Invertir en una startup fotovoltaico

Investire Private Equity Venture Capital Home Page

IBS ENERGY BUSCA UN INVERSOR DE CAPITAL INVERSIÓN O CAPITAL RIESGO PARA DESARROLLAR PROYECTOS FOTOVOLTAICOS READY TO BUILD / LLAVE EN MANO

RESUMEN

IBS Energy SRL es una empresa emergente, una sociedad de responsabilidad limitada que se ocupa de la autorización de nuevas instalaciones fotovoltaicas y eólicas en paridad de red, es decir, sin incentivos estatales . En este caso, invertir en una startup tiene el objetivo de financiar instalaciones fotovoltaicas en terreno hasta la fase Ready to Build o llave en mano . Esto presupone la preparación de un investment pitch, la redacción de un plan industrial, de un plan de negocio, asistencia jurídica, financiera y encuentros para definir la inversión .

IBS ENERGY, QUIÉNES SOMOS

IBS ENERGY SRL su actividad principal es el desarrollo fotovoltaico en Paridad de Red en Green Field . La ausencia de incentivos y por lo tanto la auto sostenibilidad de los proyectos es un aspecto fundamental de la inversión, ya que en el pasado los incentivos han sido objetos de revisión por parte del Estado, causando muchos problemas a los inversores . Sólo hay una excepción : las canteras en desuso o terrenos industriales, donde a veces algunos inversores piden expresamente participar en licitaciones públicas o inscribirse en en el Registro degli impianti ( para obtener incentivos estatales ) . Sin embargo, IBS siempre sugiere avanzar cuando el proyecto es sostenible incluso sin incentivos .

OBJETIVO : CRECER A TRAVÉS DE UN FONDO DE CAPITAL INVERSIÓN O CAPITAL RIESGO

IBS ENERGY, tanto para ser una startup como para sus elecciones organizativas específicas, es una empresa ágil desde un punto de vista estructural, se ocupa de la búsqueda y localización de los sitios y suscribió contrato de outsourcing con sociedades de ingeniería, para desarrollar parte del proceso de autorizaciòn .
IBS actualmente trabaja en la modalidad de codesarrollo, es decir, un inversor financia algunos proyectos según los milestones acordados y correspondientes a los momentos cruciales del proceso de autorización .

IBS Energy en el caso de una nueva colaboración con un gran inversor extranjero que solicita instalaciones llave en mano, además del desarrollo quiere ofrecer también la construcción de instalaciones disponibles para ejecución de obras . Por lo tanto la idea es encontrar un inversor que financie por medio de financia interna un SPV que se va a crear y capitalizar, cediendo parte de las cuotas al inversor .

IBS Energy dispone de canales activos con operadores financieros para la cesión de los proyectos una vez obtenida la AU Autorizzazione Unica ( Ver glosario ). Esto es muy importante, y por lo tanto queremos ponerlo en evidencia a los inversores de capital inversión que buscamos .

IBS Energy irá a reunir capital para lanzar un proyecto en el que hará más o menos lo que ya hace, pero con capital interno, es decir, con mayor flexibilidad y autonomía operativa, aunque para el inversor esto comporta marginalidades más importantes .

En otras palabras, paralelamente a las actividades que IBS sigue realizando, en lugar de confiar en un inversor externo, utilizará los capitales obtenidos para llevar adelante el proceso de autorización en cuanto a los sitios individuados, cediendo el proyecto disponibile para ejecución de obra . Otra opción es la de construir un parque fotovoltaico, ya que hay empresas bancables y lìderes en el sector EPC ( Engineering, Procurement and Construction ) que pueden construirlo, BOS e O&M, por lo tanto se podría entregar una instalación llave en mano .

De hecho, se trata de una estrategía diferente para hacer la misma actividad. La única diferencia es que la financiación no es externa sino interna .
PROYECTOS ACTUALES

IBS Energy Srl tiene varios proyectos en muchas regiones de Italia, entre las cuales Friul – Venecia Julia, Abruzo, Lombardía, Lacio, Molise, Apulia, Cerdeña, Sicilia, Toscana, Véneto, con solicitud de conexión a la red, y proyectos que se encuentran en un estado más avanzado . Ya que hay una búsqueda continua de sitios y muchos proyectos en fase de fima, los números siguen creciendo .

El proceso se desarrolla a través de los siguientes pasos :

- IBS determina la idoneidad del sitio para la instalación de un parque fotovoltaico a través de simulaciones eléctricas, los costes de conexión a la red eléctrica, previabilidad y layout de la instalación, simulaciones financieras y plan de negocio obteniendo una predicción de la rentabilidad de la instalación llave en mano .
- Si el sitio analizado resultara idoneo, se firmaría un contrato preliminar con los propietarios de los terrenos .
- Después el sitio se presenta a un inversor y en cuanto confirme su interés se empezará con el desarrollo del proyecto, con el objetivo de obtener la Autorizzazione Unica, cuyo primer paso será la solicitud de conexión a la red eléctrica nacional ( Enel o Terna ) y el último paso será la obtención de la Autorizzazione Unica, de ahí la posibilidad de construir la instalación y la venta de energía .
En pocas palabras, nuestra actividad parte de las fases de búsqueda y localización de sitios ( terrenos agrícolas, terrenos industriales y canteras en desuso en su mayoría ) a través de colaboradores repartidos por toda Italia . Después de analizar el caso ( inclinaciones, limitaciones, conexión a la red eléctrica y plan de negocio ) contractualizaremos las zonas idoneas con los propietarios . Finalmente, vamos a empezar con el proceso de autorización hasta la disponibilidad para ejecución de obras, mediante una sociedad de ingeniería .
Al perseguir el objetivo de crecimiento queremos diversificar la línea de negocio, y paralelamente a la actividad de codesarrollo, llevar adelande un proyecto en autonomía financiera hasta la fase Ready To Build, para luego cederlo a un inversor . Por tanto, quien quiera invertir, invertirá ya que este acuerdo permite planificar de inmediato los ingresos ( a través de un plan de negocio ) con precios y modalidades de pago también .

EL EQUIPO

IBS Energy es una empresa que cuenta con un Equipo interno con muchos años de experiencia en el sector de las Renovables y también una red nacional de colaboradores y profesionales en toda Italia que se ocupan de la búsqueda de sitios, tanto terrenos agrícolas como industriales, canteras en desuso, vertederos, coberturas .
IBS Energy colabora con sociedades de ingenería con muchos años de experiencia en cuanto al diseño y ejecución de los complejos procedimientos para obtener las autorizaciones para la construcción de nuevas centrales fotovoltaica, eólicas, entre otros .
IBS Energy suscribe acuerdos con inversores y financiadores para financiar el proceso de codesarrollo de las Centrales Fotovoltaicas y si lo solicitan los clientes, también para la construcción de parques fotovoltaicos llave en mano, una vez autorizados .

PARA MÁS DOCUMENTACIÓN :

En caso de interés, se podrán enviar :

- Presentación Inversión
- Cuenta de pérdidas y ganancias

MÁS INFORMACIÓN :

IBS ENERGY página de inicio
DESARROLLO y milestones codesarrollo
FOTOVOLTAICO en paridad de red, AGRIVOLTAICO, FOTOVOLTAICO FLOTANTE
PARQUE EÓLICO

CONTÁCTENOS

send to info@ibsenergy.it orange

Gracias por su atención

IBS Energy

Investire Startup Private Equity Venture Capital

PROFUNDIZACIÓN

TIPOS DE INVERSORES

¿ Qué es el capital inversión ? del inglés Private Equity, es una actividad financiera que consiste en la adquisición por parte de una entidad, inversor institucional o particulares del paquete mayoritario de acciones de una sociedad .

¿ Qué es el capital riesgo ? del inglés Venture Capital, consiste en financiar empresas emergentes en fase de crecimiento con elevado potencial y riesgo .

¿ Qué es un fondo especializado ? Un fondo de inversión es un organismo de inversión colectiva . Se puede dividir en cuotas , y está constituido y gestionado por una entidad gestora . Esta definición procede del texto de la financia según la legislación italiana . Un fondo especializado concentra sus acciones en determinados sectores, como por ejemplo el sector de las renovables .

¿ Qué es un Family Office ? Se trata de una empresa que tiene el objetivo de gestionar el patrimonio financiero o inmobiliario de una o más familias .

INVERTIR EN EL SECTOR ENERGÍA

¿ Qué es una inversión Greenfield ? Se trata de un tipo de Inversión extranjera directa ( IED ) donde una empresa construye desde cero las instalaciones para la puesta en marcha de un proyecto en un país extranjero . En relación con el sector energía y las renovables, define un proyecto en el que se buscan los sitios desde cero ( terrenos idoneos desde un punto de vista eléctrico … ), y después de haber suscrito un contrato preliminar para lograr la AU ( Autorizzazione Unica ) Ready to Build, se prosigue hasta que se puede construir . Por lo tanto el investor invierte en el desarrollo en sinergia con el desarrollador, partiendo de las fases iniciales y financiando según los milestones concordados con el desarrollador .

¿ Qué es una inversión Brownfield ? Se trata de un tipo de Inversión extranjera directa ( IED ) donde se controlan empresas extranjeras ya existentes . En el caso del Fotovoltaico, por ejemplo, el inversor financia el proyecto cuando ya ha alcanzado uno o más milestones del proceso de autorización, por lo tanto : obtención TICA ( testo integrato connessioni attive : solicitud de conexión a la red eléctrica ) / STMG ( soluzione tecnica minima generale : un documento que define los criterios de conexión ), EIA ( evaluación de impacto ambiental ), AU ( autorizzazione unica : una medida que constituye un derecho a construir instalaciones en conformidad con el proyecto aprobado ).

¿ Qué es una inversión en un proyecto fotovoltaico Ready to Build ? Significa invertir con un riesgo muy bajo, ya que el estado de Ready to Build implica la obtención de la Autorizzazione Unica disponibile para ejecución de obras . Por lo tanto, los organismos encargados de la concesión de dicha autorización ya se expresaron positivamente y 127 días, en caso alguien quisiera oponerse, ya han pasado . Por tanto, la conexión de la planta, la producción y venta de electricidad no encontrarán óbstaculos .

¿ Qué es una inversión en un proyecto fotovoltaico a través de Autorizzazione Unica ? Es muy similar al Ready to Build, por lo tanto es una inversión de bajo riesgo . Sin duda, cuando el riesgo es mayor, los costos de desarrollo son menores . Cuando el riesgo es muy bajo como en este caso, los costos de una Autorizzazione Unica son mayores .

¿ Qué es una inversión e Vehículos de Propósito Especial ( SPV )? Dél inglés special purpose vehicle, son sociedades u otras entidades juridicas distintas de los bancos, constituidas para vehicular actividades financieras específicas que luego serán cedidas a terceros y a veces con el objetivo de realizar una o más titulizaciónes . En este caso, se transferirán a estas sociedades los títulos de propriedad inmboliaria, títulos relacionados con la conexión a la red eléctrica, y cualquier acuerdo y contrato suscrito por la sociedad vehículo . Por ejemplo : solicitud TICA / STMG, etc. El inversor, después de la creación del SPV, lo capitalizará en las fases de ejecución y construcción de la instalación Fotovoltaica o Eólica .
¿ Qué es una inversión en instalación llave en mano ? Se pretende financiar un proyecto que ya ha obtenido la Autorizzazione Unica, que después de su publicación en la gaceta ha obtenido vía libre para la construcción, y que por medio de obras previstas ha obtenido la conexión a la red eléctrica nacional . Invertir en estos tipos de instalaciones es posible tanto adquiriendo el proyecto disponibile para la ejecución de obras como adquiriendo el activo ya construido y conectado a la red eléctrica . Si esta inversión se realiza a través de un SPV, en el que el inversor es parte del proyecto desde el principio, esto provoca un mayor riesgo financiero y TRI más alta .

¿ Qué significa adquirir cuotas de una Startup en el sector energía ? La adquisiciòn de las participaciones de una sociedad de una Startup no es una operaciòn compleja, pero hay que tener en cuenta algunas precauciones para que la inversiòn sea productiva, reduciendo los riesgos financieros a corto y a largo plazo . En particular :
1. Margen de beneficio esperado
2. A cuanto asciende el valor de una empresa en el mercado
3. Estrategia financiera
4. Condiciones de compra .
Si la empresa pertenece al sector Energìa y si su ánimo de lucro y mission es el desarrollo de proyectos Fotovoltaicos o Eòlicos, es importante efectuar una diligencia debida administrativa y tècnica para verificar que todo el proceso se ha llevado a cabo de conformidad con la ley .

GLOSARIO Y ENLANCES :

Investment pitch : es una breve presentación de una idea de negocio, con una duración de unos 30 segundos, en la que el empresario de una empresa emergente expone su idea a un inversor .

Capital inversión : del inglés Private equity, es una actividad que consiste en la aportación de capital que se dirige a empresas en crecimiento o ya consolidadas y gestión en compañías que no cotizan en bolsa, para luego disinvertir de la empresa con la finalidad de obtener una plusvalía de la venta de la participación .

Capital riesgo : del inglés Venture capital, consiste en el financiamiento de empresas emergentes en fase de crecimiento con elevado potencial y riesgo .

Inversiones en bienes de capital, gastos en capital o CAPEX : es la inversión en capital que lleva a cabo una compañía para mantener, mejorar su activo no corriente .

Empresa conjunta : del inglés Joint venture, es un acuerdo entre empresas para llevar a cabo un negocio de manera conjunta . Generalmente requiere una considerable inversión inicial y generará beneficios en el largo plazo .

Riesgo financiero : es la probabilidad de que surja un evento que tenga consecuencias negativas . Se puede entender como la posibilidad tanto de obtener resultados financieros mayores de los esperados como menores .

Tasa interna de retorno ( TIR o TRI ) : del inglés Internal Rate of Return, es la tasa de descuento con la que el valor actual neto es igual a cero .

Tasa de descuento : Nos permite calcular el valor actual neto de una inversión para determinar si un proyecto es rentable o no . A su vez, permite también saber el TIR, que es el tipo de descuento que hace que el VAN sea igual a cero .

ROE ( Rentibilidad de los recursos propios ): es un indicador que mide el rendimiento del capital, y su formula es la siguiente :
ROE = Beneficio neto / Fondos propios * 100

ROI ( Rentabilidad de la inversión ): del inglés Return on investment, es un indicador financiero que es encargado de medir la rentabilidad de una inversión .
ROI = Beneficio neto / Inversión

Diligencia debida administrativa y tecnica : del inglés Due Diligence, se emplea para conceptos que impliquen la investigación de una empresa o persona previa a la firma de un contrato . En el caso de un proyecto fotovoltaico, puede ser tanto ‘’Administrativa ’’ para verificar la precisión y la idoneidad de los acuerdos, titularidad de bienes corporales e incorporales, como ‘’ Técnica ’’ cuando se deben verificar todos los requisitos que una instalación fotovoltaica requiere ; por ejemplo, costos de conexión a la red eléctrica, financiabilidad de los acuerdos, etc.

Ready to Build : es el momento en el que se puede empezar a construir .

Autorizzazione Unica : es una medida que constituye un derecho a construir instalaciones en conformidad con el proyecto aprobado .

Paridad de red : del inglés Grid Parity, es la condición que se da cuando una fuente de generación de energía eléctrica produce elctricidad a un coste igual o inferior al precio generalista de compra de la electricidad de la red eléctrica .

Milestones : en español hitos del proyecto, es un momento específico dentro del ciclo de vida de un proyecto que sirve para medir el progreso de un proyecto hacia su objetivo final . Se utiliza en ambitos como la dirección de proyectos, ingenieria entre otros .

Incentivos estatales :en el caso específico tiene que ver con las renovables ( energía fotovoltaica o eólica o de otro tipo ), y representan la remuneración proporcionada por un organismo ( público o estatal ) para la producción de energía limpia .

GSE : GSE S.p.A. es el Gestor italiano de Servicios Energéticos, y es una sociedad por acciones .

Balance de sistema ( BOS ): del inglés Balance of system, permite que la electricidad generada por los módulos fotovoltaicos se aplique correctamente a la carga . La mayor o menor eficiencia de los módulos permitirá convertir la energía solar en electricidad sin pérdidas de eficiencia excesivas . Es también el conjunto de actividades para el control de la instalación una vez construida y conectada .

Wifi : es una tecnología que permite la interconexión inalámbrica de dispositivos electrónicos ( ordenadores personales, télefonos, televisores ) que pueden conectarse entre sí o a Internet a través de un punto de acceso de red inálambrica .

O&M ( operación y mantenimiento ): del inglés operations and maintenance, sirven para garantizar el rendimiento del sistema fotovoltaico, eólico, entre otros .

TICA ( testo Integrato delle connessioni attive ) : Es la solicitud de conexión a la red eléctrica . En el caso de Enel, se trata de un documento en el que se indican también los costes de conexión, la cuota del 30 % a pagar al aceptación del presupuesto y el saldo .

STMG ( soluzione tecnica minima generale ) : es un documento que define los criterios de conexión por lo que respecta a las instalaciones fotovoltaicas de más de 1 kWp hasta grandes instalaciones .

EIA ( evaluación de impacto ambiental ): es el procedimento técnico – administrativo que identifica, evalua el impacto ambiental que producirá un proyecto ( en este caso una instalación fotovoltaica, eólica …) en su entorno, en el medioambente, todo ello con el fin de que la administración competente pueda aceptarlo o rechazarlo .

AU Autorizzazione Unica

Proceso de autorización, según los casos puede ser :
- Autorizzazione unica expedida a resultas de un proceso, respetando plenamente las modalidades establecidad por la Ley y concierne a las instalaciones > 999KW .
- Autorización para instalaciones FER, y presupone un análisis de los procesos de autorización relativos a la construcción de instalaciones de producción de electricidad alimentadas .
- Comunicación al Ayuntamiento y cometidos previstos para simplificar el proceso de autorización de instalaciones para la producción de energía hasta 999 KW o para la instalación de paneles sobre los techos .

Limitaciones ambientales y urbanísticas : se definen como limitaciones a la libre utilización del suelo o de una propriedad privada . Pueden ser limitaciones del paisaje, hidrogeólogicos, arqueológicos, entre otros .

FER : en relación con la energía fotovoltaica, el Decreto FER, FER 1 estamos hablando de sistemas con potencia superior a 20 kWp . Es decir, plantas de nueva construcción, plantas sujetas a fortalecimiento de la intervención, con potencia inferior a 1 MWp .

Enel : Enel S.p.A, es una sociedad ánonima, una empresa multinacional italiana productora y distribuidora de energía eléctrica y gas .

Terna : es el operador de la red eléctrica italiana. A través de Terna Rete Italia, gestiona directamente la Red de transmisión Nacional con más de 74.000 Km de líneas de alta tensión .

PALABRAS CLAVE

Inversor
Invertir
Startup
Fondo inversión
Invertir startup fotovoltaico

ETIQUETAS

Invertir en el fotovoltaico
Invertir en una startup
Invertir en una startup fotovoltaico
Capital inversión fotovoltaico
Capital riesgo fotovoltaico
Invertir fotovoltaico Ready to Build
Proyectos fotovoltaico donde invertir
Startup sector energía
Startup en el sector fotovoltaico
Comprar cuotas de Startup fotovoltaico
Comprar cuotas sociedad sector energía
Empresas donde invertir

Ecobonus

ECOBONUS 110 %

Ecobonus 110 efficientamento energetico

ECOBONUS 110 % RIQUALIFICAZIONE ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO

L’ ECOBONUS 110 % nell’ambito della riqualificazione ed efficientamento energetico rappresenta una importante misura e un volano per rilanciare il settore dell’ edilizia, quello dell’ impiantistica, le aziende del comparto e i settori affini, dopo un lungo periodo di stagnazione dei fatturati, contribuendo a ridurre i consumi di elettricità, ammodernando gli edifici .

IBS ENERGY attraverso una partnership con una piattaforma di Riqualificazione, e mediante accordi con investitori operanti nel settore dell’ efficientamento, è in grado di operare offrendo il servizio previsto dal Decreto Legge . Andremo pertanto a raccogliere i bisogni rappresentati da Amministratori di Condominio e soggetti titolari di unità abitative per poter offrire i servizi previsti dal Decreto Legge Rilancio 2020, ed i contenuti del DL n. 34 / 2020 di cui art. 119 in tema di Incentivi per la riqualificazione ed efficientamento energetico, sisma bonus, nonché fotovoltaico e colonnine di ricarica di veicoli elettrici, superbonus con detrazioni fiscali al 110 %, di cui a seguire seguiranno informazioni su :
- quali interventi
- condizioni di accesso
- chi sono i soggetti beneficiari
- modalità della cessione del credito e lo sconto in fattura .

Premesse ed introduzione all’ Ecobonus 110 %

La presentazione non entra nel merito di quali interventi combinare o abbinare per ottenere il salto di due classi energetiche dell’ edificio e questi aspetti tecnici saranno oggetto di approfondimenti a seguito di analisi dell’ immobile e sopralluogo . Si tiene a specificare comunque che qualora non sia possibile salire di 2 classi, magari perché la classe energetica dell’ edificio è già alta, ci deve comunque essere un miglioramento . E qualora la classe energetica dell’ immobile sia già massima, non è possibile usufruire degli incentivi previsti per legge .

Ci sono linee guida e criteri definitivi che l’ Agenzia delle Entrate specifica dopo l’ emanazione del Decreto Legge, che deve essere convertito in legge entro 60 giorni dalla emanazione, altrimenti come tutti i decreti legge, decade . I criteri e linee guida, potrebbero ampliare i campi di applicazione, che al momento prevedono per la casa uni familiare, la sola abitazione principale, tuttavia potrebbero rientrare anche le seconde case, forse con alcune limitazioni nella fattispecie, mediante le Linee Guida .

Ecobonus Efficienza energetica

GUIDA ECOBONUS ED INFORMAZIONI ESSENZIALI :

TEMPI DI APPLICAZIONE DELL’ ECOBONUS 110 : il decreto legge prevede come tempi per l’applicazione da 1 Luglio 2020 al 31 Dicembre 2021 per le spese domestiche pagate in tale periodo .

ALTRI ECOBONUS ATTIVI : l’ Ecobonus 110 si aggiunge ad altri Ecobonus 50 %, 65 %, 85 %, sisma bonus pertanto sarà importante non fare confusione sulle varie misure e su quanto prevedono come vantaggio per i cittadini . Seguono alcune indicazioni per fare chiarezza sulla misura, su cosa prevede e sulle modalità di applicazione .

ECOBONUS 110, CHI NE HA DIRITTO ? possono usufruire dell’ Ecobonus 110, dunque la misura si applica nel caso di opere e lavori ad edifici per uso residenziale, dunque edifici multi familiare ( condomini ) e unità abitative familiari singole ( abitazioni, villette ).

ECOBONUS 110, CHI NON NE HA DIRITTO ? Sono escluse le attività produttive, dunque capannoni, Aziende di produzione, ecc. Per i capannoni industriali si rimanda alla pagina COPERTURE soprattutto nel caso di consumo e SEU, e/o nel caso di sostituzione di coperture con AMIANTO .

ECOBONUS 110, PER QUALI LAVORI DOMESTICI SI PUÒ RICHIEDERE ? Si può richiedere per effettuare uno di questi 3 interventi che seguono :

Tipologia 1 di intervento : CAPPOTTO

CAPPOTTO SIA SU CONDOMINI, SIA CAPPOTTI SU EDIFICI SINGOLI : la prima tipologia di intervento punta ad isolare e rendere passiva la casa, mediante interventi sulle superfici opache verticali e orizzontali ( tetti e pareti ) in misura superiore al 25 % della superficie disperdente dell’ edificio . Dunque si fa un cappotto alla casa, non serve che sia applicato a tutta la casa, e si accede al 110 % a patto che questo intervento porti l’abitazione a fare un salto di classe energetica di 2 categorie o porti alla classe maggiore che è possibile raggiungere . Tetto massimo di spesa di 60.000 Euro che nel caso dei condomini è per ogni unità immobiliare che compone l’ edificio . Il cappotto deve essere fatto con materiali specifici, che rispondono anche ai requisiti dei criteri minimi ambientali, ossia bisogna scegliere i materiali in base quanto disposto dai criteri minimi ambientali, che vanno oltre la semplice efficienza energetica e che riguardano la parte BIO dell’ edilizia dunque il successivo smaltimento e la compatibilità ambientale . Il cappotto trascina anche altri interventi in detrazione, come meglio specificato a seguire .

CALDAIA E RISCALDAMENTO A PAVIMENTO : se con il cappotto si arriva ad avere due classi superiori è già sufficiente, oppure a titolo si esempio si può abbinare anche la sostituzione della caldaia, oppure compatibilmente con il tipo di edificio, si può prevedere il riscaldamento a pavimento .

TETTO, FOTOVOLTAICO, SOLARE TERMICO : anche l’applicazione del fotovoltaico incluso il sistema di accumulo e il solare termico fa parte degli interventi che si possono effettuare, unitamente al rifacimento del tetto .

SERRAMENTI : se si opta per l’ isolamento a cappotto e poi si sostituiscono anche i serramenti e gli infissi in una casa uni familiare e/o villetta singola, si applica l’ Ecobonus 110, invece che l’ Ecobonus al 50 % normalmente previsto, ossia gli infissi “ vanno a traino del cappotto “ . Nelle parti condominiali è da verificare con attenzione se i serramenti sono assimilabili o meno alle parti comuni . Ossia l’ incentivo si applica alle parti comuni e non alle parti private dei condomini .

TUTTO QUELLO CHE È INCENTIVABILE in misura minore alle superfici opache verticali o orizzontali, come spiegato è possibile inserire altri interventi, che siano compatibili secondo i requisiti di legge .

Tipologia 2 di intervento : CENTRALI TERMICHE NEI CONDOMINI :

RIFACIMENTO CENTRALI TERMICHE – SOSTITUZIONE CALDAIA ( NEI CONDOMINI ): la seconda tipologia di intervento riguarda la sostituzione della generazione dell’ impianto di climatizzazione invernale con un impianto in pompa di calore o caldaia a condensazione anche abbinata a fotovoltaico . È prevista una detrazione di 30.000 Euro per ogni unità abitativa . Si parla di interventi sulle parti comuni, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti che facciamo climatizzazione invernale e raffrescamento o acqua calda sanitaria e dovrebbero essere compresi gli impianti che lavorano in combinata e centralizzati . Le funzioni che deve assolvere il nuovo impianto, sempre in modalità centralizzata, climatizzazione / raffrescamento / acqua calda sanitaria, andranno poi valutate secondo la soluzione impiantistica che si pensa di adottare ( esempio le caldaie a condensazione tradizionale non sono abilitate per fare raffrescamento ) . Di preferenza a livello di tecnologia impiantistica si immagina si possa considerare preferibilmente le pompe di calore, o le caldaie ibride, o le pompe di calore geotermiche . Se la trasformazione e dunque l’ efficientamento energetico e riqualificazione vengono effettuati mediante una caldaia a pompa di calore o caldaia ibrida, tale intervento può essere abbinato al fotovoltaico che include il sistema di accumulo .

