primo livello.

INVESTIMENTO IN OPERE D’ARTE: opere d’arte di primaria importanza e notorietà, contatto diretto con proprietà o mandatari diretti dei proprietari. Procedure supervisionate da esperti accreditati e referenziati con pluriennale attività nel settore ed elevato standing. Massima discrezione e riservatezza.

IMMOBILI IN VENDITA : immobili in vendita in Italia e in altri paesi, Hotel di pregio a Milano, Roma, Venezia, Firenze e in primarie città Europee. Centri Commerciali, RSA (residenze sanitarie assistenziali non ospedaliere) in Italia. Aziende agricole e vigneti di pregio in vendita con o senza annessa ristorazione e ospitalità nei territori dell’eccellenza vinicola italiana. Per richiedere l’elenco delle strutture attualmente in vendita e per le news scrivici una mail con i tuoi riferimenti completi.

news-archivio-notizie-pubblicate

news-archivio-seminari

SIGNIFICATO DI ALCUNI VOCABOLI PRESENTI NEL TESTO “Business News IBS”:

- Business to Business B2B (Wikipedia)
- Geopolitica (Wikipedia)
- Business Intelligence (Wikipedia)
- Assicurazione del Credito (Wikipedia)
- Lettera di credito (Wikipedia)
- Operatore Economico Autorizzato AEO (Wikipedia)
- ECOWAS – CEDEAO (Wikipedia)
- JV Joint Venture (wikipedia)
- Venture Capital (Wikipedia)
- Agroalimentare (Wikipedia)
- Allergeni (Wikipedia)
- Biotecnologia (Wikipedia)
- EN 590 (Wikipedia)
- Gasolio da autotrazione (Wikipedia)
- Benzina (Wikipedia)

CONTATTACI PER INFORMAZIONI DI DETTAGLIO IN MERITO ALLE NEWS

contact IBS by mail

FOTOVOLTAICO GRID PARITY TERRENI

FOTOVOLTAICO GRID PARITY

CERCHIAMO TERRENI, MINIMO 10 ETTARI

PER COSTRUIRE, IMPIANTI GRID PARITY, CHIAVI IN MANO

Area Collaboratori Grid Parity Terreni Cercasi

Fotovoltaico Cerchiamo Terreni Grid Parity Minimo 10 Ettari

GRID PARITY distanza tra terreni e cabina o sottostazione linea elettrica

CERCHIAMO TERRENI

MINIMO 10 ETTARI, PER REALIZZARE IMPIANTI FOTOVOLTAICI, GRID PARITY

Per chi è interessato, leggere con attenzione i punti che seguono e
Scaricare la GUIDA e i documenti che seguono nella sezione DOWNLOAD

PUNTI DI FORZA :

UNICO INTERLOCUTORE : IBS ricerca i siti idonei per le installazioni e sviluppa tutto l’ iter burocratico dalla richiesta della connessione presso Enel / Terna fino al rilascio delle concessioni “ Autorizzazione Unica ” chiavi in mano .

INVESTITORI : gli Investitori sono già pronti ad acquistare le autorizzazioni / concessioni Grid Parity appena saranno rilasciate .

LINEE GUIDA : importante che i terreni rispettino i requisiti indicati di seguito, per cui si raccomanda una attenta lettura . Si ringrazia per la collaborazione e si auspica una proficua cooperazione di lungo periodo .

LA PRESENTE COMUNICAZIONE È INDIRIZZATA :
- Proprietari di terreni in Italia
- Segnalatori diretti di terreni
- Agenzie Immobiliari
- Tecnici ed operatori del settore Rinnovabili e in particolare Fotovoltaico
- Associazioni professionali : Agronomi, Geometri, Ingegneri, Architetti, Periti ( Agrari, Industriali, ecc. ), Studi Professionali pertinenti al settore

Fotovoltaico Terreni modalità di cooperazione

DIMENSIONI IMPIANTI GRIP PARITY CHE SI ANDRANNO A COSTRUIRE : a partire da 5 – 10 MW a salire fino a 40 MW – 50 MW o superiori

ETTARI DI TERRENO NECESSARI PER 1 MW IN GRID PARITY : circa 2 Ettari per ogni Megawatt in funzione che si utilizzi o meno degli inseguitori . I terreni devono essere attigui o distanti al massimo 1 – 2 Km tra loro, questo per poter effettuare la connessione alla sottostazione senza alcuna problematica .

DIRITTO DI SUPERFICIE O ACQUISTO TERRENI : è possibile che la proprietà dei terreni sottoscriva un contratto in cui l’ investitore paghi un diritto di superficie per 25 anni + 3 o + 5 oppure l’ investitore può anche acquistare il terreno . I terreni sono idonei su tutto il territorio nazionale ( Nord Italia, Centro Italia, Sud Italia ).

REGIONI DOVE COSTRUIRE GLI IMPIANTI GRID PARITY : Terreni in tutte le regioni d’ ITALIA .
Gli investitori sono interessati a terreni su tutto il territorio nazionale e in tutte le regioni d’ Italia: importante che i canoni di locazione o la vendita del terreno e l’ irraggiamento del sito, consentano di ottenere un ritorno economico compatibile con il modello economico .
Alcuni Investitori hanno una preferenza per le seguenti regioni : Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria . La Calabria viene considerata da alcuni investitori .
È IMPORTANTE VERIFICARE : che i terreni in tutte le regioni, non siano sottoposti a vincoli urbanistici e restrizioni per la costruzione degli impianti Fotovoltaici FV Grid Parity .
PER LA SARDEGNA : importante che i terreni siano di tipo industriale e non agricolo .

IMPORTI PAGATI PER IL DIRITTO DI SUPERFICIE AI PROPRIETARI DEI TERRENI : L’ importo pagato alle proprietà dei terreni in Euro ad Ettaro ad Anno per il diritto di superficie, saranno concordati con l’ investitore e con le proprietà dei terreni, in funzione della Regione dove i terreni sono allocati e della tipologia di investitore . L’ investitore può anche pagare il diritto di superficie dei terreni in un’ unica soluzione attualizzata .

IMPORTI PAGATI AI PROPRIETARI DEI TERRENI IN CASO DI VENDITA : Gli importi pagati ad Ettaro al Sud Italia, Centro Italia e Nord Italia saranno trattati singolarmente e negoziati con gli investitori e con i proprietari dei terreni . L’ investitore riconosce tariffe ad ettaro variabili, in funzione del proprio modello finanziario .

ACQUISTO DI AUTORIZZAZIONI

GRID PARITY GIA’ PRONTE “ READY TO BUILD ”

I nostri investitori valutano anche l’ acquisto di autorizzazioni già pronte dove si possa iniziare a costruire l’ impianto immediatamente .

Fotovoltaico come segnalare i terreni

OPERATIVITÀ

QUALI SONO I PASSI PER SEGNALARE IL TERRENO PER GLI IMPIANTI GRID PARITY :

ANALISI PRELIMINARE : ai proprietari dei terreni o segnalatori in contatto con le proprietà, verrà richiesto di inviare :

- TIPO DI TERRENO : se pianeggiante, in pendenza, inclinazione del terreno
- GOOGLE EARTH e IMMAGINI con le coordinate precise con evidenziato il perimetro dei terreni .

Questo consentirà di fare le dovute verifiche sui terreni, effettuare delle simulazioni e determinare l’ irraggiamento in quella zona, e verificare se i lotti sono attigui o se le distanze tra i lotti sono congrue con i requisiti richiesti per la realizzazione degli impianti Grid Parity da costruire .

Successivamente ad un primo veloce controllo per dare il via libera a proseguire, sarà poi necessario disporre per firmare gli accordi preliminari dei seguenti documenti :

- CDU ( Certificato di destinazione urbanistica )
- VISURA CATASTO
- PARTICELLE LOTTI

INFORMAZIONI SULLA SOTTOSTAZIONE O CABINA PIÙ VICINA E RELATIVA CONNESSIONE : altrettanto importante sarà capire la distanza dei terreni dalla sottostazione Enel / Terna più vicina, se presente media o alta tensione, la portata della linea e la possibilità di fare allaccio in sottostazione, i costi relativi ad un allaccio allo stallo di una sottostazione già esistente . La creazione di una nuova sottostazione utente si potrà effettuare per impianti Fotovoltaici FV Grid Parity da 30 MW – 40 MW a salire ; contestualmente si andrà ad intercettare direttamente la linea alta tensione attigua . Se ci fossero dubbi di qualunque tipo, è possibile inviare delle foto relative alla linea elettrica aerea sia essa media o alta tensione o foto della sottostazione o cabina di distribuzione per un consulto .

PRELIMINARE DA FIRMARE DA PARTE DELLE PROPRIETÀ : se le verifiche sul terreno e sulla possibilità di allaccio alla sottostazione Enel / Terna daranno esito positivo, si potrà procedere con un accordo preliminare e si potranno iniziare gli step operativi e l’ iter burocratico . IBS si occuperà mediante tecnici qualificati di fornire la propria opera di sviluppo delle AU :
- Sviluppo AU comprendente rilievi ed esami geologici, sopralluoghi
- Progettazione, presentazione Tica e varie istanze, partecipazione a incontri di qualsiasi tipo con le Autorità preposte fino ad ottenimento delle AU chiavi in mano, per poter poi costruire i parchi fotovoltaici .

TEMPISTICHE : sebbene ci siano tempi e modalità che possono differire da regione a regione, tuttavia i tempi stimati per ricevere l’ AU sono circa 6 – 10 mesi per tutto l’ iter burocratico . I tempi decorrono dopo l’ esito positivo di :
- Dell’ analisi preliminare dei documenti relativi ai terreni e aver firmato i contratti preliminari con le proprietà
- Dell’ analisi dei documenti che saranno inviati in Regione alla conferenza dei Servizi in collaborazione con i nostri progettisti .

ACCORDI : con i segnalatori dei terreni o collaboratori che agevoleranno la segnalazione dei terreni o delle proprietà dei terreni, andremo a sottoscrivere accordi che tutelino tutte le parti per il riconoscimento delle fee di segnalazione previste e un NDA ( Non Disclosure Agreement ) per lo scambio di informazioni riservate sia con il segnalatore che con le proprietà dei terreni . L’ interesse di IBS è impostare una proficua sinergia di lungo periodo con le persone che intenderanno cooperare .

fotovoltaico lavora con noi

JOIN US

COLLABORA CON NOI

Cerchiamo sia segnalatori diretti, sia operatori di varia tipologia in contatto con le proprietà dei terreni, ed anche persone che ambiscano a diventare nostri Responsabili di Area . I responsabili Territoriali avranno il compito di coordinare i segnalatori, raccogliere le istanze ed essere responsabili del flusso delle informazioni, nonché punto di riferimento per le problematiche tra proprietari terreno o segnalatori e IBS .

CONTATTACI

PER CANDIDARTI INVIANDO I TUOI RIFERIMENTI E UN CV

stakeholders e flusso informativo

STAKEHOLDERS

DI PROGETTO E FLUSSO INFORMAZIONI

Grid Parity Stakeholder e Flusso Informazioni

Fotovoltaico verifiche sui terreni

SE SEI INTERESSATO A COLLABORARE

AI NOSTRI SEGNALATORI / RESPONSABILI DI AREA, CONSIGLIAMO
LE VERIFICHE CHE SEGUONO ED IL DOWNLOAD DEI DOCUMENTI :

LINEE GUIDA : è una Guida Informativa in un file PDF finalizzata alla ricerca di siti idonei e ad operare in autonomia rendendo più efficace lo scambio delle informazioni

VIDEO FORMATIVO : il video ha lo scopo di semplificare il processo e anticipare le informazioni che si renderanno necessarie nei vari step, dando immediatamente la visione di insieme .

SCHEDA GREENFIELD PRELIMINARE DEL SITO : è il documento iniziale da scaricare per inviare le prime informazioni a cura dei proprietari dei terreni o segnalatori con allegata la foto in google earth con coordinate e indicato il perimetro del terreno .

SIMULATORE COSTI LINEA SE COMPATIBILI CON IL BUDGET : è un file excel che simula i costi di allaccio alla linea per bassa e media tensione. Ti consigliamo di inserire i valori richiesti nelle caselle evidenziate in giallo ( dove ci sono ora valori come esempio ) ed in automatico verrà fatto il calcolo ed una prima valutazione . Per l’ alta tensione , CONTATTACI .

STATO DI AVANZAMENTO DELLA AUTORIZZAZIONE UNICA ( AU ) : in questa sezione, i nostri collaboratori, i partner, gli investitori, e i segnalatori, sono in grado di monitorare lo stato di avanzamento delle Autorizzazioni Uniche relative ai terreni dove è in corso l’ iter autorizzativo per ottenere l’ AU in Grid Parity unitamente alla anagrafica terreni .

Fotovoltaico Terreni Linee Guida

Fotovoltaico Terreni Video Presentazione

Grid Parity scheda Greenfield sito

Fotovoltaico Terreni Costi Linea

Stato Avanzamento AU Grid Parity Terreni

CONTATTACI

PER MAGGIORI INFORMAZIONI O PER CHIARIMENTI

Per un primo contatto o per iniziare a collaborare con IBS, contattaci via E-mail indicando i tuoi riferimenti . Un nostro responsabile entro 24 H si metterà in comunicazione con te, e ti fornirà le informazioni richieste :

Mail : ibs(a)doingbusinessibs.it
Skype : doingbusinessibs ( location Roma )

Note : nella E-mail indicata per contattarci la chiocciola viene indicata con questo simbolo (a) invece che con la @ per rispettare la nostra policy aziendale in tema di sicurezza informatica . Nella rete internet sono presenti alcuni motori e programmi automatici che potrebbero utilizzare le mail attive presenti nelle pagine dei siti web creando comunicazioni SPAM dannose . Tuttavia sostituendo la @ con (a) questo viene impedito . Pertanto per la sicurezza di tutti, ti chiediamo di prendere nota della mail e di scriverci dal tuo account o server di posta elettronica . Oppure puoi cliccare sulla immagine che segue che ti indirizzerà alla pagina per CONTATTARCI attraverso l’ apposita sezione del sito . Ti ringraziamo per la collaborazione .

contact IBS by mail

DISPENSE E MATERIALI

SU SOLARE FOTOVOLTAICO

Fotovoltaico Tecnologia e dispense

LA RADIAZIONE SOLARE

La radiazione solare corrisponde all’ energia elettromagnetica che viene emessa dal processo di fusione dell’ idrogeno contenuto nel sole che si trasforma in atomi di Elio ( He ) .
L’ energia solare che in un anno solare, attraversa l’ atmosfera, e giunge sulla terra è solo 1/3 circa dell’ intera energia totale che viene intercettata dal pianeta terra al di fuori dell’ atmosfera e di quest’ ultima il 70 % finisce sui mari .

La rimanente energia ( 1,5 x 1017 kWh ) che in un anno intercetta le terre emerse è equivalente a migliaia di volte il consumo energetico mondiale complessivo odierno .
L’ irraggiamento inteso come flusso solare oppure come densità di potenza della radiazione solare, intercettato fuori dall’ atmosfera attraverso una superficie perpendicolare ai raggi solari ( anche denominata costante solare ) è equivalente a 1353 W / m2, con una variabilità durante l’anno di ± 3 % per via dell’ orbita terrestre ellittica .
La figura che segue riporta l’ andamento dell’ irraggiamento, attraverso rilevazioni fuori dell’ atmosfera, nel corso di un anno :

Fotovoltaico densità di potenza radiazione solare PV

Il valore di picco rilevato sulla superficie terrestre è di circa 1000 W / m2, a mezzogiorno, in una giornata estiva, cielo sereno, in condizioni di sole ottimali .
La radiazione solare che giunge fino alla superficie terrestre si può distinguere in radiazione diretta e radiazione diffusa . La radiazione diretta colpisce una superficie attraverso un ben preciso ed unico angolo di incidenza, mentre la radiazione diffusa incide sulla superficie con angoli vari .

Quando la radiazione diretta non riesce a colpire una superficie perché nel mezzo di frappone un ostacolo, l’ area ombreggiata grazie alla radiazione diffusa non si troverà completamente oscurata .
Questo aspetto ha pregnanza tecnica soprattutto per i dispositivi fotovoltaici i quali riescono ad operare anche attraverso solamente la radiazione diffusa .

fotovoltaico principi fisici solare PV

Inoltre superfici inclinate possono ricevere, radiazioni solari riflesse ( riflessione ) dal terreno oppure da specchi d’ acqua prospicienti o superfici orizzontali ; tale fenomeno che contribuisce ad incrementare il processo è definito “ albedo “.

La radiazione diretta, la radiazione diffusa e l’ albedo ricevute da una superficie e le relative proporzioni dipendono da alcuni elementi :
- Innanzitutto dalle condizioni meteorologiche : una giornata nuvolosa vede prevalere la radiazione diffusa ; una giornata serena specialmente con clima secco, vede la predominanza della radiazione diretta, che può arrivare al 90 % dell’ irraggiamento totale ;
- L’ inclinazione rispetto al piano orizzontale della superficie : una qualunque superficie orizzontale riceverà la più elevata radiazione diffusa e la minima radiazione riflessa, se non sono presenti intorno oggetti a quota superiore rispetto a quella della superficie ;
- Presenza di superfici riflettenti : in particolare il maggiore contributo è dovuto alla riflessione data dalle superfici chiare . La radiazione riflessa inoltre è maggiore in inverno per l’ effetto riflettente della neve e diminuisce nei mesi estivi per via dell’ effetto legato all’ assorbimento da parte dei terreni e dell’ erba .

fotovoltaico BIPV PV

L’ inclinazione o pendenza topografica che consentirà di rendere massima l’ energia raccolta, potrà variare da località a località : cambiando la località, varierà il rapporto tra radiazione diffusa e radiazione totale, dato che aumentando il grado di inclinazione della superficie captante, si riduce la componente della radiazione diffusa e si incrementa la componente riflessa .

Nella pratica, la situazione ottimale si registra quando la superficie è orientata a sud, e si ha un angolo di inclinazione equivalente alla latitudine del sito : orientando a sud si massimizza la radiazione solare captata che viene ricevuta nell’ arco della giornata e l’ inclinazione uguale alla latitudine minimizza durante i mesi dell’ anno, la variazione di energia solare captata come conseguenza della oscillazione di ± 23.5 ° della direzione dei raggi solari, rispetto alla perpendicolare alla superficie di raccolta .
Se indichiamo con ID la radiazione diretta, e con IS la radiazione diffusa e l’ albedo con R , allora si determina che la radiazione solare complessiva che andrà ad incidere su una superficie è pari a :

IT = ID + IS + R

EFFETTO FOTOVOLTAICO E CONVERSIONE DELL’ ENERGIA SOLARE IN ENERGIA ELETTRICA

L’ effetto fotovoltaico sfrutta la conversione fotovoltaica diretta dell’ energia solare in energia elettrica attraverso il fenomeno fisico mediante il quale la radiazione luminosa interagisce con gli elettroni di materiali semiconduttori .

La cella solare, che rappresenta l’ oggetto fisico grazie al quale tale fenomeno si manifesta, è nella sostanza un diodo, caratterizzato da una superficie estesa di alcune decine di cm2 .
Per comprendere l’ effetto fotovoltaico è pertinente descrivere dal punto di vista concettuale, come funziona un diodo ( giunzione p-n ) ed essendo ad oggi il materiale maggiormente usato per realizzare le celle solari il silicio cristallino ( Si ) , si analizzerà il diodo al silicio .

fotovoltaico materiali semiconduttori PV

L’ atomo di silicio ha 14 elettroni , 4 di essi sono di valenza, dunque disponibili a legarsi chimicamente in coppia con altri elettroni di valenza di atomi diversi . In un cristallo di silicio puro chimicamente ogni singolo atomo è legato mediante legame covalente con altri 4 atomi di Silicio, dunque nel cristallo non sono presenti, per via dei legami chimici, elettroni che si possano considerare liberi .

Nel caso in cui alcuni atomi di silicio nel cristallo venissero sostituiti con altri atomi di fosforo ( P )che è caratterizzato da 5 elettroni di valenza, 4 di questi elettroni verranno impiegati in legami chimici con atomi di silicio adiacenti, mentre il quinto elettrone potrebbe essere separato attraverso energia termica dall’ atomo di fosforo ed è libero di muoversi nel reticolo cristallino .

In modo analogo, si possono sostituire atomo di Silicio con atomi di Boro ( B ), che dispone di soli 3 elettroni di valenza, e in questo caso avremo un elettrone mancante per saturare i legami chimici con gli adiacenti atomi di silicio . Questo elettrone mancante si comporta come se fosse un elettrone positivo e viene denominato pertanto “ lacuna “.

La figura che segue, illustra graficamente quanto è stato descritto : nella prima si evidenzia la struttura nel reticolo cristallino del silicio ( Si ), nella seconda come varia la struttura del reticolo cristallino quando si effettua un drogaggio mediante atomi di fosforo ( P ) e nell’ ultimo caso, viene mostrato dopo il drogaggio con atomi di boro le modificazioni nel reticolo cristallino .

fotovoltaico tipo p tipo n potenziale elettrico PV

Nel drogaggio mediante fosforo ( P ) , gli atomi sono portatori di cariche libere negativi ed il materiale viene chiamato di tipo “ n “, mentre nel drogaggio e dunque sostituzione di atomi di silicio mediante atomi di boro ( B ) portatori di carica positivi ed il materiale ottenuto viene denominato di tipo “ p “. La giunzione p-n ( diodo ) si determina aggregando una barretta di materiale di tipo “ n “ insieme con una barretta di materiale di tipo “ p “.
Gli elettroni liberi nel materiale “ n “ si troveranno ad avere a sinistra una regione in cui non esistono elettroni liberi e questo porterà ad un flusso di tali portatori verso sinistra nel tentativo di ristabilire l’ equilibrio tra cariche positive e negative . In modo analogo le lacune troveranno alla loro destra una regione in cui non ci sono lacune e dunque si assisterà ad un flusso verso destra di cariche positive . A seguito della attivazione di tale processo di diffusione, sul lato sinistro si registrerà un eccesso di cariche negative, mentre sul lato destro si avrà un eccesso di cariche positive .

Ne consegue che, nella regione di interfaccia tra i due materiali si determinerà un campo elettrico che tenderà a crescere sempre più, proporzionalmente al fatto che le lacune e gli elettroni continuino a diffondere verso gli opposti lati . Questo processo continuerà fintanto che il potenziale elettrico che si andrà a determinare, assumerà una grandezza tale da bloccare una diffusione ulteriore di elettroni e di lacune .

Quando si sarà raggiunto tale equilibrio, si sarà determinato anche un campo elettrico permanente in un materiale senza bisogno di utilizzare campi elettrici esterni .
Attraverso le nozioni sino ad ora considerate, diventa più agevole spiegare l’ effetto fotovoltaico . Ossia si ipotizzi che una particella costituente un raggio solare ( fotone ) entri nella regione di tipo “ p “ del materiale . Se il fotone disponesse di un’ energia più elevata della band gap, in altre parole l’ energia minima richiesta per determinare la rottura del legame ( scissione chimica ) nel reticolo del silicio, essa sarà assorbita e porterà al manifestarsi di una coppia elettrone – lacuna . L’ elettrone liberato durante questo fenomeno si potrà muovere verso destra per via del potenziale elettrico .

Contrariamente se il fotone entrasse nella zona “ n “, la lacuna che si andrà a determinare si muoverà verso sinistra .
Il flusso che si attiverà, porterà ad un accumulo di cariche positive a sinistra e cariche negative a destra originando un campo elettrico opposto a quello legato al meccanismo di diffusione .
Tanto maggiore sarà il numero di fotoni che giungeranno alla giunzione, tanto più i campi tenderanno a cancellarsi reciprocamente, fino al punto che non esisterà un campo interno a separare ogni ulteriore coppia elettrone – lacuna .

È proprio questo il requisito che determina la tensione a circuito aperto di una cella fotovoltaica ( vedi anche tensione a circuito aperto di un modulo fotovoltaico ) . Andando a porre degli elettrodi ( contatti metallici ) sulla superficie di una cella fotovoltaica, è possibile utilizzare il potenziale creato . Tale flusso creerà un accumulo di cariche + positive a sinistra e cariche – negative a destra, originando un campo elettrico opposto come segno a quello che si è andato a creare attraverso il meccanismo di diffusione .

TECNOLOGIA NEL FOTOVOLTAICO

LA CELLA FOTOVOLTAICA

È nella cella fotovoltaica dove si converte la radiazione solare in corrente elettrica .

La cella fotovoltaica è un dispositivo composto da una sottile fetta di materiale semiconduttore, che spessissimo è silicio ; essa ha uno spessore che può variare da 0,25 mm a 0,35 mm, con una forma spesso quadrata e con superficie uguale a circa 100 cm2 . Per la produzione delle celle, un materiale largamente utilizzato è il silicio utilizzato nell’ industria dell’ elettronica dove il ciclo di fabbricazione porta ad avere costi molto alti, costi che non sarebbero giustificati se considerassimo che il grado di purezza richiesto nell’ ambito del fotovoltaico, è inferiore a quello indispensabile nell’ elettronica .

Esistono altri materiali che si possono utilizzare per realizzare le celle solari :

- Silicio Mono – cristallino: resa energetica 15 – 17 %
- Silicio Poli – cristallino : resa energetica 12 – 14 %
- Silicio Amorfo : resa energetica inferiore al 10 %
- Materiali altri : tellururo di cadmio, arseniuro di gallio, di-seleniuro di indio e gallio e rame
Tuttavia attualmente il materiale maggiormente utilizzato rimane il silicio mono – cristallino, il quale fa registrare prestazioni superiori e durata prolungata nel tempo maggiore ad altri materiali utilizzabili per il medesimo scopo .

fotovoltaico sezione di una cella fotovoltaica PV

IL MODULO FOTOVOLTAICO

La cella solare costituisce un prodotto intermedio nell’ ambito dell’ industria fotovoltaica : fornisce valori di corrente e tensione limitati se confrontati con quelli solitamente richiesti nei dispositivi utilizzatori, inoltre le celle sono estremamente fragili, non isolate elettricamente, e non presentano un supporto meccanico .

Le celle vengono pertanto aggregate ed assemblate al fine di costituire una struttura unica che prende il nome di modulo fotovoltaico .
I moduli fotovoltaici sono dotati di una struttura più robusta e più agevole da maneggiare e su di essi vengono opportunamente collocate le celle fotovoltaiche ( vedi anche cella fotovoltaica ibrida ) .
Le dimensioni dei moduli fotovoltaici possono variare, tuttavia quelle più comuni hanno superfici che possono variare da 0,5 m2 a 1,3 m2 , prevedendo solitamente 36 celle elettricamente collegate in serie .

fotovoltaico tipi di celle FV moduli fotovoltaici PV

Il modulo fotovoltaico ha una potenza che può variare da 50 Wp a 150 Wp correlata alla tipologia e all’ efficienza che caratterizza le celle fotovoltaiche che compongono il modulo .
Riassumiamo le caratteristiche elettriche più importanti di un modulo fotovoltaico nelle seguenti :
- Potenza di Picco ( Wp ) : è la potenza che viene erogata dal modulo fotovoltaico alle condizioni standard STC di utilizzo che sono: Irraggiamento = 1000 W/m2 ; Temperatura = 25 ° C ; A.M. = 1,5
- Corrente nominale ( A ): è la corrente che viene erogata dal modulo fotovoltaico nel punto di lavoro
- Tensione nominale ( V ): è la tensione di lavoro del modulo fotovoltaico

fotovoltaico curva I-V caratteristica PV

Il Wp ( Watt picco ) è l’unità di misura presa come riferimento di un modulo fotovoltaico ed è volta ad esprimere la potenza elettrica che viene erogata dal modulo fotovoltaico in condizioni standard di riferimento ( si intende considerare con condizioni standard un Irraggiamento = 1000 W / m2 ).

COS’ È IL GENERATORE FOTOVOLTAICO

Il generatore fotovoltaico ( se di interesse vedi anche generatore elettrico ) è formato da moduli fotovoltaici aggregati e collegati opportunamente in serie ed in parallelo ( circuiti in serie e parallelo ) in modo tale da raggiungere le condizioni operative ottimali e desiderate .

L’ elemento base del campo fotovoltaico è il modulo fotovoltaico . Più moduli fotovoltaici assemblati in modo meccanico tra loro determinano il “ pannello fotovoltaico “, mentre moduli oppure pannelli fotovoltaici collegati elettricamente in serie, consentono di ottenere la tensione nominale di generazione, e formano la “ stringa “. Infine collegare elettricamente in parallelo più stringhe determina il “ campo “.
I moduli fotovoltaici che uniti costituiscono il generatore, vengono montati su una struttura meccanica che è in grado di sostenere i moduli ed è orientata in modo tale da rendere massimo l’ irraggiamento solare .

generatore fotovoltaico PV

La quantità di energia elettrica che viene prodotta da un generatore fotovoltaico può variare nel corso dell’ anno, proporzionalmente al soleggiamento nella località dove il generatore è costruito e in funzione della latitudine .
In funzione dell’ applicazione per la quale il generatore è stato progettato, dovrà essere dimensionato osservando i seguenti criteri :

- il carico elettrico
- la potenza di picco
- la possibilità di collegarsi alla rete elettrica oppure meno
- la latitudine del sito e l’ irraggiamento medio annuo del sito dove si trova l’ impianto fotovoltaico
- le specifiche di tipo architettonico dell’ edificio
- le specifiche di tipo elettrico del carico utilizzatore .

A titolo di esempio si assume che alle latitudini dell’ Italia centrale, 1 m2 di moduli fotovoltaici di buona fabbricazione possa arrivare a produrre in media :
0,35 kWh / giorno durante il periodo invernale
0,65 kWh / giorno nel corso del periodo estivo
» 180 kWh / anno

IMPIANTO FOTOVOLTAICO

Si può definire un impianto fotovoltaico o sistema fotovoltaico un aggregato di componenti di tipo meccanico, elettrico ed elettronico che partecipano a captare / intercettare e successivamente trasformare l’ energia della radiazione solare disponibile, rendendo possibile utilizzare l’ energia solare sotto la forma di energia elettrica .

I sistemi che rientrano in questa tipologia, si possono dividere in due categorie indipendentemente da utilizzo e taglia di potenza degli stessi :
- isolati anche denominati come “ stand alone “ oppure
- connessi alla rete elettrica o grid connected

I sistemi “ stand alone “ isolati, proprio in virtù del fatto che non sono collegati alla rete elettrica, devono generalmente e necessariamente essere dotati di un sistema di immagazzinamento o accumulo dell’ energia che viene prodotta . L’ accumulo dell’ energia si rende necessario visto che il campo fotovoltaico è in condizione di fornire energia elettrica esclusivamente in regime diurno, mentre soventemente la richiesta più elevata da parte degli utenti si concentra nel pomeriggio e di notte . Nel corso della fase di insolazione è dunque necessario predisporre un accumulo dell’energia prodotta e non utilizzata nell’ immediato, energia che viene fornita al carico quando si verifica una riduzione o assenza di quella disponibile .

sistemi grid connected PV

Configurare l’ impianto attraverso questa modalità, prevede che il campo fotovoltaico sia dimensionato per permettere, nelle ore di insolazione, l’ alimentazione del carico e la ricarica delle batterie di accumulo ( accumulatore di carica elettrica ).
Nel caso di un sistema connesso in rete, generalmente non sono provvisti di sistemi di accumulo poiché l’ energia che viene prodotta nel corso delle ore di insolazione è subito immessa nella rete elettrica ; al contrario durante le ore di scarsa insolazione o addirittura nulla, il carico è alimentato dalla rete .
Un sistema di questa tipologia, se si considera la continuità di servizio, risulterà maggiormente affidabile rispetto ad un impianto fotovoltaico stand alone che a seguito di un guasto non avrà la possibilità di essere alimentato in modo alternativo . I sistemi solitamente denominati “ ad elevata affidabilità “, si possono progettare attraverso l’ integrazione di un sistema isolato ( stand alone ) con una fonte diesel ( esempio sistema ibrido diesel – elettrico ) tradizionale .

impieghi stand alone PV

La missione di un impianto grid connected è dunque quello di consentire l’ immissione in rete della maggiore quantità di energia possibile .
La struttura di un sistema fotovoltaico dal punto di vista fisico, sia esso isolato oppure connesso in rete, può essere differente ; generalmente si possono evidenziare 3 blocchi fondamentali :
- il campo fotovoltaico
- il sistema di condizionamento della potenza
- il sistema per acquisire i dati
Si presti attenzione al fatto che per impianti senza accumulo connessi in rete, la rete in questi casi funge da accumulatore di capacità infinita . Il carico rappresentato invece dall’ utenza collegata in rete, come accade per un impianto grid connected .

COSA SONO GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI “ GRID CONNECTED ”

I componenti principali di un impianto fotovoltaico collegato in rete sono :
- I moduli fotovoltaici
- Gli inverter per connettersi in rete
- Il dispositivo per interfacciarsi con la rete elettrica
- Il contatore bidirezionale di energia
L’ inverter è un componente importante negli impianti fotovoltaici collegati in rete poiché è in grado di massimizzare la produzione di corrente elettrica del dispositivo fotovoltaico, ottimizzando il passaggio di energia elettrica tra modulo fotovoltaico e carico .

L’ inverter come dispositivo riesce a trasformare l’ energia continua che i moduli sono in grado di produrre ( 12 V, 24 V, 48 V, ecc. ) in energia alternata ( di solito 220 V ) per alimentare il carico – utente e / oppure immettere l’ energia in rete, con cui può lavorare in un regime di interscambio .

Gli inverters collegati alla rete elettrica in genere sono corredati di un dispositivo di tipo elettronico che consente di estrarre dal generatore fotovoltaico la massima potenza, istante per istante . Il dispositivo insegue il punto di massima potenza ( MPPT ) e adatta le caratteristiche in termini di produzione del campo fotovoltaico alle necessità del carico .

sistemi grid connected schema PV

L’ inverter riveste una certa importanza anche per il fatto che solitamente un generatore fotovoltaico è in grado di fornire valori di tensione e di corrente che variano in funzione delle variabili irraggiamento + temperatura, contrariamente al carico, che invece necessita solitamente di valori costanti di tensione di alimentazione .

I dispositivi di interfaccia con la rete elettrica hanno infatti lo scopo di garantire che la forma dell’ onda dell’ energia elettrica che viene immessa nella rete, risponda a tutte le caratteristiche che il fornitore locale di energia richiede .

Infine, il contatore di energia misurerà l’ energia che impianto fotovoltaico è in grado di produrre durante il suo periodo di funzionamento.