Tipologia 3 di intervento : SOSTITUZIONE IMPIANTO DI RISCALDAMENTO INVERNALE ( EDIFICI SINGOLI )

INTERVENTI CHE RIGUARDANO EDIFICI SINGOLI, CASE PRIVATE, VILLETTE ( NO CONDOMINI ): la terza tipologia di intervento, punta sulla trasformazione o meglio sostituzione dell’ impianto di riscaldamento invernale con un impianto di riscaldamento a pompa di calore oppure ibrida o micro generazione che può essere abbinata alla installazione di impianti fotovoltaici e si ricade nell’ Ecobonus 110 % .

Ecobonus classi energetiche

Altre Informazioni :

INTERVENTI A TRAINO ADDIZIONALI :
Oltre ai 3 interventi trainanti principali, sopra descritti, qualora ci siano interventi che fanno parte dei BONUS CASA, ECO BONUS, SISMA BONUS, ossia interventi che usufruiscono già oggi del 50% ( esempio pareti, impianti, infissi, sistema di distribuzione, porta blindata, ecc. ) possono essere inclusi nel pacchetto ECOBONUS 110, sempre che si tratti di interventi sugli edifici, interventi mirati a rendere più efficiente l’edificio, interventi di riqualificazione energetica . Altrimenti nel caso si voglia sostituire degli elettrodomestici bisognerebbe considerare altri bonus come il BONUS MOBILI . Sono ovviamente esclusi interventi non pertinenti come vialetti esterni, potatura alberi, ecc.

CHI CERTIFICA IL SALTO DI CLASSE ENERGETICA ?
La domanda che viene spontanea è questa : deve uscire un tecnico e fare un sopralluogo ?
Se l’ edificio è già certificato e dispone già di una APE si può partire da quello, tuttavia facilmente nel caso di un intervento di questo tipo che è significativo, si applica la legge 10 .
Dunque, si stabilirà il dato di partenza e si dovranno definire gli obiettivi finali . Dunque ci sarà una prima verifica da parte di un tecnico, una seconda verifica finale che è quella che andrà in asseverazione ENEA entro i 90 giorni successivi, ossia la modalità già in uso con gli altri Ecobonus . Il processo di miglioramento sarà certificato, infatti sono previste sanzioni per le dichiarazioni infedeli dei tecnici, dunque c’è da prestare attenzione, e non dovrebbe essere più possibile fare online . La dichiarazione della classe energetica dell’ edificio in sostanza va fatta prima, e poi un ingegnere termo-tecnico o ingegnere professionista abilitato deve asseverare la classe energetica, finale . Ossia si applica quanto previsto dalla Legge 10, si stabiliscono i requisiti energetici di un edificio, la si porta a chiusura rilasciando un APE ( attestato di prestazione energetica ) . L’ APE deve attestare il fatto che si è partiti da una classe e si è arrivati dopo gli interventi ad un’ altra classe energetica .

SERVE UN PROGETTO SULLE OPERE CHE ANDRANNO FATTE ? Certamente .

Ecobonus pannelli fotovoltaici

ECOBONUS, COME PAGHERÀ IL COMMITTENTE ? COME L’ IMPRESA EROGHERÀ IL SERVIZIO ?

La modalità con la quale attuare il pagamento degli interventi è il cosiddetto “ SCONTO IN FATTURA “. Si parla di 110 % perché è incluso il margine di contrattazione con il soggetto a cui si va a cedere il credito .
Ossia il titolare dell’ immobile spende 100, tuttavia poi cede il credito, chi lo acquisisce ha dei tempi per ammortizzarlo, dunque il 10% aggiuntivo va a compensare le spese, gli interessi .

VIENE LASCIATA OPZIONE AL COMMITTENTE, CHE PUÒ DECIDERE SE ATTUARE :
- UNA DETRAZIONE FISCALE : ossia se detrarsi le spese che ha sostenuto nei successivi 5 anni dalla tasse .
- OPPURE CHIEDERE UNO SCONTO IN FATTURA ALL’ ESECUTORE DEI LAVORI : al momento in deroga alla cessione del credito e al tetto dei 200.000 Euro, Art. 14 Legge 63 / 2013 convertita nella legge 90, lo sconto in fattura può essere richiesto per qualunque tipo di intervento . Tra gli interventi figurano : recupero del patrimonio edilizio, bonus casa, installazione di collettori solari e sistema di accumulo, sostituzione di caldaie a condensazione, caldaia a condensazione classe A, generatori di calore ad aria, solare termico, pompe di calore per la climatizzazione invernale, sistemi ibridi, micro-generatori, fotovoltaico, colonnine di ricarica di autoveicoli, scalda acqua, generatori di calore a biomassa, sisma bonus, domotica ( che va a gestire l’ intelligenza del sistema di riscaldamento / raffrescamento e già da qualche anno è incentivata al 50 % essendo nel Bonus Casa ).

L’ ESECUTORE DEI LAVORI POTRÀ A SUA VOLTA DECIDERE SE :
- UTILIZZARE IL LAVORO IN COMPENSAZIONE DEI CREDITI
- OPPURE CEDERLO AD UN ALTRO SOGGETTO O AD ALTRI SOGGETTI SENZA ALCUNA LIMITAZIONE : può cedere il credito più volte, può cederlo alle banche, a chiunque . Si rimarca il concetto che in passato era possibile una singola cessione del credito, una sola volta ad un soggetto della propria filiera, ora è possibile cedere il credito a chiunque, quante volte si vuole, tutti i soggetti compresi Enti bancari, assicurativi, finanziari, multi utilities . I soggetti interessati ad acquisire il credito potrebbero farlo per varie motivazioni :
- Tante tasse da pagare
- Per interesse a costruire un rapporto
- Per inserirsi nel mercato .
Sulla trasformazione del credito sarà l’ Agenzia delle Entrate mediante un provvedimento a completare le informazioni al momento parziali .

Ecobonus 110 Riqualificazione Energetica

ALTRE CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE :

IMPLICAZIONI SUL SETTORE LEGATE ALLA SCELTA POLITICA

Da un punto di vista politico, poteva essere ipotizzata una manovra più specifica, ossia partendo da edifici con classe più bassa, in modo tale da ridurre le emissioni e determinare un salto di efficienza energetica, con maggiore impatto a favore di situazioni con maggiore inquinamento, dispersione energetica, tuttavia il medesimo provvedimento, consentendo anche a classi energetiche già elevate di incrementare l’efficienza, porterà comunque ad un beneficio, sebbene diversamente distribuito .

Facilmente questo decreto tuttavia porterà ad una corsa ad una ristrutturazione edilizia per il pesante intervento mediante incentivi statali, con il rischio di avere tempi medio lunghi per effettuare i lavori, per via di un po’ di congestione, per il numero elevato di opere da realizzare nei tempi previsti per legge .

Dunque si prevede un certo stress operativo e logistico sul settore edilizio a seguito dell’ Ecobonus 110, e facilmente si dovrà ipotizzare competenze trasversali, per una corretta gestione delle commesse ed efficienza del sistema .

Ossia la questione centrale non è solo trovare dei finanziamenti, ed il legislatore ha assolto relativamente alle aspettative, ma a valle delle risorse economiche, diventano centrale il know – how, le competenze, la collaborazione tra installatori e un coordinamento delle attività affinché sia efficace l’ intervento nel suo complesso .

La misura, come si diceva avrà forti ripercussioni su tutto il settore, e il credito maturerà alla fine dei lavori, dopo controlli di verifica, asseverazione, visti di validazione . Per poterlo realizzare le imprese dovranno immaginare di finanziarsi, soprattutto se si parla di lavori che avranno una durata più lunga nel tempo .

A maggior ragione, se il cliente dovesse decidere di operare interventi più articolati, visto che non affronterà direttamente una spesa ; dunque al posto di sostituire la caldaia, potrebbe pensare di attuare interventi più importanti come un cappotto, pompa di calore, infissi, ecc.

Il salto al 110% dell’incentivo è finalizzato anche a sfavorire quanto più possibile il lavoro nero, dunque nell’ ottica di favorire l’ emersione del sommerso .
Le pratiche burocratiche non sono ancora perfettamente definite e saranno completate a breve .

Ecobonus cappotto

COMPETENZA E KNOW – HOW DEGLI OPERATORI :

Se si parla di pompa di calore, si coinvolge il fotovoltaico, dunque un abbinamento tra termico ed elettrico, pertanto tra gli operatori servirà fare squadra e acquisire le competenze necessarie . Il cappotto non è una classica opera di edilizia tradizionale, e serve una impresa specializzata .

Gli interventi di ristrutturazione, come si diceva al committente potrebbero costare zero, e potrebbero stimolare il committente ad includere nella riqualificazione ed efficientamento, un cappotto, una pompa di calore, un impianto fotovoltaico ; dunque tutto ciò richiede nella esecuzione dei lavori, competenze specialistiche che non si possono dare per scontato .

Gli applicatori specializzati e i fornitori dei servizi, operativamente dovranno collaborare con società specializzate verticalmente in un ambito, operatori dotati delle certificazioni, in grado di assicurare :
- garanzie, ed esperienza per portare a termine i lavori a regola d’arte con professionalità ;
- oltre alla qualità degli impianti / installazioni, è richiesto l’ utilizzo di materiali che rientrano nei criteri ambientali minimi ;
- è necessario che gli installatori siano stati adeguatamente formati dal produttore dei materiali utilizzati ;
- la qualità del servizio erogato dovrebbe essere garantito per anni dunque nel tempo vista anche la natura pluriennale degli interventi .

ESEMPI DI CRITICITÀ NELLA POSA DEGLI IMPIANTI :

- La posa corretta del cappotto è importante : un cappotto posato male dopo 5 anni si potrebbe scollare, oppure si potrebbero determinare la formazione di condense, muffe, sui lati nord, e questo potrebbe dare origine a contenziosi in edilizia . Il cappotto implica inoltre il rifare le facciate, dunque un intervento di tipo interdisciplinare che può essere complesso in alcuni casi .

- Adottando la tecnologia mediante la pompa di calore, in assenza dei sistemi di distribuzione adeguata, si potrebbero manifestare disguidi ; se si lavora in alta temperatura con radiatori, con sistemi di emissione non adeguati, la pompa di calore potrebbe dimostrarsi non performante nel risolvere il problema ed assicurare il confort desiderato . Le problematiche sarebbero più facilmente risolvibili in una villetta unifamiliare, più complesso in un condominio . Teniamo conto che rifare il sistema di ridistribuzione dell’ acqua, significa operare interventi invasivi in quasi tutta l’ abitazione .

Ecobonus Fotovoltaico

SINTESI DELLA MISURA ECOBONUS 110 % , PRO E CONTRO

MISURA A FAVORE DEGLI UTENTI

La misura dell’ ECOBONUS 110 % contenuta nel Decreto Rilancio, sembra una misura decisamente positiva per l’ utente che non deve pagare nulla .
Sono previsti tetti massimi di spesa per ogni tipologia di intervento e/o per unità abitativa immobiliare, il che consente di non sprecare risorse economiche .
Non pone nessun limite di reddito, il che la rende una misura molto espansiva e allo stesso tempo poco attenta alle politiche sul reddito .
L’ impresa anticipa . Sono necessari per l’ attuazione partnership finanziarie solide, che credono nell’ iniziativa . Si sposta il peso verso la finanza, meno verso l’ Impresa o l’ esecutore dei lavori .
Vengono spinte alcune tecnologie .

RINCARI

Non si possono escludere dei rincari sia perché il proprietario non è tenuto a pagare nulla, e anche perché ci sono tempi più lunghi e costi finanziari che possono determinare incrementi degli importi . Anche il costo dell’ energia potrebbe aumentare .

CONTROLLI

Vi sono controlli tecnici e una validazione da parte di un centro di assistenza fiscale sulla regolarità contributiva e il rispetto dei vari requisiti, dunque a parte un controllo tecnico vi è poi un controllo amministrativo . ENEA ci si aspetta ponga in essere altrettanto dei controlli in sito .

SANZIONI

Se ci è avvalsi di questa misura senza aver poi fatto i lavori o senza aver rispettato le norme di legge, il requisito può essere richiesto indietro con la mora, e anche con delle complicazioni per le aziende esecutrici . Ossia se viene ravvisata una colpa dell’ Impresa, una violazione o mancato rispetto delle norme, anche l’ Impresa esecutrice è tenuta a restituire con le more . Sono previste anche sanzioni per le dichiarazioni infedeli fatte dai tecnici, piuttosto che dal CAF ( Centro Assistenza Fiscale ) . Multe da 2.000 a 15.000 Euro per ogni pratica .

Ecobonus 110 Contact us

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI :

Se sei un amministratore di condominio, un titolare di abitazione, o rappresentante di vari proprietari scrivici alla mail che segue :

ecobonus email

Si ringrazia per la Collaborazione

IBS Energy

LINK DI APPROFONDIMENTO :

- Decreto Rilancio ( Repubblica.it )
- Superbonus Edilizia ( Edilportale )
- Ecobonus e Sisma Bonus ( Qui Finanza )

Credito Rischio Trade Export Finance

CONSULENZA E CORSI, TRADE EXPORT FINANCE & GESTIONE RISCHIO DI CREDITO

credito trade export finance

CONSULENZA & FORMAZIONE SPECIALISTICA “TECNICHE AVANZATE DI COMMERCIO ESTERO” , TRADE & EXPORT FINANCE, GESTIONE RISCHIO DI CREDITO

PER LA CONSULENZA :

Per ricerca partners finanziari, ricerca e negoziazione strumenti bancari per export / trade finance (crediti documentari, stand by, garanzie bancarie internazionali, forfaiting, etc.), gestione crediti export CLICCA QUI

PER I CORSI: PRE-ISCRIZIONE / MANIFESTAZIONE DI INTERESSE :

Mediante il format di contatto che segue indicare:
- Il/i corso/i di interesse mediante il numero identificativo che va da 1 a 14.
- la città o le città più prossime alla vostra residenza o dove siete disponibili a recarvi per partecipare al corso di vostro interesse.
- specificate se siete disponibili anche alla erogazione del corso mediante modalità a distanza (piattaforma digitale).
- i vostri riferimenti completi per consentirci di prendere contatto con Voi.
- eventuali ulteriori richieste.
ORGANIZZAZIONE CORSI : attraverso le manifestazioni di interesse ai corsi, in base al numero di adesioni saranno organizzate aule sia a distanza, sia in presenza in location maggiormente prossime alla residenza dei corsisti, utilizzando anche date di corsi già programmati in collaborazione con altri Enti Formativi nei quali il docente opera. Il costo di partecipazione è in funzione dei parametri sopra indicati e sarà comunicato a seguito di pre-iscrizione. La segreteria didattica di IBS ringrazia per la collaborazione.

contact IBS by mail

INDICE E CONTENUTI DELLA PAGINA :

- SEZIONE A: elenco corsi formazione Commercio Estero, Trade & Export Finance, Gestione Rischio di Credito
- SEZIONE B: informazioni di dettaglio su ogni singolo corso
- SEZIONE C: percorsi consulenziali e consulenza avanzata
- SEZIONE D: informazioni supplementari su metodologia, competenze, certificazioni
- SEZIONE E: informazioni su relatore e consulente
- SEZIONE F: pubblicazioni e tools su trade, export finance, gestione credito (disponibili su richiesta)

credito corsi trade export finance

SEZIONE A: Offerta formativa specialistica “Tecniche di Commercio Estero” , Trade & Export Finance, Gestione Rischio di Credito

ELENCO CORSI OFFERTA DIDATTICA E MODULI PROPOSTI : (seguono i dettagli per ogni corso)

• Modulo n. 1 – Incoterms® 2010 i profili applicativi dei termini di resa nelle compravendite internazionali, problematiche, implicazioni operative, per ottimizzare l’utilizzo e ridurre i rischi.

• Modulo n. 2 – Pagamenti internazionali : pagamenti attivabili in transazioni commerciali con l’estero e relative peculiarità, criticità.

• Modulo n. 3 – L’incasso documentario e le istruzioni per l’uso : trasferimento di competenze operative sulle Documentary Collections, caratteristiche, problematiche, normative, operatività.

• Modulo n. 4 – Pagamenti internazionali & gestione del rischio di credito : gestione ponderata del rischio di insolvenza nell’ambito delle compravendite internazionali, nel breve, medio e lungo termine, tools tra cui strumenti finanziari.

• Modulo n. 5 – Crediti Documentari : caratteristiche e aspetti peculiari, normativa UCP 600 ICC e 745 ICC prassi bancaria internazionale uniforme.

• Modulo n. 6 – Nuova codifica della prassi bancaria internazionale uniforme & gestione operativa lettera di credito : novità dopo la Pubb.ne no. 745 ICC. Percorso formativo iper-specialistico sui crediti documentari, gestione operativa, novità prassi bancaria internazionale uniforme, impatto produzione documenti a corredo di un credito.

• Modulo n. 7 – Workshop – Gestione operativa lettera di credito in funzione della nuova codifica della prassi bancaria internazionale uniforme : percorso formativo super-specialistico, gestione operativa di due lettere di credito, dall’accordo contrattuale all’incasso, analisi del credito e produzione documenti partendo da fattura e packing list.

• Modulo n. 8 – Crediti Documentari e documenti di trasporto : nella preparazione dei documenti di trasporto, analisi discordanze in sede di esame dei documenti a corredo di una lettera di credito. Percorso formativo specialistico per comprendere problematiche e produrre documenti conformi.

• Modulo n. 9 – Avviso di rifiuto nei crediti documentari e nell’ambito delle garanzie bancarie internazionali : comprendere come strutturare in modo corretto un avviso di rifiuto in sede di una non-complying presentation, nel caso di crediti documentari e garanzie bancarie di carattere internazionale. Comportamenti da tenere nei confronti di banche e beneficiari dopo esame documenti. Esercitazioni e casi pratici di operazioni commerciali reali.

• Modulo n. 10 – La LC Import e incarico alla banca per emissione lettera di credito : nell’emissione di un credito documentario, come incaricare la banca nell’emissione delle LC, ottimizzare il processo, permettendo all’importatore nazionale di ridurre i rischi nell’acquisto dall’estero. Dinamiche e problematiche nella designazione e richiesta documenti e assicurazione di trasporto.

• Modulo n. 11 – Garanzie bancarie internazionali caratteristiche delle “guarantee” in uso nell’ambito del commercio internazionale, specificità, criticità. Analisi garanzie bancarie emesse per conto del venditore e compratore. Casi reali, esercitazione su escussione payment guarantee.

• Modulo n. 12 – BPO – Bank Payment Obligation : nuovo strumento di regolamentazione per le imprese che lavorano con l’estero. Funzionamento e posizionamento operativo della BPO, esamina dei principali articoli della URBPO ICC.

• Modulo n. 13 – Export Finance : Strumenti finanziari per il mercato globale : vagliare gli strumenti finanziari ed assicurativi a servizio degli operatori per finanziare e monetizzare il proprio credito all’esportazione. Processi ed operatività del forfaiting, strumenti assicurativi Sace Spa ed intervento di Simest Spa.

• Modulo n. 14 – Assicurazione del credito all’esportazione : analisi ponderata delle soluzioni assicurative per governare il rischio di credito nella sfera delle transazioni commerciali internazionali, nel breve, medio e lungo periodo, verificando il framework normativo di riferimento, e i processi operativi dei prodotti Sace Spa, Sace Bt mettendo in risalto il funzionamento delle attinenti polizze.

SEZIONE B: DECRIZIONE DETTAGLIATA CORSI DI FORMAZIONE SU TRADE & EXPORT FINANCE, TECNICHE COMMERCIO ESTERO, GESTIONE RISCHIO DI CREDITO

Si crede opportuno segnalare che i moduli possono subire, modifiche, essere integrati e resi adeguati alle esigenze e bisogni dei committenti in merito alla durata, contenuto, livelli di approfondimento.

Modulo n. 1: INCOTERMS® 2010 e conseguenti profili applicativi

Profilo Professionale Destinatari : Addetto ufficio estero, export manager, operatore del trasporto, bancario, operatore commercio internazionale.
Livello Corso : intermediate
Impegno orario : 4 ore
Obiettivi del Corso : Malgrado il largo utilizzo degli Incoterms® 2010, permane viva la necessità, da parte degli addetti ed operatori commerciali internazionali, di afferrare meglio le problematicità e la dimensione delle conseguenze operative. Ergo, l’obiettivo che il modulo si prefigura, è di trasferire conoscenze ed abilità tecniche commisurate per assimilarne la ratio e poterne ottimizzare l’utilizzo allo scopo di rendere minimi i rischi nel contesto di una compravendita internazionale.
Contenuti :
• Definizione di Incoterms® o termini di resa e ambito operativo di applicazione
• Cronistoria ed evoluzione degli Incoterms® dal 1936 al 2010
• Gli Incoterms® e il processo di containerizzazione delle merci
• Principi Generali Incoterms®
• Incoterms® e Crediti Documentari (Lettere di credito – LC)
• I termini marittimi e i termini di resa multimodali
• Le sezioni e partizioni della normativa ufficiale
• Dall’EXW (Ex-works) al DDP (Delivered Duty Paid): analisi puntuale di ogni singolo termine di resa;
• Approfondimenti e Commento Wall Chart Incoterms® 2010
• Esame di casi pratici
• Q&A – Questions to Ask Session.

Modulo n. 2: I Pagamenti Internazionali

Obiettivi Formativi: Il presente modulo si fissa l’obiettivo di esporre e chiarire le forme di pagamento che si possono rendere operative in una transazione commerciale con un paese estero caratterizzandone le concernenti peculiarità (settlment, risk mitigation oppure financing).
Contenuti del modulo:
• Le Payment Conditions nel contesto di un International Sale Contract
• Il pagamento nella modalità Open Account
• Contesto di Open account assistito da una demand guarantee o da una standby letter of credit
o Differenzazione tra demand guarantee e SBLC ( standby letter of credit )
o Studio di casi pratici
• Condizione di Pagamento anticipato assistito da una advance payment guarantee
o Esame di una advance payment guarantee
• Illustrazione del concetto di Incasso documentario (Documentary Collection)
o Documents against Payment : D/P
o Documents against Acceptance : D/A
o Documentary Collection: e le Financing Facilities
o Analisi e discussione di casi reali.
• Cos’è “ Il credito documentario ”
o Il credito documentario: definizioni, caratteristiche e peculiarità, struttura, dettagli sul funzionamento, soggetti, profilo operativo, norme di riferimento
o I differenti tipi di crediti documentari: dal “ by payment ”, al “ by deferred payment ”, al “ by acceptance “, infine il “ by negotiation “ e le attinenti prestazioni delle banche
o Procedura di “Conferma di un credito documentario”
• La Bank Payment Obligation: BPO ( Bank Payment Obligation), corretta definizione, soggetti coinvolti, struttura della BPO ed operatività
• L’assegno, la cambiale ( chéque, Bill of Exchange, Promissory Note)
• Incassi automatizzati : trasferimento elettronico dei fondi sul conto del venditore
• Chiarire i concetti e gli strumenti di Settlment, Risk Mitigation o Financing
• Esercitazioni
• Q&A Session (questions and answers).

Modulo n. 3 : Incasso documentario ed istruzioni d’uso

Destinatari e Profili professionali a cui è indirizzato il corso : Operatori uffici estero, export managers, operatori bancari, addetti al commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello : per le tematiche trattate il livello è avanzato
Durata corso : 1 giornata;
Obiettivi didattici : Il modulo in questione intende collocarsi in prossimità dell’ambizioso obiettivo di riuscire a trasferire expertise e competenze operative specialistiche sulle c.d. “Documentary Collections”, esponendone le caratteristiche e rappresentandone gli aspetti più peculiari.
In modo distintivo, si andranno a scandagliare le problematicità e complessità collegate al mancato ritiro dei documenti a destino, nonché le dinamiche caratterizzanti lo smobilizzo del credito sottostante, nella vendita D/A ( Documents against Acceptance ). Sarà dedicato ampio spazio, inoltre, allo studio della normativa URC 522 ICC (Uniform Rules For Collection). Si esamineranno, per concludere, alcuni casi pratici per meglio acquistare dimestichezza con l’operatività dello strumento.
Contenuti del Corso :
• I documenti di trasporto impiegati nel commercio internazionale: CIM (Convenzione Internazionale per le Merci in ferrovia), AWB (Air Waybill ), CMR (Convention des Marchandises par Route), MTD, Bill of Lading
• Le principali forme di regolamento nel commercio internazionale
• L’incasso documentario: definizione, soggetti coinvolti, normative e modalità operative
• “ Collection Cycle “: Le fasi dell’incasso documentario
• D/P ( Documents against Payment ) versus D/A ( Documents against Acceptance )
• Quali sono le differenze tra : “Clean”, “Documentary” e “Direct” Collections ?
• Quando è appropriato applicare l’incasso documentario : quali i vantaggi e gli svantaggi dello strumento;
• Quali sono i Ruoli e le responsabilità in capo alle banche partecipi del processo
• When collection is dishonoured: quali azioni, disamina avvisi e procedure
• D/A ( Documents against Acceptance): come smobilizzare, dunque convertire in denaro il credito sottostante
• Come predisporre ed organizzare la Bill of Exchange (tratta)
• Governare la gestione degli interessi, delle commissioni bancarie e delle spese
• Analisi delle Documentary Collection: “ Creation of Documents ”, “ payment in local and in foreign currency ”, “ protest ” , “ partial payments ” e “ case-of-need ”
• Come esplicitare accuratamente e in modo appropriato le “collection instructions” alla banca
• Analisi di Casi pratici
• Focus: URC 522 ICC (Uniform Rules For Collection): analisi degli articoli principali
• Assessment Test
• Decision making case-study
• Q&A Session (domande e riposte).