IMPIANTI FOTOVOLTAICI “ STAND ALONE ”

I componenti fondamentali che compongono un impianto fotovoltaico stand alone o isolato sono i seguenti :

- I moduli fotovoltaici
- Il regolatore della carica
- Gli Inverters
- Il sistema di accumulo o batterie di accumulo
In questa tipologia di impianti fotovoltaici, l’ energia elettrica prodotta dai vari moduli fotovoltaici è stoccata in batterie di accumulo . Il carico è alimentato, mediante un regolatore di carica, dalla energia immagazzinata nelle batterie .

impianti fotovoltaici stand alone PV

Il regolatore di carica ha la funzione essenzialmente di preservare gli accumulatori dalla carica in eccesso dovuta al generatore fotovoltaico e proteggere gli accumulatori da un eccesso di scarica legato alla utilizzazione . Entrambe le situazioni hanno conseguenze dannose per il corretto funzionamento e per la durata nel tempo degli accumulatori .
Visto che in generale la potenza che l’utente richiede, non è sempre pari all’ intensità delle radiazioni solari ( e conseguentemente questo indice sulla produzione elettrica dell’ impianto fotovoltaico ), una porzione dell’ energia elettrica prodotta dal campo fotovoltaico, dovrà essere stoccata per essere utilizzata quando l’ utente ne avrà necessità . È questa la finalità del sistema di accumulo in questa tipologia di impianti .

Dunque, un sistema di accumulo sarà costituito da un insieme di accumulatori ricaricabili, e sarà dimensionato in modo adeguato da assicurare una pertinente autonomia di alimentazione del carico elettrico .
Le batterie impiegate per questo scopo sono nella pratica degli accumulatori di tipologia stazionaria ed esclusivamente in certi casi particolari è anche consentito utilizzare batterie di tipologia per autotrazione .
Le batterie per utilizzo fotovoltaico è importante abbiano i requisiti che seguono :

- Valore basso di auto scarica
- Lunga durata stimata
- Che non richiedano manutenzione o quasi nulla
- Che tollerino un elevato numero di cicli di carica e scarica

Per quanto attiene invece l’ inverter, nel caso di sistemi stand alone o isolati, il suo scopo è quello di trasformare l’ energia elettrica di tipologia continua ( CC ) prodotta dal campo fotovoltaico in energia di tipo alternato ( CA ), che è indispensabile per alimentare in modo diretto gli utilizzatori .
In questo caso gli inverter devono essere dimensionati affinché si riesca ad alimentare in modo diretto il carico che si intende ad esso collegare .
È chiaro che l’ inverter in questa configurazione impiantistica ( ossia impianti isolati o stand alone ) non rappresenta un componente obbligatoriamente presente ; è possibile anche alimentare in modo diretto in corrente continua a bassa tensione il carico .

efficienza e costo generazioni FV PV

QUALI SONO I CRITERI PER DIMENSIONARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

Vengono descritte le fasi per dimensionare un impianto fotovoltaico, e indicazioni per progettare un impianto completo .

VERIFICARE L’ IDONEITÀ DEL SITO

- Quantificare la presenza di ombre ( vegetazione, alture, costruzioni )
- Foschie mattutine
- Nebbie
- Ventosità
- Nevosità

Queste informazioni consentono di determinare il collocamento del generatore fotovoltaico, ottimizzandone l’ esposizione rispetto al Sud geografico, l’ inclinazione maggiore sul piano orizzontale, le strutture di sostegno e le loro caratteristiche .

COME QUANTIFICARE IL FABBISOGNO GIORNALIERO DI ENERGIA

Per partire a dimensionare un impianto fotovoltaico è l’ energia
Energia = Potenza x il tempo di utilizzo
I consumi delle utenze isolate o utenze collegate alla rete elettrica che saranno alimentate mediante l’ impianto l fotovoltaico, saranno catalogati in termini di energia richiesta a livello giornaliero .

Esempio :

- 2 Lampade da 15 W da essere alimentate 5 ore / giorno
- 1 TV color 60 W da essere alimentato 3 ore / giorno
Energia totale necessaria giornalmente = 2 x 15 W x 5 ore / giorno + 1 x 60 W x 3 ore / giorno = 330 Wh / giorno

SELEZIONE DELLA MIGLIORE INCLINAZIONE DEI MODULI

Per scegliere correttamente la inclinazione dei moduli, generalmente si considera che essa sia pari alla latitudine del luogo dove è posizionato il modulo, salvo ci siano esigenze architettoniche .

COME CALCOLARE LA POTENZA DI PICCO DI UN GENERATORE FOTOVOLTAICO

L’ energia elettrica prodotta da un modulo fotovoltaico è proporzionale in modo lineare alla radiazione solare che incide sulla superficie dei moduli solari ; si può effettuare il calcolo riferendosi alle informazioni sull’ irraggiamento solare del sito .

Una metodologia di calcolo soventemente utilizzata prevede di rilevare attraverso tabelle apposite, le ORE EQUIVALENTI del sito, considerate alla inclinazione ottimale dei moduli fotovoltaici .
Si può definire “ ORA EQUIVALENTE “, il periodo di tempo nel quale l’ irraggiamento solare assume un valore equivalente a 1000 W / m2 . In una località dell’ Italia centrale, fornendo una indicazione di massima, assumendo un’ inclinazione del modulo pari a 45° , il valore medio relativo ai 12 mesi di tale indicatore può essere pari a 3 .

Questo metodo è utilizzato, per il calcolo del dimensionamento di un impianto fotovoltaico, per individuare la quantità di energia giornalmente prodotta da un modulo fotovoltaico .
Basandosi su questa metodologia, conoscendo il parametro “ Ora Equivalente mensile del sito “, è possibile determinare la potenza di picco del nostro generatore fotovoltaico, nel seguente modo :

Potenza di picco del generatore fotovoltaico KWp = Richiesta giornaliera di energia Ore Equivalenti

IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERDITE DI IMPIANTO

È importante considerare le perdite o le cadute di tensione introdotte dai vari componenti costituenti l’ impianto fotovoltaico ( Inverter, regolatori di carica, batterie, cavi di collegamento, ecc .)
Assumendo che le perdite totali dell’ impianto fotovoltaico siano circa il 30 % , sarà necessario incrementare della stessa percentuale il KWp ( potenza di picco ) del generatore fotovoltaico .

CALCOLO DELLA POTENZA DI UN INVERTER

La potenza di un inverter viene calcolata in modo diverso a seconda di impianto connesso alla rete o in isola ( stand alone ).
Nel caso di impianto collegato alla rete, la scelta dell’ inverter si basa sulle caratteristiche del campo fotovoltaico : fissata la potenza del generatore fotovoltaico e conseguentemente il numero di moduli fotovoltaici, diviene identificabile la tipologia di inverter da impiegare .
Per un impianto in isola, si valuterà la potenza totale massima collegata all’ inverter . Prendiamo come esempio il caso già utilizzato per valutare il fabbisogno di energia giornaliero :

Potenza totale = 2 x 15 W + 1 x60 W = 90 W

In buona sostanza deve essere impiegato un inverter di potenza nominale superiore a 90 W .

Per scegliere l’ inverter in impianti in isola stand alone, in funzione della forma d’ onda che viene prodotta , possono essere impiegati differenti tipi di inverters :
- inverter ad onda sinusoidale pura : possono riprodurre una forma d’ onda identica nella pratica a quella della rete elettrica e consentono di alimentare qualsiasi tipologia di carico
- inverter ad onda trapezioidale e inverter ad onda quadra : potrebbero non alimentare in modo corretto, ad esempio, carichi di tipo elettronico .

DIMENSIONARE IL SISTEMA DI ACCUMULO PER IMPIANTI STAND ALONE IN ISOLA

Qualora si verificassero livelli contenuti di insolazione, l’ impianto fotovoltaico avrebbe produzioni inferiori a quelli ottenibili in giorni con insolazione ottimale, pertanto al manifestarsi di tale condizione si può dimensionare l’ accumulo tale per cui sia garantita una determinata alimentazione del carico, per un certo lasso di tempo ( numero massimo di giorni consecutivi ), in cui vi è una assenza di insolazione .

COSTI DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

L’ investimento nell’ ambito di impianti fotovoltaici prevede come peculiarità che ci sia un forte impiego di capitale in fase iniziale e contenute spese di manutenzione dei parchi .
Analizzare tutti gli aspetti economici e finanziari relativi ad un impianto fotovoltaico è abbastanza complesso, tuttavia ci sono alcuni elementi che è opportuno considerare e che di seguito riepiloghiamo :

- Ogni Impianto fotovoltaico ed installazione necessita di essere analizzata nel suo contesto di riferimento ( normative, condizioni locali, livello di irraggiamento solare, aree a disposizione , etc.).
- Per operare un confronto correttamente è fondamentale riferirsi al valore dell’ energia che viene prodotta e non focalizzarsi sul costo dell’ energia ; questo perché dal punto di vista qualitativo l’ energia prodotta mediante fonte solare fotovoltaica non è la medesima rispetto alle fonti tradizionali di energia, sia in termini di impatto ambientale, che di intermittenza dell’ energia prodotta , etc.
- Il tempo di vita di un generatore fotovoltaico, si stima attualmente intorno ai 25 anni, anche se alcuni produttori rilasciano delle garanzie per durate superiori a tale lasso di tempo .
- Collegamenti difficoltosi alla rete elettrica, si pensi a situazioni particolari come i rifugi alpini, oppure case isolate in territori poco urbanizzati , etc

Si possono citare dei casi dove l’ investimento iniziale risulta ammortizzato ( vedi ammortamento ), per il costo di elettrificazione dell’ utenza superiore al costo per installare l’ impianto solare fotovoltaico .
La casistica più frequente prevede che per un impianto fotovoltaico si ha un costo per kWh prodotto decisamente superiore al costo a kWh se acquistato dalla rete ; come conseguenza conveniva installare un impianto fotovoltaico in funzione delle forme di incentivo presenti ( conto energia ).
Un costo a kWh prodotto da un impianto fotovoltaico diventa paragonabile al kWh che si acquista in rete, se si interviene attraverso contributi di tipo finanziario in percentualmente elevate .

fotovoltaico vari strati cella fotovoltaica PV

ESEMPIO STORICO PER CAPIRE IL DIFFERENTE APPROCCIO TRA ITALIA E PAESI ESTERI :

Nel 2001 in Italia fu avviato un progetto su scala nazionale chiamato “ Tetti Fotovoltaici “; esso era caratterizzato da svariati punti critici inerenti lo sviluppo del settore solare fotovoltaico , tra i quali :

- Campagne pubblicitarie ed informazioni non molto chiare e a volte errate da parte degli organi preposti .
- Numero di finanziamenti limitati ( circa 30 / 40 progetti finanziabili ) se paragonati al numero complessivo di domande ricevute in ogni regione .
- Necessità di anticipare il denaro da parte del cliente per acquistare l’ impianto fotovoltaico
- Presenza di un limite massimo relativamente al costo per impianto che ha favorito il proliferare di impianti di bassa qualità .
- Assenza di indicazioni relativamente alla qualità dei moduli impiegati in termini di prestazioni, efficienza etc .
- Assenza di rimborsi dei kWh prodotti dall’ impianto fotovoltaico, esclusivamente un conguaglio tra produzione di energia elettrica e consumo .
- Non certezza in merito alla effettiva omologazione finale dell’ impianto fotovoltaico .

Contrariamente riportiamo un progetto elementare tuttavia efficace per la promozione del settore del solare fotovoltaico in Germania, avviato nel 2000 in cui:

- nessun contributi a fondo perduto
- finanziamenti a tasso agevolato della durata di 10 anni
- agevolazioni collegate all’ energia elettrica che veniva prodotta dall ’impianto fotovoltaico
Tale programma ha consentito di realizzare impianti fotovoltaici come investimento, realizzare impianti ad elevata efficienza e qualità, ottenere la maggior produzione possibile, gli utenti stimolati ad effettuare puntuali ed efficienti azioni di manutenzione .

IMPATTO AMBIENTALE

L’ impatto ambientale nel solare rinnovabile è basso o nullo, per l’ assenza del rilascio di inquinanti nell’ ambiente ( aria, acqua, vedi forme di inquinamento ), si assiste alla riduzione dei gas imputati di essere responsabili del temuto effetto serra e del fenomeno delle piogge acide .
La conversione fotovoltaica dell’ energia solare in energia elettrica, rappresenta la sorgente di tipo rinnovabile maggiormente rispettosa dell’ ambiente .

Gli impianti solari fotovoltaici non emettono inquinanti, vibrazioni e, essendo modulari assecondano la geomorfologia dei siti dove vanno installati, infine è loro consentito produrre energia elettrica vicino ai carichi elettrici, riuscendo così a scongiurare le perdite di trasmissione .
L’ impatto ambientale ad ogni modo non è nullo : permangono alcuni problemi e limitate tipologie di impatto ambientale le quali incidono sulla approvazione o accettazione degli impianti e si riconducono alle seguenti tipologie :

- processo produttivo dei componenti e inquinamento derivante
- utilizzazione e saturazione degli spazi nel territorio che non si può adibire ad altri usi
- a volte un impatto visivo significativo ( inquinamento visivo )
- impatto sulla fauna e flora, nonché talvolta sul clima locale.

Per quanto concerne l’ inquinamento in fase di produzione dei componenti, la selezione delle materie prime può ridurre il fenomeno, per il resto le emissioni frutto del processo di produttivo sono funzione della tecnologia più o meno avanzata utilizzata in fase di produzione . Gli impianti fotovoltaici e i sistemi fotovoltaici maggiormente utilizzati si basano sul silicio ( elemento chimico molto diffuso sulla crosta terrestre ) sia nella forma monocristallina, che policristallina ed amorfa .
Il processo di produzione non provoca un uso eccessivo di sostanze nocive o inquinanti ed è opportuno citare che, nel mercato fotovoltaico, parte del silicio ha origine dal reimpiego degli scarti nell’ industria dell’ elettronica .

fotovoltaico solare PV

Si deve segnalare che alcune tipologie di celle fotovoltaiche possono comportare rischi potenziali in caso di incendio, potendosi formare dei gas tossici a seguito della combustione ; ovviamente i pannelli fotovoltaici alla conclusione del loro ciclo di vita vanno opportunamente smaltiti ( rifiuti fotovoltaici ) mediante pertinenti sistemi di riciclaggio pannelli fotovoltaici . L’ installazione dei parchi fotovoltaici e dunque il bisogno di spazi e territorio dipende molto da come il fotovoltaico viene impiegato : modalità decentrata o centralizzata in grandi impianti .

Nel primo caso, nel modo decentrato, la porzione di territorio utilizzata è ridotta, perché l’ impianto fotovoltaico viene installato su delle superfici che erano già tolte all’ ambiente naturale, si pensi ai tetti, alle facciate di edifici o alle terrazze di immobili esistenti, parcheggi e loro coperture, aree di servizio in prossimità di scarpate, punti pericolosi e bordi di autostrade, ecc. Il potenziale di espansione per il fotovoltaico decentrato e dei sistemi fotovoltaici è ampio, ed il grado di penetrazione e sviluppo è legato ad una sostanziale riduzione dei costi .

Se si analizza il secondo caso, ossia impianti di produzione fotovoltaica centralizzata ossia multi megawatt, dove il fabbisogno energetico, l’ efficienza di conversione dei moduli, insolazione del sito, sono ottimizzati, essi richiedono estensioni di territorio notevoli per poter fornire nel complesso un contributo apprezzabile .
Motivi di tipo estetico hanno portato al fallimento di alcuni progetti e sistemi fotovoltaici, dove un forte impatto visivo dipendente soprattutto dalle dimensioni del parco impattavano pesantemente sul territorio , impatto che è ridottissimo nell’ utilizzo decentrato, si pensi ai tetti o facciate di immobili .

Impianti fotovoltaici di medie o grandi dimensione avranno un impatto visivo più importante che si amplifica nel caso di paesaggi di pregio .
Un altro problema che si può riscontrare riguarda le superfici riflettenti ed il disturbo legato ad enormi superfici a piccole distanze rispetto ai centri abitati, strade ecc., e alle azioni che si rendono necessarie per mitigare gli effetti modificando l’ inclinazione o costruire opportuni schermi protettivi mediante elementi arborei o arbusti, senza incorrere nell’ eventualità di creare zone d’ ombra sul campo fotovoltaico ( vedi anche sistemi per il controllo della radiazione solare incidente su superfici di involucro trasparente – ricerca ENEA ) .

FV a concentrazione 1500 X PV

Nell’ utilizzo decentrato dei sistemi solari fotovoltaici è trascurabile l’ impatto su flora e fauna relativamente al suolo sottratto limitato e data l’ assenza di rumore e vibrazioni .
Per quanto concerne il sottrarre la radiazione solare da parte dei pannelli fotovoltaici all’ ambiente, aspetto che potrebbe comportare leggere modificazioni sul microclima localmente, è opportuno ricordare che esclusivamente il 10 % all’ incirca dell’ energia del sole incidente per unità di tempo sulle superfici del campo fotovoltaico, verrà convertita e trasferita in altro luogo come energia elettrica mentre la parte rimanente viene riflessa o passerà attraverso i moduli .

Nella moltitudine di contesti territoriali, istituzionali e sociali, e dalle esperienze passate emerge che anche una tecnologia soft verso l’ ambiente, come la tecnologia solare fotovoltaica, non è esente da un impatto sull’ ambiente che può generare difficoltà nell’ accettare da parte delle popolazioni progetti ecosostenibili ed utili da un punto di vista energetico .

Le dimensioni impianto solare e l’ impatto che si viene a determinare nel solare fotovoltaico sono infinitamente inferiori alle tecnologie energetiche più antiche ( energia da carbone, energia nucleare, ecc. ) , tuttavia sufficienti a provocare posizioni ed opposizioni difficili da superare, pertanto, l’ individuazione del sito corretto, la progettazione dell’ impianto e il compiersi dell’ iter autorizzativo, darà migliori esiti se si faranno le opportune valutazioni e considerazioni sull’ impatto ambientale in modo preventivo con accuratezza e coinvolgendo le parti sociali .

WORKSHOP :

PROGETTO E DIMENSIONAMENTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANALISI PRELIMINARE : si basa su alcuni elementi, tra cui il vantaggio economico, eventuali vincoli di tipo urbanistico, la presenza o assenza di incentivi , i costi per la richiesta al punto di connessione all’ ente che gestisce la rete .

PROGETTO ESECUTIVO DEFINITIVO : include le autorizzazioni, il progetto definitivo esecutivo as built, raccogliere e inviare tutta la documentazione tecnica per la richiesta di messa in Rete dell’ Impianto FV fotovoltaico .

DATI RICHIESTI PER L’ ANALISI PRELIMINARE

Serve una corretta raccolta di dati per avviare lo studio di fattibilità : disegni e foto dove si evince l’ orientamento del sito dove verrà costruito il parco, i dati relativi ai consumi e fornitura di energia elettrica ( qualora sia presente ), le informazioni relativamente alla struttura ove si installerà l’ impianto fotovoltaico ( il carico ammissibile della copertura ).

COME EFFETTUARE IL CALCOLO DELLA DIMENSIONE DELL’ IMPIANTO IN VIA PRELIMINARE

Lo spazio necessario per realizzare un impianto FV Fotovoltaico dipendono dal sito dove si immagina di costruire l’ impianto e dalla tecnologia utilizzata e dunque efficienza del modulo fotovoltaico scelto .
Può capitare che a causa degli alti consumi e dello spazio ridotto disponibile, si sia costretti ad utilizzare moduli fotovoltaici ad alta efficienza e di pregio ( vedi anche moduli CIGS ) .

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

GRID PARITY

La grid parity in ambito energetico rappresenta il punto nel quale l’ energia elettrica che viene prodotta attraverso degli impianti alimentati mediante delle fonti di energia di tipologia rinnovabile, è caratterizzata dall’ avere il medesimo prezzo rispetto all’ energia che viene prodotta attraverso altre fonti di energia tradizionali o convenzionali, come per esempio le modalità che utilizzano le fonti fossili, o fonti diverse come per esempio l’ energia nucleare .

Nel mercato energetico italiano, soprattutto negli ultimi anni e con particolare riferimento al settore PV fotovoltaico, si è registrato il fenomeno del proliferarsi degli investimenti nel settore grazie a questi incentivi . Esaurito il sistema incentivante mediante i conti energia ( alla base di incentivi sulla produzione elettrica attraverso la fonte solare nel luglio 2013 ), si è gradualmente iniziato a parlare di Grid Parity, con l’ accezione di “ parità “ tra costo di produzione energia elettrica prodotta da un impianto fotovoltaico e costo per acquistare l’ energia dalla rete .

In seguito all’ emanazione da parte del MISE ( Ministero dello Sviluppo Economico ) della Strategia Energetica Nazionale SEN 2017, si osservano obiettivi importanti per quanto concerne la produzione PV fotovoltaica nell’ ambito del mix di produzione dell’ energia elettrica : 72 TWh fino al 2030 se confrontati con i 24,8 TWh prodotti solamente nel 2017 . Sta prendendo sempre più piede il concetto di market parity come evoluzione del grid parity .

GRID PARITY E MARKET PARITY

Uno studio effettuato dal dipartimento di Ingegneria elettrica presso l’ Università di Padova, metterebbe in evidenza come In Italia, sia stata raggiunta la “ grid parity “ nel 2013 : dunque il prezzo a chilowattora per auto – consumo ottenuto mediante pannelli fotovoltaici corrisponde al prezzo dell’ energia che è possibile acquistare dalla rete elettrica .
Secondo un altro studio condotto da una Spin off collegata all’ Università degli Studi di Roma Tor Vergata, sono state implementate alcune definizioni associate al concetto di grid parity fotovoltaica, concetto si sta evolvendo :
- Osservabilità : intesa come competitività inteso come costo di generazione del kWh rinnovabile
- Raggiungibilità : si intende competitività riferita alla redditività dell’ investimento .

schema elettrico impianto fotovoltaico connesso in rete PV

Un impianto fotovoltaico in esercizio in grid parity, tecnicamente nella terminologia correntemente in uso, significa si produce energia elettrica attraverso la fonte solare e tale produzione è ottenuta senza incentivi, ossia mediante una remunerazione economica equivalente alla somma di :

- quota parte dell’ energia elettrica che viene scambiata con la rete e a cui si attribuisce un valore economico in regime di Ritiro Dedicato oppure di Scambio sul posto
- mancato costo di acquisto per l’ energia elettrica per quanto attiene alla quota auto – consumata ( rapporto statistico Solare Fotovoltaico GSE )

I regimi commerciali che GSE gestisce, possono prevedere una modalità di esercizio dell’ impianto in autoconsumo totale oppure parziale, in funzione della classe di potenza dell’ impianto in kWp, e del profilo energivoro ( nuova definizione di imprese energivore di Anima ) del cliente produttore, soggetto che detiene la responsabile dell’ impianto fotovoltaico .
All’ impianto fotovoltaico in esercizio in grid parity viene abbinato un costo di generazione del kWh fotovoltaico ( Levelised Energy Cost – Costo per l’ energia per Fonte ), ed anche un TIR ( Tasso interno di rendimento ) dell’ investimento che attiene alla realizzazione dell’ impianto, che è opportuno sia raffrontato con valori di benchmark del TIR ( tasso interno di rendimento ), al fine di concludere se è opportuno il rischio per l’ investimento e ottenimento della condizione di accessibilità ed ottenimento della Grid Parity .

Produrre energia elettrica attraverso fonte solare PV fotovoltaica in assenza di incentivi, e in assenza di autoconsumo, porta al concetto di market parity o parity generation . Il Cile è un paese come esempio, ma ve ne sono altri nel mondo, dove il fotovoltaico vince senza incentivi sulle centrali convenzionali di energia a carbone o di altra natura, se si confrontano i dati relativi alla vendita sul mercato elettrico ; ed il discriminante è il costo elevato dell’ energia elettrica unito al forte irraggiamento solare .
La market parity si realizza nella pratica quando si produce energia elettrica mediante fonti solari fotovoltaiche tuttavia in assenza di qualunque incentivo .

La market parity è ottenuta mediante centrali fotovoltaiche multi megawatt che sono collegate alla rete elettrica di distribuzione in MT ( Media Tensione ), oppure centrali fotovoltaiche denominate “ utility scale “ connesse alla rete elettrica di trasmissione in AT ( Alta Tensione ).

Per ottenere il valore economico in market parity si deve andare a ricercare il valore dell’ energia elettrica ufficiale sulla borsa elettrica GME . Market parity rappresenta, pertanto, il Trade Off tra :
- costo di generazione a kWh fotovoltaico LCOE ( abbraviazione di Levelized Cost of Energy ) e
- il prezzo sul mercato elettrico dell’energia elettrica

processo fabbricazione impianti FV in poli Si PV

L’ energia elettrica che viene prodotta, è poi iniettata in rete e prelevata commercialmente attraverso la modalità di “ ritiro indiretto “ ( indicato anche come ritiro dedicato RiD ) dal Gestore dei Servizi Energetici ( GSE ), e gli viene dato un valore, al prezzo zonale orario .
In modo alternativo l’ energia elettrica prodotta può essere venduta in modo diretto sul mercato dell’ energia elettrica della borsa elettrica GME oppure acquistata tramite un trader attraverso dei contratti normalmente biennali ad un prezzo fisso ( nel 2017 circa 48 € / MWh ).
Un gruppo di ricercatori collegato al Politecnico di Milano, tramite uno studio effettuato su questo tema, evidenzia come nella consuetudine l’ espressione grid parity si riferisce alla parità fra costo di produzione energia elettrica prodotta da un impianto fotovoltaico ed il costo per acquistare l’ energia dalla rete .

Tuttavia, generalmente si intende raggiunta la “ grid parity “ nel momento in cui investire in un impianto fotovoltaico sia conveniente dal punto di vista economico, sia per una buona resa dell’ investimento, quando non ci sono incentivi . La grid parity , relativamente al fotovoltaico in Italia, rappresenta un obiettivo raggiungibile, con sostanziali differenze e dunque una maggiore o minore convenienza dell’ investimento, a seconda della tipologia di impianto, localizzazione ed utilizzo dell’ energia prodotta .
Esistono studi che schematizzano le differenze tra il modello grid Parity e market parity .

AUTORIZZAZIONI :

Autorizzazione per impianti fotovoltaici

L’ autorizzazione per costruire impianti fotovoltaici in Italia in funzione dei casi può prevedere una semplice comunicazione al Comune di installazione preventiva, tuttavia talvolta l’ iter può diventare più macchinoso e burocratico : dipende dalle singole normative regionali che a loro volta sono volte a regolamentare i permessi, secondo criteri propri, che necessariamente devono aderire alle linee guida nazionali . Inoltre influenzano il processo anche il territorio in cui è prevista l’ installazione dell’ impianto e le dimensioni dell’ impianto fotovoltaico .

Ogni tipologia di impianto fotovoltaico comporta una sua specifica autorizzazione sia esso un impianto fotovoltaico installato su un tetto di un immobile, a terra oppure in altro contesto .
Innanzitutto bisogna rivolgersi all’ ufficio tecnico del comune di appartenenza dove l’ impianto sarà installato, tuttavia per i grandi impianti oppure per impianti fotovoltaici che sono prossimi ad aree che sono sottoposte a tutela, la competenza e la responsabilità è della Provincia ( lista Province ), in alcuni casi della Regione ( elenco Regioni ) oppure della Soprintendenza ( elenco Soprintendenze e Ministero dei Beni e attività Culturali ).

AUTORIZZAZIONI DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

A parte un grande impianto fotovoltaico realizzato a terra o in zone protette ( elenco ufficiale aree naturali protette ) dove l’ iter autorizzativo può diventare complesso, generalmente per impianti domestici oppure piccoli impianti industriali è sufficiente la Comunicazione “ preventiva ” al Comune competente per l’ avvio dei lavori per realizzare l’ impianto . Da novembre 2015 è in vigore una addizionale semplificazione della burocrazia : “ Procedura Semplificata per realizzare la connessione e avviare piccoli impianti fotovoltaici su tetti di edifici ”. La procedura consente di servirsi di un Modello Unico per ottemperare agli obblighi di legge previsti : autorizzazione comunale, istanza di richiesta ad Enel / Terna per connettersi alla rete, invio pratiche per Scambio sul Posto al Gestore dei Servizi Energetici ( GSE ) . Link al Decreto Semplificazione Autorizzazione Impianti Fotovoltaici Residenziali

COMUNICAZIONE AL COMUNE PER L’ AUTORIZZAZIONE

Titolo autorizzativo semplice , la normativa di riferimento è quella per impianti assimilati ad “ attività di edilizia libera ” ( denuncia di inizio attività in edilizia ) . Inviato per via telematica in molti Comuni, è una comunicazione preventiva al Comune competente territorialmente, vige il principio silenzio – assenso, di fatto è una mera comunicazione di inizio lavori . Referente a cui rivolgersi : Ufficio Tecnico del Comune di riferimento .

Quando si applica :

È una richiesta che si applica per impianti che non possono beneficiare della procedura unica semplificata al di sotto dei 20 KW di potenza impianto ; la Comunicazione al Comune è idonea per piccoli impianti sul tetto dove non si applica la procedura semplificata .
La Comunicazione preventiva è sufficiente per impianti fotovoltaici aderenti al tetto o integrati nel tetto dell’ edificio con medesima inclinazione ed uguale orientamento della falda ove saranno installate ; non si deve verificare una modificazione della sagoma dell’ edificio che ospita i pannelli fotovoltaici . I criteri sono considerati validi solo se gli impianti non sono installate in aree sottoposte a tutela o a vincoli del codice normativo dei beni culturali e paesaggio . Altrimenti altre procedure sono obbligatorie e la competenza potrebbe spostarsi da Comune, Provincia, Regione alla sovraintendenza per concedere le autorizzazioni .
La Comunicazione preventiva al Comune è una autorizzazione idonea anche per impianti fotovoltaici e da fonti rinnovabili, compatibili con il regime “ Scambio sul Posto “. Tuttavia si riportano alcune linee guida :

Gli impianti non devono :

- provocare una alterazione dei volumi di un edificio
- provocare una alterazione della superficie dell’ immobile
- alterarne dell’ edificio la destinazione d’ uso
- modificare il numero di unità immobiliari dell’immobile
- comportare un incremento del numero di parametri urbanistici ( regolamento edilizio )
- intaccare anche minimamente le parti strutturali dell’ edificio
- essere posizionati su edifici che sono situati in centri storici ( zona A Piani Regolatori Generali ).
La comunicazione preventiva al Comune competente come unica tipologia di autorizzazione, richiede che il titolare del potenziale impianto da costruire abbia pieno titolo legale ( proprietà ) su aree o relativamente ai beni soggetti ai lavori da effettuare per realizzare l’ impianto .

Building Integrated Photovoltaics

AUTORIZZAZIONE UNICA

Qualora gli impianti fotovoltaici da installare siano di dimensioni comprese tra 20 kW – 50 MW o nel caso in cui il proponente non ha completa titolarità sulle aree interessate o sull’ immobile interessato sarà necessaria l’ Autorizzazione Unica AU, con la competenza che si sposta dal Comunale, alla Provincia o Regione .

PROCEDURA AUTORIZZATIVA SEMPLIFICATA E IL MODELLO UNICO

Il referente per concedere le autorizzazioni è il solo Gestore di Rete ( Enel / Terna ) . Enel Distribuzione nel caso di Enel diviene l’ unico interlocutore per il richiedente per la gestione della pratica .
La Procedura Autorizzativa Semplifica nasce nel novembre 2015 per velocizzare l’ iter autorizzativo di installazione di impianti fotovoltaici di piccole dimensioni su tetto . L’ iter autorizzativo come aspetto burocratico comporta esclusivamente la compilazione e il successivo invio ( in 2 fasi ) di un Modello Unico .
Questo “ Modello Unico “ è accessibile in forma telematica tramite i produttori del gestore di rete, Enel Distribuzione in questo caso, sul portale internet . Tramite il Portale si può compilare la Prima Parte del Modello, questo preliminarmente all’ inizio dei lavori, e successivamente, una Seconda Sezione, a lavori conclusi .

Mediante la procedura unica, in due step, il Comune viene avvisato dell’ “ inizio lavori ”, e la richiesta di allaccio dell’ impianto fotovoltaico viene inviata alla rete Enel e in copia al GSE ( Gestore Servizi Energetici ) l’ istanza di richiesta per poter accedere allo scambio sul posto . Il Modello Unico, assolve alla funzione autorizzativa in alcuni impianti fotovoltaici .
Il Modello Unico ha come grosso vantaggio per il richiedente di potersi interfacciare solamente con Enel Distribuzione per gestire gli aspetti di tipo amministrativo e burocratico e permette al richiedente di procedere alla presentazione con tempistiche diverse, 2 moduli ottemperando alla richiesta di autorizzazione, per realizzare e allacciare in rete l’ impianto FV Fotovoltaico .
Il primo Step del Modello, prima di iniziare i lavori, include la comunicazione di “ inizio lavori “ al Comune, i dati catastali impianto ( visura catastale ), anagrafica richiedente .
Il secondo step del Modello, a lavori conclusi, include : comunicazione “ di fine lavori “, i dati tecnici impianto, dichiarazione di conformità, istanza avvio Scambio sul Posto .

È possibile aderire alla procedura semplificata riguarda i piccoli nuovi impianti domestici e piccoli impianti industriali . Requisiti per aderire all’ Iter semplificato da chi vuole installare un impianto fotovoltaico :

- allaccio ad un punto di prelievo in bassa tensione esistente, dove non siano collegati terzi impianti di produzione elettrica
- potenza inferiore o pari alla potenza impegnata sul punto di prelievo
- impianto fino a 20 KW di potenza
- impianto realizzato su tetto
- modalità di allaccio in rete tramite modalità “ Scambio sul Posto ” col GSE ( Gestore Servizi Energetici )

In sostanza la tipologia di impianti installabili : nuovi impianti sui tetti di case, aziende di piccole dimensioni, laboratori, capannoni o condomini .