Modulo n. 4 : I pagamenti internazionali e l’efficace gestione del rischio di credito

Destinatari a cui è rivolto il corso : Addetti uffici estero di aziende Export, Managers e consulenti d’impresa.
Livello : livello intermediate
Durata corso: da 1 a 2 giornate
Obiettivi Formativi: L’obiettivo del presente modulo è quello di identificare, esplicitandone le caratteristiche, gli strumenti per una gestione fruttuosa e consapevole del rischio di insolvenza nell’ambito del commercio e delle compravendite internazionali, siano esse nel breve come nel medio e lungo termine. Specificatamente si discuteranno gli strumenti con focus nel breve termine, enucleando in particolare gli strumenti finanziari.
CONTENUTI DIDATTICI:
L’Export Credit Risk Management ( Gestione Rischio del Credito in Export)
• Differire attraverso una dilazione di pagamento, come strumento e mezzo per creare valore per il cliente;
• Come governare la gestione del rischio di credito: con quali strumenti?
• La distinzione tra strumenti finanziari e strumenti assicurativi
• Strumenti congrui nel Breve Termine e strumenti nel Medio e Lungo Termine
• Monitorare le variabili critiche: paese, importo, tipologia di merce, cliente, forza contrattuale.
Gli strumenti finanziari operanti nel breve termine e quelli nel medio / lungo termine
• Il credito documentario: definizione di credito documentario, caratteristiche e peculiarità, struttura di una LC, funzionamento, soggetti interessati, operatività, norme di riferimento
• Le varie tipologie dei crediti documentari : by payment, by acceptance, by deferred payment, by negotiation e le collegate prestazioni delle banche
• La fase della conferma di un credito documentario
• Come contraddistinguere il ruolo, gli obblighi e doveri delle banche
• Come avvalersi correttamente di un credito documentario: come generare documenti congrui, uniformi e in linea con le UCP 600 ICC ( Uniform Customs and Practice, Norme ed Usi Uniformi relative ai crediti documentari, contenute nella Pubblicazione numero 600 della Camera di Commercio Internazionale di Parigi ) e la nuova prassi bancaria internazionale uniforme
• Le garanzie bancarie internazionali : payment guarantee e SBLC ( stand-by letter of credit )
• Cenni sul forfaiting e sulle linee open.
Gli strumenti assicurativi
• Dettagli sul contesto normativo: sia internazionale, che comunitario e nazionale
• Il consensus: definizione
• Direttiva UE 98/29 ( del Consiglio, 7 maggio 1998, inerente l’armonizzazione disposizioni in materia di assicurazione crediti all’esportazione, per operazioni garantite sia a medio che a lungo termine ) e Comunicazione UE sul Breve Termine
• Il Decreto Legislativo 143/1998 contenente disposizioni in materia di commercio con l’estero e la Delibera CIPE n. 62/2007 operazioni e rischi assicurabili da SACE S.p.a.
• Il credito fornitore : struttura, funzionamento, operatività. Quali sono i rischi assicurati
• Le polizze Basic Online e Plus One
• Caratteristiche, funzionamento operativo della voltura (cambiamento d’intestazione della proprietà di un bene) di Polizza Sace Spa
• Assicurazione dei crediti all’esportazione: principi cardine, ambiti e campi di operatività, il premio, la globalità, l’indennizzo previsto dalla polizza, l’LMA, la latitudine, le clausole di primo rischio, il recupero del credito, ed infine le franchigie previste;
• Le polizze BT 360° e BT Sviluppo Export
• La polizza Excess of Loss
• Riflessioni e Conclusioni.

Modulo 5: I Crediti Documentari

Destinatari : Operatori uffici estero, export manager, bancari, addetti commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello : livello corso avanzato
Durata Corso : da 1 a 3 giornate in funzione degli obiettivi formativi.
Obiettivi : Il presente modulo tende verso l’ambizioso e sfidante obiettivo di conferire competenze operative specialistiche sui crediti documentari (anche indicati informalmente come lettere di credito), circoscrivendone con accuratezza le caratteristiche e rimarcando gli aspetti più peculiari e le complessità. Ampio spazio sarà assegnato all’analisi della norma UCP 600 ICC e alla valutazione attenta e accurata della nuova pubblicazione 745 ICC relativa alla prassi bancaria internazionale uniforme. Verranno analizzati, infine, molteplici casi pratici per comprendere a fondo l’operatività e i profili applicativi dello strumento.
Contenuti del corso:
• Export Credit Risk Management: come governare e gestire il rischio legato al credito nelle transazioni commerciali effettuate con l’estero
• Le differenze nella forma e nella sostanza tra strumenti finanziari e strumenti assicurativi
• Il credito documentario ( anche indicato come LC lettera di credito) : definizione, caratteristiche e peculiarità, struttura di un credito documentario, funzionamento, soggetti coinvolti ed operatività, normativa di riferimento
• Tipologie dei crediti documentari : by payment, by deferred payment, by negotiation, by acceptance e le correlate prestazioni delle banche
• Come eliminare il rischio banca e rischio paese (country risk): l’operazione di “ conferma di un credito documentario “, la “ silent confirmation “ ed infine “ lo star del credere “
• Come determinare il ruolo delle banche ?
• Cosa si vuol significare con “negotiation” ?
• Cosa si intende per “ Banca designata “ : e quale prestazione ?
• Cos’è una Draft?
• Quale significato si attribuisce a : “ certified ”, “ visaed ”, “ legalized ” ?
• Nel caso di “ Transhipment prohibited “ : si può assumere che sia sicuro ?
• Che cosa significa “ blank endorsed ” ?
• Che ne consegue se si perdono i documenti?
• Esposizione ed approfondimenti in merito alla gestione operativa di un credito documentario / lettera di credito: come generare e presentare documenti conformi allineati con la normativa UCP 600 ICC e con la nuova Pubb.ne 745 ICC riguardante la prassi bancaria internazionale uniforme.
• Analisi e discussione di numerosi casi concreti reali.
• Q & A Session (domande e risposte).

Modulo n. 6 : La nuova codifica inerente la prassi bancaria internazionale uniforme e le implicazioni nella gestione operativa della lettera di credito: le novità contenute nella Pubb.ne no. 745 ICC

Destinatari e profilo professionale : Operatori uffici estero, export manager, profili bancari, addetti al commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello Corso: avanzato
Durata Corso: da 1 a 3 giornate
Obiettivi didattici : Il modulo in questione intende posizionarsi come un percorso formativo di natura iper – specialistica sul tema dei crediti documentari e sulla loro appropriata gestione operativa. Specificatamente, si prenderanno in esame le basilari novità introdotte nella prassi bancaria internazionale uniforme stimandone l’influenza e le ripercussioni nella produzione dei documenti a corredo di un credito documentario.
CONTENUTI DEL MODULO:
• Il credito documentario : definizione e spiegazione dello strumento, attraverso le caratteristiche distintive, la struttura ed il suo funzionamento, soggetti coinvolti, tipologie di credito documentario, operatività e normativa a cui fa riferimento.
• Illustrare e definire cosa si intende per “ Prassi bancaria internazionale uniforme ” : di cosa si sta parlando in modo preciso ?
• Le novità racchiuse nella pubblicazione ISBP 745 ICC :
Considerazioni ed osservazioni Preliminari, Principi Generali della pubblicazione:
• Scopo della Pubblicazione ISBP 745 ICC
• Spiegazione dei “ Certificati “ e “ Dichiarazioni “
• Illustrazione delle “Copie dei documenti di trasporto”
• Chiarimento sui Documenti ai quali non si devono applicare gli artt. 19-25 UCP 600 ICC
• Precisazione sulle definizioni di : “ shipping documents ”, “ third party documents acceptable ” , “ stale documents acceptable ”, “ exporting country ”, “ third party documents not acceptable ”, “ shipping company ” e “ documents acceptable as presented ”
• Perché è importante la lingua di produzione dei documenti
• La modalità per “ firmare un documento “
• Distinguere “ Originali e Copie “
• Cosa sono gli “ Shipping Marks ”
• Esaminare “ Le condizioni non documentarie “
Come preparare i documenti nel pieno rispetto delle nuove indicazioni fornite dalla ISBP 745 ICC:
• Come allestire la “draft”
• Come predisporre la fattura
• Multimodal Transport Document versus Bill of Lading
• Cosa si intende per “ On board notations “
• Bill of Lading versus Non-negotiable Bill of Lading
• Come disporre l’AWB ed il CMR
• Come approntare il certificato assicurativo
• Come procedere alla preparazione del certificato di origine
• Come organizzare il Packing List ed il Weight List
• Come predisporre i Certificati del beneficiario
• Come finalizzare ed allestire i Certificati di analisi, di qualità e quantità, i certificati di ispezione, sanitario e fitosanitario, ecc.
Analisi e studio di casi pratici reali con documenti a corredo
Domande e risposte (Q & A Session).

Modulo n. 7 : Workshop / Laboratorio : Come gestire operativamente la lettera di credito dopo la nuova codifica della prassi bancaria internazionale uniforme

Destinatari e Profilo professionale partecipanti: Operatori ufficio estero, export manager, profili bancari, operatori ed addetti al commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello : avanzato, percorso iper-specialistico
Durata percorso : 2 giornate
Obiettivi Workshop : Il workshop si prefigge di essere un percorso di formazione e training iper-specialistico sul governo e gestione operativa di un credito documentario (talvolta indicato anche come “ Lettera di Credito “, alla luce dei risvolti normativi dopo la nuova pubblicazione inerente la prassi bancaria internazionale per opera della Camera di Commercio Internazionale (CCI) di Parigi. Nel presente modulo è inclusa la gestione operativa di due (2) lettere di credito, attraverso un itinerario formativo che parte dall’accordo contrattuale fino all’incasso. I partecipanti presenti verranno coinvolti, in prima persona, nell’analizzare il credito documentario e nel produrre i documenti, impostando l’analisi a partire dalla fattura e dal packing list. Per ottimizzare l’operatività occorre la disponibilità di una postazione di lavoro, in ragione di una per ogni 3 – 4 partecipanti.
Contenuti Workshop :
1a Parte – Teoria :
• Export Credit Risk Management: come guidare e gestire con efficacia il rischio di credito nell’ambito delle transazioni commerciali con l’estero
• Le differenze esistenti tra gli strumenti di tipo assicurativo e gli strumenti finanziari
• Il credito documentario / lettera di credito : definizione, caratteristiche ed aspetti peculiari, struttura ed architettura di un credito documentario, funzionamento, soggetti coinvolti, profili operativi e norma di riferimento
• Le differenti famiglie di crediti documentari: a partire da “ by payment” , “ by deferred payment “, ed ancora “ by negotiation “, ed infine “ by acceptance “, e le conseguenti prestazioni delle banche
• Come cancellare il rischio banca e il country risk (rischio paese) : cosa si intende per “ conferma di un credito documentario “, significato di “ silent confirmation “ e dello “ star del credere “
• Verifica del ruolo della banca: come determinarlo ?
• Cosa si vuole intendere per “ negotiation ” nell’ambito di un credito documentario ?
• Cosa si intende per Banca designata : e quale prestazione ?
• Analisi e discussione su casi pratici.
2a Parte –Esercitazioni e Workshop
I partecipanti presenti, preventivamente suddivisi in gruppi, saranno coinvolti nella preparazione dei documenti a corredo di due (2) crediti documentari, caratterizzati da un livello crescente di difficoltà. Al termine del Workshop seguirà una sessione di dibattito e disamina con analisi e confronto sugli esiti.

Modulo n. 8 : I Crediti Documentari e come predisporre i documenti di trasporto

Destinatari del Corso : Operatore ed addetto ufficio estero, profili bancari, vettori e spedizionieri, consulenti d’impresa.
Livello Corso : avanzato, percorso altamente specialistico
Durata: 1 giornata
Obiettivi Corso : In sede di esame e preparazione dei documenti a corredo di un credito documentario (talvolta indicato come “ lettera di credito “), il maggior numero di discrepanze ed incongruenze, riguarda i documenti di trasporto. Di conseguenza, il modulo in questione vuole essere un percorso formativo specialistico di elevata expertise, imperniato sulla corretta preparazione dei documenti di trasporto a corredo di un credito documentario, con l’obiettivo di rimarcare ed assimilare le relative problematicità , le discordanze al fine di produrre dei documenti conformi privi di elementi che pregiudichino il successo dell’operazione.
CONTENUTI :
• Il credito documentario : un excursus tra gli elementi fondanti di un credito documentario, o talvolta indicato come lettera di credito, dalla definizione, alle caratteristiche e alla struttura, per passare al funzionamento, ai soggetti interessati, le varie tipologie di credito, l’operatività e le normative di riferimento;
• La ineccepibile preparazione dei documenti di trasporto nel pieno rispetto delle UCP 600 ICC e delle addizionali indicazioni della ISBP 745 ICC :
o Il documento “ Multimodal Transport Document “
o Peculiarità della “ Bill of Lading “
o Documento “ Sea-Way Bill “
o La “ Charter Party Bill of Lading “
o Air Transport Document
o I documenti “ Road, Rail “ oppure “ Inland Waterway Transport Documents “
o Infine i “ Courier Receipt” , “ Post Receipt” oppure “ Certificate of Posting “
• Per ogni singolo documento di trasporto, verranno analizzati i seguenti aspetti : emissione documento, identificazione vettore, firma, data spedizione, descrizione della merce, correzioni, shipper e girata, la notify party, la consignee, i trasbordi eventuali, il corretto trattamento delle copie di tutti i documenti di trasporto.
• Analisi degli artt. 26 e 27 della UCP 600 ICC : nello specifico “ On Deck ”, “ Shipper’s Load and Count ”, “ Clean Transport Document ”,“ Said by Shipper to Contain ” and “ Charges Additional to Freight ” .
• Focus su: On board notations e relative specifiche eccezioni: analisi completa delle possibili opzioni.
• Esercitazioni ed analisi di casi reali
• Q & A (Domande e Risposte).

Modulo n. 9: Avviso di rifiuto nell’ambito dei crediti documentari e garanzie bancarie internazionali

Destinatari : Operatori uffici estero, addetti bancari e consulenti d’impresa.
Livello corso : avanzato, percorso ad alta expertise
Durata: 1 giornata;
Obiettivi Didattici: Il presente modulo si pone il concreto obiettivo di comprendere le modalità per strutturare in modo corretto un avviso di rifiuto nell’ambito di una “ non-complying presentation “, sia nel contesto di crediti documentari, sia nel merito di garanzie bancarie internazionali. In modo più specifico, si andranno ad analizzare i comportamenti più consoni da tenere per banche ed anche beneficiari successivamente all’esame dei documenti. Durante il percorso ed intervento formativo saranno presi in esame diversi casi reali con riferimento ad operazioni commerciali concrete e realmente avvenute. Per meglio discernere e far proprie le problematiche e le complessità di un avviso di rifiuto, nell’ambito dei crediti documentari e garanzie bancarie internazionali, è altresì contemplata una esercitazione.
Contenuti del presente modulo :
• Il credito documentario ( o lettera di credito ) : partendo dalla definizione particolareggiata, si prenderanno in esame le caratteristiche, la struttura, il funzionamento ed i profili operativi, i soggetti coinvolti, le tipologie di credito documentario, l’operatività ed infine il quadro normativo di riferimento.
• Il ruolo della banca o banche nell’ambito di un credito documentario
• La “ Complying presentation “ versus “ non-complying presentation “ : gli effetti e i comportamenti
• La “ Complying presentation “ e i successivi atti o comportamenti della banca
• “ Non-complying presentation “ e conseguenti comportamenti delle banche: analisi minuziosa ed esaustiva dell’art. 16 UCP 600 ICC
• Come pianificare ed articolare correttamente un avviso di rifiuto
• Nel caso dell’emissione o messa in circolazione di un avviso di rifiuto non corretto : precisazioni sulla portata dell’art. 16f UCP 600 ICC nei confronti di banche e anche beneficiari
• Avviso di rifiuto: MT799, MT734 oppure manuale ?
• MT734 codes: analisi dei codici “ HOLD “, “ NOTIFY “, “ RETURN “, “ PREVINST ”
• Avviso di rifiuto nelle norme URDG 758 ICC: focus e analisi dell’ art. 24
• FOCUS SPECIALISTICI : Studio completo dei seguenti casi reali :
o LC (lettera di credito) Iraq mediante Banca confermante italiana
o LC (lettera di credito) Giordania attraverso Banca confermante italiana
o Fortis Bank e Stemcor UK Limited versus Indian Overseas Bank
o LG Serbia mediante banca serba garante.
• Analisi e studio di svariati casi concreti ed esercitazioni
• Q & A Session (question to ask).

Modulo n. 10 : La Lettera di credito LC Import : Come affidare l’incarico alla banca per l’emissione di un credito documentario

Destinatari del Percorso : Operatori uffici estero, export manager, profili bancari, addetti al commercio internazionale ed infine consulenti d’impresa.
Livello : avanzato, ad elevata expertise
Durata corso: 1 giornata
Obiettivi didattici: L’obiettivo del presente modulo è quello di ottimizzare il processo mediante il quale si incarica la propria banca di emettere delle LC ( lettere di credito ), permettendo all’importatore nazionale di circoscrivere e contenere idealmente sino a neutralizzare i rischi collegati ai processi di acquisto da paesi esteri. Nella sostanza, si andranno a sottoporre ad accurata valutazione le dinamiche attinenti le problematiche correlate alla designazione e richiesta dei documenti di trasporto nonché di assicurazione.
Contenuti del Modulo :
• Il credito documentario : definizioni, caratteristiche peculiari, struttura del credito, funzionamento, soggetti e responsabilità, operatività nel concreto, normative di riferimento
• Classificazione delle differenti tipologie di credito documentario: “ by payment “, “ by deferred payment “,“ by negotiation “ , “ by acceptance “ e le corrispondenti prestazioni erogate dalla banca
• Come cautelarsi e salvaguardare la propria posizione dal potenziale rischio di ricevere della merce “ non conforme “
• Considerare i “ limiti all’autonomia di un credito documentario “
• Utilizzare il credito presso la banca estera: quali effetti provoca sull’applicant ?
• Se si esclude l’applicazione dell’Art. 12 b UCP 600 ICC ?
• Come governare efficacemente il rischio per il viaggio dei documenti
• Prestare attenzione alla “ lingua dei documenti “ : esamineremo il perché
• Il documento di trasporto : innanzitutto chi lo deve emettere? E secondariamente chi lo deve firmare e come ?
• Il seguente esito : “ Transport document issued by a freight forwarder is not acceptable ”: quali effetti e relative conseguenze determina sul credito ?
• In merito agli Incoterms®, perché evitare l’uso del termine CIF ( Cost, Insurance & Freight )
• Come articolare e predisporre la richiesta del certificato di assicurazione
• Case histories : analisi casi pratici
• Esercitazioni : nel corso dell’esercitazione il partecipante provvederà ad incaricare la banca affinché provveda alla emissione di un credito documentario
• Domande e Risposte (Q & A session).

Modulo n. 11 : Le garanzie bancarie internazionali

Destinatari del corso: Operatori uffici estero, export manager, profili bancari, addetti commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello corso: avanzato
Durata : 1 giornata
Obiettivi didattici : Il presente modulo si pone l’obiettivo di identificare e trasferire le caratteristiche fondanti delle “ guarantee ” in uso nell’ambito del commercio internazionale, allo scopo di sviscerare ed assimilare le peculiarità nonché le problematiche che caratterizzano le garanzie bancarie internazionali. Nel corso dell’intervento il relatore analizzerà sia le garanzie bancarie emesse a nome del venditore, sia le garanzie bancarie emesse per conto di chi compra, dunque a nome del compratore. Il modulo contempla, in aggiunta, lo studio di numerosi casi concreti di garanzie bancarie ed una sezione dedicata ad una esercitazione sul tema della escussione di una payment guarantee.
Contenuti del Corso:
• Le garanzie bancarie internazionali : descrizione delle caratteristiche e peculiarità, funzionamento e l’operatività, soggetti, le normative di riferimento e le funzioni
• Dalla fidejussione fino alla garanzia bancaria autonoma
• Distinzione tra “ Garanzia Bancaria diretta “ e “ Contro-Garanzia “ : quali sono le differenze ?
• Descrizione delle diverse tipologie di “ guarantee ” :
Payment Guarantee e SBLC ( Stand By Letter of Credit )
Advance Payment Guarantee
Tender Guarantee ( Bid Bond )
Retention Money Guarantee ( tipo di fideiussione bancaria )
Performance Guarantee
Ed infine le Warranty Guarantee
• Le norme URDG 758 ICC : analisi critica dei principali articoli, disuguaglianze rispetto alle ISP 98 ICC
• Norme URDG 758 ICC / ISP98 / UCP 600 : analisi delle differenze
• Come articolare in modo corretto il testo di una “ guarantee ”
• Case history : analisi di numerosi casi concreti di Stand by Letter of Credit ( SBLC ) e di garanzie bancarie internazionali.
• Esercitazioni : nel corso della esercitazione il partecipante potrà misurarsi sul tema di come escutere una payment guarantee – “ Il caso Cipro “.

Modulo n. 12 : BPO – Bank Payment Obligation : il nuovo strumento di regolamento per tutte le imprese che operano con l’estero

Destinatari Corso : Operatori ufficio estero, export manager, profili bancari e addetti al commercio internazionale.
Livello corso : avanzato, percorso specialistico
Durata corso : 1 giornata
Obiettivi didattici : Descrivere e chiarire il funzionamento operativo ed il posizionamento della BPO ( Bank Payment Obligation ), mediante l’esame dei fondamentali articoli della norma URBPO ICC.
Contenuti del Corso :
• Gli attuali scenari e le future prospettive del commercio internazionale
• Posizionamento della BPO ( Bank Payment Obligation )
• I benefici / vantaggi per banca, compratore e venditore
• Bank Payment Obligation ( BPO ) : definizione e quadro di insieme, soggetti coinvolti, funzionamento, struttura, operatività e peculiarità
• Definizioni : cosa si intende per “ Baseline”, e per “ Established Baseline “ , “ Obligor Bank “ , “ Recipient Bank “, “ Submitting Bank “ , “ Payment Obligation Segment “ , “ Zero Mismatches “ , “ Transaction Matching Application “
• BPO versus LC / LG : quali sono le differenze ?
• BPO ( Bank Payment Obligation ) e le differenti possibili modalità di finanziamento
• La Silent BPO ( Bank Payment Obligation )
• Cosa sono i messaggi “ ISO 20022 TSMT “ e i messaggi “ Transaction Matching Application “
• Cosa si intende per “ BPO Flow “
• BPO ( Bank Payment Obligation ) : Establishing a Baseline
• Il processo di modifica di una BPO
• Fulfilling a BPO ( Bank Payment Obligation )
• Cosa si intende per “ Single Shipments “ e “ Partial Shipments “
• Nel caso di “ Data Match / Data Mismatch on Data Set Submission “ : quali effetti ci si può attendere ?
• “ TMA pre-match facility “ , “ TMA data & message matching rules “ , “ TMA transaction states “ , “ TMA special requests “
• Cosa si intende per “ Corporate to bank messaging “
• Operatività attuale e diffusione della BPO ( Bank Payment Obligation ).
Focus : Approfondimento dei principali articoli delle norme Uniform Rules for Bank Payment Obligation (URBPO), e della Pubbl.ne no. 750 ICC in vigore dal 1 Luglio 2013 :
o Art. 3 : Bank undertaking is irrevocable and independent
o Art. 6 : Bank Payment Obligations versus Contracts
o Art. 7 : Data versus Documents, Goods, Services or Performance
o Art. 10 : Undertaking of an Obligor Bank
o Art. 12 : Disclaimer on Effectiveness of Data
o Art. 13 : Force Majeure
o Art. 14 : Unavailability of a Transaction Matching Application
o Art. 15 : Applicable Law
o Art. 16 : Assignment of Proceeds
• Assessment test e Valutazione
• Q & A session ( Domande e Risposte )
• Conclusioni e Riflessioni

Modulo n. 13 : Export Finance : quali strumenti finanziari – assicurativi per il mercato globale

Destinatari Corso : Operatori uffici estero, export manager, addetti commercio internazionale, consulenti di direzione e d’impresa.
Livello corso : intermediate
Durata : 1/2 giornate
Obiettivi didattici : Il seminario si fissa l’obiettivo di considerare e analizzare nel dettaglio gli strumenti sia finanziari che assicurativi disponibili per gli operatori per poter finanziare e smobilizzare ( convertire in denaro liquido ) i propri crediti all’esportazione. Si prenderanno in esame ponderandone con attenzione le operatività sia del forfaiting, che degli strumenti di tipo assicurativo proposti e disponibili tramite Sace Spa mediante il relativo intervento e assistenza della Simest Spa.
Contenuti Corso :
• Come è possibile finanziare le vendite internazionali : con quali strumenti e con che modalità ?
• Il Forfaiting : cos’è, l’operatività dello strumento, quali i costi e i vantaggi
• Il contesto normativo in cui si opera : sia internazionale, che comunitario e nazionale
• Cos’è “ Il consensus “
• Analisi della “ Direttiva UE 98/29 del Consiglio del 7 maggio 1998 “ e Comunicazione UE sul Breve Termine
• Il Decreto Legislativo 143 del 31 marzo 1998 e la Delibera CIPE n. 62 del 20 luglio 2007
• Cos’è il “ credito acquirente “ : la struttura e il funzionamento
• Le linee open: descrizione e operatività
• Cosa si intende per “ polizza conferma di credito documentario “ e “ CreDoc on line ”
• Il credito fornitore: descrizione, architettura e funzionamento operativo. I rischi assicurati
• Cosa si intende per “ polizze Plus One “ e “ Basic Online “
• Cos’è la “ voltura di Polizza Sace Spa “ : caratteristiche, peculiarità e funzionamento operativo
• Le garanzie finanziarie di Sace Spa : descrizione e profili operativi
• Esercitazioni e caso pratico : analisi di una vendita di un impianto in Etiopia
• Conclusioni e Discussione.

Modulo n. 14: Assicurazione del credito all’esportazione

Destinatari corso : Operatori uffici estero, export manager, addetti commercio internazionale, consulenti d’impresa.
Livello corso : intermediate
Durata : 1 giornata
Obiettivi didattici : Obiettivo del presente seminario è quello di considerare e scandagliare le soluzioni assicurative a disposizione degli operatori per gestire con efficacia il rischio di credito nell’ambito delle transazioni commerciali internazionali, nel breve e medio-lungo termine. Specificatamente, si esplorerà il quadro normativo di riferimento per una visione di insieme e si vaglieranno le operatività nel concreto dei prodotti Sace Spa e Sace Bt, portando in risalto il funzionamento delle polizze relative.
Contenuti corso:
• Come gestire efficacemente il rischio di credito : le fondanti differenze tra strumenti finanziari e strumenti assicurativi
• I più significativi vantaggi della soluzione assicurativa
• Esame del contesto normativo : nei contesti internazionale, comunitario e nazionale
• Cosa si intende per “ consensus “
• Direttiva UE 98/29 del Consiglio del 7 maggio 1998 e Comunicazione UE sul Breve Termine
• Il Decreto Legislativo 143/1998 del 31 marzo 1998 e la Delibera CIPE n. 62/2007 del 20 luglio ;
• Il credito fornitore : struttura operativa, funzionamento, e i rischi assicurati
• Descrizione e funzionamento delle polizze Plus One e Basic Online
• In cosa consiste la voltura di Polizza Sace Spa: peculiarità, caratteristiche, architettura e funzionamento operativo
• Assicurazione dei crediti all’esportazione : principi cardine, gli ambiti di applicazione e l’operatività degli strumenti, la globalità, il premio della polizza, l’indennizzo previsto, l’LMA, cosa si intende per “ la latitudine “, il recupero del credito, esame delle clausole di primo rischio, verifica delle franchigie.
• La polizza BT Sviluppo Export e la polizza BT 360°
• La polizza Excess of Loss.

credito consulenza trade export finance

SEZIONE C: DETTAGLI SUI PERCORSI CONSULENZIALI E CONSULENZA AVANZATA SU TRADE EXPORT FINANCE E GESTIONE DEL RISCHIO DI CREDITO NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE

La consulenza, riguarda gli ambiti operativi :

INCOTERMS® 2010 : scegliere il termine di resa più allineato alle esigenze, quanto impatta sulle forme di pagamento, sui crediti documentari, quali obblighi e quali responsabilità delle parti, ecc.
INCASSI DOCUMENTARI : definizione strumento per gli aspetti contrattuali : (D/P) Documents against Payment versus (D/A) Documents against Acceptance; esame degli obblighi e il ruolo delle banche nel pieno rispetto della norma URC Pubbl. 522 ICC; quali azioni, esame degli avvisi e procedure nel caso in cui il pagamento non venisse effettuato; (D/A) Documents against Acceptance: come smobilizzare (monetizzare) il credito sottostante; come impostare la Bill of Exchange (tratta). Come gestire gli interessi, le spese nonché le commissioni bancarie; come gestire i seguenti aspetti peculiari : “ Creation of Documents ”, “ partial payments ”, “ payment in local and in foreign currency ”, “ case-of-need ” e “ protest ” e come specificare in modo corretto le “collection instructions” alla banca.
CREDITI DOCUMENTARI : definizione LC (lettera di credito) in termini contrattuale, analisi del testo della LC, eventuale proposta di modifica, ricerca della banca confermante, valutazione degli obblighi e delle responsabilità della banca, determinare la conformità dei documenti relativamente alla normativa UCP 600 ICC e alla norma inerente la Prassi Bancaria Internazionale Uniforme, esame avviso di rifiuto della banca, gestire contenzioso eventuale con la banca in tema di discordanze, varie comunicazioni, ecc.
GARANZIE BANCARIE INTERNAZIONALI E SBLC ( STANDBY LETTER OF CREDIT ) : definizione LG / Standby Letter of credit nell’ambito del contratto, verifica testo LG / Standby Letter of Credit, avanzare eventuali modifiche / integrazioni / o clausole, scouting banca confermante (oppure banca garante), quali obblighi e responsabilità della banca, accertamento della conformità dei documenti nel pieno rispetto alle normative UCP 600 / ISP98 / URDG 758 ICC, corretta gestione della escussione, governo di un contenzioso eventuale con la banca relativamente a discordanze, varie comunicazioni, ecc.
BPO – BANK PAYMENT OBLIGATION : assistenza completa nel gestire lo strumento: definizione contratto con il cliente, ricerca del Obligor Bank / Recipient Bank, scouting banca per l’emissione della “ silent confirmation ” (anche chiamata “ silent obligation ”), verifica della contrattualistica, individuazione di una Baseline, eventuali modifiche della BPO, assistenza nel caso di Data Mismatch, supporto secondo normativa URBPO ICC Pubblicazione Numero 750.
ASSICURAZIONE DEL CREDITO : isolare la soluzione assicurativa più consona e conveniente per le esigenze delle parti coinvolte, analisi della relativa contrattualistica, ecc.
EXPORT FINANCING : individuare e gestire lo strumento più consono per finanziare esportazioni di beni di investimento: dal forfaiting, alle linee open, per passare alle polizze Sace Spa e conseguente Voltura.
FORFAITING : scouting forfaiter per usufruire dello sconto pro soluto di LC / promissory notes, alle più convenienti condizioni di mercato, studio della contrattualistica, governo della completa operazione.
PRODOTTI ASSICURATIVI SACE SPA : individuare il prodotto assicurativo più adeguato rispetto ai bisogni delle parti.

RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO ” ZERO DISCREPANCY “:
Assistere il cliente nella gestione operativa delle LC Lettere di Credito, attraverso un servizio innovativo di assistenza e consulenza tecnica. Il servizio include:
• coinvolgimento eventuale nell’accordo commerciale tra le parti per caratterizzare, a monte, le connotazioni e gli attributi della LC (lettera di credito)
• analisi LC ed eventuali modifiche
• ricerca eventuale banca confermante
• produrre documenti pertinenza beneficiario dietro la presentazione di fattura, inoltre packing list ed altre utili informazioni per la produzione dei documenti
• gestire relazioni con enti terzi (spedizioniere, la società di ispezione, ecc.) per produrre i documenti di pertinenza
• preparare le bozze di documenti da generare a cura di enti terzi come per esempio CCIAA (Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura)
• esame dei documenti che sono stati prodotti da enti terzi (per es. Eur1, ATR, Certificati di Ispezione, Certificati di Assicurazione, ecc.) dove non risulta possibile arrivare a produrre bozze di cui sopra
• eventuali presentazioni dei documenti presso la banca a nome del beneficiario
• eventualmente gestire il contenzioso con la banca relativamente a discrepanze, a normative, ecc.
QUALI I VANTAGGI:
- arrivare ad azzerare le c.d. discrepancy fee
- minimizzare le commissioni bancarie
- garantire pagamenti certi e “on time”
- ridurre la DSO (Days Sales Outstanding)
- ottimizzare la tesoreria aziendale
- ottimizzare la relazione commerciale con il cliente
- gestire in modo ottimale le risorse umane in azienda, destinandole ad altre funzioni.
FUNZIONAMENTO ED OPERATIVITÀ :
- dopo aver definito il credito, viene validato dal consulente
- il beneficiario provvede a spedire la merce
- il beneficiario può inviare al consulente la fattura, packing list ed informazioni ulteriori eventuali per la produzione i documenti
- il consulente può così preparare :
• file pdf (che include eventuale “draft”, extra-copy documenti, comunicazioni fax da inviare a soggetti terzi, ecc.) con inclusi tutti i documenti attinenti il beneficiario, copie previste dal credito
• eventuale, modello Certificato di Origine (stampare su formulario CCIAA)
• bozze documenti a cura di terzi (documento di trasporto, dichiarazioni varie, ecc.)
• mandato mediante il quale portare i documenti in banca.
- Il beneficiario riceverà una comunicazione con annesse istruzioni per utilizzare in modo corretto il credito a mezzo email / Pec con mandato – il tutto da riportare su propria carta intestata – file pdf documenti di pertinenza, il tutto da stampare e successivamente firmare. Il beneficiario riceverà i documenti nel formato originale dagli enti terzi e consegnerà i documenti in banca.

credito competenze trade export finance

SEZIONE D: COMPETENZE ED INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI

MISSION
Creare valore per importatori, esportatori mediante fornitura servizi specialistici ad alto valore aggiunto nell’ambito del commercio internazionale, allo scopo di migliorare le performance sui mercati internazionali.

COMPETENZE DISTINTIVE RELATORE
- Oltre 15 anni di relazioni con enti, banche, ed associazioni industriali, sistema camerale nazionale, aziende.
- Certificazioni ICC Certificates of Achievement on: Incoterms® 2010, Mentor 600, URC 522 ICC and Collections, URDG Master, ISBP On line, URBPO ICC, Introduction to Trade Finance, Going Global, DC Master, ISP Master.
- Progettualità formative e consulenziali con Camere di Commercio e ICE-Agenzia.
- Servizi formativi consulenza ed assistenza ad elevata specializzazione nel Trade, Export Finance.
- Governo dinamiche relative alla corretta gestione del rischio di credito nell’ambito delle transazioni commerciali internazionali.
- Credit risk management, valutazione, controllo, risoluzione rischio di credito mediante operazioni assicurative nonché finanziarie, nel breve termine mediante il Trade Finance e nel medio-lungo termine attraverso l’attività di Export Finance.
- Competenze specialistiche su vari strumenti finanziari nel breve termine: Crediti Documentari, SBLC (Standby Letter of Credit), Garanzie Bancarie internazionali e anche Bank Payment Obligation.
- Competenze specialistiche in svariati segmenti tematici legati alla Consulenza e Formazione Commercio Estero e Internazionalizzazione delle Imprese:
• Internazionalizzazione delle Imprese
• Incoterms® 2010
• Export Management
• Crediti Documentari e SBLC (Stand By Letter of Credit)
• Incassi Documentari
• Garanzie Bancarie Internazionali
• BPO – Bank Payment Obligation
• Assicurazione del credito
• Export Financing
• Prodotti Assicurativi Sacebt e Sace Spa
• Forfaiting

CERTIFICAZIONI
ICC Certificates of Achievement :
• Incoterms ® 2010
• Introduction to Trade Finance (EBRD European Bank for Reconstruction and Development Certificate)
• URC 522 and Collections (ICC Uniform Rules for Collections)
• URDG Master (URDG 758 ICC)
• URBPO (Uniform Rules for Bank Payment Obligations)
• ISBP On line (ISBP 745 ICC), La nuova Prassi Bancaria Internazionale Uniforme
• Mentor 600 (UCP 600 & Documentary Credits)
• DC Master (Advanced Online Training & Instruction in Documentary Credits)
• Going Global – ICC training on trading internationally (EN)
• ISP Master (Advanced Online Training & Instruction on ISP98 ICC)
• “TFP Professional Award for top class winning answer under EBRD TFP Trade Clinic” rivista Trade Exchange – The Ebrd’s Trade Facilitation Programme, Technical Trade Finance Forum, by ICC Georgia 2015.

LA FORMAZIONE SPECIALISTICA
Partner formativo e attività formative, su tematiche collegate alla internazionalizzazione d’impresa, progettazione coordinando strutturati e customizzati percorsi formativi secondo esigenze committente. Destinatari: operatori commerciali e addetti ufficio export, profili bancari, export manager, consulenti d’impresa o giovani studenti.

METODOLOGIA DIDATTICA
Lezioni frontali, proiezione diapositive, utilizzo lavagna fogli mobili, interazioni costanti con i partecipanti. Attività didattica assistita da metodologie finalizzate a consentire al partecipante di sentirsi protagonista del processo didattico di apprendimento. Casi aziendali concreti, reali, role playing, utilizzo di business game, metodi didattici ed analisi casi concreti, ricostruzione problemi aziendali, elaborando schemi di riferimento che spingano all’azione e specifiche situazioni offerte dalla didattica per sperimentare le competenze acquisite.

I MATERIALI DIDATTICI
Esercitazioni e casi pratici, materiale descrittivo, slides e articoli, in formato elettronico.

credito trade export finance specialist

SEZIONE E: Profilo consulente, relatore Dr. Domenico Del Sorbo

Il Dr. Domenico Del Sorbo, si laurea in Economia del Commercio Internazionale e Mercati Valutari, diploma MBA in International Business – MIB – School of Management – Trieste MBA Accreditato AMBA e ASFOR. Profondo conoscitore dei processi di internazionalizzazione delle Imprese e del governo del rischio di credito nell’ambito delle transazioni commerciali a carattere internazionale. Particolarmente esperto di strumenti di Trade ed Export Finance. Ha conseguito le seguenti certificazioni: ICC Certificates of Achievement on Mentor 600 (UCP 600 and Documentary Credits), URDG Master (Online Training & Instruction in URDG 758 ICC), Incoterms ® 2010, URC 522 and Collections, URBPO (Uniform Rules for Bank Payment Obligations), ISBP On line (ISBP 745 ICC), DC Master (Advanced Online Training and Instruction in Documentary Credits), Introduction to Trade Finance (Online Training in Trade Finance ), Going Global – ICC training on trading internationally EN (EBRD Certificate), ISP Master (Online Training Programme in Standby Credits and ISP98). Consulente e trainer presso Camere di Commercio in Italia, enti, associazioni industriali, Ice-Agenzia. Ha attive collaborazioni con: Business School de Il Sole 24 Ore, Fondazione Aldini Valeriani. Scrive per newsletter del sistema camerale italiano e per Mercato Globale. È impegnato in attività di assistenza e consulenza specialistica nel frangente dei crediti documentari, garanzie bancarie per diverse PMI (piccole e medie imprese). È consulente per conto di Sistema Camerale Servizi S.r.l. (già Mondimpresa), Unioncamere Lombardia, Unioncamere Puglia, Unioncamere Campania, CCIAA di Chieti, CCIAA di Ferrara, CCIAA di Pescara, CCIAA di Forlì-Cesena.

PROGETTI EDITORIALI
Servizi per preparare articoli sui temi “ tecniche di commercio estero ” e coordinamento scientifico nell’ambito di pubblicazioni inerenti le tecniche di commercio internazionale.

SEZIONE F: Pubblicazioni e Tools ( disponibili agli utenti che ne faranno richiesta previa iscrizione al sito dedicato )

ELENCO PUBBLICAZIONI:
• Global Trade Finance Program IFC
• Crediti Documentari : preparazione della Charter Party Bill of Lading
• La banca designata nell’ambito di un credito non confermato
• La banca designata nel frangente di un credito confermato
• LC Lettere di credito: dopo il cambio della normativa
• La banca emittente : in una LC credito documentario
• Il finanziamento della attività di esportazione attraverso le operazioni di credito documentario
• BPO – Bank Payment Obligation : il nuovo strumento per regolare gli scambi degli operatori del commercio internazionale
• BPO – Bank Payment Obligation : funzionamento ed operatività
• BPO – Bank Payment Obligation: la normativa di riferimento
• LC – Crediti Documentari: “ on the basis of the documents alone “
• LC – Crediti Documentari: come allestire i ‘beneficiary’s certificate’
• LC – Crediti Documentari: come disporre la draft
• LC – Crediti Documentari: come predisporre il weight list
• LC – Crediti Documentari: come organizzare il packing list
• LC – Crediti Documentari: il ruolo banca avvisante
• LC – Crediti Documentari: come predisporre la Bill of Lading
• LC – Crediti Documentari: come disporre il documento di trasporto multimodale
• LC – Crediti Documentari: come allestire il Certificato di Origine
• LC – Crediti Documentari: come predisporre il documento di trasporto aereo
• LC – Crediti Documentari: come allestire la Sea WayBill
• LC – Crediti Documentari: come disporre il documento di trasporto su strada
• LC – Crediti Documentari: come preparare correttamente la fattura

GUIDE DISPONIBILI :
• Guida: Export Credit Risk Management

TOOLS DISPONIBILI SU RICHIESTA: Si prega di inviare richiesta attraverso il sito nella sezione contatti.
• FIATA – FWB NN MULTIMODAL WAYBILL
• FIATA – Shippers Intermodal Weight Certification “ SIC “
• NEGOTIABLE FIATA MULTIMODAL TRANSPORT BL
• SWIFT Transportation Fields
• Scheda Clauses in Bills of Lading Allowing for Release of Goods without Requiring Presentation of the Original
• Signing a Transport Document, under UCP 600 ICC
• Lost in transit documents, under UCP 600 ICC
• Formulario relativo al Certificato di Origine
• Formulario CMR
• On board notation summary
• Swift Trade Messaging Trends 2015
• CMI Uniforms Rules for Sea Waybills
• Opinion Handling Procedures & TORs
• Features Strumenti Finanziari
• Straight versus To Order Transport Document
• Movements
• Rotterdam Rules & Hamburg Rules
• Incoterms® 2010 e LC Crediti Documentari
• LC – Crediti Documentari: il ruolo della Banca
• LC – Crediti Documentari: On Board Notation
• Settlement, Risk Mitigation oppure Financing?
• Scheda Finanziaria di Iran 2016
• Scheda Finanziaria di Arabia Saudita 2016
• ICC Notes, on the principle of strict compliance
• Recommendation 12 Measures to Facilitate Maritime Transport Documents Procedures
• Uniform Commercial Code
• UCP 700 ICC Wish List
• Mappa dell’Assicurazione del credito
• Slides Le garanzie bancarie nel commercio internazionale
• United Nations Convention on independent guarantees and SBLC (Standby letters of credits)
• Slides – ISBP 745 ICC
• Slides – Incoterms® 2010
• Slides – Incasso Documentario
• Slides – LC – I crediti documentari
• Slides – Export Finance
• Slides BPO (Bank Payment Obligation)
• The Hague-Visby Rules
• Institute Cargo Clauses
• Convenzione di Varsavia del 1929
• Convenzione di Montreal del 1999
• FIATA, FCR Forwarders Certificate of Receipt
• Fiata – Negotiable Multimodal Transport Bill of Lading
• FIATA FFI, Fiata Forwarding Instructions
• FIATA FCT, Forwarder Certificate of Transport
• FIATA, FWR Fiata Warehouse receipt
• Marine Insurance, Act 1906
• Bills of Exchange, Act 1882
• ICC Unctad Rules for Multimodal Transport Document
• ICC ISP98
• Convenzione CMR
• Convenzione CIM
• Convenzione di Vienna del 1980
• Convenzione di New York del 1958
• Convenzione di Ginevra del 1930
• ICC – When a non bank issues a letter of credit
• ICC – The determination of an Original document in the context of UCP
• ICC – On-board Notation Paper
• ICC – Transferable credits and the UCP 500
• ICC – Guidance Paper – Use Of Sanctions Clauses
• Formulario relativo al Certificato di Origine
• Rethinking Trade and Finance 2015
• Bill of Exchange
• Letter of Credit Instructions Form
• Fax Trasmission Report

LINK E APPROFONDIMENTI

- DESK esteri di IBS
- IBS Blog elenco
- Schede Paese e Articoli carattere internazionale e geopolitica
- Principali Documenti Commercio Internazionale
- Definizione Rischio di Credito (da Borsa Italiana)
- SACE
- SIMEST
- Agenzia ICE
- EBRD Bank
- Banca Centrale Europea
- Fondo Monetario Internazionale
- Agenzia delle Dogane e dei Monopoli
- Glossario Doganale
- Attività dell’Unione Europea nel Commercio Internazionale
- Ministero per lo Sviluppo Economico

Terreni Fotovoltaico

Terreni per Impianti Fotovoltaici – Ricerchiamo in tutta Italia

Terreni, fotovoltaico, terreni agricoli, terreni industriali, ex cave

IBS-energy-m
Terreni, informazioni preliminariTerreni Cerchiamo agricoli industriali cave dismesse discariche

Cosa cerchiamo nello specifico ? Puoi verificare di seguito se i terreni sono idonei !

IBS ENERGY – TERRENI ( 2020 – 2021 ): Se sei qui, è perché stai cercando una Società seria e competente per affittare o vendere i tuoi terreni per il Fotovoltaico .

Continua a leggere le note che seguono . Appena ricevute le informazioni necessarie per localizzare i terreni del proprietario, procederemo a valutarne le potenzialità di sviluppo per il Fotovoltaico e in caso di terreni idonei, andremo a formulare una proposta economica che terrà conto della tipologia dei terreni ( agricoli, industriali, cave dismesse, discariche ), della tipologia di contratto ( acquisto o affitto tecnicamente DDS cessione del diritto di superficie ) . Dopo la sottoscrizione di una Opzione Preliminare di Acquisto o Diritto di Superficie, dunque conclusa la trattativa positivamente, inizieremo immediatamente lo sviluppo della autorizzazione per costruire nel minor tempo possibile l’ Impianto Fotovoltaico, grazie ai nostri partner, grandi gruppi finanziari, Fondi e Gruppi Industriali e Banche .

Caratteristiche e requisiti dei terreni :

Terreni dimensioni pendenze cabine vincoli
Esistono alcuni requisiti fondamentali che i terreni agricoli, terreni industriali, cave dismesse, ex discariche bonificate, devono avere per ospitare degli Impianti fotovoltaici :

LA SUPERFICIE NECESSARIA / DIMENSIONI DEI TERRENI :
La superficie minima che rendere possibile installare degli impianti fotovoltaici è di seguito specificata sulla base della tipologia dei terreni :
- Per i terreni agricoli : a partire da una superficie maggiore di 6 Ettari ( 60.000 Mq )
- Per i terreni industriali : a partire da una superficie maggiore di 3 Ettari ( 30.000 Mq )
- Per i terreni ex cave o cave dismesse : a partire da una superficie maggiore di 3 Ettari ( 30.000 Mq )
- Per i terreni ex discariche o discariche bonificate : a partire da una superficie maggiore di 3 Ettari ( 30.000 Mq )
- Per tutti i terreni in PAS fino a 1 MW ( 2 – 2,5 Ettari ) : Regioni Fotovoltaico ( Abruzzo, Lazio, Calabria, Sicilia ), Regioni eolico ( Abruzzo, Lazio, Calabria )

Novità : Cave Dismesse e Bacini idrici per Fotovoltaico Flottante ( Galleggiante )

Novità : Serre Fotovoltaiche, Serra

Novità : Agro Fotovoltaico / Agrovoltaico (®)

ESPOSIZIONE A SUD DEL TERRENO E PENDENZE DEI TERRENI :
Per installare impianti solari fotovoltaici su terreni agricoli o industriali essi debbono essere quanto più possibile pianeggianti o esposti prevalentemente verso sud . Ossia per i terreni non pianeggianti, è gradita l’ esposizione verso Sud .
Per quanto riguarda le pendenze tollerate :
- Con tecnologia a Tracker : nel caso si utilizzino degli inseguitori mono assiali l’ inclinazione deve essere inferiore al 15 % .
- Sistema Fisso : nel caso di impianti con il sistema fisso la pendenza non deve essere superiore al 25 % .

DISTANZA DALLA PIÙ ATTIGUA CABINA DI DISTRIBUZIONE O TRASFORMAZIONE ENEL / TERNA O LINEA ELETTRICA :
Per vendere o affittare i terreni per il fotovoltaico, è fondamentale la presenza in zona di una cabina o stazione elettrica di media tensione o di alta tensione .
- CABINE DI MEDIA TENSIONE : per impianti in MT, le cabine devono essere attigue al terreno, a poche centinaia di metri . Ci possono essere 2 tipologie di cabine di media tensione : cabine in cemento e cabine a palo .
- CABINE DI ALTA TENSIONE : possono trovarsi a qualche Km di distanza in funzione della dimensione del sito . Più il sito è grande, maggiore è la distanza che si può percorrere per connettersi alla rete . Se il terreno è di ridotte dimensioni, la cabina di alta deve essere più vicina .
Attraverso il Link in arancione è possibile leggere le caratteristiche delle cabine di distribuzione, trasformazione, di media o alta tensione . Segue la pagina con il dettaglio delle Cabine Elettriche : Link CABINE .

VINCOLI :
- È importante che i terreni non siano interessati da vincoli, ossia una ulteriore caratteristica basilare nel Fotovoltaico per vendere o affittare i terreni è anche l’ assenza di vincoli urbanistici, ambientali, paesaggistici, SIC ZPS, vincoli nazionali o locali . IBS svolgerà una analisi dettagliata attraverso una indagine vincolistica completa senza alcuna spesa per i proprietari .

REGIONI DI INTERESSE :
- Terreni Agricoli : Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Toscana, Lazio, Molise, Basilicata, Campania, Puglia, Sicilia, Veneto, Calabria, Abruzzo, Sardegna secondo le nuove linee guida della Delibera Regionale Regione Sardegna del 27-11-2020 per i terreni idonei .
- Terreni industriali e Cave dismesse : tutte le Regioni .

Cosa succede se i terreni sono idonei per il Fotovoltaico ?

SOPRALLUOGO E CONTRATTO PRELIMINARE :
- Se il terreno di proprietà supera i criteri di selezione specificati, ossia è in possesso delle caratteristiche sopra esposte, viene effettuato un sopralluogo ( gratuito ) allo scopo di svolgere gli ultimi rilievi in loco, talvolta utilizzando dei droni .
- Se il terreno risulta idoneo per il Fotovoltaico, per l’ affitto o l’ acquisto, la proprietà non dovrà sostenere alcun costo e verranno svolte tutte le pratiche necessarie a nostre spese .
- L’ unico documento che sarà richiesto e che comporta un costo è il CDU ( Certificato di Destinazione Urbanistica ) che si renderà necessario quando si procederà con l’ iter autorizzativo . Il CDU ha un costo variabile a seconda del Comune che lo emette da 30 Euro a 60 – 70 Euro circa per diritti di segreteria e bolli statali .
- In ogni caso, verrà illustrato al proprietario dei terreni ogni aspetto, prima della sottoscrizione della Bozza di Preliminare, che si rende necessaria prima di procedere con la presentazione della richiesta di allaccio alla rete elettrica, che è il primo passo per ottenere le autorizzazioni necessarie per costruire sui terreni l’ impianto Fotovoltaico .

LE AUTORIZZAZIONI NECESSARIE PER VENDERE O AFFITTARE UN TERRENO PER UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

Cos’ è la Soluzione Tecnica Minima Generale ( STMG ) ?
- La STMG ( soluzione tecnica minima generale ) espone e riporta all’ interno del documento i costi stimati per realizzare la connessione alla rete elettrica ( Enel o Terna ). Include i costi per costruire la nuova linea per l’ allaccio dell’ impianto fotovoltaico, specificando inoltre il punto preciso dove dovrà avvenire l’allaccio alla rete elettrica nazionale .

Cos’ è la Soluzione Tecnica Minima Definitiva ( STMD ) ?
- La STMD ( Soluzione tecnica minima definitiva ) viene presentata alla Società titolare della rete elettrica ( Enel o Terna ) dopo l’ accettazione da parte della stessa della STMG . La ” Soluzione tecnica minima definitiva ” da il via effettivamente al progetto operativo, che può proseguire effettuando la connessione degli impianti fotovoltaici su terreno ( sia esso terreno agricolo o terreno industriale ) appena ottenuta la cantierabilità .

Cos’ è il Testo Integrato delle Connessioni Attive ( TICA ) ?
- Il TICA acronimo di “ Testo Integrato delle Connessioni Attive “ descrive l’ insieme di procedure che bisogna seguire per poter ottenere il permesso di allacciarsi alla rete elettrica nazionale ( Enel o Terna ) con esito positivo .

Cos’ è l’ Autorizzazione Unica ( AU ) ?
- L’ AU acronimo di “ Autorizzazione Unica “ è l’autorizzazione che viene rilasciata dagli Enti competenti e nella fattispecie la provincia e / o la regione dove l’ impianto fotovoltaico dovrà essere costruito . Si rende necessaria per impianti di media o grossa taglia, con procedure che sono influenzate in molti casi dal territorio che ospiterà, in caso di successo, l’ impianto Fotovoltaico una volta cantierabile .

Terreni per fotovoltaico affittare affitto venditaTerreni, cosa offriamo ai proprietari di terrenoTerreni vendita affitto diritto di superficie attualizzato

Cosa offriamo ai proprietari di Terreno

ACQUISTO : si può procedere all’ acquisto del sito, acquistando in blocco tutto il terreno, talvolta anche includendo delle parti non idonee che vengono quantificate dopo la stesura di un layout con illustrata la disposizione dei pannelli e la potenza picco installata .

DDS E CESSIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE : si può effettuare il pagamento di un canone annuo, una rendita che nel settore fotovoltaico viene indicato come ” Cessione del diritto di Superficie ” a 30 anni, dunque con modalità che si concordano viene versata annualmente una somma pari all’ importo concordato moltiplicato per il numero di Ettari . Il DDS include lo smaltimento a fine vita degli impianti previsto per legge e il ripristino del terreno alle condizioni di partenza . I valori medi di mercato per i terreni agricoli sono di 2000 – 2500 Euro ad Ettaro ad Anno, che possono arrivare a 3000 Euro ad Ettaro ad anno nel caso di terreni con Cabina di Alta tensione attigua al terreno . Per i terreni industriali per una offerta è indispensabile una analisi del terreno in via preliminare .

DDS ATTUALIZZATO : se ritieni che l’ affitto non corrisponda alle tue esigenze, ma non sei interessato a vendere i terreni, è possibile liquidare tutte le rate dell’ affitto anticipatamente attraverso un meccanismo di attualizzazione ossia i compensi dovuti alla cessione del diritto di superficie vengono corrisposti in un’ unica soluzione attualizzata anticipata .

NEL CASO I TERRENI SIANO PRESENTATI DA MEDIATORI : se sei una Agenzia Immobiliare o un mediatore immobiliare, un Agronomo, un tecnico del settore Rinnovabili, un Ingegnere, un Architetto, un Geometra, o un professionista di altra tipologia che intende collaborare con IBS relativamente alla segnalazione di Terreni idonei al Fotovoltaico, vai alla pagina principale Fotovoltaico ( Sotto trovi il link ).