SEZIONE LINK :

LINK AMBITO FOTOVOLTAICO :

Energie Rinnovabili
PV, Solare Fotovoltaico
Photovoltaic Geographical Information System ( PVGIS )
Grid parity
Strategia Energetica Nazionale
Quale Energia ( Rinnovabili, Clima, Efficienza, Energia, Fossili e Nucleare )
Fotovoltaico in Italia 2018 ( Edil Tecnico )
Cogenerazione Fotovoltaica
TICA ( testo integrato connessioni attive )
Valutazione Impatto Ambientale V.I.A.
Autorizzazioni Fotovoltaico ( AU autorizzazione unica, PAS procedura abilitativa semplificata )
Guida Modello Unico Semplificato ( fonte Sole24Ore )
Sviluppatori parchi fotovoltaici
Sondaggio Geognostico e Rilievi geologici per Impianti Fotovoltaici
Investitori , Green Field Investment
Attualizzazione
Buyer ( Acquirenti )
Unità di misura utilizzate : Potenza ( Watt, Megawatt MW, Watt picco, Megawatt Picco MWp ), Superficie ( Ettaro )
Termini tecnici relativi ai terreni : CDU ( Certificato di Destinazione Urbanistica ), Visura Catastale Terreni , Particelle Lotti, Suolo Agrario Tipologie Terreni
Google Earth ( Localizzazione terreni )
Sottostazione Elettrica
Enel , Terna ( Società Gestione Rete Elettrica )
GSE ( Società Gestore Servizi Energetici )
Associazioni professionali : Agronomi, Geometri, Ingegneri, Architetti, Periti ( Agrari, Industriali, ecc. ), Studi Professionali
Stakeholder

LINK COMMERCIO INTERNAZIONALE E DI CARATTERE GENERALE :

Servizi di ispezione ( SGS )
Ente di Certificazione RED CERT
Standby Letter of Credit ( SBLC )
Bank Guarantee ( BG)
Performance Bond
Irrevocable Corporate Purchase Order ( ICPO )
Incoterms 2010
Incoterms ( Wikipedia )
Cost Insurance and Freight ( CIF )
Documenti Commercio Estero
Consegna e qualità della merce
Cenni sull’ Origine delle Merci
Glossario Doganale
NDA Accordo di Non Divulgazione ( Non Disclosure Agreement )

OFFERTA CATALOGO AGRI-FOOD & BEVERAGE

OFFERTA CATALOGO AGRI-FOOD & BEVERAGE

offerta-catalogo-agri-food-and-beverage

OFFERTE E CATALOGO AGRI-FOOD & BEVERAGE PER GROSSISTI, DISTRIBUTORI, BUYER

FORNITURE CONTINUATIVE, FORNITURE SPOT, OFFERTE SPECIALI, OFFERTE PRODOTTI IN STOCK

IBS grazie alle collaborazioni che ha in essere, ha il piacere di presentare l’OFFERTA CATALOGO AGRI-FOOD & BEVERAGE composto da vari prodotti di origine italiana, tipici del Made in Italy e alcuni prodotti agro-alimentari e bevande di importazione, tutti a prezzi molto vantaggiosi. Il Catalogo è rivolto sia a grossisti, distributori, buyers oppure ad importatori per prodotti provenienti da paesi EU o Extra-EU.

Per informazioni su altre tipologie di prodotto, clicca sul prodotto di interesse: CARBURANTI, E PRODOTTI OIL AND GAS , OLI VEGETALI

COME ACCEDERE AL CATALOGO AGRO-ALIMENTARE E ALLE OFFERTE:

Per accedere al catalogo è sufficiente cliccare sul LINK sottostante, verrà concesso di poter salvare il file PDF completo di schede prodotto, prezzi, modalità di pagamento e altri dettagli utili. Prima di procedere tuttavia essendo il catalogo molto corposo, suggeriamo di proseguire a scorrere l’articolo e individuare la macro-categoria di prodotto e la pagina corrispondente alla sezione, in modo da rendere molto veloce la ricerca delle Offerte di interesse.

IMPORTANTE: il prezzo che è riportato vicino ai singoli prodotti può subire delle variazioni in funzione dei seguenti parametri: quantità di prodotto, luogo di consegna, eventuali integrazioni in merito alle spese di trasporto, forma di pagamento, extra documentazione nel caso di mercati con forte normativa e tutele del consumatore (esempio USA).

DOWNLOAD OFFERTA CATALOGO AGRI-FOOD & BEVERAGE

(Attendere fino al completo caricamento del File !)

****************************************************

ATTENZIONE : CATALOGO IN FASE DI AGGIORNAMENTO

****************************************************

COME CONTATTARCI

Dopo aver preso visione del catalogo e delle offerte, per i prodotti di interesse si prega di inoltrare una richiesta attraverso la sezione CONTATTI DEL SITO, specificando i parametri specifici della richiesta per ogni prodotto e includendo i riferimenti societari o quelli del referente aziendale, per poter prendere contatto con il richiedente e fornire una offerta su misura per il prodotto di interesse.

PER TUTTI I PRODOTTI NON A CATALOGO ?

PER TUTTI I PRODOTTI DI VOSTRO INTERESSE NON A CATALOGO VI PREGHIAMO DI SCRIVERCI

Sono disponibili numerosissimi altri prodotti, tra cui frutta e verdura di origine Italia, Marocco, Tunisia, Egitto, Burkina Faso, e altri paesi, varianti dei prodotti a catalogo, + altri prodotti non in elenco.
Esempi:
- VERDURA di tutte le tipologie (cipolle, broccoli, cime di rapa, patate, fagioli, piselli, pomodori, pepe, peperoncino, ecc.)
- FRUTTA (agrumi vari, arance, clementino, citrus verde lime, kiwi, mele, banane, mango, tangelo, noce di cocco, cacao, caffè, olio di neem, ecc.)

NUMEROSI ALTRI PRODOTTI DISPONIBILI: inviateci una richiesta specificando il prodotto di vostro interesse

contact IBS by mail

catalogo-agri-food-prodotti

OFFERTA CATALOGO AGRI-FOOD & BEVERAGE (elenco prodotti che trovate nel catalogo con tutti i dettagli)

OFFERTE AGRO-FOOD ITALY (Made in Italy)

Pag. 3 – PASTA

PASTA SECCA ITALIANA 100% di GRANO DURO LUNGA e CORTA, 12,5% di proteine, confezioni da 500 gr, 1 Kg, 5 Kg, offerta continuativa, offerta spot. Scheda tecnica prodotto visibile nel catalogo.

PASTA SECCA ITALIANA 100% di GRANO DURO LUNGA e CORTA, 11% di proteine, confezioni da 500 gr, offerta continuativa, offerta spot. Scheda tecnica prodotto visibile nel catalogo.

PASTA SECCA ITALIANA 100% di GRANO DURO LUNGA e CORTA, 11% di proteine, confezioni da 500 gr, formati (spaghetti, penne, rigatoni, fusilli), offerta continuativa, offerta spot (PRODOTTO UMANITARIO).

PASTA FRESCA NAPOLETANA 100% SEMOLA di GRANO DURO LUNGA e CORTA, 13,21% di proteine, confezioni da 500 gr prima linea, formati (scialatielli, fusilli napoletani, fusilli di gragnano, orecchiette, trofie, cavatelli, paccheri, calamarata /calamari), offerta continuativa.

PASTA di SEMOLA di GRANO DURO FRESCA all’UOVO LINEA ROSSA TRAFILATA al BRONZO, 14,9% di proteine, presenza di 28,3% di uovo (contro una media di mercato del 15%), formati (tagliatelle, pappardelle, fettuccine, paglia e fieno, tagliolini, spaghetti alla chitarra, zigrinate), offerta continuativa, offerta stock.

PASTA FRESCA ITALIANA, FORMATI TORTELLINI, RAVIOLI, GNOCCHI, COUS COUS, POLENTA confezioni da 250 gr, 400 gr, 500 gr, 1Kg.

Pag. 19 – RISO

RISO ARBORIO, RISO CARNAROLI, RISO ROMA, RISO BASMATI, RISO NERO VENERE, RISO VIALONE NANO, RISO ORIGINARIO, RISO RIBE, RISO THAI, varie confezioni.

RISO BASMATI E NON BASMATI origine India, Long Grain 5% Broken (IR 36-64 quality) Sortex Cleaned 6+ mm
RISO BASMATI E NON BASMATI origine India, Long Grain 25% Broken (IR 36-64 quality) Sortex Cleaned 6+ mm
RISO BASMATI E NON BASMATI origine India, 100% Broken White Raw Sortex Cleaned
RISO BASMATI origine India, PR11 White Sella
RISO BASMATI origine India, 1121 Basmati White Sella
RISO BASMATI origine India, Pusa Basmati / Raw – Steamed Rice
RISO BASMATI origine India, Sharbati Golden Sella
RISO NON BASMATI origine VIETNAM, Jasmine Rice 5% Broken
RISO NON BASMATI origine VIETNAM, Long Grain White Rise 5% Broken Sortex
RISO NON BASMATI origine VIETNAM, Long Grain White Rise 25% Broken Sortex
RISO NON BASMATI origine VIETNAM, Japonica Rise 5% Broken Sortex
Offerta continuativa, offerta spot.

Pag. 24 – FORMAGGI

PARMIGIANO REGGIANO

PARMIGIANO REGGIANO PRODOTTO ORIGINALE CASELLO 4 NUMERI PRIMA SCELTA STAGIONATURA 24 mesi, offerta continuativa.
PARMIGIANO REGGIANO PRODOTTO ORIGINALE RIGATO ESTERNAMENTE STAGIONATURA 24 mesi, offerta continuativa, offerta spot.
PARMIGIANO REGGIANO PRODOTTO ORIGINALE SMARCHIATO STAGIONATURA 24 mesi, offerta continuativa, offerta spot.

GRANA PADANO

GRANA PADANO ORIGINALE PIACENTINO 13 MESI offerta continuativa, offerta spot.
GRANA PADANO RETINATO NON MARCHIATO 13 MESI offerta continuativa, offerta spot.

FORMAGGI DI CALABRIA

FORMAGGI: caciocavallo della piana anche affumicato, provola silana anche affumicata, animaletti di provola silana anche affumicati, ciambelle di provola silana anche affumicata, pecorino primo sale vari condimenti, pecorino classico rigato, pecorino monte poro, pecorino stracchinato, pecorino calabrese, pecorino al peperoncino, pecorino riserva, pecorino pepe nero stagionato, caprino della piana, ricotta salata, ricotta affumicata aromatizzata, formaggio misto contadino (ovino – vaccino), formaggio misto campagnolo (ovino – vaccino), formaggio misto canestrato d’Aspromonte (ovino – vaccino).

MOZZARELLE

MOZZARELLA di BUFALA CAMPANA DOP, offerta continuativa.
MOZZARELLA ITALIANA per PIZZA

Pag. 35 – FARINE

FARINA STANDARD E FARINA per PIZZA ORIGINE ITALIANA, confezione sacchi da 25 Kg.
FARINA DI SEMOLA RIMACINATA di GRANO DURO ORIGINE ITALIA, confezione sacchi da 25 Kg.
FARINA di GRANO TENERO ORIGINE ITALIA, confezione sacchi da 25 Kg.

Pag. 38 – PROSCIUTTI E SALUMI VARI

PROSCIUTTI CRUDI

PROSCIUTTO CRUDO CON OSSO, PRODOTTO MEC. ESTERO 6,2 – 6,5 Kg offerta continuativa, offerta spot.
PROSCIUTTO CRUDO SENZA OSSO, PRODOTTO MEC. ESTERO 6+ / 7+ Kg, offerta continuativa, offerta spot.
PROSCIUTTO CRUDO CON OSSO, PRODOTTO MEC. ESTERO 7,8 Kg, offerta continuativa.

PROSCIUTTI COTTI

PROSCIUTTO COTTO SENZA GLUTINE E LATTOSIO peso medio 9,3 Kg, MEC lavorazione Italia offerta continuativa, offerta spot.

SALUMI ARTIGIANALI CALABRESI, NDUJA ORIGINALE e SALUMI CASERECCI

NDUJA DI SPILINGA (in orba, in crespo, in vasetto, in saccapoche, in tubetto), CAPICOLLO CASERECCIO, SOPPRESSATA CASERECCIA, SALSICCIA CASERECCIA, PANCETTA CASERECCIA.
NDUJA DI SPILINGA (in vasetto, e insaccata a pezzo), PANCETTA ARROTOLATA, SOPPRESSATA DOLCE E PICCANTE, CAPICOLLO PICCANTE, SALSICCIA PICCANTE, SALSICCIA DOLCE, SCHIACCIATA PICCANTE.

SALUMI CAMPANI

SALAME NAPOLI 1,6 – 1,8 Kg sottovuoto anche tagliato a metà, offerta spot, offerta stock.
SALUMI VARI: salame milano, salame ungherese, spianata, spianata romana, ventricina piccante, mortadella, spalla cotta formato toast, prosciutto coscia intera con osso 6 kg, cotto e spalla cotta sgrassati 6 kg, gran cotto coscia intera kg 8 – 8,5, prosciutto cotto scelto kg 8 – 8,5, pancetta arrotolata e coppata magra, capocollo, pancetta cotta (bakon), salame milanetto 300 gr, salametto ungherese, salsiccia napoli, salame casereccio. Offerta continuativa, offerta spot.

Pag. 48 – PESCE IN SCATOLA, FRESCO E CONGELATO

TONNO POSEIDON 80 gr in olio di girasole, offerta continuativa, offerta spot.
TONNO AIRONE 80 gr e 1,7 Kg in olio di oliva, offerta continuativa, offerta spot.
TONNO INSUPERABILE varie confezioni, all’olio di girasole e all’olio di oliva, offerta continuativa, offerta spot, offerta stock.
TONNO ITALIANO in olio di oliva e in olio di semi di girasole
TONNO E SARDINE INTERE E SPEZZATE SOTT’OLIO in scatola e in vetro, olio di oliva e olio di girasole
TRANCI DI TONNO in olio di oliva
SALMONE, fresco o surgelato, tranci o intero, di varia provenienza tra cui salmone norvegese, anche affumicato
SALMONE NORVEGESE FRESCO intero, peso 2, 9, +9 kg, offerta continuativa, offerta spot
TONNO surgelato, PESCE SPADA surgelato, MARLIN surgelato, POLIPO surgelato, CALAMARI surgelato, TOTANI surgelato, SEPPIA surgelato, MERLUZZO surgelato, BRANZINO e SPIGOLA surgelati, ORATA surgelato, DENTICE surgelato, OMBRINA surgelato, RANA PESCATRICE, GAMBERI, CODE DI GAMBERI, COZZE, VONGOLE, CAPESANTE
Offerte Varie

Pag. 62 – TOMATO, SUGHI, SALSE, CONSERVE, VERDURE, LEGUMI, FUNGHI, TARTUFO, FRUTTA

TOMATO

TOMATO ORIGINE CAMPANIA: POLPA FINE PER PIZZA, WHOLE PEELED TOMATOES, CRUSHED TOMATOES, CHERRY TOMATOES, TOMATO PUREE, TOMATO DOPPIA CONCENTRAZIONE, varie confezioni.
PASSATA DI POMODORO confezione in lattina, confezione di vetro, confezione tetrapack, anche apertura easy top, vari formati , vari brand
PELATI in barattolo 3 Kg, POLPA DI POMODORO barattolo 3 kg.
CONCENTRATO DI POMODORO 28/30 tubo da 210 gr, 400 gr, 800 gr. e altri formati e confezioni
DOPPIO CONCENTRATO DI POMODORO 30/32 tubo da 210 gr, 400 gr, 800 gr. e altri formati e confezioni
TRIPLO CONCENTRATO DI POMODORO 36/38 tubo da 210 gr, 400 gr, 800 gr. e altri formati e confezioni
Offerta continuativa, offerta spot.

SUGHI, SALSE, CONSERVE, SOTTACETI, OLIVE, VERDURE GRIGLIATE

SUGHI: sugo al basilico, all’arrabbiata, mediterraneo, sugo alla marinara, alle verdure, ai peperoni, alle melanzane, alle olive, alla puttanesca, all’aglio, sugo alle cime di rapa, alle verdure grigliate, sugo ai funghi champignon, sugo alla vodka, all’amatriciana, sugo alla bolognese, sugo alla boscaiola e ai funghi porcini, sugo al tonno e sugo alle vongole.
SALSE E CREME: crema di pomodori secchi, crema piccante, di olive verdi e nere, crema ai peperoni, crema di rucola, crema al pesto rosso e verde, crema di asparagi, crema pesto di olive nere, crema di funghi porcini, crema ai carciofi, crema al salmone, crema al tartufo, crema ai 4 formaggi, crema di pesto al tartufo.
LE CONSERVE: antipasto, melanzane a filetti e a fette, peperoni, zucchine a rondelle, funghi champignon e shitake, olive farcite, carciofi a spicchi, condibruschetta classica e ai peperoni, ai pomodori secchi, ai carciofi, alle olive, ai funghi champignon, composta ai peperoni, pomodori secchi, lampascioni, carciofi interi, condiriso in olio d’oliva.
I SOTTACETI: misto toast, giardiniera, insalatina, condiriso, cipolline, cetriolini, capperi, capperi con gambo.
OLIVE: bella di cerignola GP, bella di cerignola grandi GP, olive nere, olive nere G.
I GRIGLIATI: melanzane, peperoni, zucchine, funghi prataioli, carciofi.

FUNGHI E ALTRE SPECIALITA’ ARTIGIANALI CALABRESI

FUNGHI: funghi porcini interi e tagliati, funghi misti con porcini, porcini grigliati, porcini secchi, polvere di porcini, porcini interi e a cubetti congelati, funghi misti, champignon alla contadina interi e tagliati, funghi chiodini, funghi del muschio, fungo porcinello, funghi pleurotus, funghi rositi, funghi galletti.

POMODORI, CIPOLLE, PEPERONCINO, AGLIO, OLIVE, CARCIOFI, ALICI, ERBE, PATE’ VARI: pomodori verdi, pomodori secchi anche in busta, melanzane a filetti, a fetta e grigliate, carciofi grigliati interi e tagliati, cipolla rossa in agrodolce, cipolla sfiziosa, cipolline selvatiche lampascioni, cipolline borrettane, aglio in olio d’oliva, antipasto serrese, antipasto calabrese con funghi, grigliata fantasia, pomodori verdi, capperi al naturale, piccantino per golosi, peperoncino piccante intero e tagliato, peperoncino piccante tritato, peperoncino piccante a scaglie, peperoncino dolce a scaglie, peperoncino dolce fino, bomba di suverato, esplosivo calabrese, bumba tropeana, bumba calabrese, bumba serrese, aglio olio e peperoncino, olive denocciolate (anche in busta sottovuoto), olive verdi al naturale, olive schiacciate alla contadina (anche in busta), olive monacali contadina, olive nere secche confezioni barattolo di vetro e in busta, olive nere piccole con aromi in busta, olive nere al naturale, olive verdi farcite, olive grosse al naturale, paté di funghi porcini, patè del contadino, pate’ di aglio, pate’ di olive verdi e nere, patè di carciofi, paté di melanzane, salsina di ortaggi, patè di peperoncini piccanti e dolci, pate’ di pomodori secchi, pate’ di tonno, patè di cipolla rossa, pesto alla calabrese, preparato per bruschette, sugo ai funghi porcini, sugo alla nduja, alici piccanti e all’origano, capriccio di pesce piccante, capriccio di pesce marinato, filetti di alici, filetti di tonno, ciliegine calabresi ripiene, peperoncini al tonno, involtini di pomodoro, preparato per aglio olio peperoncino, spaghettata mediterranea, penne del boscaiolo, finocchio selvatico, origano, origano al mazzo, pepe nero in grani, olio piccante, dolcezza di peperoncino piccante, dolcezza di cipolla.

TARALLUCCI al peperoncino, alla cipolla, tarallucci alla nduja, tarallucci alla pizza, tarallucci con olio e tarallucci al finocchio.
TAGLIATELLE tricolore e ai funghi porcini, fileja ai porcini, fileja tricolore, bianca e al peperoncino, tagliatelle bianche.

MARMELLATE: marmellata di arancia, marmellata di bergamotto, marmellata di mandarino.

FUNGHI ( freschi e congelati ), TARTUFI, FRUTTA SECCA, FRUTTI DI BOSCO (freschi e congelati)

FUNGHI FRESCHI, PORCINI, GALLETTI, SAN GIORGIO
PORCINI congelati, interi o a cubetti
FUNGHI PORCINI secchi
TARTUFI: tartufo nero estivo, tartufo nero uncinato invernale, tartufo bianco o bianchetto
FRUTTA SECCA: pinoli, noci sgusciate, noci intere, granella di noci, mandorle sgusciate, nocciole blansh, pistacchi interi, arachidi intere, anacardi
FRUTTI DI BOSCO CONGELATI: visciole, lamponi, fragole, prugne, more, misto frutti di bosco
VERDURE CONGELATE: piselli verdi, fagiolini verdi, peperoni rossi a strisce, peperoni gialli a strisce, carote, broccoli, cavolfiore, zucchine, mix piselli e carote, patate a cubi

FUNGHI CHAMPIGNON, CARCIOFI, MAIS, PESCHE

FUNGHI CHAMPIGNON, CARCIOFI, MAIS, PESCHE in varie confezioni.

LEGUMI IN SCATOLA

FAGIOLI borlotti, cannellini, tondini, ceci, lenticchie, fagioli rossi, fagioli neri, fagioli occhio nero, stufato di fagioli, fagioli al forno con pomodoro e spezie, verdure mix, zuppa di verdure e farro, zuppa di verdure e orzo.

LEGUMI BIOLOGICI ( BIO )

Cannellini BIO, borlotti BIO, tondini BIO, ceci BIO, lenticchie BIO, fagioli rossi BIO, fagioli neri BIO, verdure mix BIO (borlotti, cannellini, ceci, fagioli rossi, fagioli neri).

Pag. 117 – CAFFÈ, LATTE, GELATI

CAFFE’ ITALIANO E ALTRI CAFFÈ

CAFFE’ ITALIANO : CAFFÈ MACINATO, CAFFÈ in GRANI, miscela di caffè robusta / arabica in grani gusto ricco o macinato gusto ricco. Confezioni da 250 gr e 1 Kg. Offerta continuativa, offerta spot. Scheda tecnica prodotto finito visibile nel catalogo.
CAFFE’ NAPOLETANO PREZZI ALL’INGROSSO : RE FERDINANDO O’ CAFE’ ‘E PULCINELLA, caffè classico napoletano miscela di caffè robusta / arabica in grani. Confezioni da 250 gr e 1 Kg. Offerta continuativa.
CAFFE’ NAPOLETANO IN CIALDE: RE FERDINANDO O’ CAFE’ ‘E PULCINELLA, caffè classico napoletano miscela di caffè robusta / arabica in cialde. Offerta continuativa.
CAFFE’ SEGAFREDO (INTERMEZZO): caffè in grani. Confezioni da 1 Kg. Origine Italia. Offerta spot, Offerta Stock.
CAFFE’ “GROUND COFFEE” JACOBS KRONUNG : caffè in grani. Confezioni da 500 gr. Origine Germania. Offerta continuativa, offerta spot.
CAFFE’ LAVAZZA (CREMA E GUSTO): caffè. Confezioni da 250 gr x 2. Origine Italia. Offerta Stock.
CAFFÈ LAVAZZA SUERTE
CAFFÈ KIMBO
ALTRE MARCHE

LATTE

LATTE IN POLVERE MILASAN, “ Pre / 1 / 2 / 3 “ confezioni da 500 gr. origine Germania.
LATTE IN POLVERE APTAMIL, 1 / 2 / 3 confezioni da 600 gr. origine Germania.
LATTE IN POLVERE NIDO NESTLE’ tin, 1 / 2 / 3 anni, confezioni da 400 gr. origine Germania. Testo in Inglese / Arabo.
LATTE IN POLVERE PER USO UMANO, origine Australia, disponibile sia skimmed sia whole, in sacchi da 25 Kg.
Offerta continuativa, offerta spot.
Procedure di acquisto nel catalogo.

LATTE ITALIANO HUT confezione Bricco / Tetrapack da 1 lt. INTERO, PARZIALMENTE SCREMATO, SCREMATO. Offerta continuativa, offerta spot.

PREPARATO PER GELATO / POWDER SOFT ICE CREAM

SOFT LATTE, SOFT CIOCCOLATA, SOFT YOGURT, SOFT FRAGOLA. Origine Italia. Offerta continuativa, offerta spot.

Pag. 139 – ACQUA, VINI, BEVERAGE, ALCOLICI

ACQUA MINERALE

ACQUA MINERALE NOTA AZIENDA ITALIANA, bottiglia PET 500 ml, 1,5 lt, 2 lt.
ACQUA MINERALE di ALTRA NOTA AZIENDA ITALIANA, bottiglia PET 500 ml, 1,5 lt, 2 lt.
Offerta continuativa, offerta spot.

VINI PROSECCHI E SPUMANTI DOC e DOCG

PROSECCO DI VALDOBBIADENE, Veneto Italy, bottiglia da 750 ml.
SPUMANTE, Veneto Italy, bottiglia da 750 ml.
GRAN COUVEE’, Veneto Italy, bottiglia da 750 ml.
COUVEE’ PRESTIGE, Veneto Italy, bottiglia da 750 ml.
Offerta continuativa, offerta spot.

VINI CONSORZIO DELL’ASTI DOCG, VINI DA CANTINE PIEMONTESI

RED STILL WINES:

Barolo DOCG 14° Vintage 2012 cl 75
Barbaresco DOCG 13,5° Vintage 2013 cl 75
Piemonte Rosso DOCG 13° Vintage 2014 cl 75
Langhe Rosso DOC 13° Vintage 2012 cl 75
Nebbiolo D’Alba DOCG 13,5° Vintage 2014 cl 75
Barbera D’Asti DOCG 13° Vintage 2014 cl 75
Barbera D’Alba DOC 12,5° Vintage 2015 cl 75
Dogliani DOCG 12,5° Vintage 2015 cl 75
Langhe DOC Dolcetto 12° Vintage 2014 cl 75
Piemonte DOC Barbera 12° Vintage 2015 cl 75
Grignolino D’Asti DOC 12° Vintage 2015 cl 75

WINES FROM BRICCO ROSSO ESTATE:

Dogliani DOCG 13,5° Vintage 2012 cl 75
Langhe DOC Rosso 13,5° Vintage 2009 cl 75

WHITE STILL WINES:

Roero Arneis DOCG 13° Vintage 2015 cl 75
Gavi del Comune di Gavi DOCG 12° Vintage 2015 cl 75
Gavi DOCG 12° Vintage 2015 cl 75
Piemonte DOC Cortese Vintage 2015 cl 75

SPARKLING, SPUMANTI, FRIZZANTI:

Moscato D’Asti DOCG 5,5° sweet Vintage 2015 cl 75
Asti Spumante DOCG 7,5° sweet NV cl 75
Moscato Spumante 6,5° sweet NV cl 75
Piemonte Brachetto DOC 7° sweet red NV cl 75
Pinot Chardonnay Brut 12° Dry NV cl 75
Spumante Extra Dry Cuvee 11° NV cl 75

VINO ROSSO E BIANCO ITALIANO

VINO ROSSO E BIANCO ITALIANO, bottiglie da 750 ml, TOSCANO 10,50 gradi. Offerta continuativa, offerta spot.
VINO DOP, LACRYNA CHRISTI, rosso, bianco, rosato dalla CAMPANIA Italia, bottiglie da 750 ml. Offerta continuativa.
VINO AGLIANICO, FALANGHINA, CABERNET, MERLOT, CHARDONNAY, bottiglie da 750 ml. Offerta continuativa.
VINO prodotto IGP, AGLIANICO, FALANGHINA, PIEDIROSSO, CODA DI VOLPE dalla CAMPANIA Italy, bottiglie da 750 ml. Offerta continuativa.
VINO ROSSO E BIANCO SUD ITALIA, bottiglie da 750 ml. Offerta continuativa, offerta spot.
VINO ROSSO E BIANCO MARCHIGIANO, cantina Il Chiurlo Marche Italy, bottiglie da 750 ml. Offerta continuativa, offerta spot.
VINO ROSSO E BIANCO ITALIANO, bottiglie da 750 ml. Offerta continuativa, offerta spot.
VINO DA TAVOLA ROSSO E BIANCO ITALIA, bottiglie da 750 ml. Offerta continuativa.
VINO DA TAVOLA ROSSO E BIANCO dalla CAMPANIA Italy, bottiglie da 750 ml. Offerta continuativa.

ALCOLICI

VODKA STOLLCHNAYA originale russa, bottiglia da 500 ml, 750 ml, 1 litro.
VODKA MOSKOVSKAYA originale russa, bottiglia da 500 ml, 750 ml, 1 litro.
VODKA AKVADIV originale bielorussa, bottiglia da 500 ml, 700 ml.
VODKA BARSKA originale Lithuania, bottiglia da 1 litro.
BRANDY BOLGRAD 5VVSOP 40° , bottiglia da 500 ml.
BLENDED WHISKY CLAN 40°, bottiglia da 700 ml, 1 lt.
MARTINI BIANCO, bottiglia da 500 ml, 750 ml.
MARTINI ROSSO, bottiglia da 500 ml, 750 ml.
MARTINI ROSATO, bottiglia da 750 ml.
MARTINI BITTER, bottiglia da 750 ml.
Offerta continuativa, offerta spot.

Pag. 153 – OLI EXTRAVERGINI DI OLIVA, OLI DI OLIVA, OLI DI SANSA

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA bio, 100% ITALIANO BIOLOGICO, origine Puglia.
OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA, 100% OLIVE ITALIANE, origine Calabria.
OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA, 100% OLIVE ITALIANE, origine Puglia.
OLIO 100% EXTRAVERGINE DI OLIVA COMUNITARIO, origine Sicilia, bottiglia di vetro da 1 lt.
OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA COMUNITARIO, Ex-work Italia, confezioni da 1 lt.
OLIO 100% EXTRAVERGINE DI OLIVE COMUNITARIE, origine Sicilia, confezioni bottiglia PET da 1 lt.
OLIO DI OLIVA COMUNITARIO, origine Sicilia, confezioni bottiglia di vetro da 1 lt.
OLIO DI OLIVA COMUNITARIO, Ex-work Italia, confezioni da 1 lt.
OLIO DI OLIVA COMUNITARIO, origine Sicilia, confezioni bottiglie PET da 1 lt.
OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA COMUNITARIO, origine Sicilia, bottiglia PET 5 lt.
OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVE SPAGNA
OLIO ECONOMICO DI ORIGINE SPAGNA
Offerta continuativa, offerta spot.
OLIO DI SANSA DI OLIVE, origine Sicilia, bottiglia di vetro da 1 lt.
OLIO DI SANSA DI OLIVE, origine Sicilia, bottiglia PET da 1 lt.
OLIO DI SANSA, Ex-work Italia, confezioni da 1 lt.
Offerta continuativa, offerta spot.

Pag. 167 – ZUCCHERO

ZUCCHERO ITALIANO RAFFINATO BIANCO, in sacchetto di carta da 1 kg.
ZUCCHERO RAFFINATO BIANCO ICUMSA 45, origine Brasile, in sacchi da 50 kg.
ZUCCHERO RAFFINATO BIANCO, origine Tailandia, in sacchi da 50 kg.
Offerta continuativa, offerta spot.

Pag. 168 – GRANO

GRANO DURO 14% PROTEINE (Durum Wheat), origine Argentina. Offerta continuativa, offerta spot.
Nel catalogo certificato e scheda prodotto, con termini di consegna e pagamento, trade procedure.
SEMOLA DI GRANO DURO CANADESE 14% PROTEINE, origine Canada. Offerta continuativa, offerta spot.
MAIS, YELLOW CORN, origine Argentina e Brasile
MAIS BIANCO, WHITE CORN, origine Argentina e Brasile
SOIA, YELLOW SOYBEAN origine Argentina e Brasile
SOIA, SOYBEAN MEAL origine Argentina e Brasile

Pag. 179 – OLI VEGETALI e PELLET

OLIO DI SEMI DI GIRASOLE origine Malesia
OLIO DI SEMI DI GIRASOLE grezzo
OLIO DI SEMI DI SOIA raffinato
OLIO DI SEMI DI SOIA grezzo
OLIO DI SEMI DI MAIS raffinato
OLIO DI SEMI DI MAIS grezzo
OLIO DI PALMA raffinato Biodiesel CP 8 Y CP 10
OLIO DI PALMA grezzo B100
OLIO DI COLZA raffinato
OLIO DI COLZA grezzo
Packaging: PET 1 lt, 2 lt, 10 lt, 20 lt, 200 LITERS, FLEXITANK REFINEDOIL 21 MT, ISOTANK, PACKINGBULK.
European Standards.
Offerta continuativa, offerta spot.

- PELLETS

ALCUNI LINK:

- EX-WORKS
- INCOTERMS 2010
- DOCUMENTI PRINCIPALI DA UTILIZZARE NEL COMMERCIO ESTERO
- LA CONSEGNA E LA QUALITA’ DELLA MERCE
- CENNI SULL’ORIGINE DELLE MERCI
- GLOSSARIO DOGANALE

Agribusiness, Filiere agroalimentari

Agribusiness, Filiere agroalimentari

agribusiness filiere e agrifood

AGRIBUSINESS: FILIERE ALIMENTARI E AGRIFOOD

CHI SIAMO: IBS in partnership con Rubival International Srl, specializzata nel settore agribusiness, nell’avvio, implementazione e coordinamento di progetti di filiere agroalimentari, intende presentare alcuni esempi di filiera: filiera del latte, pomodoro, avicola , impianti di trasformazione, macchinari, progetti agricoli, vendita di animali, serre e sistemi per colture protette.

OBIETTIVI: Nell’ambito di progetti Agribusiness e di filiera, IBS e Rubival collaborano con le principali Aziende specializzate nell’Agribusiness, e dispongono delle adeguate competenze tecniche specialistiche per il completo coordinamento di progetti nel settore agroalimentare. IBS e Rubival possono contare su un nucleo operativo interno e un team di lavoro qualificato che include agronomi, esperti di marketing, business planning, project management nonché competenze per una gestione a 360 gradi dei progetti inclusi gli ambiti commerciale e contrattuale.

PROGETTI AGRIBUSINESS ESTERI ED INTERNAZIONALIZZAZIONE: Nell’ambito di progetti esteri di internazionalizzazione o per commesse estere dove venga richiesto di creare da zero una filiera agroalimentare, o rispondere con delle soluzioni specifiche a determinate problematiche nel settore agribusiness, la squadra di lavoro è in grado di assicurare la corretta gestione dei processi anche all’estero, mediante analisi e accurate strategie.

STAKEHOLDERS: Le informazioni che seguono sintetizzano le competenze in capo a IBS e Rubival attraverso un elenco di alcune Aziende che hanno partecipato nel concreto a progetti esteri. I progetti hanno visto l’intervento di Enti e soggetti che hanno garantito la funzione di assicurazione del credito all’esportazione. Tra gli stakeholder anche Enti nazionali e sovranazionali che hanno partecipato alla fase di progettazione, disponendo attraverso gli opportuni uffici competenti delle informazioni geoclimatiche e geologiche dei terreni e delle regioni interessate agli interventi.