Terreni per fotovoltaico terreni agricoliTerreni, inviaci un Terreno agricolo, terreno industriale, cava, discaricaTerreni, KMZ, cabine di media tensione, CDU certificato di destinazione urbanistica

Vuoi ricevere una Offerta ? Invia i Terreni seguendo la procedura indicata

Per poterti inviare una Offerta economica per l’ affitto o l’ acquisto dei tuoi terreni, abbiamo bisogno di ricevere informazioni specifiche . Segue una procedura molto semplice che richiede pochi minuti per poter poi avere una offerta personalizzata .

1. Scarica il pacchetto per Collaborare : File ZIP contenente 5 Files
2. Scarica Google Earth sul PC : Google Earth Download
3. Guarda il Video su come si traccia il perimetro KMZ : KMZ come tracciare il perimetro del sito
4. Traccia il perimetro KMZ in Google Earth seguendo le indicazioni del Video
5. Invia tramite E-mail il Perimetro KMZ e altri documenti
6. In caso di difficoltà chiamaci al telefono o scrivi una mail e ti contatteremo

Terreni per fotovoltaico terreni industrialiTerreni, contattaci per un terrenoContattaci via email info@ibsenergy

Contattaci via E-mail o tramite Telefono

Scrivici una e-mail oppure chiama il +39-348-2920146 . Ti illustreremo i requisiti che i terreni devono avere per installare un impianto Fotovoltaico, risponderemo ad eventuali dubbi o domande relativamente alla procedura per presentare un terreno, peculiarità dei contratti preliminari di cessione del diritto di superficie, vendita, o DDS attualizzato, o altro che ci venga richiesto .

Ringraziamo per la Collaborazione !

E-MAIL :

send to info@ibsenergy.it orange

DEUTSCHE VERSION SEITE

Terreni per fotovoltaico terreni ex caveterreni, vai alla pagina principale fotovoltaicoTorna alla Pagina Fotovoltaico Terreni Home

Per altri Approfondimenti :

Download Linee Guida : Linee Guida
Sezione Eolico : vai alla pagina Eolico
Sezione Tetti : vai alla pagina Tetti Solari, Coperture Industriali
Photovoltaic Geographical Information System : Fotovoltaico PVGIS
Posizione del Sole e strumenti di analisi: Posizione del Sole e Mappe Interattive

FAQ ( Domande e Risposte ) : per altri dubbi che la presente guida ai Terreni per Fotovoltaico non dovesse chiarire, si prega di visionare anche gli step operativi per il Fotovoltaico con le Domande più frequenti e le relative Risposte : Link PASSI E PROCEDURE .

Vai alla pagina principale Fotovoltaico per approfondimenti o se sei un mediatore : Fotovoltaico HOME

Terreni per fotovoltaico terreni discariche Terreni per Fotovoltaico Guida per terreni idonei

terreni, vademecum fotovoltaico per i proprietari

LETTURE E APPROFONDIMENTI SUL FOTOVOLTAICO

INTRODUZIONE

L’ articolo è un punto di incontro per privati o Aziende che intendono affittare i propri terreni per istallare impianti fotovoltaici, con informazioni utili sulla vendita o affitto di un terreno per il Fotovoltaico .
Nell’ articolo che segue cercheremo di illustrare i temi caldi, e chiarire tutti gli aspetti centrali, utili per i proprietari dei terreni, affinché sappiano meglio giostrarsi nelle trattative, e gestire con attenzione le figure di intermediari talvolta competenti, o spesso, più o meno improvvisati .

L’ affitto di un terreno agricolo, industriale o fabbricabile, ex cava, discarica per un impianto fotovoltaico può essere una scelta sostenibile a vantaggio del pianeta e a supporto delle fonti di energia pulita rinnovabili e al contempo una vantaggiosa opportunità di guadagno . Proseguire nella lettura per capire come funziona .

TERRENI PER FOTOVOLTAICO – DOMANDE FREQUENTI

Affittare terreni agricoli o terreni industriali o ex cave per fotovoltaico : sai come fare? Leggi la nostra guida !
Quali sono le principali caratteristiche e requisiti che il terreno agricolo o industriale deve possedere per poter essere idoneo ad ospitare un impianto fotovoltaico ? In altre parole cosa rende un terreno agricolo o industriale interessante per il fotovoltaico ?
Quali gli strumenti per comprendere se sussistono le condizioni per installare pannelli fotovoltaici solari sul terreno agricolo o industriale ?
Quali sono le autorizzazioni necessarie per poter affittare il terreno per il fotovoltaico o per avere un terreno cantierabile per il Fotovoltaico ?
Dare in affitto il proprio terreno per installare pannelli solari fotovoltaici è un affare ?
Affittare i propri terreni per metterci impianti fotovoltaici è sicuro ? O è meglio la vendita ?
Quali sono le caratteristiche essenziali del contratto per concedere in vendita o in affitto un terreno agricolo o industriale per il fotovoltaico ?
Cosa prevede il contratto di affitto ( più correttamente “ cessione del diritto di superficie “ ) stipulato tra investitori e proprietari del terreno ( sia esso terreno agricolo, industriale, discarica o ex cava ) ?
A cosa deve prestare attenzione il proprietario del terreno ?
Come orientarsi tra le varie offerte e gli importi così diversi tra loro e le caparre da alcuni fornite alla sottoscrizione del contratto preliminare e da altri alla ricezione della soluzione di connessione Enel o Terna ?
Perché è importante richiedere un layout in contemporanea alla ricezione dell’ offerta per l’ affitto ( cessione del diritto di superficie ) , vendita, o DDS attualizzato ?
Qual è la tassazione per chi intende concedere un terreno agricolo o industriale per il fotovoltaico ?
Ok Affitto terreni per fotovoltaico, ma chi smaltisce i pannelli dopo ?
Ecco come si può fare per affittare un terreno agricolo o un terreno industriale o una ex cava o discarica per fotovoltaico .

TERRENI : QUALI DEVONO ESSERE LE CARATTERISTICHE DEL TERRENO ?

VENDERE O AFFITTARE UN TERRENO PER FOTOVOLTAICO RICHIEDE LA CANTIERABILITÀ : OSSIA IL TERRENO DEVE ESSERE CANTIERABILE

Affittare un terreno agricolo, una ex cava, una discarica bonificata o da bonificare, un terreno industriale per un impianto fotovoltaico, ebbene l’ affitto di un terreno di una delle tipologie indicate, per il fotovoltaico, si fonda sulla messa in disponibilità ed utilizzo di un terreno “ cantierabile “, e con cantierabile si intende che ha ottenuto le autorizzazioni rilasciate dagli enti preposti, i nulla osta e l’ autorizzazione alla connessione alla rete elettrica .

I Requisiti dei Terreni

Un lotto o appezzamenti di terreni agricoli, terreni industriali, ex cave, per essere idonei ad installare degli impianti fotovoltaici, devono essere in possesso di requisiti basici, altrimenti non è possibile avviare un processo di affitto / vendita dei terreni per l’ installazione di un impianto fotovoltaico . Le caratteristiche preminenti affinché un terreno sia preso in esame in questo tipo di settore e business del Fotovoltaico sono quelle che seguono :

REQUISITO 1. ESPOSIZIONE :

Per quanto riguarda l’ esposizione fondamentalmente ci sono 2 condizioni :
- Terreni pianeggianti
- Terreni esposti verso sud ossia collinari con esposizione verso sud

Si tratta di un requisito relativamente facile da investigare e verificare, poiché una bussola può bastare per capire l’ esposizione del terreno e con Google Earth mediante la funzione “ mostra profilo elevazione “ è possibile visualizzare il grafico delle pendenze .

POTENZA INSTALLATA :

Se i terreni sono pianeggianti, a seconda del tipo di tecnologia impiegata :
- Con il sistema fisso si può installare anche 1 MW per 1 Ettaro
- Mediante gli inseguitori Tracker ( esempio mono assiali ) in 2 Ettari è possibile installare circa 1,1 – 1,3 MW .

APPROFONDIMENTO SULLA CONFORMAZIONE E INCLINAZIONE DEL TERRENO :

Un elemento fondamentali è costituito dalla conformazione / tipologia di territorio, il quale deve essere il più possibile pianeggiante o con pendenze ( pendenza topografica ) moderate ; nel caso di terreni collinari va condotto uno studio per verificare se il terreno è esposto in direzione del sud e se non ci sono contro pendenze che renderanno complessa l’ installazione dei pannelli successivamente .
Sebbene la tecnologia consente oggi di lavorare anche con pendenze elevate mediante con il sistema fisso, tuttavia questo comporta molti più costi e talvolta il business plan di progetto ne risulta penalizzato con delle marginalità esigue .

Un altro aspetto che è utile rimarcare è che talvolta i terreni sono caratterizzati anche da moderate pendenze ma a nord, questo aspetto, penalizza molto il terreno, perché questo tipo di inclinazione va a togliere resa alla produzione di energia dei pannelli fotovoltaici .

REQUISITO 2. I VINCOLI

L’ assenza di vincoli : significa che Il terreno non deve essere interessato da vincoli nazionali, regionali, provinciali, comunali ; in caso contrario, la parte utilizzabile per l’ impianto fotovoltaico sarà solo la parte esente dai vincoli . Nella pratica, è possibile verificare la vincolistica in autonomia da parte del proprietario chiedendo al Comune nel quale il terreno ricade il CDU ( Certificato di Destinazione Urbanistica ) con vincoli, pagando per la sua emissione .

In altre parole a parte l’ esposizione, l’ altro cruciale aspetto da verificare è quello che i terreni siano essi terreni agricoli, terreni industriali, terreni ex cave, discariche bonificate e non, non siano interessati da vincoli sul terreno, come per esempio, vincoli paesaggistici, vincoli idrogeologici ed idraulici, PAI, legge Galasso, vincoli SIC ZPS, vincoli naturalistici, vincoli di tutela delle acque, vincoli legati alle fasce di rispetto per attiguità ad una autostrada, ad una ferrovia, ad un fiume o corso d’acqua, e molti altri .

L’ analisi completa dei vincoli viene effettuata dal nostro servizio di Ingegneria interna, tuttavia è molto utile in via preliminare disporre del CDU ( certificato di destinazione urbanistica ) che si può richiedere da parte del proprietario presso il Comune nell’ ufficio di competenza ( solitamente ufficio Urbanistica / Ambiente / Territorio ) .

Richiedere il Certificato di Destinazione Urbanistica ha un costo che può variare dai 30 – 40 Euro fino ai 60 -70 Euro circa e richiede come tempi, a seconda dei Comuni, da una settimana a oltre 1 mese . Il Certificato relativo ai terreni, è un documento ufficiale e viene redatto tenendo conto dei vincoli nazionali, regionali, provinciali, comunali e di altra natura, che insistono sui terreni .
Andrà allegato alla pratica qualora si prosegua nel firmare il Contratto Preliminare per attivare l’ Iter autorizzativo, che parte con la richiesta di connessione alla rete elettrica ( TICA ), valutazione impatto ambientale ( VIA ) e altri passaggi successivi .

REQUISITO 3. CABINE

L’ attiguità dei terreni ad una cabina o sottostazione o linea elettrica è fondamentale . I terreni ( agricoli, ex cave, industriali, discariche ) devono trovarsi in prossimità di una cabina elettrica o linea elettrica di media tensione o alta tensione, o una cabina di trasformazione . Questo perché realizzare una nuova linea elettrica, comporta costi importanti .

Ossia l’ aspetto delle cabine elettriche, sottostazioni, e connessione alla rete elettrica, sebbene lo abbiamo tenuto come ultimo aspetto, è forse il requisito principale, perché l’ allaccio alla rete elettrica , è spesso la spada di Damocle e determina la decisione di proseguire o meno con un progetto .

È una caratteristica molto importante per poter procedere ad affittare dei terreni agricoli, industriali, ex cave, discariche, per impianti fotovoltaici , in altre parole, un impianto fotovoltaico ha senso solo se collegato alla linea elettrica : se i costi di allaccio superano il massimo consentito, il terreno purtroppo non sarà considerato idoneo, anche se trattasi di terreno pianeggiante e senza vincoli .

Non è di facile comprensione l’ aspetto elettrico per valutare se dei terreni siano idonei o meno . Si tratta di considerare vari fattori, come :

- La dimensione in ettari del terreno
- La Regione dove il terreno si trova
- L’ irraggiamento medio annuale statistico in quella latitudine
- Il tipo di tecnologia : esempio inseguitore mono assiale o pannello con sistema fisso , quello che meglio si adatta all’ impianto fotovoltaico da costruire .
- Le preferenze dell’ investitore sul tipo di tecnologia da utilizzare .
- Per impianti da collegare ad una sottostazione Enel dove si corre in media tensione, serve sapere la distanza in metri tra il terreno e la cabina di media tensione ( cabina in cemento o cabina a palo costituita nel secondo caso da un palo con annesso un trasformatore – cabina secondaria ) ed inoltre la distanza tra i terreni e la sottostazione da Enel 132 KV o 150 KV .
- Per terreni dove gli impianti fotovoltaici saranno da collegare ad una sottostazione di Terna, dunque progetti nei quali si corre in alta tensione, è importante misurare la distanza tra i terreni ( siano essi agricoli, industriali, ex cave, discariche ) e la sottostazione / cabina primaria di Terna a 150 KV o 220 KV o 380 KV, in funzione della potenza che si intende installare, che è legata alla dimensione in ettari dei terreni .
- In alcuni casi per terreni di grosse dimensioni dove si prevede di installare grosse potenze, si può anche costruire una cabina utente con dei costi che sono abbastanza importanti, tuttavia per grossi progetti è sostenibile sostenerne i costi relativi . Per progetti di impianti fotovoltaici di piccole dimensioni invece, il fatto di ipotizzare una sottostazione utente o far passare sul suolo la linea elettrica, realizzando una nuova linea elettrica, è molto costoso e impatta troppo sulla convenienza dell’ investimento complessivo .

Terna ed Enel, fanno costantemente delle verifiche sulla struttura della rete nel suo complesso e in funzione di richieste di allaccio in determinate aree, si attivano per investire e secondo le priorità che stabiliscono . Possono pianificare la costruzione di nuove sottostazioni, o l’ampliamento / ristrutturazione di linee ed aumentare la capienza di alcune sottostazioni esistenti ( tuttavia tutto questo richiede molto tempo, per cui spesso non è possibile attendere ).

IMPORTI ORIENTATIVI

Affittare i Terreni per costruire Impianti Fotovoltaici oppure meglio Vendere i Terreni ?

Se ora ti stai domandando quanto è possibile guadagnare offrendo il proprio terreno ( agricolo, industriale, ex cave ) in vendita oppure in affitto per installare degli impianti e moduli fotovoltaici a terra, sei nel posto giusto . Un impianto fotovoltaico installato su terreno agricolo o su terreno industriale, o magari su cave dismesse, mediante l’ utilizzo di pannelli fotovoltaici solari installati a terra, oggi e per i prossimi anni può garantirti una rendita annuale trentennale .

Affittare terreni o vendere terreni per il fotovoltaico comporta un vantaggio economico, sia nel caso di terreno agricolo, come pure per terreno industriale, o ex cava, o discarica, importante vengano installati impianti fotovoltaici a regola d’ arte, secondo le più moderne tecnologie e attraverso soggetti credibili, investitori bancabili con una ragguardevole esperienza nel fotovoltaico .

Quando le verifiche sui terreni agricoli, ex cava, terreni industriali, discariche, danno esito positivo, dunque i terreni sono pianeggianti, vicini ad un punto di connessione alla rete elettrica, e senza vincoli, è possibile procedere alla firma del contratto preliminare, tra proprietario del terreno e investitore . E si pone la questione su quale tipologia di soluzione scegliere , tra :

AFFITTO DEL TERRENO O PIÙ CORRETTAMENTE DDS ( cessione del diritto di superficie del terreno – diritto di reale godimento ) di solito a 30 anni con il pagamento di una rata di affitto o canone annuale o semestrale ; gli importi per affittare dei terreni agricoli va dai 2000 Euro ad Ettaro ad Anno a 2500 Euro ad ettaro ad anno, fino a 3000 Euro ad Ettaro ad Anno ( per l’ affitto di terreni, nel caso in cui la connessione sia sul terreno o attigua al terreno ; e si intende la sottostazione o cabina primaria 150 KV, 220 KV, 380 KV ) . Per i terreni industriali gli importi possono essere leggermente superiori anche se per il DDS non ci sono enormi differenze tra Terreni Agricoli e Terreni Industriali .

VENDITA DEL TERRENO e acquisto del terreno stesso da parte di un investitore ad un prezzo ad Ettaro da negoziare tra le parti ; gli importi sono fortemente legati ai costi di connessione per allacciarsi alla rete elettrica per gli impianti fotovoltaici che si andranno a costruire, e devono tener conto dell’ irraggiamento medio annuale previsto, nonché dei prezzi medi per la Regione considerata e ovviamente della pendenze del terreno e della conformazione dei terreni stessi . Relativamente alla vendita di terreni, è opportuno evidenziare che talvolta, il proprietario del terreno intende liberarsi di tutto il terreno in blocco, tuttavia, una parte dei terreni magari è inutilizzabile perché vincolata . Come risolvere questo problema senza effettuare frazionamenti e aggiornamento del Catasto ? Ebbene, in molti casi, è possibile ovviare a questa problematica, acquistando comunque il terreno in blocco ( si indica questa modalità con “ vendita a corpo “ o ” contratto a corpo ” ) sebbene all’ investitore convenga un acquisto delle sole particelle idonee senza vincoli ( viene chiamata “ vendita a misura “ ), attribuendo alle parti non idonee un prezzo inferiore rispetto alle parti idonee, e trovando un equilibrio sul prezzo di vendita soddisfacente per entrambe le parti ( vedi differenze tra vendita a corpo e a misura ).

AFFITTO DEI TERRENI ATTUALIZZATO ( vedi attualizzazione ) : ossia è una modalità che consente al proprietario dei terreni di concedere i suoi terreni per il Fotovoltaico, per una durata trentennale, rimanere proprietario dei terreni stessi, percependo i canoni di affitto in un’ unica soluzione attualizzata solitamente al 50 % . Questo è molto vantaggioso qualora il proprietario del terreno, desideri concretizzare l’ importo subito pur conservando il titolo di proprietà . Ovviamente, l’ investitore, in questo caso, deve rinunciare al beneficio finanziario di diluire nel tempo i pagamenti per i canoni di affitto dei terreni, e al contempo non ne diventa proprietario, dunque c’ è uno svantaggio per questa modalità . Per questi motivi, solitamente gli importi attualizzati relativi alla cessione del diritto di superficie, non possono superare gli importi, che per lo stesso terreno verrebbero pagati, in caso di acquisto .

Si tratta caso per caso, di comprendere a fondo le esigenze del proprietario del terreno, e dunque suggerire la soluzione contrattuale che meglio soddisfa le esigenze delle parti .
IBS non ha alcun vantaggio rispetto ad una delle 3 possibilità di procedere, pertanto si trova ad agire in una condizione di neutralità, potendo agevolare una negoziazione soddisfacente per tutti . Lo stesso vale per gli importi da pagare al proprietario dei terreni, nel caso di Vendita, DDS ( cessione del diritto di superficie ), DDS attualizzato ; anche in questo caso, IBS potrà agevolare la definizione di un punto di equilibrio tra le parti .

TASSAZIONE

QUAL’ È LA TASSAZIONE ( IMPOSTE ) PREVISTA PER CHI CONCEDE IL PROPRIO TERRENO AGRICOLO PER INSTALLARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ?

Qualora si tratti di terreni agricoli detenuti da un numero di anni almeno pari a 5, l’ operazione ai fini fiscali è esentasse . Qualora ci siano situazioni specifiche puoi contattarci per una consulenza gratuita personalizzata .

RACCOMANDAZIONI ED AVVERTENZE PER I PROPRIETARI DI TERRENO

Importi per l’ Affitto o Vendita di Terreni per il Fotovoltaico

L’ affitto / vendita di un terreno si applica a terreni agricoli, a terreni industriali, ex cave o altri terreni concessi per il fotovoltaico .

INTERMEDIARI : È sempre meglio diffidare e tenersi lontani da soggetti o intermediari non specializzati nel Fotovoltaico e persone che promettano cifre ed importi visibilmente fuori mercato . Le regole nel settore Fotovoltaico sono molto ben definite, e gli importi che si possono pagare senza incentivi statali ( conto energia ), ossia in Grid Parity, sono note e all’ interno di certi valori standard . Un investitore serio o un operatore competente nel settore Fotovoltaico, non getterà i suoi soldi, e avrà necessità di un margine di guadagno che risulterà dalla seguente equazione :

PROFITTI = VENDITA ENERGIA – ( COSTO DEL TERRENO + COSTO PER LA CONNESSIONE )

Pertanto se il terreno è molto costoso, fuori dai valori di mercato e in più la connessione non è economica, il progetto fotovoltaico conseguente non sarà sostenibile . Pertanto c’è da chiedersi se la persona che ci ha formulato una offerta, sia veramente ben informata e / o seria .

CAPARRE E ANTICIPI : Lo stesso discorso si applica quando al proprietario vengono promessi importi elevati, come caparra o anticipo, direttamente alla firma del contratto preliminare . Anche questo dovrebbe suggerire un approfondimento sul soggetto che ci propone l’ offerta . Questo perché il vostro terreno, fintanto che Enel o Terna non ha confermato la soluzione di connessione, ( ossia in quale sottostazione decide di mandarci a collegare il parco fotovoltaico ), fino a quel momento non è possibile confermare i costi di allaccio complessivi, da cui la fattibilità del progetto . Pertanto la prima caparra è sostenibile dopo circa 2 – 3 mesi o entro i primi 6 – 8 mesi massimo, ( qualora ci siano ritardi o ci sia un coordinamento Enel / Terna nel caso in cui alcuni impianti fotovoltaici lo richiedano ) , allorquando Enel o Terna avranno dato conferma e comunicato in modo ufficiale dove la nostra centrale fotovoltaica andrà allacciata . A quel punto si disporranno di tutte le informazioni per confermare il business plan e dunque si potrà procedere con il progetto operativo, pagando la connessione e le caparre ai proprietari dei terreni coinvolti . Prima di questo momento, noi potremmo anche fare delle previsioni, fare studi di fattibilità sulle cabine o sottostazioni dove è possibile un allaccio, tuttavia, sarà la comunicazione dell’ operatore Enel o Terna a sancire la conferma dell’ iter dell’ Autorizzazione e del Progetto Fotovoltaico .

LAYOUT ( disegno tecnico ) : Per questi motivi, consigliamo ai proprietari dei terreni di richiedere sempre a chi invia loro una offerta per l’ affitto dei terreni, ( o vendita o cessione del diritto di superficie attualizzato ), un layout dell’ impianto che si ipotizza di costruire, con la potenza che si prevede di installare, la disposizione dei pannelli sulla superficie utilizzabile, ed eventuali particelle o aree interessate da vincoli ( o da restrizioni o per conformazione dei terreni che obblighino a scartare delle aree di terreno ) . Questo obbligherà i vostri interlocutori a prendere una posizione ed una assunzione di responsabilità . Nel caso essi non fossero nella condizione di inviarvi un layout, potrete iniziare a chiedervi quale possa essere la motivazione sottostante, che nella maggior parte dei casi, è legata al fatto che essi sono soggetti che non hanno un vero acquirente alle spalle, e stanno forse solo cercando di raccogliere dei contratti preliminari ed opzioni su dei terreni, per poi concordare una loro fee di segnalazione con un investitore ( nel migliore dei casi ) o con altri intermediari . Tuttavia, spesso i contratti che vengono sottoposti e sottoscritti da proprietari ignari, per le opzioni sui terreni, non sono bancabili, per cui andranno poi sottoscritti nuovamente con clausole differenti per darvi seguito . Oppure è già capitato più volte di essere contattati da proprietari che ci hanno riferito di soggetti ( intermediari ma anche investitori purtroppo in alcuni casi ) che una volta sottoscritto il preliminare, abbiamo poi chiesto di negoziarlo al ribasso dopo aver ricevuto la TICA, ed essersi accorti che era disallineata rispetto alle loro aspettative, disattendendo quanto inizialmente promesso . E questo accade soventemente nel caso di importi fuori mercato .

Per questi motivi, chiedere un layout dell’ impianto fotovoltaico che si prevede di costruire, sgombra il campo da soggetti ambigui . Ed inoltre il layout dell’impianto è un passaggio obbligato per una offerta seria, poiché vengono stabilite le variabili in gioco, e dunque si può quantificare con precisione, gli importi per l’ affitto ( cessione del diritto di superficie ) o vendita di un terreno per Fotovoltaico .

Affidarsi a partner seri

È importante fidarsi e affidarsi a partner con comprovata esperienza e serietà che siano realmente in grado di accompagnare i proprietari di terreni nel mondo delle Energie Rinnovabili ( e del Fotovoltaico in particolare ), conducendoti a vendere o affittare il tuo immobile senza intoppi ad investitori seri e bancabili con la forza per affrontare operazioni di grosse entità, e costruire impianti fotovoltaici a terra in osservanza a tutte le norme di legge .

LE AUTORIZZAZIONI NECESSARIE

Per Affittare o Vendere un Terreno per un Impianto Fotovoltaico

L’ affitto di appezzamenti di terreno agricolo, ex cave, terreno industriale, o terreni bonificati, per l’ installazione di impianto fotovoltaico può davvero rivelarsi una vera opportunità . Affittare un terreno agricolo o concedere l’ utilizzo di un terreno industriale per il fotovoltaico può generare una grande fonte di guadagno e una rendita trentennale .
Se i terreni non presentano vincoli che insistono sui terreni stessi ( siano essi terreni agricoli, terreni industriale, discariche, ex cave ) è consentito procedere alla sottoscrizione di un accordo Preliminare, e alla richiesta di allaccio alla rete elettrica, nonché alla progettazione dell’ impianto fotovoltaico, in aderenza alle norme nazionali previste dal sistema, che solitamente prevede una AU ( autorizzazione unica ) salvo terreni di piccole dimensioni di circa 2 ettari installando meno di 1 MW dove è possibile utilizzare la procedura PAS ( procedura abilitativa semplificata ) .

L’ iter autorizzativo, su terreni Ex Cave o terreni industriali, è semplificato e più veloce, perché la destinazione e il codice dei terreni stessi è già affine al tipo di utilizzo che nella fattispecie riguarda l’ installazione di impianti fotovoltaici . Per il terreno agricolo sono richiesti più passaggi e dei tempi più lunghi proprio perché viene richiesto modificare il codice di destinazione del terreno per adibirlo a terreno cantierabile industriale, al fine di costruire la centrale fotovoltaica con tutte le servitù previste .

STMG / STMD : dunque, dopo aver verificato i vincoli, e aver creato il layout ingegneristico del progetto preliminare degli impianti fotovoltaici, per dare anche alcuni riferimenti storici, in passato si procedeva ad indirizzare ad Enel o Terna la richiesta di connessione attraverso la “ Soluzione Tecnica Minima Generale ( STMG ) “ per connettersi alla rete elettrica, che una volta confermata dall’ operatore di rete, illustrava indicando il punto di allaccio, la nuova linea da implementare e costruire, ed una stima dei costi per la realizzazione . Una volta valutata e accettata la soluzione di connessione che veniva proposta da Terna o Enel, era possibile passare allo step successivo e all’ invio del design del progetto definitivo, attraverso la cui ricezione Enel o Terna erano poi autorizzate a rilasciare la STMD ( Soluzione Tecnica Minima Definitiva ) .

TICA : attualmente, ai sensi della delibera n. 99 del 2008 ( vedi anche allegato A alla Delibera ) , Enel o Terna non inviano più la STMG e a seguire la STMD, ma direttamente un preventivo di connessione unico anche conosciuto nell’ ambiente Fotovoltaico, come TICA acronimo di “ Testo Integrato delle Connessioni Attive “.

TICA : Testo Integrato delle Connessioni Attive, è la prima azione che viene fatta per richiedere la connessione alla rete elettrica , generalmente ad Enel, oppure a Terna nel caso di impianti in alta tensione, essendo le società incaricate di gestire nel fotovoltaico le linee elettriche . La TICA prevede l’ allaccio alla connessione in rete e i costi relativi . Per la costruzione e la messa in esercizio dell’ impianto fotovoltaico, queste attività sono subordinate al rilascio della DIA ( Dichiarazione di Inizio Attività ) a cura del competente Comune a livello territoriale oppure in funzione dei casi al rilascio della AU ( Autorizzazione Unica ) provinciale, in ottemperanza a quanto previsto dall’ articolo 12 del Decreto Legislativo n. 29 del 2003 .

AU : generalmente l’ AU ( Autorizzazione Unica ) è una scelta obbligata per impianti fotovoltaici che superano una determinata soglia di potenza picco installata . L’ iter autorizzativo mediante la AU ( Autorizzazione Unica ), viene eseguito, rispettando dei principi pensati per portare ad una semplificazione procedurale, attraverso la l’ istituzione della Conferenza di Servizi, e mediante convocazione da parte dell’ Amministrazione Provinciale, entro e non oltre 30 giorni . Alla conferenza di Servizi sono invitati a partecipare tutti i delegati e rappresentanti delle competenti Amministrazioni territoriali, deputate a fornire e rilasciare gli assensi, rispetto all’ oggetto in discussione, nonché tutti i gestori di opere di carattere pubblico che intendono segnalare eventuali interferenze create dagli impianti fotovoltaici in corso di progetto . Nella pratica, l’ iter autorizzativo per ottenere dei terreni cantierabili per il fotovoltaico, consiste e richiede, nella fattispecie nel caso della costruzione di grandi impianti fotovoltaici, di una lunga serie di nulla osta, e senza questi nulla osta non è consentito iniziare i lavori . Tra questi nulla osta è compreso quello del Ministero dello Sviluppo Economico per poter realizzare la linea elettrica, il nulla osta per i vincoli archeologici, Soprintendenze, il nulla osta fornito dalle Autorità di bacino, il nulla osta per il vincolo paesaggistico, il nulla osta a cura dei Beni Ambientali, il nulla osta per i vincoli Comunali, insomma il nulla osta di tutti gli enti che si devono esprimere, interessati al via libera, per la costruzione della centrale elettrica fotovoltaica .

ALTRE AUTORIZZAZIONI PER IL FOTOVOLTAICO :

DIA : è un documento necessario se si vuole affittare un terreno di piccole dimensioni sia esso agricolo, industriale, ex cava per il fotovoltaico, ma più probabilmente per impianti sui tetti o coperture . DIA, è l’ acronimo di “ Dichiarazione di Inizio Attività “, che va presentata al Comune dove i terreni sono collocati . La DIA porta al rilascio della Autorizzazione Unica a livello provinciale, che consente l’ inizio dei lavori . La DIA viene trattata durante la Conferenza dei Servizi, tavolo al quale partecipano le varie amministrazioni competenti che si devono esprimere .

PAS ( Procedura Abilitativa Semplificata )
La PAS “ Procedura Abilitativa Semplificata ” rappresenta un iter come dal nome della procedura “ semplificato “ e consente di installare un impianto fotovoltaico e si usa soprattutto per cluster di piccoli siti sotto 1 MW di potenza installata . Si deve in sostanza effettuare una Dichiarazione di Inizio Attività ( DIA ) specificata per le energie rinnovabili .

CIA e CILA
Nello specifico sono comunicazioni di inizio lavori, che in alcuni casi vengono effettuate mediante l’ asseverazione da parte di un tecnico e in altri casi no . Vengono utilizzate per impianti fotovoltaici di piccola taglia .

TERRENI, FOTOVOLTAICO – BOZZE DI CONTRATTI DI OPZIONE / ACCORDI PRELIMINARI

Il tipo di accordo o contratto che viene utilizzato per affittare un terreno agricolo per costruire un impianto fotovoltaico viene definito “ cessione del diritto di superficie ” o “ vendita “ o “ cessione del diritto di superficie attualizzato “ .

Per la bozza di opzione Preliminare che viene sottoposta ai proprietari dei terreni per la firma, spesso i proprietari si avvalgono di studi legali, senza tuttavia una specifica competenza sul tema del Fotovoltaico . E talvolta, i legali che assistono i proprietari dei terreni ( terreni agricoli, ex cava, terreni industriali non fa differenza se non in alcuni casi specifici ) richiedono modifiche strutturali agli accordi che in molti casi non possono essere avvallati . Questo perché gli accordi e la contrattualistica devono essere “ bancabili “ ossia proteggere l’ investitore in modo adeguato rispetto ai rischi collegati all’ iter autorizzativo, in un paese come l’ Italia, nota per le sue lungaggini a livello burocratico e per i numerosi enti che si devono esprimere per approvare la concessione di una Autorizzazione Unica che consente la cantierabilità e dunque la costruzione di impianti fotovoltaici mediante pannelli solari . Visto che si parla di importi sicuramente non esigui, è consigliabile affidarsi sempre ad esperti del settore Fotovoltaico e richiedere un consulto a professionisti del fotovoltaico: in questo modo si riuscirà a procedere senza intoppi e senza sorprese, avendo ben chiari gli step da seguire .

Il Contratto di Locazione : DDS ( Cessione del Diritto di Superficie )

Quando un investitore o una società di Ingegneria o progettazione o studio tecnico è motivato a perseguire le fasi autorizzative di un terreno ( agricolo, industriale, discarica, ex cave ) che mostra di possedere i requisiti richiesti per essere considerato idoneo per installare un impianto fotovoltaico, passo fondamentale è quello di stipulare con il proprietario dei terreni ( qualunque sia la loro classificazione e destinazione urbanistica ) un contratto o bozza di opzione preliminare di affitto ( o meglio “ cessione del diritto di superficie “ ) o d’ acquisto a cura dell’ investitore o società di Ingegneria con delega da parte dell’ investitore .

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEL CONTRATTO PER AFFITTARE O VENDERE I TERRENI NEL FOTOVOLTAICO ?

Le voci essenziali del contratto che segue si riferiscono al Contratto di affitto dei terreni ( terreni agricoli o industriali ) per il fotovoltaico, e tecnicamente è denominato “ di diritto di superficie “ . Con alcune variazioni esiste anche la forma di contratto per l’ opzione di acquisto dei Terreni .

I punti essenziali del contratto di DDS ( CONTRATTO DI DIRITTO DI SUPERFICIE ) sono i seguenti :

CANONE ANNUO :

- Gli importi vengono corrisposti al proprietario dei terreni normalmente in unica soluzione per la cessione del diritto di superficie . Se i terreni sono attigui ad una sottostazione elettrica, il prezzo aumenta .
- Come calcolare il prezzo per l’ Affitto del terreno per il Fotovoltaico ? un impianto fotovoltaico collocato su terreni agricoli o industriali, mediante moduli fotovoltaici e pannelli solari a terra, può fornire una rendita trentennale pagata annualmente da 2000 a 2500 Euro per Ettaro ogni anno e può arrivare a 3000 Euro per ettaro ad anno nel caso di ridotti costi di connessione per via della vicinanza ad una cabina di Alta Tensione .
- Quando avviene il pagamento del Terreno per l’ affitto o la vendita ? per quanto concerne i termini di pagamento, nel caso della vendita il pagamento è immediato appena ottenuta l’ Autorizzazione Unica e contestualmente all’ atto notarile . Per quanto riguarda il canone di affitto esso viene pagato anticipato ogni inizio anno ossia normalmente viene corrisposto al proprietario dei terreni, il canone annuale anticipato .

DURATA DEL CONTRATTO ( Durata dell’ affitto – cessione del diritto di superficie )

- Qual è la durata del contratto di DDS ( Cessione del Diritto di Superficie ) o affitto per il fotovoltaico ? Nel caso dell’ affitto o DDS ( Cessione del Diritto di Superficie ) il contratto ha una durata atto di 30 anni, salvo casi speciali .

COSA AVVIENE ALLA SCADENZA DELL’ ACCORDO

- Cosa avviene dopo la scadenza dell’ accordo di DDS ( Diritto di Superficie ) sui Terreni ? Quando l’ accordo si avvia alla scadenza, il proprietario o il titolare che detiene i titoli di proprietà dei terreni rientra in possesso della gestione del diritto di superficie del terreno .

RIPRISTINO DEI TERRENI E DEI LUOGHI

- Come funziona con il ripristino del terreno dopo che sono trascorsi 30 anni di affitto per il fotovoltaico ? Secondo quanto previsto dalle norme di carattere nazionale ed europeo, trascorsi i 30 anni, al termine del contratto di cessione del diritto di superficie, l’ Investitore o la società che ha sottoscritto il contratto definitivo, si impegna a proprie spese a smantellare completamente l’ impianto fotovoltaico su terreno . L’ investitore che prende in affitto il terreno per costruire l’impianto fotovoltaico, ha l’ obbligo formale dopo la locazione del terreno per realizzare l’ impianto fotovoltaico, di impegnarsi a smantellare l’ impianto stesso, conclusi i 30 anni della cessione del diritto di superficie . In aggiunta ad una legge valida sul territorio nazionale a tutela dei proprietari di terreno, alcune regioni ( esempio la Lombardia ) prevedono che l’ investitore depositi una fideiussione bancaria a garanzia dello smaltimento dell’ impianto con gli importi previsti per le attività .

Il Diritto di Superficie DDS : Ecco come funziona per i Tetti

Sei proprietario di un terreno o di un tetto e vuoi metterlo a reddito ? C’ è chi vuole investire nel fotovoltaico ? E cos’ è il diritto di superficie per il fotovoltaico ?
La cessione del diritto di superficie rappresenta la soluzione ideale per proprietari di terreni o tetti che intendono renderli disponibili per installare il fotovoltaico e investitori che desiderano investire in impianti fotovoltaici .
Da una lato chi ha disponibilità di adatte superfici al fotovoltaico ( esempi : il tetto di un magazzino o di un capannone, un lastrico solare, un terreno ), che non è motivato a farsi carico della installazione o gestione di un impianto fotovoltaico di produzione di energia pulita .
Dall’ altro chi investe, acquista la titolarità dell’ area o della copertura, installa un impianto fotovoltaico, produce energia per ottenere una marginalità dopo la vendita dell’ energia .

La cessione dei diritti di superficie per il fotovoltaico solare rappresenta una interessante soluzione :
- il proprietario del tetto, va a cedere i diritti di superficie di un’ area altrimenti improduttiva, mettendola a reddito ( per i terreni agricoli il discorso è un po’ differente perché ci può essere un utilizzo in agricoltura, per i terreni industriali va visto caso a caso ).
- chi acquista i diritti di superficie e diventa titolare per poter realizzare un impianto fotovoltaico, può averne un beneficio senza essere proprietario del terreno o del tetto su cui è realizzato .
- In buona sostanza i vantaggi del diritto di superficie sono : chi diventa titolare dell’ area, detiene la disponibilità della superficie su cui costruire l’ impianto fotovoltaico, senza esserne il proprietario, essendo proprietario dell’ impianto fotovoltaico senza essere proprietario del tetto o del suolo su cui è installato . Come contropartita il proprietario dell’ impianto è tenuto a riconoscere mediante pagamento al cedente ( proprietario del tetto, terreno ), di un canone annuale in denaro o nel caso del tetto anche parte dell’ energia prodotta .

DEFINIZIONE DI DIRITTO DI SUPERFICIE NEL FOTOVOLTAICO PER I TETTI:

Attraverso il diritto di superficie è consentito distinguere e separare il titolo di proprietà del tetto o del suolo, dal titolo di proprietà della costruzione soprastante, nella fattispecie un impianto fotovoltaico .
Ossia, il diritto di superficie, dà il diritto di realizzare l’ impianto fotovoltaico, o in generale un’ opera su un’ area ( tetto o terreno ) senza essere il proprietario del tetto o del terreno ossia della superficie stessa .
Paradossalmente con l’ acquisto del diritto di superficie è possibile effettuare rialzamenti di palazzine, ossia avere il permesso di costruire e poi effettuare la vendita di appartamenti in posizione sottotetti, per fare un esempio concreto .

Chi acquista l’ energia prodotta o a chi viene venduta ? L’ energia elettrica prodotta da un impianto fotovoltaico può essere venduta, esempio in loco ad un singolo soggetto ( soluzione più conveniente per evitare dispersioni di energia ), oppure venduta alla rete elettrica nazionale .

INVESTITORI ALLA RICERCA DI TERRENI CANTIERABILI IN AFFITTO

Un Business in forte crescita

Anche per ragioni di carattere ambientale oltre che economico, vendere o concedere in affitto un terreno per installare un impianto fotovoltaico è il primo passo per poter entrare nel business della Green Economy e delle cosiddette energie rinnovabili, settore ad elevata sensibilità vista l’ attuale dinamica climatica e il surriscaldamento globale su cui non sembra tuttavia esserci piena convergenza di intenti o azioni condivise .

Il mercato in Italia degli impianti fotovoltaici su terreno o a terra che dir si voglia, ha subito drammaticamente un brusco stop nel 2012 dopo che il legislatore per decisione del governo italiano, legiferò interrompendo l’ erogazione di benefici ed incentivi per l’ installazione di pannelli solari sui terreni agricoli . Si trattava di incentivi pubblici nell’ ambito del “ conto energia “ .

La caccia ai terreni è di nuovo aperta su tutto il territorio nazionale ! ( Terreni agricoli, terreni industriali, discariche, ex cave )

Sono molte le società che in questo momento investono nel Fotovoltaico a terra . Alcuni esempi : investitori finanziari, finanziatori industriali, advisor / adviser, Fondi di Private Equity, Banche d’ affari .

Alcuni, i cosiddetti “ Sviluppatori “ operano nel settore Greenfield, facendo il durissimo lavoro dello scouting di siti, screening vincolistico, verifiche in itinere e progettazione, assistiti da società di Ingegneria con un track record ingegneristico significativo .

Gli sviluppatori partono dallo scouting di siti idonei ( terreni agricoli o industriali ) e individuati i terreni che superano i criteri di selezione, danno il via all’ iter autorizzativo nella modalità Co Sviluppo . Essa prevede dopo la firma del preliminare con la proprietà del terreno, di effettuare la richiesta di allaccio ad Enel o Terna per poi proseguire fino alla cantierabilità degli impianti, ovvero la condizione che consente di iniziare a costruire il parco fotovoltaico .

Dopo l’ ottenimento della AU cantierabile, le autorizzazioni o gli impianti costruiti o addirittura già connessi alla rete Enel o Terna vengono ceduti in pacchetti di Autorizzazioni Uniche cantierabili o Impianti per un numero di MW ( mega watt ) consistenti, a Fondi che acquisiscono degli asset finanziari, ossia oggetti finanziari che remunerano i loro azionisti con un rendimento finanziario costante e pluriennale .

Ossia i Fondi che spesso sono fondi pensione, dunque molto conservativi, desiderano prodotti sicuri, senza rischio e con un rendimento costante . Si collocano nel Ready to Build che è lo status che un progetto fotovoltaico acquisisce a partire dalla condizione di cantierabilità dei terreni .

Ci sono Investitori ( investitori finanziari o Industriali ), che talvolta invece di operare nel ” Greenfield “, preferiscono collocarsi nel ” Brownfield ” ossia ricercano terreni in cui l’ iter autorizzativo è già iniziato ; potrebbe già esserci una TICA ( soluzione di connessione ) confermata, per esempio . Tuttavia, non siamo ancora in presenza della AU ( Autorizzazione Unica ), dunque ci sono ancora diversi passaggi prima che i terreni diventino ” cantierabili ” e dunque si possa costruire gli impianti fotovoltaici . E’ solo a fine percorso, ovvero dopo che si è arrivati a conclusione dell’ iter complesso autorizzativo della AU ( autorizzazione unica ) e pertanto si sono ottenute tutte le autorizzazioni necessarie, inclusa la connessione in rete e i vari nulla osta, è solo a quel punto che si potrà iniziare ad andare in cantiere e costruire gli impianti fotovoltaici .

Comunque sia, quello del Fotovoltaico in Grid Parity ( ossia senza incentivi statali ) è un business profittevole dove gli investitori si stanno inserendo sempre con maggiore convinzione e capitali . Questo perché le tendenze del mercato dell’ energia porteranno ad una marginalità adeguata per giustificare un investimento nella Green Economy .

TERRENI PER FOTOVOLTAICO E PROSPETTIVE FUTURE

Vendere o affittare terreni agricoli, per il fotovoltaico a terra ad investitori finanziari od industriali attivi nel settore delle energie rinnovabili, può rappresentare una efficace alternativa rispetto a perseguire una coltivazione agricola intensiva, visto che i rendimenti che si possono ottenere per ettaro sono superiori . Tra l’ altro non comporta nessun costo installare un impianto fotovoltaico a terra per i proprietari .

Infatti se i terreni agricoli, industriali, ex cave o persino discariche bonificate abbandonate e senza un piano industriale di sviluppo, posseggono i requisiti per ospitare un impianto fotovoltaico a terra in grid parity ( anche denominata market parity ), sarà l’ investitore o il fondo finanziario a farsi carico delle spese che si rendono necessarie per procedere alla autorizzazione, cantierabilità e costruzione dell’ impianto fotovoltaico a terra .

Dunque affittare oppure vendere terreni ( terreni industriali, terreni agricoli, ex cave ) per il settore fotovoltaico è di sicuro molto redditizio e non ci sono costi per i proprietari . Nella modalità Grid Parity ossia senza incentivi, il business del Fotovoltaico su terreno è partito nel 2018, è cresciuto nel 2019 e sicuramente influenzerà il mercato di compravendita e affitto dei terreni anche nel 2020, 2021, e probabilmente anche nel 2022 e 2023 . Successivamente si tratterà di capire per gli anni che seguiranno, il grado di saturazione dei terreni e l’ atteggiamento che le singole regioni andranno ad adottare in funzione delle peculiarità del territorio . Facilmente in futuro, il business si sposterà su coperture ( tetti, serre ecc. ) che riducono l’ impatto ambientale o si limiterà ai soli terreni industriali o ex cave o ex discariche .

Considerando di poter installare impianti Fotovoltaici su terreni agricoli, terreni industriali, ex cave, ex discariche o su coperture ( tetti, serre, ecc. ) il business del fotovoltaico da un punto di vista teorico trova applicazione in tutte le regioni italiane a seconda delle preferenze degli investitori e della densità di Aziende e dunque di domanda di energia . Dunque in Lombardia, Piemonte, Valle D’ Aosta, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Marche, Campania, Abruzzo, Molise, Umbria , Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna .

COSA SI INTENDE PER GRID PARITY ?

La Market Parity nel Fotovoltaico

QUALI SONO I PRINCIPI FONDANTI DEL DEL FOTOVOLTAICO ?

Sebbene sia ancora piuttosto un business recente, il Fotovoltaico a terra senza incentivi, in Italia ha subito una nuova partenza e forte crescita dal 2017 – 2018 mediante l’ installazione di pannelli fotovoltaici a terra . Società italiane, ed internazionali, investitori di varia tipologia, in modo diretto investono sia nello scouting di terreni agricoli ( pianeggianti e senza vincoli paesaggistici e ambientali ), sia nella ricerca di terreni classificati industriali o assimilabili ( esempio cave dismesse o ex discariche a fine ciclo vita ) . I terreni industriali sebbene abbiano un costo superiore, soprattutto nell’ acquisto, tuttavia comportano meno rischi di incorrere in pareri non favorevoli da parte degli Enti che devono poi concedere il “ nulla osta “ alla cantierabilità dei terreni stessi . È senza dubbio un business impensabile fino a qualche anno fa, e attualmente sostenibile, grazie alla forte riduzione dei costi dei pannelli e dei moduli fotovoltaici .

La scelta più naturale è quella dell’ affitto dei terreni per il fotovoltaico, per lo sviluppo di impianti fotovoltaici di medie e grandi dimensioni, per avere una economia di scala e un business plan performante per chi investe e desidera una redditività dell’ investimento accettabile per il grado di rischio specifico .

Quello di cui parliamo in buona sostanza è un mercato del Fotovoltaico che si auto sostiene detto “ Fotovoltaico Grid Parity ” in contrapposizione ad alcune modalità che seguono un iter o un approccio meno di mercato, e che si rifà al decreto FER1, su cui andremo successivamente a postare alcuni articoli .

APPROFONDIAMO L’ APPROCCIO DELLA “ GRID PARITY “ O “ MARKET PARITY “

Come già accennato, questo è il caso di Impianti Fotovoltaici di medie e grandi dimensioni, in località dove può essere armonizzato un impatto visivo a volte importante, impianti fotovoltaici realizzati su terreni agricoli o terreni industriali, per produrre energia e vendere la stessa direttamente a delle utility o sulla borsa elettrica . Il tutto avviene in un processo di sviluppo del fotovoltaico con impianti sviluppati e realizzati senza incentivi pubblici .

“ Market Parity o Grid Parity ” : in sintesi ci porta al concetto di “ equiparare “ il costo per lo sviluppo e la produzione di energia , generata appunto dal fenomeno fotovoltaico dei pannelli allestiti in un impianto fotovoltaico, con il costo che si avrebbe nell’ acquistare la medesima energia, dalla rete elettrica . Ossia, c’è un pareggio . E tale equivalenza di costi e condizioni, si riesce a raggiungere esclusivamente dalla equivalenza di costi per produrre la stessa energia attraverso le fonti fossili . E il tutto in totale assenza di incentivazione statale .

Il sistema verte su un libero mercato dell’ energia all’ ingrosso e sulla competizione tra i prezzi per scambiare l’ energia prodotta dalla Green Economy ( fotovoltaico nell’ esempio citato ) e i prezzi dei prodotti mediante fonti fossili . Ovviamente con la diminuzione dei costi fisici dei pannelli, il mercato del fotovoltaico potrebbe essere in condizione di vendere l’ energia sulla borsa elettrica, addirittura ad un prezzo inferiore rispetto ai produttori fossili e il tutto in market parity senza incentivi statali .

QUALI SONO I VANTAGGI DOPO IL DECRETO FER1 ?

Dopo l’ approvazione del decreto FER1 del 4 luglio 2019, ci potranno essere alcuni incentivi per impianti fotovoltaici che vengono costruiti in condizioni specifiche, secondo le priorità che il legislatore ha individuato per distribuire gli incentivi :

- Impianti fotovoltaici combinati a colonnine per auto elettriche per la ricarica ( potenza sviluppata maggiore di 15 Kw )
- Edifici pubblici con tetti con eternit o amianto ( asbesto )
- Cave dismesse e discariche : Impianti fotovoltaici su aree che necessitano di bonifica, parchi fotovoltaici su discariche bonificate oppure riattivate ed ex cave ossia cave che hanno non hanno più lo scopo primario poiché i combustibili fossili sono esauriti .

REQUISITI PER GLI INCENTIVI TRAMITE DECRETO FER1 :

- Impianti Fotovoltaici di potenza minore di 1 MW ( nuova costruzione )
- Impianti Fotovoltaici dopo potenziamento, sviluppano minore di 1 MW
- Impianti Fotovoltaici di potenza minore di 1 MW da ammodernare
- Requisiti impianti : per ammissione registro imprese nuova costruzione o nuovi componenti
- Impianti con potenza uguale o minore di 1 MW partecipano alla procedura di asta al ribasso con limiti di contingenti di potenza .
Impianti unitari in aggregati con una potenza dai 20 KW ai 500 KW, possono ottenere incentivi, se gruppo di impianti possiede potenza totale minore di 1 MW .

Per le aste al ribasso Decreto FER1 :

30/09/2019 – 30/10/2019
31/01/2020 – 01/03/2020
31/05/2020 – 30/06/2020
30/09/2020 – 30/10/2020
31/01/2021 – 02/03/2021
31/05/2021 – 30/06/2021
30/09/2021 – 30/10/2021

Graduatoria sul sito https://www.gse.it ( entro 90 giorni chiusura bando )

RINNOVABILI E PRODUZIONE DI ENERGIA – TERRENI O TETTI

Tutela del paesaggio, Sostenibilità, Obiettivi Europei 2030

Il business del fotovoltaico nasce nel 2006, dopo l’ abilitazione ai sensi del DECRETO n. 37 del 22 Gennaio 2008 ex Legge 46 / 1990 lett. a) e b) che regolamentava il settore dunque la installazione, la trasformazione, l’ ampliamento, la manutenzione di centrali ed impianti elettrici nonché elettronici .

La produzione di energia mediante fonti rinnovabili rappresenta senz’ altro una evoluzione rispetto al carbone o alle fonti energetiche ad alto impatto ambientale . D’ altro canto si evidenziano talvolta delle speculazioni ed in alcuni casi il paesaggio subisce una deturpazione dopo una pesante installazione di pannelli fotovoltaici e impianti in alcune aree agricole .

Senza dubbio nell’ installare su tetti, capannoni, pensiline, lastrico solare o auto produzione fotovoltaica domestica per privati ed aziende, evitiamo di deturpare il paesaggio, si evitano grosse produzioni di energia elettrica concentrate in un unico punto, cosa che richiederà che l’ energia così prodotta, venga trasformata e trasportata, con ingenti dispersioni e perdite, da cui anche rischi derivanti dal trasporto dell’ energia e la creazione di campi elettromagnetici .

Tuttavia tetti, pensiline, capannoni e auto produzione non bastano per spostare la produzione complessiva nazionale verso le fonti rinnovabili ; le grosse centrali su terreno riescono a produrre enormi quantità di energia equiparabili a piccole centrali elettro nucleari, senza l’ annoso famigerato problema delle scorie radioattive ( rifiuto radioattivo ) .