REFERENZE DI PROGETTO NEL SETTORE AGRIBUSINESS : Il presente documento, descrive un esempio di filiera e di assortimento di Aziende selezionate per le dimensioni di progetto e per la tipologia di intervento. In altri progetti, le Aziende che si andranno a coinvolgere potrebbero essere le medesime o altre Aziende, in funzione del progetto da realizzare. Le Aziende specializzate e con esperienza ultra decennale a livello internazionale dispongono di numerose referenze ogni volta disponibili a corredo di una proposta progettuale.

ESEMPI DI FILIERE E COMPETENZE NEL SETTORE AGRIBUSINESS:

FILIERA DEL LATTE
FILIERA DEL POMODORO
FILIERA AVICOLA
SERRE E SISTEMI PER COLTURE PROTETTE per piante ed ortaggi

AGRIBUSINESS ED ESEMPI DI FILIERA DEL LATTE, POMODORO, AVICOLA, SERRE E SISTEMI PER COLTURE PROTETTE

agribusiness filiera del latte

FILIERA DEL LATTE

COLTIVAZIONI, COLTURE

FERTILIZZANTI SPECIALI: Società leader nel settore Agribusiness che produce fertilizzanti speciali partendo da materie prime di elevatissima qualità in grado di ottimizzare ed ottenere maggiori performances ed efficienza biologica dei componenti nutritivi. È in grado di sviluppare, una strategia nutrizionale complessa e particolareggiata per ogni coltura, correlata al tipo di terreno, all’ambiente di crescita e ai risultati attesi, il tutto grazie alle verticali competenze ed al know-how acquisiti direttamente sul campo globalmente nelle più importanti zone agricole del mondo, dal bacino del Mediterraneo, al centro e sud America, sino ai principali paesi arabi.

ALTA TECNOLOGIA PER L’AGRICOLTURA: Società fondata ed operante in ambito agribusiness dal 1950, leader nella produzione di apparecchiature, macchine e sistemi per la distribuzione di acqua e liquami mediante l’utilizzo di tecnologie satellitari VRT. L’Azienda ha conquistato una posizione di primaria importanza nell’ambito della produzione e vendita di impianti ad alta tecnologia e macchinari agricoli per l’agricoltura e per l’allevamento.

ALIMENTAZIONE PER ANIMALI

RUMIN-ART, SOLE, TERRA, ACQUA: Azienda dotata di specializzazione in alimenti per animali, per tutte le esigenze, dalla coltura all’Azienda agricola (dalla semina, alla coltivazione, alla conservazione e raccolta, la costruzione del rumine, fornitura, monitoraggio). L’Azienda sviluppa prodotti studiati per qualunque specie animale: sia latte in polvere, che alimenti, integratori, e prodotti specificamente ottimizzati per la salute degli animali nonché per la tutela dell’ambiente.

STRUTTURE E STALLE PER MUCCHE

ATTREZZATURE PER STALLE: Azienda in prima linea nel mondo della zootecnia e dell’agribusiness da quasi 50 anni, con tecnologie altamente innovative nel realizzare allevamenti moderni e razionali, facendo particolare attenzione al benessere complessivo dell’animale.
Progetta stalle, impianti e centri zootecnici sia per vacche che per bufale e non solo. Dispone di una vasta gamma di attrezzature dedicate all’allevamento di tutti gli animali da reddito: da suini, a ovi-caprini, ad avicoli e conigli. Le strutture metalliche prefabbricate in acciaio che produce, trovano applicazione nel settore della zootecnia, ma anche nel settore agricolo, e nel settore agroalimentare ed industriale in generale.

CARRI MISCELATORI, SOLLEVATORI TELESCOPICI: Azienda che è in grado di progettare, produrre e vendere in tutto il mondo carri miscelatori studiati per l’industria del bestiame, per il settore della zootecnia e sollevatori telescopici largamente utilizzati nel comparto agricolo, nei settori industriale ed edilizio. L’azienda, fondata nel 1973, riesce a conservare la tradizione di una solida guida familiare, unita al dinamismo e alla efficiente organizzazione nonché la modernità di un grande gruppo internazionale, oggi presente in ogni continente con propria rete di filiali, di distributori e rivenditori dedicati. Brand noto nell’ambito dell’agribusiness e sinonimo di affidabilità. Anche nota per il continuo sviluppo tecnologico e per una assistenza qualificata, nonché di un efficiente servizio di supporto post-vendita offerto alla propria clientela (Service e Ricambi).

SISTEMI DI MUNGITURA

GESTIONE COMPLETA DELLA MUNGITURA : Azienda dell’Agribusiness Leader nel mercato italiano, progetta attrezzature ed impianti di mungitura nonché soluzioni innovative per un approccio globale all’allevamento, avvalendosi della più avanzata tecnologia oggi disponibile, al fine di ottimizzare la gestione della moderna azienda agricola da latte. Moderne e sofisticate tecnologie applicate con successo alle vacche da latte, bufflonnes, capre e pecore. Una vasta gamma di prodotti per qualunque esigenza di allevamento: dall’estrazione del latte, alla refrigerazione del latte, robot per automatizzare i processi, pastorizzazione ed alimentazione automatica dei vitelli, insomma una gestione globale a 360 gradi dei processi, in condizioni di igiene e salubrità.

FILIERA DELLA MUNGITURA, PRODUZIONE E SUCCESSIVA CONFEZIONE

QUALITÀ E MANIPOLAZIONE SICURA DEL CIBO: Azienda Leader mondiale nel settore Agribusiness specializzata nella fornitura di impianti e macchinari di processo per il settore agroalimentare, apparecchiature per il trattamento di prodotti lattiero-caseari, un’ampia gamma di unità di pastorizzazione del latte, linee UHT ( Ultra High Temperature), centrifughe autopulenti e processi di standardizzazione di linee latte e crema, completati con una nuova generazione di sistemi di filtrazione a membrana. Altissimo livello di ingegneria, costante ricerca di soluzioni e prestazioni di qualità, innovative tecnologie di processo per ottenere una vasta gamma di alimenti liquidi, tra cui prodotti con contenuto di solidi o prodotti ad alta viscosità. Moderni sistemi di controllo e automazione industriale per garantire la massima affidabilità ed efficienza, dagli impianti di più piccole dimensioni e semplici nella loro architettura, fino alle più complesse linee di produzione per la gestione di complessi processi e sistemi produttivi. Razionalizzazione dei consumi di energia, acqua e delle risorse naturali, portando ad una massimizzazione nel contempo dell’efficienza produttiva.

CONFEZIONAMENTO ASETTICO DI PRODOTTI LIQUIDI: da più di 30 anni l’Azienda opera nel settore dell’Agribusiness ed offre soluzioni globali altamente innovative per confezionare in modo totalmente asettico prodotti liquidi in una vasta gamma di contenitori in cartoncino poliaccoppiato (applicatore, imballaggio secondario, sistema di sterilizzazione Ultra High Temperature UHT / pastorizzazione, imballaggio). Azienda dotata di certificazione ISO 9001 dalla DNV, presente nella lista dei fornitori di materiali di confezionamento per latte che hanno ottenuto l’approvazione dalla FDA. Sistema di gestione della sicurezza alimentare certificato mediante lo schema FSSC 22000, tale che la mette in condizione di produrre materiale di confezionamento certificato FSC™ e PEFC™.

BIOENERGIA

RIDUZIONE AZOTO E PRODUZIONE BIOGAS: Azienda leader nell’ambito del settore biogas e installazioni realizzate ed ottimizzate per il trattamento del letame e composti organici con riduzione dell’azoto. Ottime referenze potendo vantare più di 250 progetti bio-energetici sviluppati in tutto il mondo.

MACELLI

MACELLI, CON DISOSSAMENTO E MANIPOLAZIONE DELLE CARNI, IMPIANTI PER BOVINI, SUINI E OVINI: Azienda con significativa expertise nella progettazione e realizzazione di linee complete per la macellazione, lavorazione e disosso di capi di bovini, suini, ovini e caprini. Nell’ambito dell’Agribusiness l’Azienda offre avanzate soluzioni tecnologiche e user-friendly del tutto rispondenti alle normative sanitarie europee ed USDA in vigore. Linee complete ed attrezzature riguardanti: stalle, sale per la macellazione di bovini, suini, ovino-caprini, sale per la lavorazione, disosso e sfascio suini, apparecchi per trattare i sottoprodotti.

CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI

REFRIGERAZIONE PER L’INDUSTRIA ALIMENTARE: Esperienza, indiscussa qualità, affidabilità e totale sicurezza nella progettazione e realizzazione di impianti di refrigerazione per l’industria agroalimentare che l’Azienda esporta in tutto il mondo. Utilizzazione del “freddo” per la refrigerazione e conservazione alimentare, l’asciugamento e stagionatura di formaggi e salumi, il raffreddamento di cereali contenuti in silos ed il trasporto refrigerato, produzione di grandi sistemi per la refrigerazione industriale nell’Agribusiness.

FILIERA DEL POMODORO

agribusiness filiera pomodoro

GRUPPO GLOBALE

Gruppo globale rivolto all’Agribusiness, che è in grado di integrare competenze, risorse scientifiche, supporto tecnico commerciale, al fine di garantire a chi opera in agricoltura una offerta completa ed unica di sementi (Seeds), agro-farmaci (Crop Protection), un insieme coerente di soluzioni integrate che riescono a massimizzare la profittabilità dell’intera impresa agricola e soddisfare le più esigenti richieste della filiera agroalimentare, focalizzando l’attenzione su innovazione, elevata qualità e sostenibilità, per produrre di più e meglio.

SEMENTI: ottenere dalle colture ottimi risultati in termini di qualità e produttività, in relazione all’ambiente pedoclimatico ed ai mezzi di natura tecnica utilizzati nell’ambito della coltivazione, grazie anche a sementi evolute e di eccellente qualità, rivolte ai settori dei Cereali a paglia, Mais, Colture di tipo industriale ed Orticole.

AGROFARMACI: per proteggere le colture attraverso una vasta e strutturata gamma di agro-farmaci per la gran parte delle problematiche fitosanitarie: dalla gestione delle infestanti, al controllo degli insetti dannosi, alle malattie fungine, per una protezione ad ampio spettro delle colture in linea con una moderna agricoltura sostenibile.

COLTURE, ORTICOLTURA E VALORE: alti contenuti in termini di innovazione e di alto valore, prodotti validi per la protezione delle colture sia chimici, che biologici, una vasta gamma di soluzioni produttive integrate, rispondenti alle diversificate esigenze dell’intera filiera.

DETTAGLIO SU FILIERA DI QUALITÀ DEL POMODORO DA INDUSTRIA

Il Progetto di filiera per la produzione di pomodoro da industria ha come obiettivo quello di incrementare le rese qualitative e quantitative a fronte di un inferiore e più efficace utilizzo delle risorse come il suolo, l’acqua, gli agro-farmaci e i nutrienti. Accordo genetica, agro-farmaci innovativi combinati ad un protocollo di protezione della coltura e di crop enhancement, per ottenere una “filiera di qualità” del pomodoro da industria. Il protocollo offre agli agricoltori:

• GENETICA INNOVATIVA : per una elevata resa produttiva e di trasformazione per passate, polpe, pelati e cubettati ed alte resistenze a stress e patogeni per differenti tipi di cereali e di condizioni di coltivazione.

• AGRO-FARMACI: che siano in grado di proteggere le piante e ne migliorino l’efficienza fisiologica, attuando una influenza positiva sulla resa produttiva e qualitativa, ottimizzando l’efficienza idrica o il contenuto di composti zuccherini o di altre componenti funzionali, con una sensibile riduzione del marciume apicale (scompenso fisiologico che può ridurre in modo consistente le rese e la qualità dei prodotti trasformati).

Un alto livello di qualità del prodotto all’inizio del processo di trasformazione è indispensabile per ottenere prodotti di elevata qualità: la qualità si crea in campo e la si conserva lungo tutta la filiera, fino ad arrivare al consumatore finale.

RETE DI 17 AZIENDE SPECIALIZZATE NELLA FILIERA DEL POMODORO

La prima filiera del pomodoro in Italia costituita da aziende che coprono l’intera filiera: dallo studio dei suoli, alla fertirrigazione, alla trasformazione, alla vivaistica, alla commercializzazione, alla produzione di macchine per l’industria e per la raccolta.

INTERMEDIAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE: Azienda operante nell’intermediazione di prodotti agroalimentari nei formati sia per l’industria, che per la ristorazione ed il retail, distribuita su tutti i continenti, con una rete di collaboratori esteri, industrie di trasformazione, catene di distribuzione ed importatori.

PRODOTTI PER AGRICOLTURA: Società nell’agribusiness che fornisce da 25 anni prodotti per il settore dell’agricoltura e della zootecnia. Sementi: selezione mirata (cereali, foraggere e orticole) per le esigenze dell’area geografica di coltivazione.
Fertilizzanti: prodotti specifici per la coltura indicata, soluzioni “sofisticate” a “cessione controllata” per garantire crescita equilibrata e produzioni di elevata qualità.
Agro-farmaci: agro-farmaci a basso impatto ambientale per la salvaguardia della salute.
Soluzioni per la zootecnia: genetica, alimentazione e nutrizione, sanificazione dell’ambiente e dell’animale.
Supporto tecnico specialistico: personale tecnico/commerciale per la migliore soluzione secondo gli obiettivi di produzione, assistenza post-vendita per la miglior resa dell’investimento.

MATERIE E SEMI- LAVORATI PER IL FOOD: Società che opera da più di 35 anni nel settore agribusiness, in particolare Food materie prime, semilavorati, frutta e verdura conservata, prodotti finiti. Imballaggi alimentari industriali, macchinari di seconda mano per l’industria alimentare.

MACCHINE PACKAGING: Da oltre 70 anni azienda leader nella costruzione di macchine etichettatrici, incartonatrici e linee speciali per barattoli cilindrici e metallici.

MACCHINE FILTRAZIONE, IRRIGAZIONE, MONITORAGGIO: Azienda che progetta e fornisce impianti di filtrazione, micro-irrigazione, stazioni meteorologiche, sistemi di telecontrollo degli impianti e dell’umidità del terreno, soluzioni informatiche e banche dati, cisterne flessibili per lo stoccaggio dei liquidi, in tutti i settori dell’agricoltura.

PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE MACCHINE: Consulenza per layout industriali nel settore dell’industria dell’agribusiness e in particolare nella industria conserviera, disposizione di macchine e linee in stabilimenti esistenti, sviluppo e progettazione di nuove linee di produzione, risoluzione problemi di qualità e/o resa di produzione, analisi e validazione dei processi termici di stabilizzazione, consulenza a 360° sulla produzione di polpa di pomodoro.

IMPIANTI INDUSTRIA ALIMENTARE: Azienda leader nella progettazione, costruzione e vendita di impianti destinati all’industria alimentare e dell’agribusiness. Implementa linee per la lavorazione del pomodoro e della frutta per l’ottenimento di concentrato, puree, succhi di frutta, marmellate e altri sottoprodotti ed è in grado di realizzare progetti completi ‘chiavi in mano’. Costruzione di impianti di inattivazione enzimatica, estrazione di succo o polpa, concentrazione, chiarificazione, filtrazione, pastorizzazione e sterilizzazione con successivo riempimento asettico, in scatole e in vasi.

MOVIMENTAZIONE: Azienda specializzata in innovativi sistemi di palletizzazione e movimentazione, per garantire la fornitura di prodotti di alta qualità con il massimo risparmio energetico e minimi costi di manutenzione per il Cliente.

ECOSISTEMI: Opera nel settore agro – ambientale: nei ripristini agronomici e miglioramento dei suoli agricoli.
Dispone di laboratorio di analisi chimico – fisiche, microbiologiche nel campo agronomico, ambientale ed industriale.
Dispone di laboratorio di ricerca nel quale vengono sviluppati progetti innovativi nel comparto agrario, ecologico ed industriale e dell’agribusiness in generale.

MACCHINE SEMOVENTI: Leader mondiale nella costruzione e commercializzazione di macchine semoventi per la raccolta del pomodoro, macchine innovative, tecnologiche e più funzionali. Fiore all’occhiello dell’azienda le raccoglitrici per il pomodoro, ma anche macchine per fragole, cipolle, cetrioli, peperone (unica a saper produrre un macchinario per il peperone). Ha progettato delle selezionatrici ottiche, per le proprie macchine, in grado di riconoscere difetti e colori dei frutti indipendentemente dalle condizioni di luce naturale. Ciò garantisce la qualità del prodotto scartando durante la raccolta, pomodori immaturi o sporchi, terriccio e sassi, assicurando la qualità della materia prima. Previsto lancio di motorizzazioni ancora più “ecocompatibili”, per ridurre al minimo sia i consumi sia l’impatto sull’ambiente. Allo stesso tempo macchine maneggevoli, user-friendly e ad elevata produttività.

OPERATORE LOGISTICO: Operatore leader in Italia nel settore della logistica e trasporti del comparto FMCG, può vantare oltre dieci anni di consegne, e partnership con le più importanti Aziende della GDO.

CONFEZIONAMENTO: Da oltre 20 anni nell’ambito del confezionamento dei derivati del pomodoro e della frutta sui mercati nazionale e internazionale con la sua produzione di fusti cilindrici e tronco conici per assicurare ottime prestazioni nel campo della movimentazione e del trasporto dei prodotti alimentari, ed elevati savings in ambito di immagazzinaggio, sicurezza e logistica.

FILIERA AVICOLA

agribusiness filiera polli progetti avicoli

PROGETTI E IMPIANTI AVICOLI CHIAVI IN MANO

L’Azienda con una vasta esperienza nell’agribusiness, realizza progetti chiavi in mano per la produzione di uova e polli da carne, impianti avicoli, sistemi ovaiole, broiler, sistemi alternativi / cage-free, impianti a terra, trattamento della pollina. Progetta capannoni prefabbricati di qualunque dimensione, pulcinaia, ovaiole, polli da carne, riproduttori, sistema di alimentazione e di raccolta uova, silos, rimozione pollina, sistema di abbeveraggio, riscaldamento e ventilazione, sistemi prese d’aria, impianti elettrici e sistemi di allarme, impianti di illuminazione, sistemi di controllo computerizzato.

IMPIANTI PER L’ALLEVAMENTO

La Società propone soluzioni all’avanguardia per la costruzione di impianti per l’allevamento di galline ovaiole, dal 1° giorno di vita fino alla fine del processo produttivo, sistemi completamente integrati per l’allevamento di polli da carne, sistemi automatizzati e computerizzati su abbeveraggio, alimentazione, raccolta della uova, arricchimento Universal Plus, sportello, climatizzazione e riscaldamento, asporto, essiccazione e stoccaggio pollina, gestione computerizzata, capannoni, accessibilità, pulizia.

ATTREZZATURE PER IMPIANTI DI MACELLAZIONE

La Società è leader nella progettazione, costruzione ed installazione di attrezzature dedicate per impianti di macellazione polli, tacchini, conigli e maiali. Grazie all’esperienza maturata sin dal 1956, è in grado di offrire alla propria clientela una gamma completa di macchinari che coprono tutte le fasi del processo, dalla raccolta ed il trasporto dei polli vivi, alla loro macellazione, eviscerazione, raffreddamento, sezionatura e infine disosso. L’azienda utilizza un innovativo metodo denominato LAPS, per stordire ed abbattere i volatili, potendo garantire così il rispetto di tutti i requisiti indicati dalle vigenti normative di legge per il benessere dell’animale.

ATTREZZATURE E LINEE DI MACELLAZIONE

Leader mondiali nella fabbricazione di linee per la macellazione avicola, di conigli e quaglie, oltre che per galletti e polli, impianti e attrezzature per tacchini, oche, anatre, faraone, nonché pernici e piccioni. Progetta, realizza ed installa macchine, impianti e software di supervisione per le linee di macello e servizi di formazione, assistenza tecnica, assistenza post-vendita e tutta la ricambistica.

MACELLAZIONE E LAVORAZIONE CARNI

Realtà aziendale consolidata, leader in Italia e in Europa nel settore della macellazione e della lavorazione delle carni rosse quali bovini, equini, suini, ovo-caprini, e carni bianche quali polli, tacchini e anitre. Progetta, costruisce e installa impianti chiavi in mano per la macellazione, ha una specializzazione in impianti avicoli, dispone di certificazione sanitaria comunitaria e produce impianti nel pieno rispetto delle normative sanitarie CEE e USDA. Produce con cicli noti, formalizzati, codificati e controllati che permettono, prima di tutto, la reperibilità degli stessi (e quindi della qualità dei prodotti) nonché la gestione degli eventuali prodotti non conformi. Impianti per macellazione bovini con produzione fino a 80 capi adulti/ora, suini fino a 500 capi/ora, ovini fino a 600 capi/ora, carni bianche fino a 10.000 capi/ora.

SERRE E SISTEMI PER COLTURE PROTETTE PER PIANTE ED ORTAGGI

agribusiness serre e sistemi colture protette

Azienda operante nell’agribusiness abilitata alla progettazione ed installazione di serre e sistemi per colture protette operando con sistema di qualità ISO 9001. Opera da più di vent’anni nel settore dell’impiantistica ad alto contenuto tecnologico, nel miglioramento continuo dei prodotti, delle tecnologie, dei processi, dei servizi e dei flussi in termini globali. È in grado di realizzare chiavi in mano a partire dalle fondazioni al tetto, sistemi integrati per colture protette, serre di produzione, bancali in alluminio, sistemi computerizzati di fertirrigazione, impianti ad elevata tecnologia, presidiando tutte le attività realizzative: sia la parte classicamente impiantistica, sia quelle parti complementari come le opere civili di sottostruttura, serre di produzione, serre per sperimentazioni ed attività didattiche, aree di lavoro, sistemi di trasporto interni, sistemi ottici vision di calibraggio, bancali, sistemi di riscaldamento, fertirrigazione, flusso e riflusso, idro-sistemi, protezione termica, fog, impianti speciali, sistemi di monitoraggio e computer per serre, sistema elettrico.

L’Azienda studia e realizza progetti personalizzati tenendo conto delle specifiche esigenze di ogni ortofloricoltore, ed esegue la totalità delle opere civili necessarie: portanza del terreno, portata della serra, lavori di sbancamento, zone sismiche, raccolta o smaltimento, fognature, scarichi e convogliamento acque pluviali, pozzetti per cavidotti, corridoi di cemento, plinti di fondazione e dei bancali, flusso e riflusso a terra su calcestruzzo. È inoltre specializzata in strutture:

• Serricole di vetro progettate e realizzate per poter contenere le installazioni tecnologiche più avanzate.
• Installa serre in acciaio, in alluminio e vetro dalle più piccole dimensioni ai più grandi formati.
• Realizza serre per utilizzi sperimentali.
• Serre in vetro o ad arco mediante copertura in materiale plastico, con inclusa l’installazione di specifici impianti in grado di ricreare il microclima ideale per ogni tipo di sperimentazione orticola e floricola.

La regolazione e monitoraggio computerizzato ed assistito di tutti i sistemi consente di archiviare e di poter comparare nel tempo i valori di processo che possono influenzare la crescita delle colture.

LINKS ED APPROFONDIMENTI PER L’ARTICOLO AGRIBUSINESS E FILIERE AGROALIMENTARI:

- Concimazione
- FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations)
- IFAD (Investing in Rural People)
- WFP (Programma Alimentare Mondiale)

- DESK esteri
- Blog elenco
- Articoli carattere internazionale e geopolitica
- Documenti Commercio Internazionale
- Agenzia ICE
- Attività dell’Unione Europea nell’ambito del Commercio Internazionale
- Ministero per lo Sviluppo Economico Italiano
- Definizione Rischio di Credito (da Borsa Italiana)
- SACE
- SIMEST
- EBRD Bank
- Fondo Monetario Internazionale
- Agenzia delle Dogane e dei Monopoli
- Glossario dei termini Doganali

CONTATTACI PER LE FILIERE AGRIBUSINESS

contact IBS by mail

CREDITO RISCHIO TRADE EXPORT FINANCE

CONSULENZA E CORSI, TRADE EXPORT FINANCE & GESTIONE RISCHIO DI CREDITO

credito trade export finance

CONSULENZA & FORMAZIONE SPECIALISTICA “TECNICHE AVANZATE DI COMMERCIO ESTERO” , TRADE & EXPORT FINANCE, GESTIONE RISCHIO DI CREDITO

PER LA CONSULENZA :

Per ricerca partners finanziari, ricerca e negoziazione strumenti bancari per export / trade finance (crediti documentari, stand by, garanzie bancarie internazionali, forfaiting, etc.), gestione crediti export CLICCA QUI

PER I CORSI: PRE-ISCRIZIONE / MANIFESTAZIONE DI INTERESSE :

Mediante il format di contatto che segue indicare:
- Il/i corso/i di interesse mediante il numero identificativo che va da 1 a 14.
- la città o le città più prossime alla vostra residenza o dove siete disponibili a recarvi per partecipare al corso di vostro interesse.
- specificate se siete disponibili anche alla erogazione del corso mediante modalità a distanza (piattaforma digitale).
- i vostri riferimenti completi per consentirci di prendere contatto con Voi.
- eventuali ulteriori richieste.
ORGANIZZAZIONE CORSI : attraverso le manifestazioni di interesse ai corsi, in base al numero di adesioni saranno organizzate aule sia a distanza, sia in presenza in location maggiormente prossime alla residenza dei corsisti, utilizzando anche date di corsi già programmati in collaborazione con altri Enti Formativi nei quali il docente opera. Il costo di partecipazione è in funzione dei parametri sopra indicati e sarà comunicato a seguito di pre-iscrizione. La segreteria didattica di IBS ringrazia per la collaborazione.

contact IBS by mail

INDICE E CONTENUTI DELLA PAGINA :

- SEZIONE A: elenco corsi formazione Commercio Estero, Trade & Export Finance, Gestione Rischio di Credito
- SEZIONE B: informazioni di dettaglio su ogni singolo corso
- SEZIONE C: percorsi consulenziali e consulenza avanzata
- SEZIONE D: informazioni supplementari su metodologia, competenze, certificazioni
- SEZIONE E: informazioni su relatore e consulente
- SEZIONE F: pubblicazioni e tools su trade, export finance, gestione credito (disponibili su richiesta)

credito corsi trade export finance

SEZIONE A: Offerta formativa specialistica “Tecniche di Commercio Estero” , Trade & Export Finance, Gestione Rischio di Credito

ELENCO CORSI OFFERTA DIDATTICA E MODULI PROPOSTI : (seguono i dettagli per ogni corso)

• Modulo n. 1 – Incoterms® 2010 i profili applicativi dei termini di resa nelle compravendite internazionali, problematiche, implicazioni operative, per ottimizzare l’utilizzo e ridurre i rischi.

• Modulo n. 2 – Pagamenti internazionali : pagamenti attivabili in transazioni commerciali con l’estero e relative peculiarità, criticità.

• Modulo n. 3 – L’incasso documentario e le istruzioni per l’uso : trasferimento di competenze operative sulle Documentary Collections, caratteristiche, problematiche, normative, operatività.

• Modulo n. 4 – Pagamenti internazionali & gestione del rischio di credito : gestione ponderata del rischio di insolvenza nell’ambito delle compravendite internazionali, nel breve, medio e lungo termine, tools tra cui strumenti finanziari.

• Modulo n. 5 – Crediti Documentari : caratteristiche e aspetti peculiari, normativa UCP 600 ICC e 745 ICC prassi bancaria internazionale uniforme.

• Modulo n. 6 – Nuova codifica della prassi bancaria internazionale uniforme & gestione operativa lettera di credito : novità dopo la Pubb.ne no. 745 ICC. Percorso formativo iper-specialistico sui crediti documentari, gestione operativa, novità prassi bancaria internazionale uniforme, impatto produzione documenti a corredo di un credito.

• Modulo n. 7 – Workshop – Gestione operativa lettera di credito in funzione della nuova codifica della prassi bancaria internazionale uniforme : percorso formativo super-specialistico, gestione operativa di due lettere di credito, dall’accordo contrattuale all’incasso, analisi del credito e produzione documenti partendo da fattura e packing list.

• Modulo n. 8 – Crediti Documentari e documenti di trasporto : nella preparazione dei documenti di trasporto, analisi discordanze in sede di esame dei documenti a corredo di una lettera di credito. Percorso formativo specialistico per comprendere problematiche e produrre documenti conformi.

• Modulo n. 9 – Avviso di rifiuto nei crediti documentari e nell’ambito delle garanzie bancarie internazionali : comprendere come strutturare in modo corretto un avviso di rifiuto in sede di una non-complying presentation, nel caso di crediti documentari e garanzie bancarie di carattere internazionale. Comportamenti da tenere nei confronti di banche e beneficiari dopo esame documenti. Esercitazioni e casi pratici di operazioni commerciali reali.

• Modulo n. 10 – La LC Import e incarico alla banca per emissione lettera di credito : nell’emissione di un credito documentario, come incaricare la banca nell’emissione delle LC, ottimizzare il processo, permettendo all’importatore nazionale di ridurre i rischi nell’acquisto dall’estero. Dinamiche e problematiche nella designazione e richiesta documenti e assicurazione di trasporto.

• Modulo n. 11 – Garanzie bancarie internazionali caratteristiche delle “guarantee” in uso nell’ambito del commercio internazionale, specificità, criticità. Analisi garanzie bancarie emesse per conto del venditore e compratore. Casi reali, esercitazione su escussione payment guarantee.

• Modulo n. 12 – BPO – Bank Payment Obligation : nuovo strumento di regolamentazione per le imprese che lavorano con l’estero. Funzionamento e posizionamento operativo della BPO, esamina dei principali articoli della URBPO ICC.

• Modulo n. 13 – Export Finance : Strumenti finanziari per il mercato globale : vagliare gli strumenti finanziari ed assicurativi a servizio degli operatori per finanziare e monetizzare il proprio credito all’esportazione. Processi ed operatività del forfaiting, strumenti assicurativi Sace Spa ed intervento di Simest Spa.

• Modulo n. 14 – Assicurazione del credito all’esportazione : analisi ponderata delle soluzioni assicurative per governare il rischio di credito nella sfera delle transazioni commerciali internazionali, nel breve, medio e lungo periodo, verificando il framework normativo di riferimento, e i processi operativi dei prodotti Sace Spa, Sace Bt mettendo in risalto il funzionamento delle attinenti polizze.

SEZIONE B: DECRIZIONE DETTAGLIATA CORSI DI FORMAZIONE SU TRADE & EXPORT FINANCE, TECNICHE COMMERCIO ESTERO, GESTIONE RISCHIO DI CREDITO

Si crede opportuno segnalare che i moduli possono subire, modifiche, essere integrati e resi adeguati alle esigenze e bisogni dei committenti in merito alla durata, contenuto, livelli di approfondimento.

Modulo n. 1: INCOTERMS® 2010 e conseguenti profili applicativi

Profilo Professionale Destinatari : Addetto ufficio estero, export manager, operatore del trasporto, bancario, operatore commercio internazionale.
Livello Corso : intermediate
Impegno orario : 4 ore
Obiettivi del Corso : Malgrado il largo utilizzo degli Incoterms® 2010, permane viva la necessità, da parte degli addetti ed operatori commerciali internazionali, di afferrare meglio le problematicità e la dimensione delle conseguenze operative. Ergo, l’obiettivo che il modulo si prefigura, è di trasferire conoscenze ed abilità tecniche commisurate per assimilarne la ratio e poterne ottimizzare l’utilizzo allo scopo di rendere minimi i rischi nel contesto di una compravendita internazionale.
Contenuti :
• Definizione di Incoterms® o termini di resa e ambito operativo di applicazione
• Cronistoria ed evoluzione degli Incoterms® dal 1936 al 2010
• Gli Incoterms® e il processo di containerizzazione delle merci
• Principi Generali Incoterms®
• Incoterms® e Crediti Documentari (Lettere di credito – LC)
• I termini marittimi e i termini di resa multimodali
• Le sezioni e partizioni della normativa ufficiale
• Dall’EXW (Ex-works) al DDP (Delivered Duty Paid): analisi puntuale di ogni singolo termine di resa;
• Approfondimenti e Commento Wall Chart Incoterms® 2010
• Esame di casi pratici
• Q&A – Questions to Ask Session.

Modulo n. 2: I Pagamenti Internazionali

Obiettivi Formativi: Il presente modulo si fissa l’obiettivo di esporre e chiarire le forme di pagamento che si possono rendere operative in una transazione commerciale con un paese estero caratterizzandone le concernenti peculiarità (settlment, risk mitigation oppure financing).
Contenuti del modulo:
• Le Payment Conditions nel contesto di un International Sale Contract
• Il pagamento nella modalità Open Account
• Contesto di Open account assistito da una demand guarantee o da una standby letter of credit
o Differenzazione tra demand guarantee e SBLC ( standby letter of credit )
o Studio di casi pratici
• Condizione di Pagamento anticipato assistito da una advance payment guarantee
o Esame di una advance payment guarantee
• Illustrazione del concetto di Incasso documentario (Documentary Collection)
o Documents against Payment : D/P
o Documents against Acceptance : D/A
o Documentary Collection: e le Financing Facilities
o Analisi e discussione di casi reali.
• Cos’è “ Il credito documentario ”
o Il credito documentario: definizioni, caratteristiche e peculiarità, struttura, dettagli sul funzionamento, soggetti, profilo operativo, norme di riferimento
o I differenti tipi di crediti documentari: dal “ by payment ”, al “ by deferred payment ”, al “ by acceptance “, infine il “ by negotiation “ e le attinenti prestazioni delle banche
o Procedura di “Conferma di un credito documentario”
• La Bank Payment Obligation: BPO ( Bank Payment Obligation), corretta definizione, soggetti coinvolti, struttura della BPO ed operatività
• L’assegno, la cambiale ( chéque, Bill of Exchange, Promissory Note)
• Incassi automatizzati : trasferimento elettronico dei fondi sul conto del venditore
• Chiarire i concetti e gli strumenti di Settlment, Risk Mitigation o Financing
• Esercitazioni
• Q&A Session (questions and answers).

Modulo n. 3 : Incasso documentario ed istruzioni d’uso

Destinatari e Profili professionali a cui è indirizzato il corso : Operatori uffici estero, export managers, operatori bancari, addetti al commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello : per le tematiche trattate il livello è avanzato
Durata corso : 1 giornata;
Obiettivi didattici : Il modulo in questione intende collocarsi in prossimità dell’ambizioso obiettivo di riuscire a trasferire expertise e competenze operative specialistiche sulle c.d. “Documentary Collections”, esponendone le caratteristiche e rappresentandone gli aspetti più peculiari.
In modo distintivo, si andranno a scandagliare le problematicità e complessità collegate al mancato ritiro dei documenti a destino, nonché le dinamiche caratterizzanti lo smobilizzo del credito sottostante, nella vendita D/A ( Documents against Acceptance ). Sarà dedicato ampio spazio, inoltre, allo studio della normativa URC 522 ICC (Uniform Rules For Collection). Si esamineranno, per concludere, alcuni casi pratici per meglio acquistare dimestichezza con l’operatività dello strumento.
Contenuti del Corso :
• I documenti di trasporto impiegati nel commercio internazionale: CIM (Convenzione Internazionale per le Merci in ferrovia), AWB (Air Waybill ), CMR (Convention des Marchandises par Route), MTD, Bill of Lading
• Le principali forme di regolamento nel commercio internazionale
• L’incasso documentario: definizione, soggetti coinvolti, normative e modalità operative
• “ Collection Cycle “: Le fasi dell’incasso documentario
• D/P ( Documents against Payment ) versus D/A ( Documents against Acceptance )
• Quali sono le differenze tra : “Clean”, “Documentary” e “Direct” Collections ?
• Quando è appropriato applicare l’incasso documentario : quali i vantaggi e gli svantaggi dello strumento;
• Quali sono i Ruoli e le responsabilità in capo alle banche partecipi del processo
• When collection is dishonoured: quali azioni, disamina avvisi e procedure
• D/A ( Documents against Acceptance): come smobilizzare, dunque convertire in denaro il credito sottostante
• Come predisporre ed organizzare la Bill of Exchange (tratta)
• Governare la gestione degli interessi, delle commissioni bancarie e delle spese
• Analisi delle Documentary Collection: “ Creation of Documents ”, “ payment in local and in foreign currency ”, “ protest ” , “ partial payments ” e “ case-of-need ”
• Come esplicitare accuratamente e in modo appropriato le “collection instructions” alla banca
• Analisi di Casi pratici
• Focus: URC 522 ICC (Uniform Rules For Collection): analisi degli articoli principali
• Assessment Test
• Decision making case-study
• Q&A Session (domande e riposte).

Modulo n. 4 : I pagamenti internazionali e l’efficace gestione del rischio di credito

Destinatari a cui è rivolto il corso : Addetti uffici estero di aziende Export, Managers e consulenti d’impresa.
Livello : livello intermediate
Durata corso: da 1 a 2 giornate
Obiettivi Formativi: L’obiettivo del presente modulo è quello di identificare, esplicitandone le caratteristiche, gli strumenti per una gestione fruttuosa e consapevole del rischio di insolvenza nell’ambito del commercio e delle compravendite internazionali, siano esse nel breve come nel medio e lungo termine. Specificatamente si discuteranno gli strumenti con focus nel breve termine, enucleando in particolare gli strumenti finanziari.
CONTENUTI DIDATTICI:
L’Export Credit Risk Management ( Gestione Rischio del Credito in Export)
• Differire attraverso una dilazione di pagamento, come strumento e mezzo per creare valore per il cliente;
• Come governare la gestione del rischio di credito: con quali strumenti?
• La distinzione tra strumenti finanziari e strumenti assicurativi
• Strumenti congrui nel Breve Termine e strumenti nel Medio e Lungo Termine
• Monitorare le variabili critiche: paese, importo, tipologia di merce, cliente, forza contrattuale.
Gli strumenti finanziari operanti nel breve termine e quelli nel medio / lungo termine
• Il credito documentario: definizione di credito documentario, caratteristiche e peculiarità, struttura di una LC, funzionamento, soggetti interessati, operatività, norme di riferimento
• Le varie tipologie dei crediti documentari : by payment, by acceptance, by deferred payment, by negotiation e le collegate prestazioni delle banche
• La fase della conferma di un credito documentario
• Come contraddistinguere il ruolo, gli obblighi e doveri delle banche
• Come avvalersi correttamente di un credito documentario: come generare documenti congrui, uniformi e in linea con le UCP 600 ICC ( Uniform Customs and Practice, Norme ed Usi Uniformi relative ai crediti documentari, contenute nella Pubblicazione numero 600 della Camera di Commercio Internazionale di Parigi ) e la nuova prassi bancaria internazionale uniforme
• Le garanzie bancarie internazionali : payment guarantee e SBLC ( stand-by letter of credit )
• Cenni sul forfaiting e sulle linee open.
Gli strumenti assicurativi
• Dettagli sul contesto normativo: sia internazionale, che comunitario e nazionale
• Il consensus: definizione
• Direttiva UE 98/29 ( del Consiglio, 7 maggio 1998, inerente l’armonizzazione disposizioni in materia di assicurazione crediti all’esportazione, per operazioni garantite sia a medio che a lungo termine ) e Comunicazione UE sul Breve Termine
• Il Decreto Legislativo 143/1998 contenente disposizioni in materia di commercio con l’estero e la Delibera CIPE n. 62/2007 operazioni e rischi assicurabili da SACE S.p.a.
• Il credito fornitore : struttura, funzionamento, operatività. Quali sono i rischi assicurati
• Le polizze Basic Online e Plus One
• Caratteristiche, funzionamento operativo della voltura (cambiamento d’intestazione della proprietà di un bene) di Polizza Sace Spa
• Assicurazione dei crediti all’esportazione: principi cardine, ambiti e campi di operatività, il premio, la globalità, l’indennizzo previsto dalla polizza, l’LMA, la latitudine, le clausole di primo rischio, il recupero del credito, ed infine le franchigie previste;
• Le polizze BT 360° e BT Sviluppo Export
• La polizza Excess of Loss
• Riflessioni e Conclusioni.

Modulo 5: I Crediti Documentari

Destinatari : Operatori uffici estero, export manager, bancari, addetti commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello : livello corso avanzato
Durata Corso : da 1 a 3 giornate in funzione degli obiettivi formativi.
Obiettivi : Il presente modulo tende verso l’ambizioso e sfidante obiettivo di conferire competenze operative specialistiche sui crediti documentari (anche indicati informalmente come lettere di credito), circoscrivendone con accuratezza le caratteristiche e rimarcando gli aspetti più peculiari e le complessità. Ampio spazio sarà assegnato all’analisi della norma UCP 600 ICC e alla valutazione attenta e accurata della nuova pubblicazione 745 ICC relativa alla prassi bancaria internazionale uniforme. Verranno analizzati, infine, molteplici casi pratici per comprendere a fondo l’operatività e i profili applicativi dello strumento.
Contenuti del corso:
• Export Credit Risk Management: come governare e gestire il rischio legato al credito nelle transazioni commerciali effettuate con l’estero
• Le differenze nella forma e nella sostanza tra strumenti finanziari e strumenti assicurativi
• Il credito documentario ( anche indicato come LC lettera di credito) : definizione, caratteristiche e peculiarità, struttura di un credito documentario, funzionamento, soggetti coinvolti ed operatività, normativa di riferimento
• Tipologie dei crediti documentari : by payment, by deferred payment, by negotiation, by acceptance e le correlate prestazioni delle banche
• Come eliminare il rischio banca e rischio paese (country risk): l’operazione di “ conferma di un credito documentario “, la “ silent confirmation “ ed infine “ lo star del credere “
• Come determinare il ruolo delle banche ?
• Cosa si vuol significare con “negotiation” ?
• Cosa si intende per “ Banca designata “ : e quale prestazione ?
• Cos’è una Draft?
• Quale significato si attribuisce a : “ certified ”, “ visaed ”, “ legalized ” ?
• Nel caso di “ Transhipment prohibited “ : si può assumere che sia sicuro ?
• Che cosa significa “ blank endorsed ” ?
• Che ne consegue se si perdono i documenti?
• Esposizione ed approfondimenti in merito alla gestione operativa di un credito documentario / lettera di credito: come generare e presentare documenti conformi allineati con la normativa UCP 600 ICC e con la nuova Pubb.ne 745 ICC riguardante la prassi bancaria internazionale uniforme.
• Analisi e discussione di numerosi casi concreti reali.
• Q & A Session (domande e risposte).

Modulo n. 6 : La nuova codifica inerente la prassi bancaria internazionale uniforme e le implicazioni nella gestione operativa della lettera di credito: le novità contenute nella Pubb.ne no. 745 ICC

Destinatari e profilo professionale : Operatori uffici estero, export manager, profili bancari, addetti al commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello Corso: avanzato
Durata Corso: da 1 a 3 giornate
Obiettivi didattici : Il modulo in questione intende posizionarsi come un percorso formativo di natura iper – specialistica sul tema dei crediti documentari e sulla loro appropriata gestione operativa. Specificatamente, si prenderanno in esame le basilari novità introdotte nella prassi bancaria internazionale uniforme stimandone l’influenza e le ripercussioni nella produzione dei documenti a corredo di un credito documentario.
CONTENUTI DEL MODULO:
• Il credito documentario : definizione e spiegazione dello strumento, attraverso le caratteristiche distintive, la struttura ed il suo funzionamento, soggetti coinvolti, tipologie di credito documentario, operatività e normativa a cui fa riferimento.
• Illustrare e definire cosa si intende per “ Prassi bancaria internazionale uniforme ” : di cosa si sta parlando in modo preciso ?
• Le novità racchiuse nella pubblicazione ISBP 745 ICC :
Considerazioni ed osservazioni Preliminari, Principi Generali della pubblicazione:
• Scopo della Pubblicazione ISBP 745 ICC
• Spiegazione dei “ Certificati “ e “ Dichiarazioni “
• Illustrazione delle “Copie dei documenti di trasporto”
• Chiarimento sui Documenti ai quali non si devono applicare gli artt. 19-25 UCP 600 ICC
• Precisazione sulle definizioni di : “ shipping documents ”, “ third party documents acceptable ” , “ stale documents acceptable ”, “ exporting country ”, “ third party documents not acceptable ”, “ shipping company ” e “ documents acceptable as presented ”
• Perché è importante la lingua di produzione dei documenti
• La modalità per “ firmare un documento “
• Distinguere “ Originali e Copie “
• Cosa sono gli “ Shipping Marks ”
• Esaminare “ Le condizioni non documentarie “
Come preparare i documenti nel pieno rispetto delle nuove indicazioni fornite dalla ISBP 745 ICC:
• Come allestire la “draft”
• Come predisporre la fattura
• Multimodal Transport Document versus Bill of Lading
• Cosa si intende per “ On board notations “
• Bill of Lading versus Non-negotiable Bill of Lading
• Come disporre l’AWB ed il CMR
• Come approntare il certificato assicurativo
• Come procedere alla preparazione del certificato di origine
• Come organizzare il Packing List ed il Weight List
• Come predisporre i Certificati del beneficiario
• Come finalizzare ed allestire i Certificati di analisi, di qualità e quantità, i certificati di ispezione, sanitario e fitosanitario, ecc.
Analisi e studio di casi pratici reali con documenti a corredo
Domande e risposte (Q & A Session).

Modulo n. 7 : Workshop / Laboratorio : Come gestire operativamente la lettera di credito dopo la nuova codifica della prassi bancaria internazionale uniforme

Destinatari e Profilo professionale partecipanti: Operatori ufficio estero, export manager, profili bancari, operatori ed addetti al commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello : avanzato, percorso iper-specialistico
Durata percorso : 2 giornate
Obiettivi Workshop : Il workshop si prefigge di essere un percorso di formazione e training iper-specialistico sul governo e gestione operativa di un credito documentario (talvolta indicato anche come “ Lettera di Credito “, alla luce dei risvolti normativi dopo la nuova pubblicazione inerente la prassi bancaria internazionale per opera della Camera di Commercio Internazionale (CCI) di Parigi. Nel presente modulo è inclusa la gestione operativa di due (2) lettere di credito, attraverso un itinerario formativo che parte dall’accordo contrattuale fino all’incasso. I partecipanti presenti verranno coinvolti, in prima persona, nell’analizzare il credito documentario e nel produrre i documenti, impostando l’analisi a partire dalla fattura e dal packing list. Per ottimizzare l’operatività occorre la disponibilità di una postazione di lavoro, in ragione di una per ogni 3 – 4 partecipanti.
Contenuti Workshop :
1a Parte – Teoria :
• Export Credit Risk Management: come guidare e gestire con efficacia il rischio di credito nell’ambito delle transazioni commerciali con l’estero
• Le differenze esistenti tra gli strumenti di tipo assicurativo e gli strumenti finanziari
• Il credito documentario / lettera di credito : definizione, caratteristiche ed aspetti peculiari, struttura ed architettura di un credito documentario, funzionamento, soggetti coinvolti, profili operativi e norma di riferimento
• Le differenti famiglie di crediti documentari: a partire da “ by payment” , “ by deferred payment “, ed ancora “ by negotiation “, ed infine “ by acceptance “, e le conseguenti prestazioni delle banche
• Come cancellare il rischio banca e il country risk (rischio paese) : cosa si intende per “ conferma di un credito documentario “, significato di “ silent confirmation “ e dello “ star del credere “
• Verifica del ruolo della banca: come determinarlo ?
• Cosa si vuole intendere per “ negotiation ” nell’ambito di un credito documentario ?
• Cosa si intende per Banca designata : e quale prestazione ?
• Analisi e discussione su casi pratici.
2a Parte –Esercitazioni e Workshop
I partecipanti presenti, preventivamente suddivisi in gruppi, saranno coinvolti nella preparazione dei documenti a corredo di due (2) crediti documentari, caratterizzati da un livello crescente di difficoltà. Al termine del Workshop seguirà una sessione di dibattito e disamina con analisi e confronto sugli esiti.

Modulo n. 8 : I Crediti Documentari e come predisporre i documenti di trasporto

Destinatari del Corso : Operatore ed addetto ufficio estero, profili bancari, vettori e spedizionieri, consulenti d’impresa.
Livello Corso : avanzato, percorso altamente specialistico
Durata: 1 giornata
Obiettivi Corso : In sede di esame e preparazione dei documenti a corredo di un credito documentario (talvolta indicato come “ lettera di credito “), il maggior numero di discrepanze ed incongruenze, riguarda i documenti di trasporto. Di conseguenza, il modulo in questione vuole essere un percorso formativo specialistico di elevata expertise, imperniato sulla corretta preparazione dei documenti di trasporto a corredo di un credito documentario, con l’obiettivo di rimarcare ed assimilare le relative problematicità , le discordanze al fine di produrre dei documenti conformi privi di elementi che pregiudichino il successo dell’operazione.
CONTENUTI :
• Il credito documentario : un excursus tra gli elementi fondanti di un credito documentario, o talvolta indicato come lettera di credito, dalla definizione, alle caratteristiche e alla struttura, per passare al funzionamento, ai soggetti interessati, le varie tipologie di credito, l’operatività e le normative di riferimento;
• La ineccepibile preparazione dei documenti di trasporto nel pieno rispetto delle UCP 600 ICC e delle addizionali indicazioni della ISBP 745 ICC :
o Il documento “ Multimodal Transport Document “
o Peculiarità della “ Bill of Lading “
o Documento “ Sea-Way Bill “
o La “ Charter Party Bill of Lading “
o Air Transport Document
o I documenti “ Road, Rail “ oppure “ Inland Waterway Transport Documents “
o Infine i “ Courier Receipt” , “ Post Receipt” oppure “ Certificate of Posting “
• Per ogni singolo documento di trasporto, verranno analizzati i seguenti aspetti : emissione documento, identificazione vettore, firma, data spedizione, descrizione della merce, correzioni, shipper e girata, la notify party, la consignee, i trasbordi eventuali, il corretto trattamento delle copie di tutti i documenti di trasporto.
• Analisi degli artt. 26 e 27 della UCP 600 ICC : nello specifico “ On Deck ”, “ Shipper’s Load and Count ”, “ Clean Transport Document ”,“ Said by Shipper to Contain ” and “ Charges Additional to Freight ” .
• Focus su: On board notations e relative specifiche eccezioni: analisi completa delle possibili opzioni.
• Esercitazioni ed analisi di casi reali
• Q & A (Domande e Risposte).

Modulo n. 9: Avviso di rifiuto nell’ambito dei crediti documentari e garanzie bancarie internazionali

Destinatari : Operatori uffici estero, addetti bancari e consulenti d’impresa.
Livello corso : avanzato, percorso ad alta expertise
Durata: 1 giornata;
Obiettivi Didattici: Il presente modulo si pone il concreto obiettivo di comprendere le modalità per strutturare in modo corretto un avviso di rifiuto nell’ambito di una “ non-complying presentation “, sia nel contesto di crediti documentari, sia nel merito di garanzie bancarie internazionali. In modo più specifico, si andranno ad analizzare i comportamenti più consoni da tenere per banche ed anche beneficiari successivamente all’esame dei documenti. Durante il percorso ed intervento formativo saranno presi in esame diversi casi reali con riferimento ad operazioni commerciali concrete e realmente avvenute. Per meglio discernere e far proprie le problematiche e le complessità di un avviso di rifiuto, nell’ambito dei crediti documentari e garanzie bancarie internazionali, è altresì contemplata una esercitazione.
Contenuti del presente modulo :
• Il credito documentario ( o lettera di credito ) : partendo dalla definizione particolareggiata, si prenderanno in esame le caratteristiche, la struttura, il funzionamento ed i profili operativi, i soggetti coinvolti, le tipologie di credito documentario, l’operatività ed infine il quadro normativo di riferimento.
• Il ruolo della banca o banche nell’ambito di un credito documentario
• La “ Complying presentation “ versus “ non-complying presentation “ : gli effetti e i comportamenti
• La “ Complying presentation “ e i successivi atti o comportamenti della banca
• “ Non-complying presentation “ e conseguenti comportamenti delle banche: analisi minuziosa ed esaustiva dell’art. 16 UCP 600 ICC
• Come pianificare ed articolare correttamente un avviso di rifiuto
• Nel caso dell’emissione o messa in circolazione di un avviso di rifiuto non corretto : precisazioni sulla portata dell’art. 16f UCP 600 ICC nei confronti di banche e anche beneficiari
• Avviso di rifiuto: MT799, MT734 oppure manuale ?
• MT734 codes: analisi dei codici “ HOLD “, “ NOTIFY “, “ RETURN “, “ PREVINST ”
• Avviso di rifiuto nelle norme URDG 758 ICC: focus e analisi dell’ art. 24
• FOCUS SPECIALISTICI : Studio completo dei seguenti casi reali :
o LC (lettera di credito) Iraq mediante Banca confermante italiana
o LC (lettera di credito) Giordania attraverso Banca confermante italiana
o Fortis Bank e Stemcor UK Limited versus Indian Overseas Bank
o LG Serbia mediante banca serba garante.
• Analisi e studio di svariati casi concreti ed esercitazioni
• Q & A Session (question to ask).

Modulo n. 10 : La Lettera di credito LC Import : Come affidare l’incarico alla banca per l’emissione di un credito documentario

Destinatari del Percorso : Operatori uffici estero, export manager, profili bancari, addetti al commercio internazionale ed infine consulenti d’impresa.
Livello : avanzato, ad elevata expertise
Durata corso: 1 giornata
Obiettivi didattici: L’obiettivo del presente modulo è quello di ottimizzare il processo mediante il quale si incarica la propria banca di emettere delle LC ( lettere di credito ), permettendo all’importatore nazionale di circoscrivere e contenere idealmente sino a neutralizzare i rischi collegati ai processi di acquisto da paesi esteri. Nella sostanza, si andranno a sottoporre ad accurata valutazione le dinamiche attinenti le problematiche correlate alla designazione e richiesta dei documenti di trasporto nonché di assicurazione.
Contenuti del Modulo :
• Il credito documentario : definizioni, caratteristiche peculiari, struttura del credito, funzionamento, soggetti e responsabilità, operatività nel concreto, normative di riferimento
• Classificazione delle differenti tipologie di credito documentario: “ by payment “, “ by deferred payment “,“ by negotiation “ , “ by acceptance “ e le corrispondenti prestazioni erogate dalla banca
• Come cautelarsi e salvaguardare la propria posizione dal potenziale rischio di ricevere della merce “ non conforme “
• Considerare i “ limiti all’autonomia di un credito documentario “
• Utilizzare il credito presso la banca estera: quali effetti provoca sull’applicant ?
• Se si esclude l’applicazione dell’Art. 12 b UCP 600 ICC ?
• Come governare efficacemente il rischio per il viaggio dei documenti
• Prestare attenzione alla “ lingua dei documenti “ : esamineremo il perché
• Il documento di trasporto : innanzitutto chi lo deve emettere? E secondariamente chi lo deve firmare e come ?
• Il seguente esito : “ Transport document issued by a freight forwarder is not acceptable ”: quali effetti e relative conseguenze determina sul credito ?
• In merito agli Incoterms®, perché evitare l’uso del termine CIF ( Cost, Insurance & Freight )
• Come articolare e predisporre la richiesta del certificato di assicurazione
• Case histories : analisi casi pratici
• Esercitazioni : nel corso dell’esercitazione il partecipante provvederà ad incaricare la banca affinché provveda alla emissione di un credito documentario
• Domande e Risposte (Q & A session).

Modulo n. 11 : Le garanzie bancarie internazionali

Destinatari del corso: Operatori uffici estero, export manager, profili bancari, addetti commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello corso: avanzato
Durata : 1 giornata
Obiettivi didattici : Il presente modulo si pone l’obiettivo di identificare e trasferire le caratteristiche fondanti delle “ guarantee ” in uso nell’ambito del commercio internazionale, allo scopo di sviscerare ed assimilare le peculiarità nonché le problematiche che caratterizzano le garanzie bancarie internazionali. Nel corso dell’intervento il relatore analizzerà sia le garanzie bancarie emesse a nome del venditore, sia le garanzie bancarie emesse per conto di chi compra, dunque a nome del compratore. Il modulo contempla, in aggiunta, lo studio di numerosi casi concreti di garanzie bancarie ed una sezione dedicata ad una esercitazione sul tema della escussione di una payment guarantee.
Contenuti del Corso:
• Le garanzie bancarie internazionali : descrizione delle caratteristiche e peculiarità, funzionamento e l’operatività, soggetti, le normative di riferimento e le funzioni
• Dalla fidejussione fino alla garanzia bancaria autonoma
• Distinzione tra “ Garanzia Bancaria diretta “ e “ Contro-Garanzia “ : quali sono le differenze ?
• Descrizione delle diverse tipologie di “ guarantee ” :
Payment Guarantee e SBLC ( Stand By Letter of Credit )
Advance Payment Guarantee
Tender Guarantee ( Bid Bond )
Retention Money Guarantee ( tipo di fideiussione bancaria )
Performance Guarantee
Ed infine le Warranty Guarantee
• Le norme URDG 758 ICC : analisi critica dei principali articoli, disuguaglianze rispetto alle ISP 98 ICC
• Norme URDG 758 ICC / ISP98 / UCP 600 : analisi delle differenze
• Come articolare in modo corretto il testo di una “ guarantee ”
• Case history : analisi di numerosi casi concreti di Stand by Letter of Credit ( SBLC ) e di garanzie bancarie internazionali.
• Esercitazioni : nel corso della esercitazione il partecipante potrà misurarsi sul tema di come escutere una payment guarantee – “ Il caso Cipro “.

Modulo n. 12 : BPO – Bank Payment Obligation : il nuovo strumento di regolamento per tutte le imprese che operano con l’estero

Destinatari Corso : Operatori ufficio estero, export manager, profili bancari e addetti al commercio internazionale.
Livello corso : avanzato, percorso specialistico
Durata corso : 1 giornata
Obiettivi didattici : Descrivere e chiarire il funzionamento operativo ed il posizionamento della BPO ( Bank Payment Obligation ), mediante l’esame dei fondamentali articoli della norma URBPO ICC.
Contenuti del Corso :
• Gli attuali scenari e le future prospettive del commercio internazionale
• Posizionamento della BPO ( Bank Payment Obligation )
• I benefici / vantaggi per banca, compratore e venditore
• Bank Payment Obligation ( BPO ) : definizione e quadro di insieme, soggetti coinvolti, funzionamento, struttura, operatività e peculiarità
• Definizioni : cosa si intende per “ Baseline”, e per “ Established Baseline “ , “ Obligor Bank “ , “ Recipient Bank “, “ Submitting Bank “ , “ Payment Obligation Segment “ , “ Zero Mismatches “ , “ Transaction Matching Application “
• BPO versus LC / LG : quali sono le differenze ?
• BPO ( Bank Payment Obligation ) e le differenti possibili modalità di finanziamento
• La Silent BPO ( Bank Payment Obligation )
• Cosa sono i messaggi “ ISO 20022 TSMT “ e i messaggi “ Transaction Matching Application “
• Cosa si intende per “ BPO Flow “
• BPO ( Bank Payment Obligation ) : Establishing a Baseline
• Il processo di modifica di una BPO
• Fulfilling a BPO ( Bank Payment Obligation )
• Cosa si intende per “ Single Shipments “ e “ Partial Shipments “
• Nel caso di “ Data Match / Data Mismatch on Data Set Submission “ : quali effetti ci si può attendere ?
• “ TMA pre-match facility “ , “ TMA data & message matching rules “ , “ TMA transaction states “ , “ TMA special requests “
• Cosa si intende per “ Corporate to bank messaging “
• Operatività attuale e diffusione della BPO ( Bank Payment Obligation ).
Focus : Approfondimento dei principali articoli delle norme Uniform Rules for Bank Payment Obligation (URBPO), e della Pubbl.ne no. 750 ICC in vigore dal 1 Luglio 2013 :
o Art. 3 : Bank undertaking is irrevocable and independent
o Art. 6 : Bank Payment Obligations versus Contracts
o Art. 7 : Data versus Documents, Goods, Services or Performance
o Art. 10 : Undertaking of an Obligor Bank
o Art. 12 : Disclaimer on Effectiveness of Data
o Art. 13 : Force Majeure
o Art. 14 : Unavailability of a Transaction Matching Application
o Art. 15 : Applicable Law
o Art. 16 : Assignment of Proceeds
• Assessment test e Valutazione
• Q & A session ( Domande e Risposte )
• Conclusioni e Riflessioni

Modulo n. 13 : Export Finance : quali strumenti finanziari – assicurativi per il mercato globale

Destinatari Corso : Operatori uffici estero, export manager, addetti commercio internazionale, consulenti di direzione e d’impresa.
Livello corso : intermediate
Durata : 1/2 giornate
Obiettivi didattici : Il seminario si fissa l’obiettivo di considerare e analizzare nel dettaglio gli strumenti sia finanziari che assicurativi disponibili per gli operatori per poter finanziare e smobilizzare ( convertire in denaro liquido ) i propri crediti all’esportazione. Si prenderanno in esame ponderandone con attenzione le operatività sia del forfaiting, che degli strumenti di tipo assicurativo proposti e disponibili tramite Sace Spa mediante il relativo intervento e assistenza della Simest Spa.
Contenuti Corso :
• Come è possibile finanziare le vendite internazionali : con quali strumenti e con che modalità ?
• Il Forfaiting : cos’è, l’operatività dello strumento, quali i costi e i vantaggi
• Il contesto normativo in cui si opera : sia internazionale, che comunitario e nazionale
• Cos’è “ Il consensus “
• Analisi della “ Direttiva UE 98/29 del Consiglio del 7 maggio 1998 “ e Comunicazione UE sul Breve Termine
• Il Decreto Legislativo 143 del 31 marzo 1998 e la Delibera CIPE n. 62 del 20 luglio 2007
• Cos’è il “ credito acquirente “ : la struttura e il funzionamento
• Le linee open: descrizione e operatività
• Cosa si intende per “ polizza conferma di credito documentario “ e “ CreDoc on line ”
• Il credito fornitore: descrizione, architettura e funzionamento operativo. I rischi assicurati
• Cosa si intende per “ polizze Plus One “ e “ Basic Online “
• Cos’è la “ voltura di Polizza Sace Spa “ : caratteristiche, peculiarità e funzionamento operativo
• Le garanzie finanziarie di Sace Spa : descrizione e profili operativi
• Esercitazioni e caso pratico : analisi di una vendita di un impianto in Etiopia
• Conclusioni e Discussione.

Modulo n. 14: Assicurazione del credito all’esportazione

Destinatari corso : Operatori uffici estero, export manager, addetti commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello corso : intermediate
Durata : 1 giornata
Obiettivi didattici : Obiettivo del presente seminario è quello di considerare e scandagliare le soluzioni assicurative a disposizione degli operatori per gestire con efficacia il rischio di credito nell’ambito delle transazioni commerciali internazionali, nel breve e medio-lungo termine. Specificatamente, si esplorerà il quadro normativo di riferimento per una visione di insieme e si vaglieranno le operatività nel concreto dei prodotti Sace Spa e Sace Bt, portando in risalto il funzionamento delle polizze relative.
Contenuti corso:
• Come gestire efficacemente il rischio di credito : le fondanti differenze tra strumenti finanziari e strumenti assicurativi
• I più significativi vantaggi della soluzione assicurativa
• Esame del contesto normativo : nei contesti internazionale, comunitario e nazionale
• Cosa si intende per “ consensus “
• Direttiva UE 98/29 del Consiglio del 7 maggio 1998 e Comunicazione UE sul Breve Termine
• Il Decreto Legislativo 143/1998 del 31 marzo 1998 e la Delibera CIPE n. 62/2007 del 20 luglio ;
• Il credito fornitore : struttura operativa, funzionamento, e i rischi assicurati
• Descrizione e funzionamento delle polizze Plus One e Basic Online
• In cosa consiste la voltura di Polizza Sace Spa: peculiarità, caratteristiche, architettura e funzionamento operativo
• Assicurazione dei crediti all’esportazione : principi cardine, gli ambiti di applicazione e l’operatività degli strumenti, la globalità, il premio della polizza, l’indennizzo previsto, l’LMA, cosa si intende per “ la latitudine “, il recupero del credito, esame delle clausole di primo rischio, verifica delle franchigie.
• La polizza BT Sviluppo Export e la polizza BT 360°
• La polizza Excess of Loss.

credito consulenza trade export finance

SEZIONE C: DETTAGLI SUI PERCORSI CONSULENZIALI E CONSULENZA AVANZATA SU TRADE EXPORT FINANCE E GESTIONE DEL RISCHIO DI CREDITO NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE

La consulenza, riguarda gli ambiti operativi :

INCOTERMS® 2010 : scegliere il termine di resa più allineato alle esigenze, quanto impatta sulle forme di pagamento, sui crediti documentari, quali obblighi e quali responsabilità delle parti, ecc.
INCASSI DOCUMENTARI : definizione strumento per gli aspetti contrattuali : (D/P) Documents against Payment versus (D/A) Documents against Acceptance; esame degli obblighi e il ruolo delle banche nel pieno rispetto della norma URC Pubbl. 522 ICC; quali azioni, esame degli avvisi e procedure nel caso in cui il pagamento non venisse effettuato; (D/A) Documents against Acceptance: come smobilizzare (monetizzare) il credito sottostante; come impostare la Bill of Exchange (tratta). Come gestire gli interessi, le spese nonché le commissioni bancarie; come gestire i seguenti aspetti peculiari : “ Creation of Documents ”, “ partial payments ”, “ payment in local and in foreign currency ”, “ case-of-need ” e “ protest ” e come specificare in modo corretto le “collection instructions” alla banca.
CREDITI DOCUMENTARI : definizione LC (lettera di credito) in termini contrattuale, analisi del testo della LC, eventuale proposta di modifica, ricerca della banca confermante, valutazione degli obblighi e delle responsabilità della banca, determinare la conformità dei documenti relativamente alla normativa UCP 600 ICC e alla norma inerente la Prassi Bancaria Internazionale Uniforme, esame avviso di rifiuto della banca, gestire contenzioso eventuale con la banca in tema di discordanze, varie comunicazioni, ecc.
GARANZIE BANCARIE INTERNAZIONALI E SBLC ( STANDBY LETTER OF CREDIT ) : definizione LG / Standby Letter of credit nell’ambito del contratto, verifica testo LG / Standby Letter of Credit, avanzare eventuali modifiche / integrazioni / o clausole, scouting banca confermante (oppure banca garante), quali obblighi e responsabilità della banca, accertamento della conformità dei documenti nel pieno rispetto alle normative UCP 600 / ISP98 / URDG 758 ICC, corretta gestione della escussione, governo di un contenzioso eventuale con la banca relativamente a discordanze, varie comunicazioni, ecc.
BPO – BANK PAYMENT OBLIGATION : assistenza completa nel gestire lo strumento: definizione contratto con il cliente, ricerca del Obligor Bank / Recipient Bank, scouting banca per l’emissione della “ silent confirmation ” (anche chiamata “ silent obligation ”), verifica della contrattualistica, individuazione di una Baseline, eventuali modifiche della BPO, assistenza nel caso di Data Mismatch, supporto secondo normativa URBPO ICC Pubblicazione Numero 750.
ASSICURAZIONE DEL CREDITO : isolare la soluzione assicurativa più consona e conveniente per le esigenze delle parti coinvolte, analisi della relativa contrattualistica, ecc.
EXPORT FINANCING : individuare e gestire lo strumento più consono per finanziare esportazioni di beni di investimento: dal forfaiting, alle linee open, per passare alle polizze Sace Spa e conseguente Voltura.
FORFAITING : scouting forfaiter per usufruire dello sconto pro soluto di LC / promissory notes, alle più convenienti condizioni di mercato, studio della contrattualistica, governo della completa operazione.
PRODOTTI ASSICURATIVI SACE SPA : individuare il prodotto assicurativo più adeguato rispetto ai bisogni delle parti.

RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO ” ZERO DISCREPANCY “:
Assistere il cliente nella gestione operativa delle LC Lettere di Credito, attraverso un servizio innovativo di assistenza e consulenza tecnica. Il servizio include:
• coinvolgimento eventuale nell’accordo commerciale tra le parti per caratterizzare, a monte, le connotazioni e gli attributi della LC (lettera di credito)
• analisi LC ed eventuali modifiche
• ricerca eventuale banca confermante
• produrre documenti pertinenza beneficiario dietro la presentazione di fattura, inoltre packing list ed altre utili informazioni per la produzione dei documenti
• gestire relazioni con enti terzi (spedizioniere, la società di ispezione, ecc.) per produrre i documenti di pertinenza
• preparare le bozze di documenti da generare a cura di enti terzi come per esempio CCIAA (Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura)
• esame dei documenti che sono stati prodotti da enti terzi (per es. Eur1, ATR, Certificati di Ispezione, Certificati di Assicurazione, ecc.) dove non risulta possibile arrivare a produrre bozze di cui sopra
• eventuali presentazioni dei documenti presso la banca a nome del beneficiario
• eventualmente gestire il contenzioso con la banca relativamente a discrepanze, a normative, ecc.
QUALI I VANTAGGI:
- arrivare ad azzerare le c.d. discrepancy fee
- minimizzare le commissioni bancarie
- garantire pagamenti certi e “on time”
- ridurre la DSO (Days Sales Outstanding)
- ottimizzare la tesoreria aziendale
- ottimizzare la relazione commerciale con il cliente
- gestire in modo ottimale le risorse umane in azienda, destinandole ad altre funzioni.
FUNZIONAMENTO ED OPERATIVITÀ :
- dopo aver definito il credito, viene validato dal consulente
- il beneficiario provvede a spedire la merce
- il beneficiario può inviare al consulente la fattura, packing list ed informazioni ulteriori eventuali per la produzione i documenti
- il consulente può così preparare :
• file pdf (che include eventuale “draft”, extra-copy documenti, comunicazioni fax da inviare a soggetti terzi, ecc.) con inclusi tutti i documenti attinenti il beneficiario, copie previste dal credito
• eventuale, modello Certificato di Origine (stampare su formulario CCIAA)
• bozze documenti a cura di terzi (documento di trasporto, dichiarazioni varie, ecc.)
• mandato mediante il quale portare i documenti in banca.
- Il beneficiario riceverà una comunicazione con annesse istruzioni per utilizzare in modo corretto il credito a mezzo email / Pec con mandato – il tutto da riportare su propria carta intestata – file pdf documenti di pertinenza, il tutto da stampare e successivamente firmare. Il beneficiario riceverà i documenti nel formato originale dagli enti terzi e consegnerà i documenti in banca.

credito competenze trade export finance

SEZIONE D: COMPETENZE ED INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI

MISSION
Creare valore per importatori, esportatori mediante fornitura servizi specialistici ad alto valore aggiunto nell’ambito del commercio internazionale, allo scopo di migliorare le performance sui mercati internazionali.

COMPETENZE DISTINTIVE RELATORE
- Oltre 15 anni di relazioni con enti, banche, ed associazioni industriali, sistema camerale nazionale, aziende.
- Certificazioni ICC Certificates of Achievement on: Incoterms® 2010, Mentor 600, URC 522 ICC and Collections, URDG Master, ISBP On line, URBPO ICC, Introduction to Trade Finance, Going Global, DC Master, ISP Master.
- Progettualità formative e consulenziali con Camere di Commercio e ICE-Agenzia.
- Servizi formativi consulenza ed assistenza ad elevata specializzazione nel Trade, Export Finance.
- Governo dinamiche relative alla corretta gestione del rischio di credito nell’ambito delle transazioni commerciali internazionali.
- Credit risk management, valutazione, controllo, risoluzione rischio di credito mediante operazioni assicurative nonché finanziarie, nel breve termine mediante il Trade Finance e nel medio-lungo termine attraverso l’attività di Export Finance.
- Competenze specialistiche su vari strumenti finanziari nel breve termine: Crediti Documentari, SBLC (Standby Letter of Credit), Garanzie Bancarie internazionali e anche Bank Payment Obligation.
- Competenze specialistiche in svariati segmenti tematici legati alla Consulenza e Formazione Commercio Estero e Internazionalizzazione delle Imprese:
• Internazionalizzazione delle Imprese
• Incoterms® 2010
• Export Management
• Crediti Documentari e SBLC (Stand By Letter of Credit)
• Incassi Documentari
• Garanzie Bancarie Internazionali
• BPO – Bank Payment Obligation
• Assicurazione del credito
• Export Financing
• Prodotti Assicurativi Sacebt e Sace Spa
• Forfaiting

CERTIFICAZIONI
ICC Certificates of Achievement :
• Incoterms ® 2010
• Introduction to Trade Finance (EBRD European Bank for Reconstruction and Development Certificate)
• URC 522 and Collections (ICC Uniform Rules for Collections)
• URDG Master (URDG 758 ICC)
• URBPO (Uniform Rules for Bank Payment Obligations)
• ISBP On line (ISBP 745 ICC), La nuova Prassi Bancaria Internazionale Uniforme
• Mentor 600 (UCP 600 & Documentary Credits)
• DC Master (Advanced Online Training & Instruction in Documentary Credits)
• Going Global – ICC training on trading internationally (EN)
• ISP Master (Advanced Online Training & Instruction on ISP98 ICC)
• “TFP Professional Award for top class winning answer under EBRD TFP Trade Clinic” rivista Trade Exchange – The Ebrd’s Trade Facilitation Programme, Technical Trade Finance Forum, by ICC Georgia 2015.

LA FORMAZIONE SPECIALISTICA
Partner formativo e attività formative, su tematiche collegate alla internazionalizzazione d’impresa, progettazione coordinando strutturati e customizzati percorsi formativi secondo esigenze committente. Destinatari: operatori commerciali e addetti ufficio export, profili bancari, export manager, consulenti d’impresa o giovani studenti.

METODOLOGIA DIDATTICA
Lezioni frontali, proiezione diapositive, utilizzo lavagna fogli mobili, interazioni costanti con i partecipanti. Attività didattica assistita da metodologie finalizzate a consentire al partecipante di sentirsi protagonista del processo didattico di apprendimento. Casi aziendali concreti, reali, role playing, utilizzo di business game, metodi didattici ed analisi casi concreti, ricostruzione problemi aziendali, elaborando schemi di riferimento che spingano all’azione e specifiche situazioni offerte dalla didattica per sperimentare le competenze acquisite.

I MATERIALI DIDATTICI
Esercitazioni e casi pratici, materiale descrittivo, slides e articoli, in formato elettronico.

credito trade export finance specialist

SEZIONE E: Profilo consulente, relatore Dr. Domenico Del Sorbo

Il Dr. Domenico Del Sorbo, si laurea in Economia del Commercio Internazionale e Mercati Valutari, diploma MBA in International Business – MIB – School of Management – Trieste MBA Accreditato AMBA e ASFOR. Profondo conoscitore dei processi di internazionalizzazione delle Imprese e del governo del rischio di credito nell’ambito delle transazioni commerciali a carattere internazionale. Particolarmente esperto di strumenti di Trade ed Export Finance. Ha conseguito le seguenti certificazioni: ICC Certificates of Achievement on Mentor 600 (UCP 600 and Documentary Credits), URDG Master (Online Training & Instruction in URDG 758 ICC), Incoterms ® 2010, URC 522 and Collections, URBPO (Uniform Rules for Bank Payment Obligations), ISBP On line (ISBP 745 ICC), DC Master (Advanced Online Training and Instruction in Documentary Credits), Introduction to Trade Finance (Online Training in Trade Finance ), Going Global – ICC training on trading internationally EN (EBRD Certificate), ISP Master (Online Training Programme in Standby Credits and ISP98). Consulente e trainer presso Camere di Commercio in Italia, enti, associazioni industriali, Ice-Agenzia. Ha attive collaborazioni con: Business School de Il Sole 24 Ore, Fondazione Aldini Valeriani. Scrive per newsletter del sistema camerale italiano e per Mercato Globale. È impegnato in attività di assistenza e consulenza specialistica nel frangente dei crediti documentari, garanzie bancarie per diverse PMI (piccole e medie imprese). È consulente per conto di Sistema Camerale Servizi S.r.l. (già Mondimpresa), Unioncamere Lombardia, Unioncamere Puglia, Unioncamere Campania, CCIAA di Chieti, CCIAA di Ferrara, CCIAA di Pescara, CCIAA di Forlì-Cesena.

PROGETTI EDITORIALI
Servizi per preparare articoli sui temi “ tecniche di commercio estero ” e coordinamento scientifico nell’ambito di pubblicazioni inerenti le tecniche di commercio internazionale.

SEZIONE F: Pubblicazioni e Tools ( disponibili agli utenti che ne faranno richiesta previa iscrizione al sito dedicato )

ELENCO PUBBLICAZIONI:
• Global Trade Finance Program IFC
• Crediti Documentari : preparazione della Charter Party Bill of Lading
• La banca designata nell’ambito di un credito non confermato
• La banca designata nel frangente di un credito confermato
• LC Lettere di credito: dopo il cambio della normativa
• La banca emittente : in una LC credito documentario
• Il finanziamento della attività di esportazione attraverso le operazioni di credito documentario
• BPO – Bank Payment Obligation : il nuovo strumento per regolare gli scambi degli operatori del commercio internazionale
• BPO – Bank Payment Obligation : funzionamento ed operatività
• BPO – Bank Payment Obligation: la normativa di riferimento
• LC – Crediti Documentari: “ on the basis of the documents alone “
• LC – Crediti Documentari: come allestire i ‘beneficiary’s certificate’
• LC – Crediti Documentari: come disporre la draft
• LC – Crediti Documentari: come predisporre il weight list
• LC – Crediti Documentari: come organizzare il packing list
• LC – Crediti Documentari: il ruolo banca avvisante
• LC – Crediti Documentari: come predisporre la Bill of Lading
• LC – Crediti Documentari: come disporre il documento di trasporto multimodale
• LC – Crediti Documentari: come allestire il Certificato di Origine
• LC – Crediti Documentari: come predisporre il documento di trasporto aereo
• LC – Crediti Documentari: come allestire la Sea WayBill
• LC – Crediti Documentari: come disporre il documento di trasporto su strada
• LC – Crediti Documentari: come preparare correttamente la fattura

GUIDE DISPONIBILI :
• Guida: Export Credit Risk Management

TOOLS DISPONIBILI SU RICHIESTA: Si prega di inviare richiesta attraverso il sito nella sezione contatti.
• FIATA – FWB NN MULTIMODAL WAYBILL
• FIATA – Shippers Intermodal Weight Certification “ SIC “
• NEGOTIABLE FIATA MULTIMODAL TRANSPORT BL
• SWIFT Transportation Fields
• Scheda Clauses in Bills of Lading Allowing for Release of Goods without Requiring Presentation of the Original
• Signing a Transport Document, under UCP 600 ICC
• Lost in transit documents, under UCP 600 ICC
• Formulario relativo al Certificato di Origine
• Formulario CMR
• On board notation summary
• Swift Trade Messaging Trends 2015
• CMI Uniforms Rules for Sea Waybills
• Opinion Handling Procedures & TORs
• Features Strumenti Finanziari
• Straight versus To Order Transport Document
• Movements
• Rotterdam Rules & Hamburg Rules
• Incoterms® 2010 e LC Crediti Documentari
• LC – Crediti Documentari: il ruolo della Banca
• LC – Crediti Documentari: On Board Notation
• Settlement, Risk Mitigation oppure Financing?
• Scheda Finanziaria di Iran 2016
• Scheda Finanziaria di Arabia Saudita 2016
• ICC Notes, on the principle of strict compliance
• Recommendation 12 Measures to Facilitate Maritime Transport Documents Procedures
• Uniform Commercial Code
• UCP 700 ICC Wish List
• Mappa dell’Assicurazione del credito
• Slides Le garanzie bancarie nel commercio internazionale
• United Nations Convention on independent guarantees and SBLC (Standby letters of credits)
• Slides – ISBP 745 ICC
• Slides – Incoterms® 2010
• Slides – Incasso Documentario
• Slides – LC – I crediti documentari
• Slides – Export Finance
• Slides BPO (Bank Payment Obligation)
• The Hague-Visby Rules
• Institute Cargo Clauses
• Convenzione di Varsavia del 1929
• Convenzione di Montreal del 1999
• FIATA, FCR Forwarders Certificate of Receipt
• Fiata – Negotiable Multimodal Transport Bill of Lading
• FIATA FFI, Fiata Forwarding Instructions
• FIATA FCT, Forwarder Certificate of Transport
• FIATA, FWR Fiata Warehouse receipt
• Marine Insurance, Act 1906
• Bills of Exchange, Act 1882
• ICC Unctad Rules for Multimodal Transport Document
• ICC ISP98
• Convenzione CMR
• Convenzione CIM
• Convenzione di Vienna del 1980
• Convenzione di New York del 1958
• Convenzione di Ginevra del 1930
• ICC – When a non bank issues a letter of credit
• ICC – The determination of an Original document in the context of UCP
• ICC – On-board Notation Paper
• ICC – Transferable credits and the UCP 500
• ICC – Guidance Paper – Use Of Sanctions Clauses
• Formulario relativo al Certificato di Origine
• Rethinking Trade and Finance 2015
• Bill of Exchange
• Letter of Credit Instructions Form
• Fax Trasmission Report

LINK E APPROFONDIMENTI

- DESK esteri di IBS
- IBS Blog elenco
- Schede Paese e Articoli carattere internazionale e geopolitica
- Principali Documenti Commercio Internazionale
- Definizione Rischio di Credito (da Borsa Italiana)
- SACE
- SIMEST
- Agenzia ICE
- EBRD Bank
- Banca Centrale Europea
- Fondo Monetario Internazionale
- Agenzia delle Dogane e dei Monopoli
- Glossario Doganale
- Attività dell’Unione Europea nel Commercio Internazionale
- Ministero per lo Sviluppo Economico

Country Risk Map – Scopri gli strumenti SACE

SACE country risk map

Country Risk Map

SCOPRI LO STRUMENTO SACE PER QUANTIFICARE I RISCHI DELLA CONTROPARTE NEL PAESE ESTERO DOVE ESPORTARE O STABILIRE UNA FORMA DI PRESENZA ESTERA

country risk map SACE click

AREE MAPPATE:

- Mancato pagamento controparte sovrana;
- Mancato pagamento controparte bancaria;
- Mancato pagamento controparte corporate;
- Rischio di esproprio e violazioni contrattuali;
- Rischio guerre e disordini civili;
- Rischio trasferimento capitali e convertibilità.

INFORMAZIONI ADDIZIONALI:

- Di carattere generale sul paese estero;
- Informazioni sul contesto politico, economico, finanziario ed operativo;
- Condizioni di Assicurabilità;
- Categoria OCSE;

LINK SERVIZI SACE
LINK SITO SACE
LINK COMUNICATI STAMPA SACE

Opportunità dall’Europa tramite Agenzia ICE Bruxelles

Agenzia ICE Bruxelles Opportunità dall'Europa

Segnaliamo le Opportunità dall’Europa tramite Agenzia ICE Bruxelles

Nella Newsletter dell’Agenzia ICE di Bruxelles è possibile visionare:

- Selezione dei Bandi dell’Unione Europea;
- Selezione e Anteprima degli Appalti dell’Unione Europea;
- Notizie importanti da Bruxelles;
- Programmi verso i paesi terzi di assistenza esterna UE;
- Selezione ed anteprima dei Bandi Azioni Extra-UE;
- Focus ed approfondimenti mensili su temi di attualità per le PMI.

Link: Programmi dell’Unione Europea per le PMI

DOWNLOAD DELLA NEWSLETTER ATTRAVERSO IL LINK CHE SEGUE

2018

LINK Newsletter Anno 6, n.1 Gennaio 2018
LINK Newsletter Anno 6, n. 2 Febbraio 2018
LINK Newsletter Anno 6, n. 3 Marzo 2018
LINK Newsletter Anno 6, n. 4 Aprile 2018
LINK Newsletter Anno 6, n. 5 Maggio 2018
LINK Newsletter Anno 6, Luglio Agosto 2018

2017

LINK Newsletter Anno 5, n.1 Gennaio 2017
LINK Newsletter Anno 5, n. 2 Febbraio 2017
LINK Newsletter Anno 5, n. 3 Marzo 2017
LINK Newsletter Anno 5, n. 4 Aprile 2017
LINK Newsletter Anno 5, n. 5 Maggio 2017
LINK Newsletter Anno 5, n. 6 Giugno 2017
LINK Newsletter Anno 5, n. 7 Luglio Agosto 2017
LINK Newsletter Anno 5, n. 8 – Settembre 2017
LINK Newsletter Anno 5, n.9 Ottobre 2017

2016

LINK Newsletter Anno 4, n.1 Gennaio 2016
LINK Newsletter Anno 4, n.2 Febbraio 2016
LINK Newsletter Anno 4, n. 3 Marzo 2016
LINK Newsletter Anno 4, n. 4 Aprile 2016
LINK Newsletter Anno 4, n. 5 Maggio 2016
LINK Newsletter Anno 4, n. 6 Giugno 2016
LINK Newsletter Anno 4, n. 7 Luglio – Agosto 2016
LINK Newsletter Anno 4, n. 8 Settembre 2016
LINK Newsletter Anno 4, n.9 Ottobre 2016
LINK Newsletter Anno 4 n.10 Novembre 2016
LINK Newsletter Anno 4 n. 11 Dicembre 2016

2015

LINK Newsletter Anno 3, n. 1 Gennaio 2015
LINK Newsletter Anno 3, n. 2 Febbraio 2015
LINK Newsletter Anno 3, n. 3 Marzo 2015
LINK Newsletter Anno 3, n. 4 Aprile 2015
LINK Newsletter Anno 3, n. 5 Maggio 2015
LINK Newsletter Anno 3, n. 6 Giugno 2015
LINK Newsletter Anno 3, n. 7 Luglio – Agosto 2015
LINK Newsletter Anno 3, n. 8 Settembre 2015
LINK Newsletter Anno 3, n. 9 Ottobre 2015
LINK Newsletter Anno 3, n. 10 Novembre 2015
LINK Newsletter Anno 3, n.11 Dicembre 2015

Seguiranno nei prossimi mesi le Newsletter mensili.

SITO AGENZIA ICE BRUXELLES

Fuel Prodotti Petroliferi

FUEL, CARBURANTI, PRODOTTI PETROLIFERI

Fuel Fuels Petroleum products oil

Fuel, Carburanti, Prodotti Petroliferi – Trading Commodities

IBS in virtù dei contatti di cui dispone a livello internazionale, ha rapporti diretti con i mandatari ufficiali di Raffinerie in Russia, Medio Oriente, Sud America, Libia, Iraq e Iran. Per semplificare le informazioni che seguono saranno relative a prodotti di origine Russia.

PROCEDURE FOB e CIF

Visto che diversi acquirenti hanno diverse esigenze dal punto di vista delle procedure di acquisto, e a maggior ragione dal momento che le procedure delle Raffinerie spesso non sono negoziabili, indichiamo alcuni esempi di procedure di acquisto ed i principali prodotti forniti, di alcune raffinerie russe. Ogni procedura è espressione di una differente raffineria.
Per semplicità vengono indicate soprattutto le procedure FOB, tuttavia per ogni raffineria esiste una procedura CIF. Sono possibili anche forniture SPOT.

PREZZI E COME RICHIEDERE UNA QUOTAZIONE:

Ogni Raffineria ha i propri prodotti di punta dove riesce ad essere più competitiva in termini di prezzo. Abbiamo fatto una selezione tra Raffinerie / Prodotti / Prezzi, pertanto le quotazioni che verranno fornite sappiamo essere competitive rispetto al PLATT. Per richiedere una quotazione aggiornata si prega di inviare richiesta dettagliata attraverso la pagina contatti che segue.

Si ringrazia per la collaborazione.

contact IBS by mail

** RAFFINERIA ** 1

PRODOTTI:

DIESEL GAS D2 OIL GOST 305 82
Quantità : 50.000 MT ( tonnellate metriche ) – 100.000 MT ( tonnellate metriche ) – MENSILMENTE
Prezzo FOB : a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : $ 5 Buy side (open) Seller side $ 5 ( closed )
Termini di pagamento : MT103
Port: ROTTERDAM – HOUSTON

AVIATION KEROSENE COLONIAL GRADE 54 JET FUEL ( JP54 )
Quantità : 1.000.000 BBL ( barili ) – 5.000.000 BBL ( barili ) – AL MESE
Prezzo FOB : a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : $ 1 Buy side ( open ) Seller side $ 1 ( closed )
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Primorsk / Novorossiysk
Port : RUS – ROTTERDAM – HOUSTON

JET FUEL JPA1 ( AVIATION KEROSENE COLONIALGRADE A1 )
Quantità : 500.000 BBL ( barili ) – 5.000.000 BBL ( barili ) – MENSILMENTE
Prezzo FOB : a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : $ 1 Buyer side ( open ) Seller side $ 1 ( closed )
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Primorsk
Port: RUS – ROTTERDAM – HOUSTON

D6 FUEL OIL
Quantità : 50.000.000 Gallons ( galloni ) – 200.000.000 Gallons ( galloni )
Prezzo FOB : a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : 0.1 cent Buy side ( open ) Seller side 0.1 Cent ( closed )
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Vladivostok / Novorossiysk/ Primorsk
Port : RUS – ROTTERDAM – HOUSTON

FOB ROTTERDAM TRANSACTION PROCEDURE

1) Buyer issues an official ICPO ( Irrevocable Corporate Purchase Order ) with full buyer banking details & company registration certificate.
2) Seller issues commercial invoice for first lift quantities for both party’s signatures and endorsement.
3) Buyer provides Tank Storage Lease Agreement [ TSA ]. In order to guarantee maximum success, the Buyer must choose one of these three important Tank Farms of Rotterdam:
 VOPAK https://www.vopak.com
 SBD LOGISTIEK BV sbdlogistiekbv.nl
 TECHNOPORT-BV technoport-bv.nl/
4) Seller verifies buyer’s TSA ( Tank Storage Lease Agreement ) and issue the below listed Documents:
a) Freight cargo manifest
b) Commitment to Supply
c) Product Passport Dip Test Report
d) Authorization To Sell ( ATS )
e) Bill Of Lading ( B/L )
5) Within 48 hours buyer issues his tank storage receipt [ TSR ] where the product will be injected at the discharge port. Seller verifies TSR and issue NOR . ETA . ATB . DTA . The seller will request that NCNDA / IMFPA be prepared by intermediaries for seller approval.
6) On arrival at the discharge port, the vessels transfer the fuel to the Buyer’s nominated tanks.
7) After fuel injection is completed, Buyer conducts DIP TEST Inspection for Quality and Quantity of the fuel.
8) Upon Successful DIP TEST Inspection Q & Q by the Buyer, within 24-48 hours maximum Buyer make payment via MT103 Wire Transfer for the Total Value of the Product Delivered into the Buyer Tank and Simultaneously Title to the Product is Transfer to the Buyer and Seller hand over all Exportation Documentation in relation to the petroleum product.
9) Commission is paid to Intermediaries involve in the transaction.
10) Buyer issues non-operative IRDLC for the value of one-month’s deliveries. Seller issues a 2% performance bond which activates the Buyer’s bank instrument.
11) Deliveries per contracted delivery schedule begins.

** RAFFINERIA ** 2 ** VIA ** VLADIVOSTOK

PRODOTTI:

DIESEL GAS D2 OIL GOST 305 82
Quantità : 50.000 MT ( tonnellate metriche ) – 100.000 MT ( tonnellate metriche ) – MENSILMENTE
Prezzo FOB : a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : $ 5 Buy side ( open ) Seller side $ 5 ( closed )
Termini di pagamento : MT103
Port : ROTTERDAM – HOUSTON

AVIATION KEROSENE COLONIAL GRADE 54 JET FUEL ( JP54 )
Quantità : 1.000.000 BBL ( barili ) – 5.000.000 BBL ( barili ) – AL MESE
Prezzo FOB : a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : $ 1 Buy side (open) Seller side $ 1 (closed)
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Primorsk / Novorossiysk
Port : RUS – ROTTERDAM – HOUSTON

JET FUEL JPA1 ( AVIATION KEROSENE COLONIAL GRADE A1 )
Quantità : 500.000 BBL ( barili ) – 5.000.000 BBL ( barili ) – MENSILMENTE
Prezzo FOB : a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : $ 1 Buyer side ( open ) Seller side $ 1 ( closed )
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Primorsk
Port : RUS – ROTTERDAM – HOUSTON

D6 FUEL OIL
Quantità : 50.000.000 – Gallons ( galloni ) – 200.000.000 Gallons ( galloni )
Prezzo FOB : a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : 0.1 cent Buy side (open) Seller side 0.1 Cent (closed)
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Vladivostok / Novorossiysk/ Primorsk
Port : RUS – ROTTERDAM – HOUSTON

FOB VLADIVOSTOK TRANSACTION PROCEDURE

1- Buyer issues ICPO ( Irrevocable Corporate Purchase Order ) with Seller working procedure on it as transaction procedure with banking details.
2- Seller issues Commercial Invoice with tank receipt number and tank number of the product in Seller tanks in port of Vladivostok, Buyer signs and returns back Commercial Invoice with Tank Storage Agreement ( TSA ) from his Tank Company to Seller.
3- Seller sends to Buyer
Commitment Letter to Supply,
Injection Report ( IR )
Authorization to Verify ( ATV )
Tank Storage Receipt ( TSR ) with barcode and GPS Coordinates for Buyer to contact the Tank Farm to verify the product with Tank Farm Company operator.
4- Within 24 / 48 hours upon receiving the documents from Seller, Buyer proceeds to extend sellers leased Tanks for a minimum of 4 days to enable his SGS team dip test on the product in the Seller Tanks.
5- Seller issues 2% guarantee fee to Buyer in event that Seller fails to perform alongside with the following POP document.
· A. Authorization to Sell
· B. Dip test authorization
6- Upon successful Dip Test in Seller’s Tanks, Buyer makes Payment for the product via MT103 / TT.

** RAFFINERIA ** 3

ELENCO COMPLETO PRODOTTI :

D2 RUSSIAN GASOIL GOST 305 82
MAZUT M100 GOST 10585 75
MAZUT 100 GOST 10585 99
AVIATION KEROSENE COLONIAL GRADE 54
JET FUEL A1 91 / 91
VIRGIN LOW-POUR DIESEL FUEL OIL ( D6 )
LIQUEFIELD NATURAL GAS 5542 87
LIQUEFIELD PETROLEUM GAS ( PROPANE ( C3H8 ) 50% + BUTANE ( C4H10 ) SEPARATED ( LPG )
RUSSIA EXPORT BLEND CRUDE GOST 51 858 2002 ( REBCO )
RUSSIA EXPORT BLENDS CRUDE GOST 9965 76
RUSSIAN DIESEL OIL EN 590 10 PPM
ULTRA-LOW SULPHUR DIESEL 50 PPM
GASOLINE 87 OCTANES RUSSIAN ORIGIN
GASOLINE 89 OCTANES RUSSIAN ORIGIN
COMPRESSED NATURAL GAS (CNG)
UREA GRANULAR AND PRILLED RUSSIAN ORIGINS
BITUMEN / PETROLEUM ASPHALT
FUEL OIL CST180

I PRODOTTI PIÙ VENDUTI E LE CONDIZIONI:

DIESEL GAS D2 OIL GOST 305 82
Quantità : 50.000 MT ( tonnellate metriche ) – 100.000 MT ( tonnellate metriche ) – AL MESE
Prezzo FOB : Gross $ – Net $ a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : Buyer side ( open ) $ 5 Seller side ( closed ) $ 5
Termini di pagamento : MT103
Port : ROTTERDAM – HOUSTON

MAZUT 100 GOST 10585 75 RUSSIAN ORIGIN
Quantità : 50.000 MT ( tonnellate metriche ) – 100.000 MT ( tonnellate metriche ) – MENSILMENTE
Prezzo FOB : Gross $ – Net $ a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : Buyer side ( open ) $ 5 Seller side ( closed ) $ 5
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Vladivostok / Vanino / Primorsk
Port : RUS -ROTTERDAM

MAZUT 100 GOST 10585 99 RUSSIAN ORIGIN
Quantità : 50.000 MT ( tonnellate metriche ) – 100.000 MT ( tonnellate metriche ) – AL MESE
Prezzo FOB : Gross $ – Net $ a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : Buyer side ( open ) $ 5 Seller side ( closed ) $ 5
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Vladivostok / Vanino/ Primorsk
Port : RUS – ROTTERDAM – HOUSTON

AVIATION KEROSENE COLONIAL GRADE 54 JET FUEL ( JP54 )
Quantità : 1.000.000 BBL ( barili ) – 5.000.000 BBL ( barili ) – FORNITURA MENSILE
Prezzo FOB : Gross $ – Net $ a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : Buyer side ( open) $ 1 Seller side ( closed ) $ 1
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Primorsk / Novorossiysk
Port : RUS – ROTTERDAM – HOUSTON

JET FUEL JPA1 ( AVIATION KEROSENE COLONIALGRADE A1 )
Quantità : 500.000 BBL ( barili ) – 5.000.000 BBL ( barili ) – AL MESE
Prezzo FOB : Gross $ – Net $ a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : Buyer side ( open ) $ 1 Seller side ( closed ) $ 1
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Primorsk
Port : RUS – ROTTERDAM – HOUSTON

D6 FUEL OIL
Quantità : 50.000.000 Gallons ( galloni ) – 200.000.000 Gallons ( galloni )
Prezzo FOB : Gross $ – Net $ a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni Buyer side (open) $ 0.1 cent Seller side ( closed ) $ 0.1 Cent
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Vladivostok / Novorossiysk/ Primorsk
Port : RUS – ROTTERDAM – HOUSTON

RUSSIA LIQUEFIED NATURAL GAS ( LNG )
Quantità : 50.000 MT ( tonnellate metriche ) – 500.000 MT ( tonnellate metriche ) – FORNITURA MENSILE
Prezzo FOB : Gross $ – Net $ a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : Buyer side ( open ) $ 5 Seller side ( closed ) $ 5
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Vladivostok / Novorossiysk / Primorsk Port : RUSSIA

DIESEL GAS OIL ULTRA LOW SULPHUR DIESEL 50 / 10 PPM / EN590
Quantità : 100.000 MT ( tonnellate metriche ) – 500.000 MT ( tonnellate metriche ) – MENSILMENTE
Prezzo FOB : Gross: $ Net $ a seguito di una richiesta
Qualità : SGS or similar inspection
Commissioni : Buyer side(open ) $ 5 – Seller side(closed) $ 5
Termini di pagamento : MT103
Loading Port : Vladivostok / Novorossiysk
Port : RUS – ROTTERDAM

FOB SALES & PURCHASE PROCEDURE ( NON RUSSIAN COMMERCIAL PORT )

1) After receiving Buyer ICPO ( Irrevocable Corporate Purchase Order ), Seller issues signed Commercial Invoice to Buyer
2) Buyer returns the signed Commercial Invoice to Seller with TSA ( Tank Storage Lease Agreement ) including Seller name
3) Seller notarizes the signed CI and sends copy (in PDF) to Buyer
4) Seller issues the following PPOP documents to the Buyer
 Certificate of Origin of the product
 Export license
 Commitment to Supply
 Statement of Availability of Product
 Authorization to Sell and Collect Petroleum Product
 Product Allocation Certificate
 Product Passport
 Receipt of product storage reservoir / tanks
5) D.T.A. (to be endorsed by Buyer Tank Farm for confirmation of storage availability)
6) Upon Confirmation of endorsed D.T.A , Dip test is conducted immediately at buyer’s expense
7) After successful Dip test, SPA is signed, NOR is issued, and injection begins at seller expense
8) Seller Issues title change/transfer of product ownership to Buyer { Full POP }, in English and Russian language
9) Buyer pays for product via MT 103, and Shipping schedule according to SPA is issued to Buyer
10) Intermediary Parties are paid according to NCNDA / IMFPA
11) First lift is concluded, and terms of the SPA continue.

** RAFFINERIA ** 4

PRODOTTI DISPONIBILI : ( elenco non esaustivo )

MAZUT M100 GOST 10585 75
JET FUEL JP54 ( AVIATION KEROSENE COLONIAL GRADE 54 )
VIRGIN DIESEL D6

CONDIZIONI GENERALI :

PERFORMANCE BOND ( PB ) : 2 % of the first month shipment value
DESTINATION : ASWP
INCOTERMS : FOB
LOADING PORT : NOVOROSSIYSK / VLADIVOSTOK / NAKHODKA / PRIMORSK / ROTTERDAM
PAYMENT TERM’S : IRREVOCABLE LC, T/T TELEGRAPHIC TRANSFER, BGOR SBLC MT 760, MT 103
INSPECTION : SGS, CIQ or similar
COMMISSION SELLER’S SIDE – $ 5.00 PER MT / BUYER’S SIDE – $ 5.00 PER MT
SELLER SIDE $ 2 PER BBL / BUYER SIDE $ 2 PER BBL
SELLER SIDE $ 0.2 PER BBL / BUYER SIDE $ 0.2 PER GLN
INSURANCE PAID BY SELLER, COVERING 110 % OF SHIPMENT VALUE

PROCEDURE FOB DIP AND PAY ROTTERDAM PORT

1. Buyer issues ICPO ( Irrevocable Corporate Purchase Order ) and Company Profile to seller.
2. Upon approval Seller issues CI, Buyer signs and returns back to seller along with their TSA ( Tank Storage Lease Agreement ) and ATV.
3. Seller verify the existence of the buyer’s storage facility and issues to Buyer
a) Commitment to Supply
b) NOR (Notice Of Readiness)
to commerce the Injection of the product.
4. Seller and Buyer leases the Buyer’s tank for 7 days, while Seller pays 3 days and Buyer pays 4 days and commerce with the Injection of the first month shipment quantity from the loading port storage.
5. Seller issues to Buyer
a) Injection Report,
b) DTA,
c) Product Passport
and Buyer finalize with his tank facility on agreement to inspect product by SGS agent after injection.
6. Upon Buyer successful Q & Q Dip test on the product, Buyer pays back the paid storage fees plus product payment of the total value of the product Injected into the tanks through MT 103 / TT.
7. Upon Seller receives the payment from Buyer, Seller issues to Buyer Title Ownership of the product and all exportation documents of the product.
8. Buyer lifts the product and Seller pays all intermediary involved in the transaction.