KEYWORDS PER I MOTORI DI RICERCA :

Fotovoltaico Affitto Terreni idonei nelle varie regioni d’ Italia
Fotovoltaico Affittare Terreni per Centrali Fotovoltaiche
Fotovoltaico Acquisto Terreni per Impianti Fotovoltaici
Fotovoltaico Vendita Terreni da proprietari per Parchi Fotovoltaici
Terreni in Affitto, Affittare Terreni, Terreni in vendita, per il Fotovoltaico chiavi in mano
Terreni Agricoli per Fotovoltaico Grid Parity
Terreni Industriali per Fotovoltaico senza incentivi
Terreni Ex Cave per Fotovoltaico ready to build
Terreni Discariche per Fotovoltaico mediante Decreto FER 1
Società che investono nel Fotovoltaico in Italia
Società che acquistano Terreni per il Fotovoltaico cantierabile
Investitori per il Fotovoltaico di ultima generazione
Sviluppo Fotovoltaico, Sviluppatori Fotovoltaico in market parity

GRAZIE PER LA COLLABORAZIONE

Crocus Sativus

Sativus Bulbi Zafferano

Sativus Crocus bulbi di zafferano olandese

Sativus zafferano bulbi ordina ora

Bulbi di Zafferano

Vendita di all’ingrosso di Crochi di Crocus Sativus

IBS ha rapporto diretto con una Azienda Agricola produttrice di Bulbi di Zafferano Crocus Sativus ( anche biologico BIO ) ed è in grado di supportare un Acquirente nel finalizzare l’ acquisto e la consegna DAP ( Reso a destino ) dei Bulbi presso magazzino Azienda Cliente in tutto il territorio doganale dell’ EU e in paesi Extra EU . I prezzi sono competitivi ed assicurata la migliore qualità dei Bulbi consegnati mediante servizio logistico specializzato .

CONTATTACI PER UNA OFFERTA COMMERCIALE :

Per richiedere un Preventivo, si prega di prendere contatto con la nostra Area Commerciale, compilando il FORM di CONTATTO che segue o contattando un responsabile al seguente recapito : +39 348 2920146 .

Per rendere più efficiente il processo commerciale si prega di indicare nella richiesta :

- Numero di Bulbi
- Dimensione Bulbi
- In che mese è richiesta la messa a dimora dei Bulbi

Si ringrazia per la collaborazione .

contact IBS by mail

Zafferano Crocus Sativus

LA STORIA

DELL’ AZIENDA PRODUTTRICE DI BULBI DI ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

La tradizione di famiglia nell’ ambito agricolo è ultra centenaria e comincia all’ incirca nel 1900, quando si iniziò a coltivare bulbi, piccole produzioni, insieme all’ attività di allevamento del bestiame . Il nonno, si dedicava alla coltivazione di tulipani, gladioli, narcisi, e varie specie di iris e crocus . L’ attenzione e l’ interesse per la coltura dei bulbi, si intensificò e di generazione in generazione, si espanse, tanto che il padre, in continuità con il nonno, dopo essersi dedicato a fiori e piante, incrementò la coltivazione dei bulbi .

SPECIALIZZAZIONE

IN SPECIE DI BULBI DA FIORE RARE E IL CROCUS SATIVUS

La famiglia si specializzò in specie rare tra cui Corona Imperiale, Colchico d’ autunno, Ixia ed altre varietà . Non più tardi di dieci anni fa, l’ Azienda nel frattempo cresciuta, acquistò un Crocus detto ” Sativus “. Non si sapeva molto su quel Crocus, tuttavia presto si ottennero maggiori ragguagli sulla specie . Dopo un esame scrupoloso, l’ interesse e la considerazione per quella specie di bulbo divenne talmente significativa che venne deciso di ingrandirne la produzione . Oggigiorno il Crocus rappresenta il prodotto più venduto tra tutti .

UN FORNITORE IMPORTANTE

DI BULBI DI CROCUS SATIVUS

Con il trascorrere degli anni, l’ Azienda è cresciuta in modo considerevole e attualmente viene percepita nel mercato come uno dei player principali, un importante fornitore di bulbi di Zafferano Crocus sativus . L’ Azienda, nella sua attuale veste organizzativa, vanta collaborazioni in essere con un grande numero di rinomati coltivatori specializzati in bulbi da fiore ed è in grado di commercializzare ed esportare i propri bulbi di zafferano biologico e i bulbi non biologici, a clienti di tutte le tipologie e geograficamente localizzati in numerosissimi paesi in tutto il globo . Grazie agli oltre 30 anni di know – how ed esperienza diretta nella coltivazione e nella produzione dello zafferano, l’ Azienda è in grado con sicurezza e alta professionalità di erogare alla propria clientela il miglior servizio informativo e la più qualificata assistenza nel creare e sviluppare la coltivazione dello zafferano .

TIPOLOGIA DI BULBI

DI ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

L’ Azienda commercializza varie tipologie di Bulbi, sia biologici certificati, sia non biologici, di varie dimensioni . Seguono alcune foto :
bulbi non biologici zafferano

bulbi biologici zafferano

vendita all' ingrosso bulbi di zafferano Crocus Sativus

INFORMAZIONI SU ZAFFERANO

BULBI, COLTIVAZIONE, UTILIZZI, PROPRIETÀ DELLA SPEZIA, CURIOSITÀ SULLO ZAFFERANO

Crocus Sativus Fiori di zafferano

COS’ È LO ZAFFERANO CROCUS SATIVUS ?

TUTTO QUELLO CHE C’ È DA SAPERE

Comunemente chiamiamo “ Zafferano ” la spezia che deriva dal Crocus Sativus Linnaeus . Tale specie di croco, appartiene alla famiglia delle Iridaceae, ed è conosciuta anche come “ croco zafferano ” e viene usualmente denominata come “ bulbo di zafferano ” oppure come “ cormo di zafferano ”.

CROCUS SATIVUS LINNAEUS

La specie Crocus Sativus Linnaeus è una pianta erbacea duratura la quale germoglia attraverso un bulbo globulare, mediante i quali nascono i bulbi figli che, i quali a loro volta, si moltiplicano mediante altri crochi generando altri bulbi . Il Crocus Sativus esibisce sottili foglie di un colore verde, fiori discretamente profumati di lavanda e con venature di viola, stami gialli, e tre extra lunghi ( 35 – 30 mm ) preziosi stigmi di un colore intenso rosso vivo che si estendono sui petali . Il vero zafferano è costituito da questi tre stigmi che si scorgono nella fioritura del croco . Questi stigmi essiccati ( o pistilli ), dopo essere stati essiccati, vengono impiegati per originare medicine, colorazioni ed aromi . Nel campo degli aromi e dei coloranti alimentari, sono palesemente conosciuti celebri come “ zafferano “, la regina delle spezie e la più costosa al mondo . L’ abbondanza e la qualità dell’ impegno profuso nella raccolta di questa reale spezia ne giustificano il suo iperbolico valore di mercato .

CROCUS SATIVUS

E ZAFFERANO DI QUALITÀ REALE

Fiori di zafferano Crocus Sativus

LO ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

La spezia dello zafferano ha un distintivo e peculiare aroma dolce – amaro, che ricorda quello del miele e del fieno . Anche il gusto dello zafferano è similmente dolce – amaro ; va assaggiato per conoscerne in modo esatto il sapore, che alcuni affermano abbia sentore di “ funghi e fumo ”, altri asseriscono abbia il sapore “ del mare ”, e altri ancora gli attribuiscono un gusto “ metallico, con nuance di miele e un tenue profumo di conchiglie ”.

DI PIÙ SULLO ZAFFERANO

Leggendo questo post, scoprirete tanti segreti su questa magica spezia dalle straordinarie proprietà ed applicazioni, talmente speciale che le origini e le coltivazioni si fanno risalire a più di 4000 anni fa . Gli argomenti trattati includono interessanti informazioni sulla storia della spezia zafferano e sugli usi in epoche passate e nel presente . Inoltre andremo ad illustrare con dovizia di particolari anche la coltivazione dello zafferano e la cura del proprio vivaio .

I COMPONENTI

DELLA SPEZIA ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

Quali i principi costituenti che rendono lo zafferano così speciale :

Parti di fiori di zafferano Crocus Sativus

Tenendo in debita considerazione il folclore e la notorietà dello zafferano come erba medicinale / officinale nella cura di svariate malattie, la medicina moderna si è posta l’ obiettivo di penetrare il mistero che si cela dietro la pianta dello zafferano Crocus Sativus per esaminare le sue proprietà ed ottenere benefici attraverso le varie applicazioni da essa messe a disposizione al mondo medico . Come effetto, sono stati isolati oltre un centinaio di componenti chimici, fruibili per applicazioni mediche e commerciali .

I componenti basilari dello zafferano Crocus Sativus sono 3 : la crocina, responsabile della pigmentazione gialla peculiare degli stigmi ; la picrocrocina, che gli infonde il suo rugginoso sapore dolce – amaro ; ed infine il safranale, che conferisce la sua fragranza “ terrosa “ alla spezia zafferano Crocus Sativus .

Crocina Formula chimica

Picrocrocina Formula Chimica

Safranale Formula Chimica

Le sostanze chimiche rintracciate nello zafferano possono venire classificate in base alla loro volatilità ( tendenza delle sostanze liquide oppure solide a passare allo stato di vapore ), o all’ assenza della stessa . I principali composti chimici non volatili comprendono : α-crocina, i carotenoidi, che includono il licopene, la crocetina e la picrocrocina, la zeaxantina, l’ alpha carotene e i beta caroteni . I componenti volatili fondamentali includono : il terpene, l’ alcol terpenico e gli esteri terpenici . Anche il safranale è un significativo composto volatile che si forma a partire dalla picrocrocina, come conseguenza dell’ interazione con enzimi e calore durante il processo di essiccazione .

La crocina e la picrocrocina sono fortemente sensibili all’ aria e alla luce ( fotosensibili ) . Questo ci chiarisce perché lo zafferano, debba necessariamente essere conservato in contenitori a chiusura ermetica e riposto in un luogo fresco e al riparo dalla luce quando non si utilizza . L’ esposizione dello zafferano all’ ossigeno O2 e alla luce solare, comporta un fenomeno di ossidazione ( sottrazione di elettroni da parte di un elemento chimico ), che riduce in modo consistente le proprietà dei componenti crocina e picrocrocina, riducendo così la qualità stessa dello zafferano .

Lo zafferano Crocus Sativus presenta anche delle proprietà antiossidanti, qualità già identificate tuttavia oggetto di ulteriori studi e sperimentazioni per essere adottate in farmaci atti a combattere il cancro, fenomeni depressivi e malattie neuro vegetative . La natura anti infiammatoria dello zafferano è nota ed è attribuita ai componenti ricavati dai petali del croco : tannini, flavonoidi e antocianine . Più nello specifico, i flavonoidi includono l’ esperidina, rutina, quercetina, luteolina e bioflavonoidi .
Per gli amanti dello zafferano, le modificazioni chimiche che occorrono mentre lo si utilizza possono apparire “ arabo “, tuttavia la cosa importante è che essi siano consapevoli per esperienza vissuta che lo zafferano può continuare a far loro sperimentare quel sentimento soave e leggero che lascia ben sperare per il futuro .

LA COLTIVAZIONE

DELLO ZAFFERANO CROCUS SATIVUS, DALLA SEMINA ALLA RACCOLTA

Coltivare lo zafferano crocus sativus

In questo capitolo affronteremo la coltivazione dello zafferano : lo zafferano si raccoglie dai fiori di Crocus sativus ( Iridaceae ), nel linguaggio corrente noti come bulbi di zafferano . Lo zafferano si propaga da bulbi chiamati “ cormi ”. Il fenomeno consiste nel fatto che ogni cormo formerà nuovi bulbi, ed in questo modo, la pianta si riproduce e cresce . I fiori dello zafferano si schiudono in autunno e vengono raccolti i pistilli rossi, universalmente conosciuti come “ pistilli di zafferano “, da cui la spezia viene estratta . Ogni bocciolo ( o bottone fiorale ) produce tre stigmi, i quali vengono colti dalla pianta a mano e con attenzione. Bisogna effettuare la raccolta dei fiori entro mezzogiorno, poiché tendono ad appassire facilmente. Questo metodo di raccolta è noioso e richiede molta attenzione. Questo procedimento ci illumina anche sul perché lo zafferano è divenuto così prezioso da guadagnarsi la qualifica di “ oro rosso ”.
Il croco Crocus Sativus viene coltivato principalmente in Paesi come lran, Afghanistan, India, Italia, Francia, Pennsylvania, Nuova Zelanda, Spagna, Grecia, Portogallo e Marocco, Turchia e anche in alcune zone della Cina . Poiché la coltivazione della spezia dello zafferano si è diffusa in differenti parti del mondo, le tecniche utilizzate per l’ impianto possono mutare, in funzione del clima, e della tipologia di suolo, influenzando la profondità dell’ impianto nonché la distanza fra i bulbi .

Fiori di zafferano coltivazione Crocus Sativus

IL TERRENO ADATTO

I bulbi di zafferano Crocus sativus si riescono ad adattare alle caratteristiche del terreno ospitante e tessitura in cui sono piantati ed in profondità . I bulbi crescono in modo corretto in terreni aridi ( aridità ) o semi aridi e si adattano adeguatamente al suolo calcareo ( calcare ), e all’ argilla neutra con pH compreso tra da 6 – 8 . Crescono correttamente anche in suoli sedimentosi ( sedimento ), sabbiosi, arricchiti con sostanze organiche e suoli ferruginosi ( ferrallitico ) . In Nuova Zelanda i bulbi attecchiscono e prosperano su suolo sabbioso, argilloso . Ciò che è vitale e saliente è che il suolo possa consentire alle radici del bulbo di penetrare in profondità e che il terreno sia sufficientemente drenato per ovviare al fenomeno di ristagno dell’ acqua con conseguente rischio per i bulbi di marcire, degradarsi o infettarsi .

IL CLIMA IDEALE

Per coltivare lo zafferano Crocus Sativus , è richiesta un’ esplicita e specifica climatologia estiva ed invernale, caratterizzata da temperature non superiori ai 35 ° C – 40 ° C in estate, e non inferiori a circa -15 ° C -20 ° C nei mesi invernali . Pertanto, lo zafferano si può coltivare in presenza di tipologie di clima secco, moderato – continentale, mentre non è possibile la coltivazione in tipi di clima tropicale oppure polare .

Essendo il Crocus sativus una pianta bulbosa ( bulbo ) che tollera bene il calore, non saranno affatto un problema estati calde e secche . Tuttavia, temperature invernali rigide ed estreme, potrebbero determinare un congelamento ( solidificazione ) delle foglie a secco, dunque una riduzione dello sviluppo dei bulbi, con conseguente limitazione della fioritura ( antesi ) e come risultato finale si avrebbe una diminuzione dello zafferano prodotto .

Quando le temperature rigide e il gelo estremo paventano di attaccare la coltivazione di zafferano, è appropriato e preferibile rivestire le piante con tessuto di fibra ( fibra tessile ) o paglia al fine di ripararle, fino al momento in cui il gelo cessa ( agricoltura ) . Nel perdurare dell’ asciutto nelle condizioni climatiche in primavera, diventa sostanziale irrigare . Il periodo quando le piogge sono copiose è considerato favorevole per il corretto sviluppo dei bulbi, poiché questo comporterà una più ragguardevole ed intensa produzione di fiori e cormi ( che sono i bulbi delle figlie ).

LA SEMINA DEL CROCUS SATIVUS

Come piantare i bulbi di zafferano Crocus Sativus in modo manuale o meccanizzato

Quando si inizia a piantare i bulbi di zafferano per la prima volta, è preferibile scegliere, se disponibile, un appezzamento agricolo di terreno vergine, ove, cioè, nessun bulbo di zafferano o tubero sia stato prima piantato ( in alternativa, qualora lo fosse stato, auspicabile siano trascorsi almeno dieci anni ). Prima della semina, è raccomandabile arare l’ appezzamento di terreno ad una profondità compresa tra i 20 e i 50 centimetri, per conservare i letti di semina ben areati e liberi, aggregando dei fertilizzanti organici ( concimi ) durante il procedimento meccanico ( lista fertilizzanti ) . Questa preparazione di presemina , si attua in funzione del tipo di suolo, come nel caso della Spagna dove questa procedura si rende necessaria . Comunque, nella coltivazione della pianta dello zafferano, la semina su letti sollevati dei bulbi è ideale per assicurare una perfetta irrigazione e drenaggio . L’ irroramento deve essere minimo una volta che le foglie sui bulbi sono spuntate . La semina viene condotta nel mese di agosto e di settembre ( nell’ emisfero settentrionale nei mesi di Maggio e Giugno), sia in modo manuale, sia con l’ ausilio di macchine, e il raccolto viene espletato dalla fine di ottobre fino a metà novembre, in un intervallo di tempo di circa otto settimane posteriormente alla semina . Siccome i croci sono piante che amano particolarmente il sole, è bene che siano piantati in terreni agricoli aperti ed asciutti evitando zone all’ ombra .

Bulbi di zafferano prima della pulizia Crocus Sativus

Abitualmente, i bulbi di zafferano Crocus Sativus vengono interrati a una profondità di circa 7 – 15 centimetri . Se vengono piantati più in profondità, si moltiplicano meno, il raccolto sarà meno abbondante , tuttavia la qualità dei fiori prodotti sarà di qualità superiore . Quando si mettono a dimora i bulbi di zafferano, ci si avvale del “ sistema a file ”. Ogni fila, dovrebbe trovarsi idealmente a 15 – 20 centimetri l’ una dall’ altra . Si procede a scavare le buche nella prima fila e a riempirne ognuna di esse con un bulbo . Mentre si scava nella seconda fila, si utilizza la terra che si solleva per coprire i bulbi interrati nella prima fila, e così a seguire . Essenziale mantenere le file alte per il naturale drenaggio e la aerazione / ventilazione ( fisica tecnica ) . Per ricapitolare, si forma un blocco di file e si lascia lo spazio bastevole per un piccolo sentiero dove sia possibile camminare tra i vari blocchi, cosicché sia agevole spostarsi lungo la distesa di piante di croco mentre si lavora per divellere le erbacce, innaffiare e poi raccogliere .

Pianta dello zafferano Crocus Sativus

ISTRUZIONI

PER PIANTARE BULBI DI ZAFFERANO – SISTEMA DI SEMENZAIO

SPAZIATURA DEL CROCUS SATIVUS

La spaziatura fra i bulbi di zafferano Crocus Sativus scaturisce in larga misura dalle dimensioni del bulbo stesso . Ad esempio in Italia nella coltivazione dello zafferano, gli agricoltori sono soliti piantare i bulbi ad una distanza di 2 – 3 centimetri e ad una profondità di circa 10 – 15 centimetri, un procedimento tecnico che garantisce loro una raccolta più generosa sia di fiori che di bulbi figli . In Grecia, invece i contadini di norma tendono a mantenere una distanza di almeno 25 centimetri tra ogni fila e 12 centimetri di distanza tra i bulbi, sotterrati a circa 15 cm di profondità . In Spagna le file sono poste ad una distanza di 3 centimetri mentre i bulbi a cm 6 . In India l’ interstizio tra le file è centimetri 15 – 20 centimetri, mentre quella tra i bulbi di cm 7,5 – 10 .

La spaziatura tra i bulbi dipenderà anche da quanto spesso si intende intervenire rispetto al dissotterramento dei bulbi stessi . Il disseppellimento consiste nella estrazione completa dei bulbi dalla terra per disgiungere i bulbi madre dai bulbi figli che si sono originati e per custodirli e preservarli in attesa della successiva stagione di semina . Il dissotterramento ogni 2 anni ( biennale ) richiede di configurare una spaziatura tra i bulbi compresa tra i 5 e i 10 centimetri ; nel caso di interventi meno ravvicinati ossia dissotterramento per un periodo più lungo, si calcolano 10 – 20 centimetri .

PESTICIDI

Mentre è in essere la coltivazione dello zafferano Crocus Sativus, è opportuno prendere appropriate misure protettive contro roditori, conigli e uccelli . È pertinente inoltre neutralizzare gli inconvenienti legati al marciume dei bulbi, nonché alla ruggine delle piante oppure ad altri elementi patogeni di arrecare danni alle piante di croco del nostro zafferano .

DISSOTTERRAMENTO DEL CROCUS SATIVUS

I bulbi di zafferano Crocus Sativus persistono nell’ essere idonei alla coltivazione per quattro anni, successivamente, al quarto anno, vanno disseppelliti . In Italia e in Spagna il dissotterramento viene effettuato tra giugno e luglio ; in Grecia realizzato tra maggio e giugno . Quando si verifica che le foglie dello zafferano appassiscono diventando marroni, i bulbi diventano dormienti e pertanto pronti per essere estratti dal terreno .

I campi vengono pertanto rovesciati utilizzando una zappa o in alternativa un aratro meccanico e i bulbi possono essere raccolti a mano . I bulbi vengono in seguito ripuliti da malerbe o erbacce infestanti e dai bulbi inadoperabili o deteriorati, e i nuovi materiali confacenti per la semina vengono classificati sulla base delle loro dimensioni . I bulbi non possono restare esposti al sole per più di due ore . Poi i bulbi una volta raggruppati devono essere immagazzinati in un posto al riparo dalla luce del sole, un luogo asciutto tuttavia ben ventilato, sino alla successiva stagione di semina .

LA DISERBATURA DELLO ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

Per estirpare le erbacce è necessario ricorrere al fastidioso metodo manuale, in modo particolare nel caso di erbacce radicate in profondità nel terreno . La diserbatura tramite l’ ausilio di mezzi meccanici può essere adottata e sfruttata anche nella coltivazione dello zafferano Crocus Sativus, tuttavia ci si espone al rischio di deteriorare i bulbi di zafferano che si vorrebbe invece preservare intatti . Così, sono numerosi gli agricoltori che prediligono avvalersi ancora del metodo tradizionale manuale . Più duraturo è il periodo in cui le erbacce stazionano nel terreno dove stanno prosperando le piante di zafferano, più arduo sarà toglierle, pertanto è preferibile occuparsene il prima possibile . Quando le foglie della pianta di zafferano saranno appassite, tuttavia non è sopraggiunto ancora tempo per la fase di dissotterramento, tale momento sarà propizio per rimuovere le foglie marroni, ed isolare più facilmente le erbacce . (vedi anche diserbo )

LA RACCOLTA DELLO ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

Verso la metà di Ottobre, i fiori della pianta di zafferano Crocus Sativus si accingono a sbocciare e il processo di fioritura richiede circa tre settimane . Segue un periodo di vigorosa fioritura, denominato ” I giorni della copertura “, che perdura per un lasso di tempo che va dai due ai sei giorni . I fiori che appariranno durante la notte dovranno essere raccolti all’ alba del giorno dopo, fino a non oltre le 12:00 ( mezzogiorno ), per scongiurare l’ eventualità che i petali si affloscino . La cosa migliore è raccogliere i fiori ancora chiusi o ” dormienti ” per garantirsi i pistilli di zafferano della più alta qualità .

Fiori di zafferano raccolti a mano Crocus Sativus

Fiori di zafferano raccolti tramite macchina Crocus Sativus

SFIORITURA

Dopo essere stati raccolti, i fiori vengono trasportati nell’ area dedicata alla “ sfioritura ”, dove gli stimmi o pistilli vengono opportunamente disgiunti a mano con molta attenzione e cura . Le componenti bianche e gialle dello stigma non vengono tolte, ma solamente quelle rosse .

Separazione degli stimmi dai fiori chiusi Crocus Sativus

Separazione degli stimmi dai fiori aperti Crocus Sativus

ESSICCAZIONE DEL CROCUS SATIVUS

Immediatamente dopo la fase di sfioritura, si può procedere all’ essiccazione, indicata anche come tostatura, la quale viene compiuta giornalmente fintanto ché i pistilli Crocus Sativus, anche gli ultimi, non saranno secchi . Siccome gli stigmi raccolti sono oltre misura umidi, vengono essiccati tramite la tostatura ad una temperatura di non oltre 60 °C . Si deve prestare molta prudenza affinché i pistilli non siano esposti eccessivamente al calore e non cuociano troppo .

Perciò la figura del “ tostatore ” ( la persona a cui è assegnato tale mansione ) ricopre un ruolo delicato e cruciale nella produzione dello zafferano di primaria qualità . Dopo il processo di tostatura, i pistilli saranno caratterizzati da un apprezzabilmente ridotto peso e dimensione, fino all’ 80 % inferiore rispetto a quelli in origine . In linea di massima occorrono cinque chili ( Kg. ) di stigmi freschi per poter ricavare un solo chilo ( Kg. ) di pistilli secchi, di un intenso e vivace colore rosso . Gli stigmi si possono essiccare anche su dei carboni ardenti oppure in un forno predisposto . L’ operazione può essere condotta spargendo i pistilli freschi su una rete di tipo metallico rivestita con della carta speciale da forno e mettendo tutto al centro del forno . Si deve poi impostare il termostato su 90 °C e osservare con attenzione i pistilli per i successivi 10 – 20 minuti, fino a quando non saranno adeguatamente secchi e disidratati da staccarsi .

Per l’ essiccazione di cospicue quantità di zafferano Crocus Sativus, i pistilli verranno riposti in una stanza dedicata, speciale, climatizzata ad una temperatura di 30 °C – 35 °C per una durata di 10 – 12 ore . Un procedimento più evoluto consiste nell’ utilizzare un disidratatore, impostato su una temperatura di 49 °C, per circa 3 ore . Sembrerebbe che il tempo occorrente sia soggetto alla quantità di pistilli che si debbano essiccare . L’ aspetto rilevante consiste nel fatto che i pistilli non vengano essiccati eccessivamente, poiché questo implicherebbe un mutamento e un degrado della qualità e di conseguenza del prezzo finale dei pistilli di zafferano che si andrebbero a commercializzare .

Essiccazione di stimmi Zafferano Crocus Sativus

CONSERVAZIONE

Quando i pistilli saranno essiccati, assumeranno un vivido intenso colore rosso, che tenderà a sfumare verso l’ arancione scuro in prossimità delle punte . Successivamente, si procede a raffreddare i pistilli e ad avvolgerli in un tessuto oppure dentro alcuni fogli di alluminio ; il tutto andrà riposto in barattoli dotati di una chiusura ermetica, lasciandoli coperti e conservati in un luogo in disparte per almeno 1 mese ( trenta giorni ) prima che i pistilli possano essere pronti per l’ uso . I pistilli così conservati, potrebbero restare in quell’ angolo appartato per un lungo periodo di tempo ( anche un anno ) e mantenere le caratteristiche organolettiche originali per insaporire i cibi e le pietanze .

CICLO VEGETALE NELLA COLTIVAZIONE DELLO ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

I bulbi di zafferano Crocus Sativus durante il processo di produzione, passano attraverso delle fasi attive, altre transitorie e altre dormienti . ll periodo attivo prende inizio quando vengono i bulbi vengono impiantati e crescono le radici, poi sviluppano i germogli, le foglie e i fiori . Il periodo transitorio si manifesta allorquando i bulbi divengono bulbi madri e originano nuovi bulbi, oppure dei bulbi figli . Il periodo dormiente si manifesta quando i bulbi raggiunta la fase di maturità non generano più bulbi . Il periodo dormiente è contraddistinto dalla presenza di foglie appassite e da radici prosciugate ed inaridite . Per poter ridivenire produttivi, i bulbi della pianta di zafferano andrebbero spostati dal terreno e messi a riposo per un certo lasso di tempo prima di poter essere ripiantati nuovamente .

Per quanto concerne l’ area di semina, sarebbe cosa ideale lasciar “ riposare ” il campo di zafferano Crocus Sativus per un numero di anni pari a dieci – dodici, dopo che un ciclo di coltivazione completo abbia raggiunto compimento e sfruttato al massimo le potenzialità dell’ appezzamento, affinché il terreno riesca a recuperare le sue proprietà e ritornare di nuovo fertile . Dunque, per iniziare un nuovo ciclo di lavorazione nel contempo è opportuno trasferirsi su un campo vergine . Questo assicurerà al coltivatore una piantagione resistente e florida, in grado di offrire una buona produzione di zafferano per un altro periodo .