** RAFFINERIA ** 5

PRODOTTI DISPONIBILI:

RUSSIAN D2 GAS OIL GOST ( DIESEL ) LO.2 62 GOST 305 82 ORIGIN
Quantità : Minimum 50.000 MT ( tonnellate metriche ) – Maximum 100.000 MT ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF : $ GROSS / $ NET a seguito di una richiesta
Prezzo FOB : $ GROSS / $ NET a seguito di una richiesta
Commission : $ 5 / $ 5

MAZUT M100 GOST – 1058575 RUSSIAN ORIGINS
Quantità : Minimum 50.000 MT ( tonnellate metriche ) – Maximum 1.000.000 MT ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF : $ GROSS / $ NET a seguito di una richiesta
Prezzo FOB : $ GROSS / $ NET a seguito di una richiesta
Commission : $ 5 / $ 5

JET PROPULSION A1, COLONIAL GRADE 54 RUSSIAN ORIGIN
Quantità : Minimum 1.000.000 BBLS Spot, Contract 2.000.000 BBLS ( barili )
Prezzo CIF : $ GROSS / $ NET a seguito di una richiesta
Prezzo FOB : $ GROSS / $ NET a seguito di una richiesta
Commission : $ 1 / $ 1 Rotterdam

GASOLINE DTN EN 590 RUSSIAN ORIGINS
Quantità : Minimum 100.000 MT ( tonnellate metriche ) – Maximum 1.000.000 MT ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF : $ GROSS / $ NET a seguito di una richiesta
Prezzo FOB : $ GROSS / $ NET a seguito di una richiesta
COMMISSION : $ 5 / $ 5

VIRGIN FUEL OIL D6
Quantità : Minimum 50.000.000 GALONS Spot trail, Maximum Contract 100.000.000 GALONS / every 14 days ( galloni )
Prezzo FOB : $ GROSS / $ NET a seguito di una richiesta
COMMISSION : $ 0.2 / $ 0.2 Rotterdam

CONDIZIONI GENERALI:

ORIGIN : Russian Federation
DELIVERY : FOB / CIF ASWP with Rollover & Extension
INSPECTION : SGS test report will be conducted at the loading port by SGS
PAYMENT INSTRUMENT : DLC / SBLC / IRDLC / BG / T/T, MT103, at Sight
LOADING PORT : Rotterdam / Vladivostok / Novorossiysk Port
PERFORMANCE BOND ( PB ) : 2% PB to be issued by Seller’s Bank in favour of the Buyer
SHIPMENT METHOD : Via vessel or pipeline to Buyer’s tank Rotterdam port
COMMISSION : US $ 10 per MT ( tonnellate metriche ) / US $ 2 per BLS ( barili ) / US $ 0.04 per GAL ( gallone )

NON NEGOTIABLE FOB WORKING PROCEDURE

1. Buyer sends ICPO ( Irrevocable Corporate Purchase Order ) to Seller on receipt of Seller’s Soft Offer.
2. Seller issue ( CI ) Commercial Invoice to buyer.
3. Buyer sign and return along with tank storage agreement ( TSA ) ( ATV ) authorization to verify as proof of storage tankavailability from buyer tank farm.
4. NCNDA / IMFPA must be signed by all buyer groups with commission structures.
5. Seller issues the Buyer 5 DAYS Unconditional Dip Test Authorization ( DTA ), tank storage receipt ( TSR ) , FRESH SGS REPORT, ATSC , to enable Buyer ( “ And / Or Their Nominees / Assign’s ” ) to Dip Test the product in seller tank.
6. Buyer order SGS to conduct the Dip test of the product in the Seller Tank on buyer expense.
7. Upon successful dip test, buyer provide tank storage receipt ( TSR ) & ( ATI ) SELLER commerce injection on buyer storage tank along and issue full Proof of Product ( POP ) to Buyer.
8. Buyer makes the full payment to seller nominated foreign Bank Account, for the total quantity Via MT103 / Wire Funds Transfer, as per the Commercial Invoice.
9. Seller confirms payment and submits to Buyer ( “ And / Or Their Nominees / Assign’s ” ), Title of Ownership and the Buyer (“ And / Or Their Nominees / Assign’s ” ) assumes Title and Owns the Fuel.
10. Seller pays commission to all intermediaries involved in the transaction 24 hours after.

CIF WORKING PROCEDURE

1. Buyer issues ICPO ( Irrevocable Corporate Purchase Order ) with letter of acceptance to seller upon receipt of soft corporate offer.
2. Seller issues Sales and Purchase Agreement open for amendment for buyer review.
3. Buyer review draft agreement and returns to seller sign in word format to seller.
4. Upon acceptance Seller acknowledged and submit the contract to the Ministry for legalization on seller expense after 72hours.
5. Upon acceptance seller issues to the buyer FRESH SGS REPORT BASED ON INTERNATIONAL ANALYTICAL REPORT, legalized contract from the Ministry including listed Part of Proof of Product approved by the appropriate ministryall the documents will send through courier on seller expense upon Notarization of the partial PPOP
A. STATEMENT OF AVAILABILITY OF PRODUCT
B. TANK RECEIPT OF THE PRODUCT STORAGE
C. CERTIFICATE OF ORIGIN
D. CHARTER PARTY AGREEMENT
E. REGISTERED HARD COPIES CONTRACT ISSUED BY THE MINISTRY OF JUSTICE
F. CERTIFICATE OF CONFORMITY
G. COMPANY CERTIFICATE OF TAX INCORPORATION
H. FRESH SGS REPORT BASED ON INTERNATIONAL ANALYTICAL REPORT
I. EXPORT LICENCE & ATS
6. Buyers bank open communication with seller bank and agree to issue Irrevocable non transferable, non assignable, non divisible, Revolving Documentary letter of credit covering first shipment value. ( Buyer’s Bank Option ).
7. Seller issues all Proof of Product including the SGS based on international analytical report / BILL OF LADING to buyers Bank in accordance to instrument presented by buyer’s bank, Seller’s Bank replied with 2% PB to activate the letter of credit issued by the Buyers Bank.
8. Seller clears vessels from the commercial terminal ( Russian Shore ) Buyer confirm shipping documents with vessels captainwhile Seller effect delivery to buyer destination according to contract schedule and arrange payment to all intermediaries involved from both party representatives after confirmation on of quality and quantity ( Q & Q ) or CIQ report.

** RAFFINERIA ** 6

ELENCO PRODOTTI:

DIESEL GASOIL L 02 62 GOST 305 82
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 500.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton: United Stated dollars ( a seguito di richiesta )

MAZUT ( M100 ) GOST 10585 75 and 10585 99
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 350.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton : United States dollars ( a seguito di richiesta )

JET FUEL ( JP54 and JET A1 )
Quantità minima : 500.000 BBL x 12 ( barili )
Quantità massima : 2.000.000 BBL x 12 (barili )
Prezzo CIF per Barrel : United States dollars ( a seguito di richiesta )

RUSSIAN EXPORT BLENDS CRUDE OIL ( REBCO )
Quantità minima : 500.000 BBL x 12 ( barili )
Quantità massima : 2.000.000 BBL x 12 (barili )
Prezzo CIF per Barrel : United States dollars ( a seguito di richiesta )

AUTOMOTIVE GASOIL ( AGO )
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 200.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton ( tonnellate metriche ) : United States dollars ( a seguito di richiesta )

BITUMEN 60 / 70
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 350.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton ( tonnellate metriche ) : United States dollars ( a seguito di richiesta )

PETROLEUM COKE
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 350.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton ( tonnellate metriche ) : United States dollars ( a seguito di richiesta )

GASOLINE 87 / 89 / 93 OCTANES
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 350.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton ( tonnellate metriche ) : United States dollars ( a seguito di richiesta )

BITUMEN 80 / 90
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 350.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton ( tonnellate metriche ) : United States dollars ( a seguito di richiesta )

BASE OIL SN.150
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 350.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton ( tonnellate metriche ) : United States dollars ( a seguito di richiesta )

LIQUEFIED NETURAL GAS
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 350.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton ( tonnellate metriche ) : United States dollars ( a seguito di richiesta )

BASE OIL SN 500
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 350.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton ( tonnellate metriche ) : United States dollars ( a seguito di richiesta )

LIQUEFIED PERTROLEUM GAS
Quantità minima : 50.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Quantità massima : 350.000 MT x 12 ( tonnellate metriche )
Prezzo CIF per Metric ton ( tonnellate metriche ) : United States dollars ( a seguito di richiesta )

COST INSURANCE FREIGHT ( CIF ) PROCEDURES

1. Buyer confirms Soft Offer and issues an official Irrevocable Corporate Purchase Order ( ICPO ) Irrevocable Corporate Purchase Order
2. Seller issues Full Corporate offer ( FCO ) Buyer signs and return ( FCO )
3. Seller’s issues sales and Purchase Agreement ( SPA or Draft Contract ) open for amendment with payment instruction for buyer and his team invitation fee for ( TTM ). Invitation fee covers both ( Hotel reservation, Feeding and Security ) While in Russian Federation during the TTM.
4. Buyer counter signs and seals the Sale and Purchase Agreement ( SPA or Draft Contract ) and send to Seller via email. With payment confirmation for invitation fee.
5. Buyer visit Refinery, for a table meeting ( TTM ) with the board of directors.
6. Seller ( Refinery ) issues original contract for signatory, both parties exchange hard copy of contract and lodges contract in their respective Banks.
7. Seller sign the CPA with a shipping company and issues the Full POP documents and 2% PB to buyer’s Banks.
8. Shipment commences as per contract schedule.
9. Within 3 working days of vessel arrival, buyer release full payment via MT103 after CIQ / SGS at the destination port.
10. Seller pays all intermediaries on Seller’s side accordingly within 72 hours.

** RAFFINERIA ** 7 ** PROCEDURA ** TTO

SOFT COPORATE OFFER

AVIATION KEROSENE COLONIAL GRADE 54 JET FUEL
ORIGINE : Russia
QUANTITÀ TRASPORTABILE : 1,000.000 BBL ( barili ) – 2.000.000 BBL ( barili ) AL MESE
PREZZO : GROSS US $ / BBL – NET US $ / BBL ( Richiedi quotazione )
COMMISSIONE : US $ 2 / BBL, Buyer side $ 1, Seller side $ 1 TTO ASWP
ISPEZIONI : SGS o Equivalente

VIRGIN FUEL OIL D6 ( 0.380 Sulphur Max )
ORIGINE : Russia
QUANTITÀ TRASPORTABILE : 50,000.000 GL ( galloni ) – 200.000.000 GL ( galloni ) ALLA SETTIMANA
PREZZO : GROSS US $ / GL – NET US $ / GL (Richiedi quotazione)
TTO ASWP
COMMISSIONE: $ 0.02 SELLER SIDE , $ 0.02 BUYER SIDE
ISPEZIONI : SGS o Equivalente

Diesel Gas Oil Gost 305 82
ORIGIE : Russia
QUANTITÀ TRASPORTABILE : 50.000 MT (tonnellate metriche ) – 200.000 MT ( tonnellate metriche )AL MESE
PREZZO : GROSS US $ / MT – NET US $ / MT ( Richiedi quotazione )
TTO ASWP
COMMISSIONE: $ 5 SELLER SIDE, $ 5 BUYER SIDE
ISPEZIONI : SGS o Equivalente

MAZUT 100 GOST 1058575
ORIGINE : Russia
QUANTITÀ TRASPORTABILE : 50.000 MT ( tonnellate metriche ) – 200.000 MT ( tonnellate metriche ) AL MESE
PREZZO : GROSS US $ / MT – NET US $ / MT(Richiedi quotazione)
TTO ASWP
COMMISSIONE: $ 5 SELLER SIDE , $ 5 BUYER SIDE
ISPEZIONI : SGS o Equivalente

TERMINI DI TRANSAZIONE DI CONSEGNA PER TTO ASWP

1. Il Buyer emette l’ ICPO rispettando le procedure del seller.
2. Il Seller emette il Tanker Take-Over Contract per revisione ed endorsement da parte del buyer
3. Il Seller invia al buyer PPOP e documenti di spedizione come indicati di seguito
4. (a.) Certificato di Origine
(b.) Lettera di Impegno di Fornitura da parte della Raffineria
(c.) Autorizzazione della Raffineria per l’esportazione
(d.) Product Passport ( Risultato dell’Analisi )
(e.) Tank Storage Receipt ( TSR )
(f.) Bill of Lading
(g.) Vessel’s Q 88
(h.) Fattura per un deposito di garanzia del 10 %
5. A seguito della ricezione dei documenti sopraindicati e della relativa conferma da parte del Buyer, il Buyer effettuerà un pagamento del 10 % come deposito di garanzia del carico totale tramite TT / MT103 sul conto ufficiale alla Raffineria designata ( Escrow Account ).
6. A seguito della ricezione del pagamento di cui al punto sopra, e della relativa conferma, il Seller emetterà l’ ACT of TRANSFER a nome del Buyer. Il Certificato del titolo di proprietà , a cui seguirà tutta la documentazione per l’esportazione sarà inviato al buyer insieme al Report SGS al porto di carico.
7. A seguito dell’arrivo della nave al porto di scarico, il capitano della nave consegnerà tutti i documenti POP in originale alla persona incaricata dal Buyer mentre il Buyer pagherà l’importo totale del contratto dopo ispezione SGS, CIQ o da organo ispettivo equivalente al porto di scarico, tramite T/T Wire transfer ; la quantità è esigibile al netto della deduzione del deposito di garanzia mentre lo scarico merci avrà subito inizio.
8. Il Seller pagherà la commissione a tutti i mandatari e gli intermediari coinvolti tramite T/T Wire Transfer come concordato tra le parti . Qualora la procedura fosse accettata , il buyer dovrà includere la procedure di transazione della raffineria nel suo ICPO affinché noi possiamo proseguire.

** RAFFINERIA ** 8 ** ESCROW ** ACCOUNT

Chiedere il prodotto di interesse. Segue la procedura che verrà applicata. Procedure FOB con modalità Escrow account :

1. Il Buyer invierà l’ ICPO ( Irrevocable Corporate Purchase Order ) al seller .
2. Il Seller emetterà una fattura pro-forma con SPA ( Sales Purchase Agreement ). Il Buyer firmerà e timbrerà la SPA dei seller e invierà la copia del contratto al seller in formato PDF come versione definitiva.
3. Dopo aver firmato e timbrato la SPA. Il Seller e il Buyer depositeranno il 5 % con Escrow come performance guarantee .
4. In seguito il seller condurrà contestualmente un test SGS e trasmetterà immediatamente il risultato ai buyer . In seguito alla comunicazione dell’ esito positivo dell’ ispezione SGS sia per la Qualità che per la Quantità al terminal dei Seller , il buyer effettuerà il pagamento dell’importo complessivo del prodotto tramite SWIFT MT103. Il Seller trasferirà il titolo di proprietà del prodotto al buyer , da quel momento in poi il buyer sarà il proprietario del prodotto.
5. La commissioni e / o le fee di brokeraggio saranno pagate ai facilitatori e agli intermediari entro 24 ore a decorrere dal momento del pagamento.
Questa Procedura FOB con modalità Escrow account è stata negoziata per acquirenti con effettiva capacità di acquisto o per chi ritiene rischiose le procedure tank to tank. Il Seller accetta anche modalità bank to bank mediante SBLC ( non trasferibile e non divisibile ) tuttavia l’ escrow garantisce maggiore sicurezza alle parti.

** RAFFINERIA ** 9 ** EN 590 ** 10 PPM

Porto di Partenza: Kozmino, Primorsk, Nakhodka ports
• Quantità minima : 10.000 MT ( tonnellate metriche )
• Quotazione : Gross $ – Net $ ( a seguito di richiesta )
• Prodotto già additivato

PROCEDURA CIF MEDITERRANEAN SEA – EN590 – 10 PPM

1. Buyer issues Irrevocable Corporate Purchase Order ( ICPO ) with seller procedures.
2. Seller issues the Takeover of contract for review and endorsement by all parties.
3. Seller issues Proof of Product and Shipping documents as listed below:
A. Certificate of Origin
B. Company License to Export
C. Product Passport ( Dip Test Result )
D. Bill of Lading
E. Vessel’s Q88
F. Tax Registration Certificate
G. Invoice for 10% TT Payment
4. Upon receipt of the above documents by the buyer, buyer makes 10 % payment for the Allocation Security Guarantee Deposit of the cargo payable to the Refinery nominated escrow account via T/T Wire transfer.
5. Upon receipt of the above payment of the vessel Allocation Security Guarantee Deposit, the Ownership Certificate will be issued and remaining Proof of Product and shipping documents will be sent to the buyer alongside the SGS Report at the loading port while the course of the vessel will be re-routed to the current buyer’s discharge port.
6. Upon arrival of the vessel at Discharge Port, the vessel captain will hand over all the original POP documents to the buyer’s representative while buyer pays for the total contract after SGS, CIQ or equivalent inspection at the discharge port via T/T Wire transfer and the re-routing fee will be deducted while offloading will commence immediately.

** RAFFINERIA ** 10 ** EURO DIESEL ** EN 590

Siamo lieti di offrire Euro diesel EN 590 Ultra Low Sulphur Diesel 10 / 50 ppm da parte di uno dei Seller con i quali lavoriamo sotto termine di resa CIF ASWP. VI PREGHIAMO DI NOTARE CHE LA PRESENTE OFFERTA È SOLO PER TERMINI DI RESA CIF. NON SONO POSSIBILI PAGAMENTI ANTICIPATI. È RICHIESTO L’UTILIZZO DI STRUMENTI FINANZIARI . IL SELLER OFFRE UN PERFORMANCE BOND DEL 2 %.

EURO DIESEL EN 590

Qualità : Ultra Low Sulphur 10 / 50 ppm Sulphur
Prezzo CIF ASWP : (RICHIEDI QUOTAZIONE) US $ per MT Gross/ US $ per MT Net
Quantità : Minima 50.000 MT fino a 400.000 MT al mese per 12 mesi
Commissioni condivise:
US $ 10.00 per MT pagati dal SELLER
– Lato Seller US $ 5.00 per MT ( CLOSED )
– Lato Buyer US $ 5.00 per MT ( OPEN ), le commissioni vengono condivise dopo la sottoscrizione degli accordi ( NCND / IMFPA )
Origine : Federazione Russa
Consegna : CIF – Rotterdam o ASWP

PROCEDURE DI TRANSAZIONE

Il Seller Mandate emetterà la Soft Corporate Offer SCO per il Buyer
Il Buyer emetterà una ICPO con una formulazione che rispecchi la Soft Corporate Offer, con il Company profile, la registrazione e le coordinate bancarie complete dell’Azienda, insieme alla foto del passaporto e NCND / IMFPA già compilati dal soggetto incaricato dal Buyer e firmati dal Buyer e dai facilitatori Lato Buyer per invio al Lato Seller ai fini del completamento .
Il Seller successivamente invierà al Buyer il Draft Contract aperto a correzioni, insieme agli accordi NCND / IMFPA pienamente compilati e firmati
Il Buyer controfirmerà e timbrerà il Contratto e lo invierà via email al Seller
Il Buyer emetterà MT 799 Unblocked Funds tre giorni dopo aver ricevuto dal Seller il Contratto firmato
Il Seller emetterà PPOP ( Partial Proof of Product ) che sarà composta dai seguenti documenti :
- Certificato di Origine
- Product Passport
- Dichiarazione di disponibilità dei prodotti
Il Buyer emette inoperative SBLC / DLC, Non Transferable ( a discrezione del Buyer )
Il Seller emetterà un Performance Bond del 2% per attivare l’ SBLC / DLC
Il Seller dovrà fornire la Full Proof of Product, che comprenderà :
- Dichiarazione di disponibilità dei prodotti
- Certificato di Origine del Prodotto
- Impegno di Fornitura da parte della Raffineria
- Documento di Registrazione per l’esportazione
- Product Passport ( Dip Test Result )
- Tank Storage Receipt
- Report Analisi Chimica
Quando la Nave sarà arrivata al Porto di Destinazione, verrà condotta un’ispezione dei beni , il buyer effettuerà il pagamento attraverso MT 103 / TT alla banca del seller previa ispezione al Porto di Destinazione, esigibile nella sua totalità per ogni spedizione entro 2 giorni lavorativi bancari dopo che il carico avrà superato l’ispezione SGS , BL e dopo l’emissione della fattura commerciale .
Documenti per la navigazione a bordo nave emessi dopo il carico .
In seguito all’ ispezione SGS al Porto di Scarico, entro 2 giorni lavorativi bancari, il Buyer effettuerà il bonifico bancario ( TT payment ) al Seller .
In seguito alla conferma di ricezione del pagamento, il Seller richiederà al capitano della nave di effettuare lo scarico .
Il Seller invierà i documenti relativi al passaggio di proprietà al Buyer .
Il Seller pagherà la commissione .
Vi preghiamo di notare che non vengono offerte transazioni spot e che questa offerta vale esclusivamente per consegna CIF .
Non possiamo cambiare o alterare la procedura in nessun modo, chiediamo pertanto di essere contattati solo da coloro che intendono accettare l’offerta così come descritta .

** RAFFINERIA ** 11 ** FOB ** CI ** DIP & PAY

PROCEDURA FOB CI DIP & PAY

1. DIESEL FUEL EN 590 ( ULSD 10 PPM )
20.000 MT – 100.000 MT Disponibili
Prezzo: $ Lordo / $ Netto per MT ( richiedere quotazione )

2. DIESEL D6 VIRGIN LOW POUR FUEL OIL
50.000.000 Galloni – 400.000.000 Galloni Disponibili
Prezzo: $ Lordo/ $ Netto per Galloni ( richiedere quotazione )

3. DIESEL D2 GASOIL L 0.2 62 GOST 305 82
20.000 MT – 100.000 MT Disponibili
Prezzo: $ Lordo / $ Netto per MT ( richiedere quotazione )

4. AVIATION KEROSENE COLONIAL GRADE 54 ( JET FUEL JP54 )
500.000 BBL – 2.500.000 BBL Disponibili
Prezzo: $ Lordo / $ Netto per BBL

5. JET FUEL A 1
300.000 BBL – 2.000.000 BBL Disponibili
Prezzo: $ Lordo / $ Netto per BBL

6. MAZUT M100 GOST 10585 75
20.000 MT – 100.000 MT Disponibili
Prezzo: $ Lordo / $ Netto per MT

ULTERIORI DETTAGLI

ORIGINE : FEDERAZIONE RUSSA
GRADE : STANDARD EXPORT GRADE AND QUALITY
SPECIFICATION : STANDARD EXPORT QUALITY
STRUTTURA DELLA COMMISSIONE : 50 % LATO BUYER / 50 % LATO SELLER . DIFFERENZA TRA PREZZO LORDO E PREZZO NETTO
TERMINE DEL CONTRATTO : SPOT + 12 MESI, CONTRATTO CON POSSIBILI ROLLOVER E EXTENSION
TERMINE DI PAGAMENTO T/T & MT 103
TERMINE DI CONSEGNA : PRODOTTI GIÀ STOCCATI NELLE CISTERNE IN AFFITTO DEL SELLER NEI RISPETTIVI PORTI ELENCATI QUI DI SEGUITO
PORTI FOB : ROTTERDAM, HOUSTON, NOVOROSSIYSK, UST – LUGA, PRIMORSK E VLADIVOSTOK

PROCEDURA STANDARD 1

1. Il Buyer emette ICPO insieme al certificato di registrazione dell’azienda del Buyer.
2. Il Seller invia la fattura al Buyer, che la firma e la restituisce.
3. Il Seller fornisce al Buyer la seguente documentazione POP via email:
* Tank Storage Receipt ( TSR ) con codice a barre verificabile
* Authorization to Verify ( ATV ) per contattare la Tank Operator Company e controllare il prodotto nella cisterna del Seller
* Product Passport Q & Q ( Rapporto Analitico nella cisterna del Seller, eseguito ed emesso dal laboratorio autorizzato del Tank Operator )
* Certificate of Statement of Product Availability con ubicazione della cisterna e coordinate
* Dip Test Authorization ( DTA ) incondizionato con numero e coordinate della cisterna e contatti completi del Tank Operator
4. Il Buyer contatta la Tank Operator Company con ATV per verifica e, previo esito positivo della verifica e successiva conferma, il Buyer invia il DTA alla Tank Operator Company, in cambio richiede: modulo di ispezione, Permesso di ispezione obbligatoria all’entrata, Security Clearance Accreditation e Lettera di Appuntamento per accesso ed entrata nella struttura di stoccaggio da parte della Tank Operator Company al fine di effettuare il dip test sul prodotto nelle cisterne in affitto del Seller.
5. Il Seller legalizza la fattura tramite le autorità incaricate e la invia al Buyer insieme al trasferimento di proprietà, Allocation Documents, Authorization to Sell & Collect [ ATSC ] e Allocation Passport Certificate [ APC ], inoltre firma NCNDA / IMFPA tra tutti gli intermediari coinvolti con la copia autenticata inviata alla banca del Seller.
6. Il Buyer conduce il Dip Test e, previo esito positivo, il Buyer invia i dati del proprio Exit Tank o Exit Vessel per l’iniezione, mentre il Seller inietta il prodotto della cisterna / imbarcazione del Buyer . Il Buyer effettua il pagamento tramite MT103 o TT wire transfer per la disponibilità totale del prodotto, il Seller rilascia al Buyer tutti i Documenti relativi all’ esportazione del prodotto, come Documento di carico, Rapporto SGS, Rapporto di Iniezione, Certificato di Origine, etc.
7. Il Seller paga tutti gli intermediari coinvolti nella transazione.

PROCEDURA STANDARD 2

1. Il Buyer invia ICPO, Certificato di registrazione dell’azienda insieme al Buyer’s Tank Storage Agreement ( TSA ) attraverso la loro tank operator company ( con il nome e la quantità esatti del prodotto come dichiarato nel proprio ICPO ) in formato Word come prova di disponibilità di stoccaggio e immediatezza della transazione e lo inviano insieme alla Authorization to Verify ( ATV ) per confermare la loro TSA, disponibilità di stoccaggio e immediatezza della transazione.
2. Il Seller conferma e firma il TSA del Buyer in qualità di Fornitore e invia la fattura per la quantità richiesta al Buyer, il Buyer la firma e la restituisce al Seller insieme all’ ATV del Buyer affinché il Seller confermi il TSA del Buyer e la disponibilità immediata ad effettuare il Dip Test e iniezione del prodotto nell’ exit tank del Buyer .
3. Il Seller manda il via libera al Buyer per l’iniezione del prodotto nell’exit tank del Buyer previo esito positivo del dip test della cisterna del Seller. Il Buyer e la tank operator company ( tank farm ) del Buyer firmano e restituiscono il di via libera .
4. Previa conferma della prontezza del Buyer tramite ricezione della NOR da esso firmata e dalla sua tank farm, il Seller emette la seguente documentazione POP :
a. Certificate of Statement of Product Availability con l’ ubicazione della cisterna e coordinate
b. Tank Storage Receipt ( T.S.R ) con codice a barre verificabile
c. Unconditional Dip Test Authorization ( DTA ) with Tank Number, Tank Coordinate and Tank Operator full contact details
d. Authorization to Verify ( ATV ) per contattare la Tank Operator Company e controllare il prodotto nella cisterna del Seller
5. Il Buyer contatta la Tank Operator Company con ATV e DTA
La Tank Operator Company invia un rapporto SGS al Buyer insieme a : modulo di ispezione, Permesso di ispezione obbligatoria all’entrata, Security Clearance Accreditation e Lettera di Appuntamento per accesso ed entrata da parte del Buyer e dei suoi delegati / team d’ispezione nella loro struttura di stoccaggio per condurre il dip test sul prodotto nelle cisterne in affitto del Seller .
6. Il Buyer conduce il Dip Test e, previo esito positivo, il Seller inietta il prodotto nella cisterna del Buyer . Il Buyer effettua il pagamento tramite MT103 o TT wire transfer per la totale disponibilità del prodotto . Il Seller paga tutti gli intermediari coinvolti nella transazione . I prezzi sono negoziabili . Qualora i termini e la procedura siano accettabili, il Buyer dovrebbe emettere il proprio ICPO indirizzato alla direzione vendite su carta intestata dell’azienda del Buyer con completa identificazione del buyer principale e contatti completi di firma, timbro e sigillo, nonché il certificato di registrazione dell’azienda del Buyer .

ESEMPI DI SCHEDE TECNICHE :

Russian Aviation Kerosene, Colonial Grade 54

Fuel Russian Aviation Kerosene JP54

Russian diesel oil EN 590 10 PPM

Fuel Russian Diesel Oil EN 590 10 PPM

Russian Gasoil diesel D2 L0

Fuel Russian Gasoil Diesel D2 L0

Russian virgin low pour diesel fuel oil D6

Fuel Russian Virgin Low pour Diesel Fuel Oil D6

Fuel ultra low sulfur diesel 10 PPM

Fuel ultra low sulfur diesel 10 PPM

Russian A1 Specs

Fuel Russian A1 Specs

LINKS e ARTICOLI:

CARBURANTI wikipedia

PRODOTTI DERIVATI DAL PETROLIO wikipedia

SGS GROUP : ispezione, verifica, analisi e certificazione

TANK FARM (wikipedia)

TANK FARM VOPAK

TANK FARM SBD LOGISTIEK BV

TANK FARM TECHNOPORT – BV technoport-bv.nl/

LIQUIDI PETROLIFERI – CAMPIONAMENTO ( Fiscalità e Unione Doganale )

FISCO OGGI – Buncheraggio di prodotti petroliferi

MERCATO E LOGISTICA DEI PRODOTTI PETROLIFERI – MISE ( Ministero dello Sviluppo Economico )

MISE – Nuova metodologia di calcolo del prezzo medio settimanale dei carburanti

MISE – MERCATO DEI CARBURANTI – Prezzi dei Carburanti in Italia e in Europa

I.S.P.R.A. – SVERSAMENTO PRODOTTI PETROLIFERI : sicurezza e controllo nel trasporto marittimo

LEGISLAZIONE ITALIANA IN TERMINI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI – Scarica il PDF

EX-WORKS

INCOTERMS 2010

TONNELLATA METRICA

SBLC – Standby Letter of Credit Wikipedia

BG – bank guarantee Investopedia

Performance Bond Wikipedia

MT103 Wikipedia

ICPO ( irrevocable corporate purchase order )

DOCUMENTI PRINCIPALI DA UTILIZZARE NEL COMMERCIO ESTERO

LA CONSEGNA E LA QUALITA’ DELLA MERCE

CENNI SULL’ORIGINE DELLE MERCI

GLOSSARIO DOGANALE

OIL, OILS OLI VEGETALI

OIL , OILS , OLI VEGETALI

Oil Oils Sunflower Corn Palm Soya Rapeseed refined crude

OIL , OILS , OLI VEGETALI , USO ALIMENTARE E BIO FUEL / BIODIESEL

IBS ha rapporti diretti con i seller mandate ufficiali di Raffinerie in Ucraina, Russia, Malesia, Filippine, Europa ( Bulgaria, Romania, ecc.) e altri paesi produttori, dei seguenti prodotti:

Olio di girasole raffinato – Olio di girasole grezzo / crudo
Olio di mais raffinato – Olio di mais grezzo / crudo
Olio di semi di soia raffinato – Olio di semi di soia grezzo / crudo
Olio di palma raffinato – Olio di palma grezzo / crudo
Olio di colza raffinato – Olio di colza grezzo / crudo
Olio di colza degummed
PALM METHYL ESTER
PALM RBD – CP 8 / CP 10
UCO OIL ( used cooking oil )

Per semplificare, le informazioni che seguono saranno relative a prodotti di origine Ucraina, Russia, Malesia e Filippine e includono informazioni relative alle analisi chimiche di alcuni prodotti e relativa procedura di acquisto.

Se il tuo interesse è invece per carburanti e prodotti petroliferi vai alla pagina FUELS e PRODOTTI PETROLIFERI

PREZZI E COME RICHIEDERE UNA QUOTAZIONE :

I nostri prezzi sono molto competitivi rispetto ai valori di mercato. Per agevolare una quotazione precisa si prega di inviare una richiesta corredata dei dati quantitativi e qualitativi necessari per poter fare una Offerta. Si prega di inviarci richiesta attraverso la pagina contatti che segue. Si ringrazia per la collaborazione.

contact IBS by mail

SELLER 1 ( RAFFINERIA, PRODUTTORE, FORNITORE )

CONDIZIONI GENERALI :

QUANTITÀ : 2.000 MT ( tonnellate metriche ) – 25.000 MT ( tonnellate metriche )
DURATA DEL CONTRATTO : Il Contratto avrà una durata di 12 mesi con possibile roll e extension.
PACKAGING : bulk, flexitank, bottiglie ( 1, 2, 5 litri )
ORIGINE : Ucraina, Russia, Malesia
PORTO : CIF port ( Cost, Insurance and Freight )
SPECIFICAZIONE: European Standard Specification
ISPEZIONE: Riconosciuto Ispettore Indipendente per determinare la Quantità e la Qualità a carico del seller ( SGS )
PERFORMANCE BOND : 2,00% PBG ( performance bond guarantee )

PRODOTTI:

SUNFLOWER OIL CRUDE ( olio di girasole grezzo / crudo)
SUNFLOWER OIL REFINED ( olio di girasole raffinato)
CORN OIL CRUDE ( olio di mais grezzo / crudo )
CORN OIL REFINED ( olio di mais raffinato )
SOYA BEAN OIL CRUDE ( olio di semi di soia grezzo / crudo )
SOYA BEAN OIL REFINED ( olio di semi di soia raffinato )
PALM OIL CRUDE ( olio di palma grezzo / crudo )
PALM OIL REFINED ( olio di palma raffinato )
RAPESEED OIL CRUDE ( olio di colza grezzo / crudo )
RAPESEED OIL REFINED ( olio di colza raffinato )
RAPESEED OIL DEGUMMED ( olio di colza sgrossato )
PALM METHYL ESTER
PALM RBD – CP 8 / CP 10
UCO OIL ( used cooking oil )

PROCEDURE :

1) Il Buyer emette la LOI o l’ ICPO con i dati bancari + l’ RWA della banca
2) Il Seller fornisce il contratto al buyer, il buyer firma il documento e lo consegna al Seller mandate per accettazione
3) Il Buyer ha 5 giorni di tempo per firmare e consegnare il Contratto al Seller mandate, che lo invia al Seller
4) Il Seller dovrà controllare e controfirmare il Draft Contract per accettazione
5) Insieme al CTR firmato, il Buyer richiederà alla propria banca di emettere lo Swift MT799 e SBLC / BG confermata tramite letter guarantee per l’importo equivalente ad un mese di fornitura, e lo invierà alla banca del Seller per la verifica; inoltre invierà la ricevuta dello strumento finanziario al Seller mandate
6) Dopo questa fase, la Banca del Seller dovrà inviare avviso e POP tramite swift 799 alla Banca del Buyer
7) Il Seller dovrà avviare il processo di carico entro 15/20 giorni lavorativi
8) Dopo la consegna dei documenti di scarico, la banca del seller invierà comunicazione tramite swift, il buyer effettuerà pagamento tramite Swift MT103 T/T secondo le disposizioni delle banche del seller e del buyer al porto di destinazione.

TERMINI DI PAGAMENTO
Previa firma dell’Accordo, si propone la seguente modalità di pagamento :
Il Buyer invia l’ ICPO + RWA, il venditore invia il contratto.
La banca del buyer invia lo Swift SBLC/ BG confermato tramite letter guarantee per l’importo equivalente ad un mese di fornitura alla Banca del Seller.
Il carico del primo mese avverrà entro 10 / 15 giorni lavorativi a decorrere dalla ricezione dello strumento finanziario da parte della banca del Buyer.
Ciascuna ed ulteriore spedizione successiva sarà resa disponibile per la destinazione secondo il programma di consegna allegato dietro ricevuta di completo pagamento tramite Swift MT103 T/T pagabile dopo ispezione e invio dei documenti attraverso bank to bank, per una quantità equivalente al valore riportato in fattura.

DOCUMENTI DI CARICO :
1) Bill of Landing
2) Fattura commercial firmata ( compresi i dettagli relativi all’ imballaggio )
3) SGS Certificato di Qualità
4) SGS Certificato di Quantità
5) SGS Certificate di Origine
6) Certificato di Assicurazione
7) Packing List

PROCEDURA OLIO DI GIRASOLE CRUDO (crude sunflower oil)

Tutti i Documenti / Certificati Necessari dovranno essere accompagnati dalla partita merci fino al Porto di Consegna del Buyer.
Periodo di Consegna: Entro 10/15 giorni lavorativi a decorrere dalla ricezione dello strumento di pagamento da parte della Banca del Seller.

TERMINI DI PAGAMENTO
Previa firma dell’Accordo, si propone la seguente modalità di pagamento :
Il Buyer invia ICPO + BCL , il seller invia il contratto .
La Banca del buyer invia lo Swift SBLC / BG, confermato tramite letter guarantee per l’importo equivalente ad un mese di fornitura alla Banca del Seller.
Carico del primo mese, entro 10/15 giorni lavorativi a decorrere dalla ricezione dello strumento finanziario da parte della Banca del Buyer. Ciascuna ed ulteriore consegna successiva sarà resa disponibile per la destinazione secondo il programma di consegna allegato, previa ricezione di pagamento completo tramite swift MT 103 T/T esigibile dopo ispezione e invio dei documenti attraverso bank to bank, per una quantità equivalente al valore riportato in fattura.
La Banca del Seller invia PB (performance bond guarantee) del 2% e Swift MT799

DOCUMENTI DI CARICO:
1) Bill of Landing
2) Fattura Commerciale Firmata ( compresi i dettagli relativi all’imballaggio )
3) SGS Certificato di Qualità
4) SGS Certificato di Quantità
5) SGS Certificato di Origine
6) Certificato di Assicurazione
7) Packing list
Data di consegna : entro 15/20 giorni a decorrere dalla ricezione CTR firmata e SBLC / BG

PROCEDURE :

1) Il Buyer emette l’ ICPO con i dati bancari + BCL della banca principale.
2) Il Seller fornisce il contratto al buyer, il buyer firma il documento e lo consegna al Seller mandate per accettazione.
3) Il Buyer ha 5 giorni di tempo per firmare e consegnare il Contratto al Seller mandate, che lo invia al Seller.
4) Il Seller dovrà controllare e controfirmare il Draft Contract per accettazione.
5) Insieme al CTR firmato, il Buyer richiederà alla propria banca di emettere Swift MT799 e SBLC / BG confermata tramite letter guarantee per l’importo equivalente ad un mese di fornitura e lo invierà alla banca del Seller per la verifica; inoltre invierà la ricevuta dello strumento finanziario al Seller mandate.
6) Successivamente a questa fase, la Banca del Seller dovrà inviare PB ( performance bond guarantee ) del 2% e POP ( Proof of Product ) completo con swift 799 alla banca del buyer.
7) Il Seller dovrà avviare il processo di carico entro 15 / 20 giorni lavorativi.
8) Dopo la consegna dei documenti di carico, la banca del seller invierà comunicazione tramite swift, il buyer effettuerà pagamento tramite Swift MT103 T/T secondo disposizioni delle banche del seller e del buyer al porto di destinazione.

SELLER 2 ( RAFFINERIA, PRODUTTORE, FORNITORE )

PRODOTTO : SUNFLOWER REFINED ORIGINE UCRAINA / RUSSIA ( OLIO DI GIRASOLE )

TIPO : raffinato
ORIGINE : Russia / Ucraina
CONTRATTO : Annuale
QUANTITÀ MINIMA : 500 MT ( tonnellate metriche ) / al mese
PACKAGING : in bottiglie da 1 / 2 / 5 litri, in Flexi Tank, in BULK
QUALITÀ : Alta qualità
SPOT : No
PREZZO : chiedi quotazione

CARATTERISTICHE OLIO DI GIRASOLE RAFFINATO

Densità ( relativa ) @ 25C USP 0.915-0.920
Numero di iodio USP 110 – 143
Indice di saponificazione USP 188 – 19
Acidi grassi liberi USP < 2.0 mL of 0.02 N NaOH
Color Gardner AOCS Td la-64 3 max
Aspetto : giallo pallido, olio luminoso e chiaro
Odore : debole e inodore
COMPOSIZIONE TIPICA DI ACIDO GRASSO ( % ) C14:0 < 0.5 C18:2 20 – 75
C16:0 3.0 – 10 C18:3 < 1.5
C16:1 < 1.0 C20:0 < 1.0
Qualità: Processo di estrazione meccanica di massima qualità

PRODOTTO: SUNFLOWER REFINED ORIGINE MALESIA ( OLIO DI GIRASOLE )

TIPO : raffinato
ORIGINE : Malesia – Filippine
CONTRATTO : Annuale
QUANTITÀ MINIMA : 500 MT / al mese
PACKAGING : in bottiglie da 1 / 2 / 5 litri, in Flexi Tank, in BULK
QUALITÀ : Alta qualità
SPOT : No
PREZZO : chiedi quotazione

CARATTERISTICHE SUNFLOWER REFINED ( OLIO DI GIRASOLE ) ORIGINE MALESIA

Qualità : adatto al consumo umano, non contiene alcuna materia estranea, né altri oli o grassi animali
Trasparenza : puro, senza precipitato
Aroma e sapore : sapore di olio genuino senza alcun odore estraneo
Indice di colore : Mg iodio, non più di: 1
Indice di acidità : Mg, non più di : 0,05
Indice di perossido: ½ O Millimole / Kg, non più di : 0,5
Umidità e sostanza volatile, % non più di : 0,05
Max contenuto di sostanze fosforiche, %, non più di : Nullo
Impurità insolubili, %, non più di : Nulle
Sapone ( Test Qualitativo ) : Nullo
Cera e sostanze simili : Nulle

SCHEDA TECNICA OLIO MALESE

Caratteristiche fisiche:
Stato fisico : Liquido
Aspetto : Giallo Chiaro, Chiaro e Brillante
Sapore : Debole
Odore : Debole
Colore : 5- 15.5 Giallo / 0.6- 2.0 Rosso
Standard di Qualità:
Acido Grasso Libero % 0.05 – 0.1%
Indice di perossido meq / kg : 0.5 – 1.0 meq / kg
Indice di Rifrazione @ 40oC: 1.4666 – 1.47
Indice di Iodio ( Wijs ) : 123 -139
Umidità % 0.05 – 0.1%
Cold test : 5.5 hrs
OSI @ 11oC:5.5 -6.0 hrs
Indice di Saponificazione : 191 – 192
Densità relativa @ 25oC: 0.915 – 0.925
Punto di Fumo: 460 – 465 °F
Punto di Infiammabilità : 650 – 655 °F
Punto di Combustione : 690 – 695 °F
Profilo degli acidi grassi ( Acidi Principali ):
C14: 0 Miristico 0.1 %
C16:0 Palmitico 8.0 -14.0 %
C16:1 Palmitoleico 0.0 – 0.2 %
C17:1 9 Eptadecenoico 0.00-0.1 %
C18:0 Stearico 3.0 – 5.0 %
C18:1 Oleico 20.0 – 32.0 %
C18:2 Linoleico47.0 – 57.0 %
C18:3 Linolenico 5.8 – 8.2 %
C20.0 Arachico 0.1 – 0.5 %
C20:1 Eicosenoico 0.2 – 0.3 %
C 22:0 Beenico 0.2 %
C24:0 Lignocerico 0.0 – 0.1 %
Acidi Saturi Totali: 8.16.0 %
Acidi Monoinsaturi Totali : 23.5 – 32.4 %
Polinsaturi Totali 52.8- 62.2 %

PRODOTTO: SUNFLOWER CRUDE ORIGINE UCRAINA / RUSSIA ( OLIO DI GIRASOLE GREZZO – NON RAFFINATO )

TIPO : grezzo
ORIGINE : Russia /Ucraina
CONTRATTO : Annuale
QUANTITÀ MINIMA: 500 MT ( tonnellate metriche ) / al mese
PACKAGING : in bottiglie da 1 / 2 / 5 litri, in Flexi Tank, in BULK
QUALITÀ: Alta qualità
SPOT: No
PREZZO : chiedi quotazione

CARATTERISTICHE CRUDE SUNFLOWER ORIGINE UCRAINA :

AGL ( percentuale ) NEN-EN-ISO 660 max 3.0
Umidità ( percentuale ) NEN – EN – ISO 662 max 0
L’olio non contiene acqua – Sicurezza Microbiologica 0
Impurità ( percentuale ) NEN – EN – ISO 663
Densità relativa a 20O c – NEN 6311
Colore Lovibond ( 5 188 inch ) NEN 6308
Indice di Iodio ( g12 / 100g ) NEN – EN – ISO 3961
Indice di Saponificazione : 180
Indice di Rifrazione : 40 °C 1.4770
Peso specifico : 20 °C 0.9165-0.9180
Indice di Perossido al carico ( meq / kg) NEN – EN – ISO 3960
Indice di fosforo 0,40 %
Punto di infiammabilità °C – Min 121 °C
Qualità : Processo di estrazione meccanica di massima qualità

NOTE

1. I prezzi indicati nel presente catalogo / listino sono indicativi e possono essere soggetti a cambiamento in qualsiasi momento.
2. I prezzi indicati sono al netto e pertanto non includono fee e spese aggiuntive per mandate o facilitatori.
3. I prezzi indicati non includono alcuna tassa e fee aggiuntive ( EURO T1, certificazione SSMO, certificazioni cinesi, ecc.)
4. È consentito un over price dell’ 1%. Oltre questa soglia, l’overprice in eccesso verrà suddiviso al 50 % con il seller.
5. I prezzi sono CIF . Non sono possibili prezzi FOB.
6. Non è possibile effettuare forniture spot. Sono possibili solo contratti con una durata minima di 12 mesi.
7. Un eventuale trial è possibile solo entro i limiti del contratto.
8. Non è possibile effettuare trial esterni e quindi al di fuori di quanto stabilito nel contratto.
9. Una texture personalizzata per il buyer è consentita solo per forniture superiori a 1.500 tonnellate al mese.
10. Il buyer prepara le etichette su indicazione del seller e le invia al seller per applicarle all’imballaggio.
11. In alternativa, il seller, su raccomandazione dei buyer, può acquistare le etichette e applicarle all’imballaggio con l’aggiunta di una tariffa di 5 USD / MT.
12. NON È POSSIBILE EFFETTUARE PAGAMANETO ANTICIPATO.
13. La garanzia del buyer, in caso di conclusione positiva del contratto, deve essere effettuata tramite SBLC con una fornitura di almeno 6 mesi, revolving, non trasferibile, non divisibile. Ciò dipende dal tipo di fornitura. Per forniture minime, la garanzia può anche comprendere 12 mesi di consegna.
14. Il pagamento può essere effettuato solo tramite bonifico bancario ( MT103 ) al porto di scarico, dopo verifica SGS .
15. Se il pagamento avviene al porto di scarico, il seller consegna solo un P.B. ( performance bond ) dell’1%. Se il pagamento avviene al porto di carico, il seller consegna un P.B. ( performance bond ) del 2%.
16. I metodi di pagamento sono fondamentali, vincolanti e non modificabili così come alla prima consegna. Per le forniture successive, si possono elaborare diverse soluzioni.
17. I data tecnici dei singoli prodotti potrebbero variare a seconda del periodo, poiché la produzione dipende dalla raccolta e dalla lavorazione del prodotto.
18. Le quantità di fornitura evidenziate dipendono dallo stoccaggio e dalla logistica di produzione.
19. Il girasole è la pianta che produce i semi dai quali viene estratto l’olio. Il colore dell’olio varia a seconda dei fattori ambientali della stagione ( sole, pioggia, ecc.).
20. La documentazione disponibile prima del contratto è quella mostrata nel catalogo che verrà inviata a seguito di interesse.
21. La prova prodotto ( POP ) o altra eventuale documentazione verranno fornite dopo la firma del contratto.
22. Qualsiasi campionamento verrà spedito solo dopo la firma del contratto.
23. Il contratto comprende una clausola che prevede che, prima di qualsiasi transazione, il buyer dovrà fornire una prova di fondi ( RWA ) e il seller, una prova prodotto ( POP ).
24. Il seller effettuerà il pagamento delle commissioni previste dal contratto al lato seller attraverso un solo paymaster.
25. Il presente catalogo non può essere usato come fonte ufficiale per la definizione del contratto.
26. Inviare un’email al seller, tramite il rappresentante ufficiale del buyer con tutte le specificità della richiesta e una scheda tecnica del prodotto richiesto.
27. Il seller risponderà con FCO ( full corporate offer ) officiale.
28. Richiedere sempre un FCO ufficiale con SCO ( soft corporate offer ) per i prezzi e le procedure ufficiali di vendita.
29. L’ FCO a una scadenza naturale. Dopo tale data sarà impossibile farne uso, salvo conferma da parte del seller.
30. Per qualsiasi informazione, non esitate a contattarci.

INFORMAZIONI GENERALI

Gli oli vegetali sono dei trigliceridi estratti da una pianta. Il termine “olio vegetale” può riferirsi in senso stretto a oli provenienti esclusivamente da piante e che, a temperatura ambiente, si trovano allo stato liquido, oppure, in senso più ampio, indipendentemente dallo stato in cui si trovano ad una determinata temperatura. Per questa ragione, gli oli vegetali che a temperatura ambiente si trovano allo stato solido vengono di solito chiamati grassi vegetali. Contrariamente a questi trigliceridi, la composizione delle cere vegetali è priva di glicerina. L’AAFCO definisce l’olio vegetale come un prodotto di origine vegetale ottenuto per estrazione da semi o da frutti che vengono lavorati a scopi alimentari. Nonostante l’olio possa essere estratto da molte parti di una pianta, nella pratica commerciale, viene estratto principalmente dai semi.

Sull’imballaggio dei prodotti alimentari, il termine “olio vegetale” viene spesso inserito tra gli ingredienti, e non viene specificato il nome esatto della pianta da cui è stato estratto, specialmente quando l’olio usato è meno attraente per il consumatore, oppure nel caso in cui venga usata una miscela come palma, canola, semi di soia e olio di cartamo. Al contrario, l’olio di cocco e l’olio di oliva potrebbero essere più desiderabili. Molti oli vegetali vengono consumati direttamente o indirettamente come ingredienti per il cibo, ruolo che condividono col alcuni grassi animali, tra cui burro, ghi, strutto e schmaltz. Gli oli hanno un molteplice uso, possono essere infatti utilizzati per:

• Dare all’impasto una struttura friabile.
• Far sì che altri ingredienti rimangano maggiormente separati.
• Dare sapore, infatti alcuni oli, come quello d’oliva, di sesamo, o di mandorla, possono essere scelti appositamente per il sapore che impartiscono.
• Fungere da base aromatica; gli oli possono anche “trasportare” il sapore di altri ingredienti, in quanto numerosi sapori sono dovuti a sostanze chimiche che si sciolgono nell’olio.

Inoltre, gli oli possono essere riscaldati e usati per cuocere altri cibi. Per poter essere utilizzati a tal fine, devono avere un punto di infiammabilità molto alto. Tali oli comprendono i principali oli da cucina, quali olio di semi di soia, di ravizzone, di canola, di girasole, di cartamo, di arachidi, di semi di cotone, ecc. Gli oli tropicali, come quelli di cocco, di palma e di crusca di riso sono particolarmente apprezzati nelle culture asiatiche per la cottura ad al alta temperatura, per via del loro punto di infiammabilità eccezionalmente alto. Molti oli vegetali vengono usati per produrre saponi, prodotti per la pelle, candele, profumi, cosmetici e altri prodotti per la cura personale. Alcuni oli sono particolarmente indicati come oli siccativi e vengono utilizzati per realizzare dipinti e per il trattamento del legno.

L’olio di dammar (una miscela di olio di semi di lino e di resina dammar), ad esempio, è usato quasi esclusivamente per il trattamento degli scafi delle barche di legno. Nell’ industria elettrica, si sta facendo un uso sempre maggiore degli oli vegetali come isolanti, in quanto essi non sono nocivi per l’ambiente, sono biodegradabili in caso di perdita, e hanno dei punti di infiammabilità e di combustione elevati. Tuttavia, gli oli vegetali sono meno stabili dal punto di vista chimico (pertanto, in genere, vengono usati in sistemi in cui non sono esposti all’ ossigeno), e sono più costosi rispetto ai distillati del petrolio greggio.
I tetraesteri sintetici, che sono simili agli oli vegetali, ma costituiti da quattro catene di acidi grassi rispetto alle tre che si trovano in un estere, vengono prodotti tramite l’esterificazione di Fischer. I tetraesteri, in genere, sono molto resistenti all’ ossidazione e vengono usati come lubrificanti per motori. L’olio vegetale è attualmente usato per produrre fluidi idraulici biodegradabili e lubrificanti. Un limite all’ uso industriale degli oli vegetali è dovuto al fatto che tutti questi oli possono diventare rancidi. Per l’uso industriale, sono quindi preferibili oli più stabili. Gli oli vegetali sono usati nella produzione di alcuni cibi per animali domestici.

Gli oli vegetali sono anche usati per produrre biodiesel, che può essere utilizzato come il diesel convenzionale. Alcune miscele di oli vegetali vengono usate in veicoli non modificati, ma l’olio vegetale vero e proprio deve essere usato in veicoli dotati di un sistema di riscaldamento che ne riduca la viscosità. L’uso di oli vegetali come energia alternativa sta crescendo, così come la disponibilità del biodiesel nel mondo.
L’NNFCC stima che, quando si usano oli vegetali al posto di alternative basate su combustibili fossili per la produzione di carburante, la riduzione dell’emissione totale netta di gas serra oscilli tra il 18 e il 100%.

Fonte: WIKIPEDIA

OLIO DI GIRASOLE

L’olio di girasole è l’olio non volatile che si ottiene per estrazione dai semi del girasole ( Helianthus annuus ) ed è comunemente usato in ambito alimentare come olio per la frittura e, nella formulazione cosmetica, come emolliente. Il contenuto di olio dei semi oscilla dal 22% al 36% ( in media, 28% ). L’olio estratto è di colore ambra chiaro e dal sapore tenue e piacevole; l’olio raffinato è giallo pallido. Quest’olio contiene una quantità apprezzabile di vitamina E, steroli, squalene e altri idrocarburi alifatici. La produzione mondiale di olio di girasole nel 2014 si è attestata a quasi 16 milioni di tonnellate; i maggiori produttori sono stati l’Ucraina e la Russia. Recentemente, vi è stato un aumento della domanda di olio di girasole. Per soddisfare tale domanda, sono state adottate delle misure per l’aumento della produzione di olio, come lo sviluppo di girasoli ibridi.

LINK E ARTICOLI

Olio vegetale (wikipedia)
Olio di semi di girasole (wikipedia)
Olio di semi di mais (wikipedia)
Olio di semi di soia ( wikipedia )
Olio di palma (wikipedia)
Olio di colza (wikipedia)
UCO (used cooking oil – wikipedia)
PALM METHYL ESTER
PALM RBD – CP 8 / CP 10
Saponificazione ( wikipedia )
SGS servizi di ispezione
Certificazioni ed ente di Certificazione RED CERT : (Agricoltura e Bio Carburanti)
Tracciabilità oli vegetali puri
Iter Procedurale Tracciatura all’interno della filiera degli oli vegetali puri della materia prima sansa di oliva
Olio di palma sostenibile
SBLC – Standby Letter of Credit ( wikipedia )
BG – bank guarantee ( Investopedia )
Performance Bond ( wikipedia)
MT103 ( wikipedia )
ICPO ( irrevocable corporate purchase order )
Incoterms ( wikipedia )
CIF – Cost Insurance and Freight ( wikipedia )
Incoterms 2010
Documenti principali nel Commercio Estero
La consegna e la qualità della merce
Origine delle Merci
Glossario Doganale

OIL – CRUDE SUNFLOWER OIL CSFO SCHEDA TECNICA

oil - crude sunflower oil CSFO data sheet

OIL – CRUDE PALM OIL CPO SCHEDA TECNICA

oil oils - crude palm oil CPO data sheet

OIL – SCHEDA TECNICA OLIO FILIPPINO

oil - philippine oil data sheet

OIL – INFORMAZIONI LOGISTICHE

oil - logistic information

OIL – LACON CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 1

oil - lacon quality certification

OIL – LACON CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 2

oil - lacon quality certification 2

OIL – RED CERT CERTIFICAZIONE AGRICOLA E BIOFUEL

oil - Red Cert agricultural and biofuel Certification

OIL- SQAS SAFETY & QUALITY ASSESSMENT FOR SUSTAINABILITY CERTIFICAZIONE

oil - SQAS Safety & Quality Assessment for Sustainability certification

contact IBS by mail

Vino Vini Cantine Oltrepo Pavese

Vino Vini Cantine Oltrepo Pavese

cantina vino vini presentazione

IBS è lieta di annunciare il suo impegno nel promuovere Aziende di pregio del Made in Italy, eccellenze per qualità e proprietà organolettiche, prodotti che conservano a distanza di anni, la genuinità, le caratteristiche e peculiarità di un tempo, legate a terre con particolare vocazione, e grazie ad antichi processi produttivi che hanno mantenuto nel tempo immutate le nobili pratiche e metodi artigianali.

Nello specifico questa pagina è dedicata ai VINI e in particolare a cantine nell’ Area dell’OLTREPÒ PAVESE.

STORIA DELLE CANTINE

Quando mio nonno cominciò a “fare cantina“ , l’uva veniva raccolta mediante grosse ceste di vimini, poi trasportata con un carro trainato da buoi e pigiata in cantina, solo con i piedi. Tutto il lavoro era semplice, manuale, e faticoso.

cantina vinicola storia

FILOSOFIA DELLE CANTINE

Le Cantine dell’Oltrepò Pavese, soprattutto quelle selezionate per la presentazione oggetto di questa pagina, si ripropongono il sogno nato oltre un secolo fa: ossia trasformare le uve prodotte grazie ai vigneti in vini genuini, buoni e proporli ad amici sia vecchi che nuovi, che li sappiano apprezzare.
Le uve dell’Oltrepò Pavese più pregiate vengono curate con attenzione, utilizzando dei rami di salice per sostenere le viti ed inoltre filtri ottenuti con sacchi di juta per conservare tutte le proprietà organolettiche delle uve. La raccolta delle uve e di tutti i prodotti viene effettuata rigorosamente ancora a mano.

cantina vinicola filosofia

LA ZONA

Originariamente nell’Alta Valle Versa (l’area a sud dell’Oltrepò Pavese) si coltivavano frumento, granoturco, erba medica e anche alberi da frutta.
Il sopraggiungere delle macchine agricole ha dato una decisa svolta allo sviluppo viticolo dell’area. Il trattore a cingoli, per fare un esempio, consentiva di zappare, vangare e trasportare le merci. In seguito gli impianti dei vigneti si moltiplicarono sostituendo quasi completamente le coltivazioni sopra citate.
Il territorio, con una decisa vocazione per i vini bianchi come il Moscato e il Pinot, era prima invece prevalentemente coltivato con uve rosse, come il Barbera, la Croatina e in parte l’Uva Rara, perché era usanza in ogni famiglia dell’area produrre in proprio i vini da bere.
Oggi, si possono considerare dominanti i vini come il Pinot nero e grigio, il Moscato di Volpara e i Riesling, lo Chardonnay, i vini Italico e Renano. Il Barbera e la Croatina hanno tuttavia mantenuto una buona presenza sul territorio.

cantina vinicola zona

Il Moscato di Volpara

Il Moscato di Volpara, è un vino unico e prezioso, oggi punta di diamante di Cantine di pregio dell’Oltrepò Pavese. Il territorio è stato certamente di grande aiuto tuttavia il successo del vino è legato al lavoro, alla ricerca e alla sperimentazione che le cantine hanno saputo mettere in campo.
La scelta dei migliori vitigni tra quelli vocati, la rigorosa raccolta manuale effettuata esclusivamente nel pieno della maturazione delle uve, la attenta gestione del mosto e della fermentazione, la filtrazione lenta e accurata, i controlli periodici mediante test analitici di laboratorio e organolettici, ponendosi come obiettivo quello di ottenere da ogni annata sempre il meglio, consente alla fine di poter imbottigliare con orgoglio il Moscato di Volpara, un gioiello dorato, ben sapendo che tutto l’impegno profuso sarà poi apprezzato e gli sforzi gratificati dai sempre più numerosi ed affezionati clienti ed amici.

cantina vino moscato di volpara

I Vini Rossi

cantina vini rossi

Vino Rosso O.P. BARBERA
È ottenuto grazie alla vinificazione di uve selezionate Barbera 100 %.
O.P. BARBERA ha un colore rosso rubino, un profumo vinoso ed intenso.
Al palato risulta asciutto, pieno, gradevole.
È consigliabile abbinare il vino a primi piatti impegnativi o ad arrosti.
È ottimale servire il vino ad una temperatura di 16 – 18 °C.

Vino Rosso RIVA ROSSA
È un vino rosso nobile e di grande struttura, la cui produzione tramite uve Barbera accuratamente
selezionate.
RIVA ROSSA viene affinato per circa 10 mesi in barriques di rovere, accompagna in maniera sublime brasati, arrosti e selvaggina.
Si consiglia di servire a temperatura ambiente, possibilmente stappando la bottiglia qualche ora prima.

Vino Rosso RUBINO
È un Rosso dolce, prodotto mediante uve croatina 100 %.
Il vino che si ottiene viene subito filtrato al fine di impedire che si attivi il processo di trasformazione degli zuccheri contenuti in alcool.
RUBINO è ideale per accompagnare i dessert.
È un vino asciutto e molto corposo, e come peculiarità aggiuntiva ha sentore di fragoline di bosco.
È ideale servire fresco.

Vino Rosso O.P. BONARDA DOC
È un vino rosso che si ottiene dal vitigno Croatina in purezza.
O.P. BONARDA DOC presenta sia un colore rosso rubino che un profumo di accentuata intensità.
Il sapore è morbido, pieno, e al contempo aromatizzato tramite un persistente sentore di mandorla amara, tale da renderlo il compagno ideale di salumi, lasagne al ragù, ravioli al brasato, bolliti misti, formaggi giovani.
Temperatura ideale per servirlo attorno ai 16 – 18 °C.

Vino Rosso LA CENFRASCA
Vino Bonarda particolare, squisito, prodotto da viti vecchie, scarsamente produttive (limitati volumi).
Grazie ad una favorevole esposizione e ad un buon livello di maturazione, si ottiene un vino speciale.
LA CENFRASCA è l’anagramma del nome della figlia del titolare della Cantina.

Vino Rosso O.P. BUTTAFUOCO DOC
È un vino nobile dal colore rosso rubino particolarmente intenso, ottenuto grazie alla vinificazione congiunta di uve dei vitigni Croatina, Barbera, Uva Rara.
O.P. BUTTAFUOCO DOC è un vino armonico, molto rotondo e di grande struttura, profumato, in grado di accompagnare in modo ottimale le carni rosse e la cacciagione.
Servire preferibilmente a temperatura ambiente 16 – 18 °C.

Vino Rosso VINACERO
È un Pinot Nero vinificato in rosso, molto nobile e fine al palato, si presenta con un colore rosso scarico.
VINACERO è prodotto dalla vigna denominata “Gorre”, viene affinato per circa 6 / 8 mesi in barriques di rovere.
VINACERO rappresenta l’anagramma del nome della figlia del titolare.

Vino Rosso O.P. BARBERA
È ottenuto tramite vinificazione di uve selezionate Barbera 100 %.
O.P. BARBERA è un vino intenso, con un colore rosso rubino e un profumo vinoso.
Al palato risulta asciutto, gradevole, pieno.
Si consiglia l’abbinamento a primi piatti impegnativi oppure ad arrosti.
Servire ad una temperatura di 16 – 18 °C è consigliabile per esaltarne le caratteristiche.
Rappresenta la versione ferma del Barbera.

Vini Bianchi

cantina vini bianchi

Vino Bianco O.P. PINOT NERO
È ottenuto tramite vinificazione di uve di vitigni Pinot nero 90 % + Chardonnay 10 %. È vinificato in bianco ed imbottigliato attraverso fermentazione naturale.
O.P. PINOT NERO è fresco, delicato, fragrante e accompagna tutto il pasto.
È ideale per occasioni e serate in allegria con gli amici.
Si consiglia di servire ad una temperatura di 7 – 8 °C.

Vino Bianco RIESLING
Bianco ottenuto grazie alla vinificazione di uve di vigneti Riesling Italico 80 % + Riesling Renano 20 %.
RIESLING presenta dei caratteristici riflessi verdognoli, un sapore fragrante, ma armonico e persistente.
Il vino andrebbe accostato a primi piatti di pesce e verdure o frittate in generale.
Consigliato servire ad una temperatura di circa 7 – 8 °C.

Vino Rosé CROSÉ
È un vino Rosé, ottenuto grazie alla vinificazione in rosa di uve di vitigno Pinot Nero.
CROSÉ presenta un profumo intenso unitamente a particolari sentori di crosta di pane.
È un vino ideale per crostacei e fritti di pesce.
Servirlo ad una temperatura di 7 – 8 °C per esaltarne le caratteristiche.

Vino Bianco CHARDONNAY “BLUE DIAMOND”
È un vino Bianco secco, aromatico, prodotto grazie ad uve vitigno Chardonnay 100 %.
CHARDONNAY “ BLUE DIAMOND ” è caratterizzato da un colore giallo paglierino e da un profumo molto intenso e persistente.
Il vino si abbina perfettamente con tutti gli antipasti e i piatti a base di pesce.
Servito ad una temperatura di 7 – 8 °C estrinseca le sue caratteristiche al meglio.

Vino Bianco PINOT GRIGIO “ GREY DIAMOND ”
È un vino bianco, di colore giallo paglierino, pieno, con profumo delicato e un sapore gradevolmente morbido, che a piena maturazione fa risaltare note di noci e miele.
PINOT GRIGIO “ GREY DIAMOND ” si presta in modo ottimale ad accompagnare sia piatti a base di funghi, sia di pesce e frutti di mare.
Il vino è da servire ad una temperatura di 11 – 13 °C.

LACLIMA
Chardonnay fermo, fresco e delicato, prodotto nei vigneti denominati “ Prumù ”.
Molto elegante, raffinato e profumato è ideale con il pesce.
LACLIMA è l’anagramma del nome della figlia del titolare della Cantina.

Spumanti

cantina vini spumanti

Vino Spumante PINOT SPUMANTE CHARMAT “IL FIERO”
È ottenuto da uve vitigno Pinot Nero, vinificate in bianco attraverso il metodo “Charmat”.
Lo Spumante presenta un colore paglierino scarico, con tipici riflessi leggermente ramati.
Lo si potrebbe descrivere come dotato di perlage fitto, brioso e persistente, un sapore secco ma vellutato con una piacevole vena acidula.

ROSÉ SPUMANTE CHARMAT “LA PIETTA”
Vino ottenuto da uve vitigni Pinot Nero, vinificate in rosa attraverso metodo “Charmat”.
Brioso, persistente, perlage fitto, e sapore secco e vellutato con una piacevolissima vena acidula.

PINOT SPUMANTE BRUT METODO CLASSICO
Ottenuto dalla fermentazione in bottiglia, seguendo con grande cura tutti i numerosi passaggi del metodo Classico.
PINOT SPUMANTE BRUT METODO CLASSICO è uno spumante dal colore giallo paglierino acceso con un perlage fine e anche persistente .
Consigliato servirlo ad una temperatura di circa 7 – 8 °C.

Il Moscato di Volpara

cantina vini moscato volpara

MOSCATO DI VOLPARA metodo TRADIZIONALE
Grazie alle particolari caratteristiche conferite dal terreno, il Moscato di Volpara può essere considerato tra i vini più fragranti, pregiati, profumati e delicati di tutto l’Oltrepò Pavese.
Pertanto è il vino dolce “ fiore all’occhiello “ delle Cantine che stiamo promuovendo.
È un vino da offrire ad ospiti ed amici in ogni occasione, è in grado di esaltare i dessert e la frutta, e in particolar modo la pesca.
È disponibile in vari formati tra cui anche nella versione da 0,375 Lt.

MOSCATO DI VOLPARA SPUMANTE
È ottenuto mediante rifermentazione in autoclave, seguendo le procedure del metodo Charmat.
Il Moscato di Volpara Spumante, conserva inalterate le caratteristiche in termini di fragranza del Moscato tradizionale con perlage molto fine e con presa di spuma accentuata.
Da servire fresco, in coppe molto ampie, al fine da risaltare ancor di più la significativa fragranza.

MOSCATO DI VOLPARA PASSITO
È un vino ottenuto tramite uve vitigno Moscato lasciate appassire sui tralci fino a Novembre inoltrato, ed una volta vinificato viene poi lasciato riposare in botte per dodici mesi.
È un vino dai grandi aromi e importante struttura, uniti ad un gusto delicato ed unico, che accompagna in modo perfetto ogni formaggio piccante.
È un prodotto molto esclusivo, la produzione è limitata a circa 500 bottiglie annue.

cantina vinicola distributori

LINK

- Oltrepò Pavese
- Oltrepò Pavese Mappa
- Fasi produzione vino
- Disciplinare di produzione vini
- Vinificazione
- Degustazione vino
- Analisi del vino
- DOC denominazione di origine controllata
- Denominazione di origine controllata e garantita
- Vini ad indicazione geografica tipica
- Vini della Lombardia
- Vini Oltrepò Pavese
- Cosa sono i tannini e il tannino nel vino

CONTATTI

Per qualunque ulteriore informazione, prezzi, condizioni di vendita, agevolate tramite il nostro sito si prega di contattarci attraverso il link che segue.

contact IBS by mail