Ciclo annuale Crocus Sativus Zafferano

I BULBI

DI ZAFFERANO CROCUS SATIVUS E LE DIVERSE DIMENSIONI

MISURA DEI BULBI DI ZAFFERANO

I bulbi di zafferano Crocus Sativus vengono catalogati e classificati in base alle loro dimensioni . A quanto sembra, la produzione della spezia dipende dalle dimensioni del bulbo . Uno studio universitario condotto da un’ Università in Turchia è giunto alla conclusione, che più sono grandi le dimensioni dei bulbi madri, più i bulbi figli saranno produttivi, con una più nutrita e lauta produzione di fiori e dunque di stigmi . Il suddetto studio ha anche documentato e avvalorato, che la rigenerazione dei bulbi di zafferano, si riduce in modo sostanziale col il trascorrere degli anni . Per agricoltori che abbiano come obiettivo una coltivazione dello zafferano di lungo periodo ( pluriennale ), lo studio effettuato suggerisce di impiantare i bulbi di zafferano più piccoli in campi vergini, affinché essi possano accrescere le loro dimensioni .

STANDARDIZZAZIONE

DELLO ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

Stimmi freschi zafferano Crocus Sativus

IL CONTROLLO QUALITÀ E LA STANDARDIZZAZIONE NELLA PRODUZIONE DEL ZAFFERANO

La produzione della spezia dello Zafferano Crocus Sativus, comporta un lungo e faticoso lavoro in rapporto alla esigua quantità di prodotto che ne deriva, pertanto l’ industria dello zafferano è spesso un contesto al centro di frodi . Si verificavano numerosi tentativi di raggiro, pertanto si rese necessario procedere all’ emanazione del Codice Safranschou, il quale puniva con ammende, incarcerazioni fino ad arrivare ad esecuzioni, i falsari . Ma, con il trascorrere del tempo, fu sdoganato un atteggiamento più tollerante e purtroppo i raggiri ripresero . Gli stimmi di zafferano pregiato coupé si possono mescolare i a pistilli di inferiore qualità o persino a filamenti di piante differenti dallo zafferano . La polvere di zafferano ottenuta dalla triturazione o polverizzazione degli stimmi, può essere facilmente mescolata ad altre spezie di colore similare tra cui la curcuma . Queste azioni illegali arrecano un danno innanzitutto ai consumatori / acquirenti ma anche all’ l’industria dello zafferano nel suo complesso .

Grazie all’ ISO ( International Organization for Standardization – Organizzazione Internazionale per la Normazione Moderna ), sono state adottate misure di sicurezza atte a contrastare i raggiri e a regolamentare il settore . L’ ISO ha istituito un sistema di classificazione uniforme che si applica sia nel caso dei filamenti, sia nel caso della polvere di zafferano . La norma ISO / TS 3632, appositamente creata per l’ industria e il commercio dello zafferano, fu emanata nel 1980, successivamente modificata con regolarità, sino ad approdare all’ ultima versione, datata 2011 . La norma in questione accerta l’ autenticità, la genuinità e il rispetto della qualità dichiarata del prodotto zafferano e affini, in base a numerose categorie, verifica le etichette e anche le confezioni . Il prezzo che ne consegue / prezzo di mercato del prodotto considerato discende ed è conseguenza dei risultati di queste verifiche .

Come i campioni delle varie tipologie di Zafferano Crocus Sativus vengono classificati, dipende dagli standard di laboratorio definiti per il colore, per il sapore ( gusto ) e l’ aroma dello zafferano ed assunti come standard di riferimento ; questo si traduce nel testare in Laboratorio i vari componenti principali della spezia, le sostanze chimiche come la crocina, la picrocrocina e il safranale, mediante l’ ausilio di strumenti analitici di controllo tra i quali citiamo quelli appartenenti alla Spettrofotoscopia ; esempio Spettrofotometro IR ( Spettroscopia ad Infrarossi ), UV ( Spettroscopia ultravioletta visibile ), oppure tecniche cromatografiche , HPLC ( Cromatografia Liquida ad alta prestazione ) o Gascromatografo ( Gascromatografia ).La qualità dei campioni deve superare almeno un certo livello e standard qualitativi per poter rientrare anche solo nell’ ultima categoria prevista . La crocina, in modo particolare, rappresenta il componente da analizzare prima di tutti, poiché gli altri componenti vengono influenzati dalla crocina nella loro determinazione . I pistilli e le polveri di zafferano che vengono decretate autentiche vengono classificate tra la I e la IV categoria, la I categoria a indicare la migliore qualità mentre salendo il numero a denotare una qualità inferiore, con la IV ad indicare il Zafferano della più scarsa qualità . Quello che seguirà rappresenta la scala di classificazione specifica per l’ assorbimento della crocina :

Categoria I : > 190

Categoria II : > 150

Categoria III: > 110

Categoria IV : < 110 Stigmi di zafferano Crocus Sativus

Ogni paese può presentare rispetto alla normazione differenti : in Spagna per esempio, lo zafferano Crocus Sativus si classifica in modo diverso, non attraverso la ISO 3632 . La scala di misura utilizzata è la medesima, tuttavia i nomi delle varie categorie sono differenti :

Coupé : > 190

La Mancha : 180 – 190

Rio : 150 – 180

Standard : 110 – 150

Sierra : < 110 Lo zafferano di origine Iran, ossia lo zafferano iraniano viene considerato quello con migliori caratteristiche, frutto del clima molto favorevole in cui le piante di croco possono crescere e grazie alla tecnologia particolarmente avanzata impiegata nel processo di essiccazione . I commercianti iraniani conoscono una sola categoria di zafferano : il Sargol , famoso anche la località Sargol ove si coltiva lo zafferano . Comunque, nonostante le scale siano diverse, hanno il medesimo significato : più alta è la cifra, più alto sarà l’ assorbimento della luce, pertanto più alto sarà il contenuto di crocina e come conseguenza sarà più intenso il colore e più concentrato il principio attivo in esso contenuto . In sintesi, più alta la qualità complessiva dello zafferano .

BREVI CENNI

SULLA STORIA DELLO ZAFFERANO

La storia dello zafferano crocus sativus

ETIMOLOGIA

Riuscire ad individuare il punto nella storia in cui la coltivazione della spezia dello zafferano Crocus Sativus ebbe origine, non è facile, così come è difficile risalire a quale era originariamente il nome della spezia che ha il maggior costo al mondo . È possibile rintracciare elementi storici e l’ esistenza di una parola persiana, “ zarparān “ (il cui significato è ‘ che ha stigmi d’ oro ‘), da cui si riteneva fosse derivato il vocabolo arabo za’farān, e l’ aggettivo di provenienza araba asfar ( che invece significa ‘ giallo ‘); c’è anche molta somiglianza con la parola persiana za’ferân , che fece nascere la parola francese safran, da cui ebbe derivazione la parola latina safranum . Per concludere con l’ analisi etimologica, la parola inglese saffron proviene dal latino safranum, che originò la parola spagnola azafrán e il vocabolo italiano zafferano ( ambedue indicanti la spezia ). I termini per indicare lo ‘ zafferano ‘ in varie lingue : azafrán ( galiziano ), azupiranu ( accadico ), azafrai ( basco ), shafran ( russo ), saffran ( tedesco ), szafran ( polacco ), hong hua ( Cina ), kesar o zafran ( India ), zaferen ( turco ), sáfrány ( ungherese ), saframi ( finlandese ), safranu ( rumeno ), safrána ( lettone ), safárum ( malese ), kurkum ( farsi ), khekhrum ( armeno ), safrà ( catalano ). Dalla somiglianza che si riesce a cogliere fra i termini nelle varie lingue, si attesta e si evince il lungo viaggio globale che la spezia più famosa al mondo ha percorso nel tempo e nello spazio .

STORIA DEGLI USI DELLO ZAFFERANO

Sono trascorsi numerosissimi anni dalla nascita dello zafferano Crocus Sativus e come per l’ origine del nome, ci sono solamente alcune vaghe idee o supposizioni del luogo ove lo zafferano venne coltivato per la prima volta . A che periodo storico risale il momento in cui l’ uomo iniziò a sentirsi affascinato ed attratto dallo zafferano e quali furono i paesi che per primi lo hanno utilizzato e in che modo ?
Le prime indicazioni del fatto che popolazioni stanziali del Mediterraneo Orientale già coltivavano lo zafferano attorno al 2300 a. C. , è tramite il fattone della corte del Re Sargon di Accadia ( impero di Akkad ), un sovrano dell’ impero accadico, proveniente da Azupiranu, città i cui ritrovamenti e scritti di storia antica, si riferiscono ad essa come “ Città dello Zafferano “. È palese che una tale denominazione, sia collegata al fatto che in questa cittadina ricca di folclore e pittoresca, veniva coltivato il croco di zafferano attraverso produzioni estese o largamente diffuse su vasta scala oppure che, a quel tempo, la coltivazione della spezia dello zafferano fosse concentrata in quell’ area geografica .

Vi è un affresco molto celebre raffigurante dei raccoglitori di zafferano denominato “ Pitture murali “ che gli esperti fanno risalire al 1600 a. C. e ritrovato a Cnosso, ( Creta Grecia ), e un’ altra opera del 1500 a. C. fu scoperta sull’ isola di Santorini ( Grecia ), le quali ritraggono rispettivamente l ‘intero procedimento di raccolta dello zafferano con la collegata offerta finale durante un rito cerimoniale, e candide fanciulle e scimmie nell’ atteggiamento e nel gesto di staccare i filamenti di zafferano . A Tebe, in Egitto, è conservato un papiro medico datato 1600 a. C., rinvenuto in una tomba, il quale allude e sottende alle funzioni medicinali e curative dello zafferano . Questi documenti e dipinti rappresentano prove tangibili che la scienza e la cultura dello zafferano erano diffuse anche nei tempi più antichi . Gli studi condotti nell’ epoca attuale su tali pitture stabiliscono con ragionevole certezza che questi dipinti intendevano enfatizzare le molteplici proprietà curative del croco dello zafferano se paragonate a quelle di altre piante officinali .

A quell’ epoca, lo zafferano era prerogativa e un lusso riservato alla sola nobiltà . I regnanti, le regine e i Re, i religiosi e i faraoni , i nobili, indossavano profumi all’ aroma di zafferano, vestivano lunghi abiti al color zafferano, si cibavano di alimenti e cibarie e animavano bevande con questa spezia. Erano soliti anche immergersi in vasche ricolme d’ acqua e zafferano per sanare ferite o come anticipazione ad un incontro amoroso ; oppure si coricavano in letti comodi e disseminati di pistilli di zafferano e invocavano i loro dei pregando e portando in offerta la spezia preziosa .

La letteratura moderna mondiale si riferisce spesso al grande apprezzamento che le popolazioni antiche nutrivano verso lo zafferano ( vedi la storia di Smilax e Krokos nella mitologia classica ). Il krakom è il croco, a cui ci si riferisce nella Bibbia, nel Cantico dei cantici di Salomone . Del krokus si parla negli testi di parecchi autori nel mondo greco, come Sofocle, Ippocrate, ed Omero, come anche Virgilio e Ovidio, e numerosi altri poeti romani, elevarono lo zafferano a soggetto poetico . Il celebre poeta iraniano Ferdowsi ( Firdusi ) era solito richiamare nelle sue poesie, all’ utilizzo della spezia dello zafferano per celebrare i trionfi . Il noto poeta del Kasmir Mohammed Yysuf Teng osservò che, in passato, il coltivare lo zafferano era stata citata a lungo nelle epiche ( narrazione poetica di gesta eroiche, poema epico ) del tantrismo indù ( Tantra testi induisti ).

Il commercio dello zafferano Crocus Sativus, era molto considerato e divenne anche fortemente redditizio, procurando incassi di grandi quantità di oro . Gli antichi commercianti di zafferano erano noti come ‘ mercanti di zafferano ‘. Arabi, Egiziani, Romani, Asiatici, Europei tutti si dedicavano al commercio dello zafferano, e la spezia più costosa al mondo, poté diffondersi ampiamente su ampia scala in quei periodi : tramite il commercio ed anche con il contrabbando .

Nel corso del 14 ° secolo, al tempo dell’ epidemia della Morte nera in Europa (anche indicata come “ Peste bubbonica “), lo zafferano rivestì un ruolo cardine nell’ ambito e nella storia del commercio . Il bisogno e l’ impellenza di guadagnarsi questo ingrediente per la cura e per rimedi medici causò l’ inizio di attività di importazione dall’ estero della spezia ed inesorabili o ineludibili azioni di pirateria per impossessarsi dei preziosi carichi . Un tentativo di sottrarre un carico di zafferano andò in fumo, quando una grossa partita di croco in viaggio verso Basilea fu bloccata, e solo dopo una estenuante battaglia durata oltre tre mesi si riuscì a recupero il carico . Nel periodo contemporaneo la storia serba memoria di questa vicenda attraverso la “ Guerra dello Zafferano “ ( Zafferano nell’ antichità ), che fece clamore ed ebbe come effetto positivo, quello di decretare Basilea come fulcro e punto di avvio della coltivazione del croco dello zafferano in Europa .

Con la progressiva espansione del commercio della spezia dello zafferano, fu necessario istituire alcune regole e principi per disciplinare ed assicurare imparzialità ed obbiettività dei prezzi di mercato e l’ ottemperanza della purezza del contenuto dei pacco di spezia che venivano commercializzati . Per questo motivo, al fine di disciplinare il commercio, venne stilato il codice Safranschou, il quale contemplava che la frode era punibile con pesanti sanzioni, tra cui l’ imprigionamento fino alla sentenza di morte sul rogo .

Dando uno sguardo alla narrazione degli eventi nell’ antichità, appare evidente che, in quell’ epoca, la spezia dello zafferano veniva ricercata innanzitutto per i poteri magici e miracolosi di guarigione che la spezia era in grado di svolgere su una gamma ampia di malanni . Si sono raccolte testimonianze in numerose nazioni dell’ utilizzo dello zafferano nella medicina tradizionale dell’ epoca, poiché il zafferano possiede proprietà calmanti ( ansiolitico ), e può essere usato nella cura di semplici malesseri , situazioni di sofferenza e disturbi di bambini, neonati, ma anche adolescenti, adulti, anziani di seria entità . Crocologia, libro sullo zafferano anno 1671 .

In India, la spezia dello zafferano viene impiegato prevalentemente nella medicina ayurvedica . In Medio Oriente, la spezia risulta nell’ elenco del dizionario di botanica ( glossario botanico ) del XII ° secolo che fu rinvenuto nella Biblioteca di Assurbanipal catalogato come voce fra i medicinali ( farmaco ) . In Germania, il libro “ Crocologia “, tratta la spezia dello zafferano e delle sue proprietà medicinali, e venne pubblicato nel 1670 . L’ Erbario Completo di Herbal Nicholas Culpeper, a Londra descrive le proprietà medicamentose dello zafferano attraverso un paragrafo piuttosto singolare .

LA SPEZIA

ZAFFERANO IN CUCINA

Zafferano Crocus Sativus in cucina

In virtù del gusto e dell’ aroma rinomati ovunque, la spezia dello zafferano Crocus Sativus occuperà sempre un posto privilegiato in cucina, come alimento di base, e sarà sempre presente nella dispensa di quasi ogni cucina nel mondo . Viene spesso spinto in fondo alla dispensa per prolungarne la vita e conservarlo lontano dalla luce del sole . Lo zafferano comprende svariati elementi chimici essenziali tra i quali citiamo la crocina (che gli conferisce il classico colore giallo – uovo), la picrocrocina ( che gli dona un gusto speziato, spezie ) e il safranale ( che gli trasmette un’ aroma simili a quelli del fieno ). Questi tre composti chimici partecipano ad attribuire allo zafferano le i connotati di un condimento esotico che si amalgama bene con erbe e spezie differenti e che fa divenire ogni piatto una autentica delizia per papille gustative ( linguali ) di buongustai e commensali .

Lo zafferano Crocus Sativus come sappiamo viene ottenuto dai fiori del croco, e infonde un sapore ed un odore amabilmente forte e dolce, tanto che un pizzico di zafferano è sufficiente a rendere un piatto speciale . Lo zafferano è realmente prezioso : infatti è classificato, come una tra le spezie al mondo più costose . Sono necessari circa 200 fiori di zafferano oppure 600 stimmi ( pistilli ) per ottenere 1 grammo di spezia e all’ incirca 150.000 fiori oppure 450.000 stimmi per ottenere 1 chilo di spezia . La raccolta dei pistilli di zafferano comporta un enorme impiego di tempo e di attenzione, rappresenta un lavoro estremamente meticoloso, poiché il più delle volte anche su estensioni e appezzamenti importanti l’ attività è condotta ancora a mano . È chiaro che lo zafferano come spezia ha nella pratica un valore quasi inestimabile, tuttavia alla luce del fatto che un solo pizzico di polvere di spezia di zafferano coupé oppure 3 pistilli di zafferano sono bastevoli, attraverso un uso attento, il denaro speso può essere del tutto giustificato .

Per riuscire ad estrarre il sapore e il colorante giallo naturale dallo zafferano Crocus Sativus, è adeguato mettere una quantità di pistilli attraverso un cucchiaino in 3 cucchiaini di liquido ad una adeguata temperatura ( caldo ma non bollente ), sia quest’ ultimo acqua, olio, latte, brodo o alcool ( alcoli ), lasciare riposare per un lasso di tempo che va da 2 ore a tutta una notte, o 24 ore per sfruttare al massimo l’ estrazione dei composti chimici a favore del liquido estraente ( estrazione chimica ) .

Questo rappresenta un procedimento veramente ideale per potersi assicurare la migliore qualità dell’ essenza di zafferano . Per preparare più velocemente l’ estratto, è possibile versare un cucchiaino di pistilli in 5 cucchiaini di liquido in infusione per circa 20 minuti ; dopo di ciò si può pestare i pistilli sino all’ ottenimento di una crema, o in alternativa si può ricavare un condimento in polvere da utilizzare per condire i piatti . Basta buttare un certo numero di pistilli a riscaldare a fuoco lento in una pentola pesante . Si tostano leggermente, prestando attenzione a non bruciare i pistilli, poi vanno macinali sino a che sono ridotti in polvere . Di norma, come proporzioni per mezzo cucchiaino di polvere di zafferano Crocus Sativus ci va un cucchiaino di pistilli corrispondente a circa 8 pistilli .

Nelle località in cui vengono coltivati i croci di zafferano Crocus Sativus per consumo locale oppure per produzioni commerciali, le pietanze a base di zafferano primeggiano sulla scena internazionale e sono servite sulle tavole più eleganti e raffinate . La spezia dello zafferano trova adeguato abbinamento con il cardamomo, la vaniglia ( Vanilla Planifolia ) , e la cannella ( Cinnamomum Verum ), ma anche con pasta, formaggi, dolci, senza escludere piatti di pesce e altri cibi sempre di mare, oppure di carne come nel caso del pollo ( Gallus Gallus Domesticus ) o dell’ agnello ( ovina ) e il sodalizio è vincente anche con salse a base di pomodoro .

Pare che il riso allo zafferano ( in Italia ” Risotto alla Milanese ” ) figura come un piatto tra quelli tipici e popolari in molti paesi . Lo zafferano Crocus Sativus non è impiegato esclusivamente per insaporire in cucina le portate principali, tuttavia anche per speziare dessert e bevande . È dunque un ingrediente poliedrico e versatile .

Le piante di croco, in Asia Centrale sono solite essere piantate nei giardini domestici per essere usato in cucina . Tuttavia è nel territorio del Kashmir, India, dove la spezia dello zafferano migliore viene coltivata in agricoltura estensiva su larga scala per servire la distribuzione commerciale . Nella cucina tradizionale indiana lo zafferano viene utilizzato in vari modi : in primo luogo come ingrediente in miscele di varie spezie come il garam masala ; oppure in piatti che hanno come base il riso ; in piatti di carne tra cui il biryani e varianti dello stesso ; il pulao ( pilaf ), una ” pregiata pietanza di riso ” predisposta per banchetti e / o matrimoni ; dessert e dolci come il kesari bhath ( Kesari bat ), che si è soliti preparare durante le festività ; in dolci come il gulab jamun, il kufil, e il double ka meetha, ed infine in una bevanda caratteristica indiana denominata lassi allo zafferano, preparata solitamente in occasione di importanti cerimonie religiose .

Lo zafferano Crocus Sativus inoltre può venir anche mescolato con cardamomo e pistacchio ( pistacia vera ) per aromatizzare dei gelati . Anche nella Repubblica Popolare Cinese ( Cina ) ci sono evidenze rispetto all’ uso, già in periodi antichi, dello zafferano in medicina, nei rituali religiosi, e soprattutto nei cibi . In Cina, la spezia dello zafferano è conosciuta come ” il fiore rosso del Tibet “, poiché è proprio grazie al Tibet che i fiori di croco di zafferano vennero conosciuti a Shanghai .

In Marocco, la spezia dello zafferano è impiegata in molte versioni del tajine . Nella cucina medio orientale, in Afghanistan in particolare, lo zafferano si presta a un utilizzo versatile . Si dimostra un ingrediente insostituibile in svariati piatti a base di pesce, come l’ adas polow ed il qabali, nello sholleh zard, che è una variante del budino di riso ( iranian cuisine ). L’ Iraq, con il timman z’affaran, ha la sua versione di risotto allo zafferano . Lo zafferano può evidentemente essere utilizzato anche per insaporire il chelow kabab, il piatto nazionale dell’ Iran . Mentre altri popoli e tradizioni ritengono che il cinnamono conferisca un buonissimo sapore al caffè e al , gli Arabi diversamente si avvalgono dello zafferano e del cardamomo .

In Europa, la spezia dello zafferano Crocus Sativus è largamente impiegata per insaporire le zuppe di verdura e il pesce, nelle torte e nei gelati . In Spagna, dove si riscontra la più pregiata qualità di zafferano ad eccezione del Kashmir, i pistilli di zafferano sono usati per dispensare colore ad un piatto di riso, conosciuto come “ paella “ o ad un piatto di pesce, zarzuela de pescado, o nella pietanza nota come fabada .

In Italia, lo zafferano è largamente annesso al risotto alla milanese o lo si può incontrare in alcuni liquori come la Izarra, Chartreuse e lo Strega . In Francia, lo zafferano è impiegato nella celebre Bouillabaisse francese . In Svezia, una focaccia allo zafferano preparata appositamente per il giorno di S. Lucia, la popolare lussekatt ( nota anche come lussekatter o lussebulle ). Anche in UK, in Inghilterra e in Cornovaglia, vengono cucinate delle focacce al gusto di zafferano per celebrare alcune ricorrenze religiose . Ed in Germania con la torta Gugelhupf, lo zafferano è l’ ingrediente principe .

Negli Stati Uniti d’ America, furono gli Olandesi ad introdurre le coltivazioni dello zafferano nello stato della Pennsylvania, dove quest’ ultimo veniva commercializzato ed utilizzato per colorare ed insaporire piatti di pesce, pasta e torte . Studi scientifici dimostrano come la spezia dello zafferano contenga gli elettroliti potassio ( K+ ) e sodio ( Na+ ) unitamente ad altri minerali di cui è ricco come rame ( Cu ), magnesio ( Mg ), calcio ( Ca ), selenio ( Se ), manganese ( Mn ), ferro ( Fe ) e zinco ( Zn ). Lo zafferano rappresenta anche una ottima fonte di vitamine B, A ( retinolo ), C ( acido ascorbico ) . Pertanto sembra che la spezia dello zafferano oltre a lusingare il palato, possegga anche preziose proprietà nutritive molto benefiche per la salute dell’ uomo e della donna .

IL POTERE CURATIVO

DELLA SPEZIA ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

Potere curativo Zafferano Crocus Sativus 2

Le portentose proprietà dello zafferano Crocus Sativus come preparato medicinale e rimedio naturale hanno radici in tempi remoti, dato che esistono documenti antichi e pitture che testimoniano l’ impiego fatto dalle popolazioni antiche dei ” filamenti di zafferano ” per lenire e mitigare molte malattie o malanni . Tanto è vero che, lo zafferanno ottenne notorietà nel ramo della medicina tradizionale ancor prima di essere rinomato ed un nome familiare nel settore culinario, nei condimenti e nella tintura .

Ogni località che ha conosciuto e dove si è coltivato lo zafferano, e le sue piante di croco, ha sviluppato proprie preparazioni per il trattamento di alcune malattie, attraverso i principi attivi estratti dallo zafferano . Ritroviamo lo zafferano Crocus Sativus citato in antichi testi cinesi di discipline e tecniche erboristiche . Nella Mesopotamia, per esempio, era previsto un rituale che prevedeva dei canti e una danza per evocare i considerevoli poteri terapeutici e curativi dello zafferano . Ai guerrieri greci e persiani esausti dopo le battaglie veniva suggerito di fare un bagno per trovare conforto e sollievo in acqua e zafferano, e questo rituale divenne popolare e parte del folclore tramite Alessandro Magno .

Aulus Cornelius Celsus ( Aulo Cornelio Celso ), importante autore romano dell’ enciclopedia medica, nei suoi volumi del De Medicina, riportava citando lo zafferano come potente antidoto al veleno . Anche molte misture medicinali dell’ antica medicina ayurvedica indiana, prescrivevano la spezia dello zafferano come ingrediente imprescindibile ed essenziale . Con il trascorrere del tempo, lo zafferano divenne un’ erba medicinale / rimedio conosciuta in tutto il globo in grado di curare ogni disturbo o sofferenza fisica la cui efficacia fu suffragata da studi scientifici e nuovi studi clinici e da una esperienza e saggezza millenaria . Analizziamo insieme in quali contesti lo zafferano esplica la sua azione curativa .

CONSIDERAZIONI GENERALI

Si narra che la fragranza dello zafferano Crocus Sativus stimoli uno stato d’ animo sereno e gioioso, pertanto sia in grado di agire sull’ umore e possa curare la malinconia . Coadiuva anche nel risvegliare i sensi rivitalizzando il corpo . Se messo in infusione insieme ad altri oli e lasciato a riposo per alcuni giorni, lo zafferano assume le proprietà di un rimedio con potere rilassante oppure sedativo ( sedazione ) . Se assunto oralmente in piccole dosi, partecipa a rafforzare il sistema immunitario, ed i sistemi cardiovascolare ( apparato circolatorio ), respiratorio, nervoso e riproduttivo ( apparato genitale ) .

Alcuni studiosi caldeggiano il principio secondo cui si debba prestare molta attenzione ai quantitativi di zafferano utilizzati nei medicamenti, poiché per dosi troppo elevate, possono subentrare problematiche e controindicazioni / effetti secondari con annessi problemi difficili da gestire . Solitamente, 1 – 3 grammi di pistilli di zafferano, sono utilizzati nelle essenze estratte dallo zafferano e solo 30 milligrammi di polvere per assumere il principio per via orale al giorno . Ad ogni modo, ricerche contemporanee nel campo della medicina tradizionale documentano e attestano come la spezia dello zafferano non abbia proprietà tossiche ( tossicologia ) e come l’ effetto / reazione alla cura può dipendere o essere causata da fattori terzi , tra cui il non utilizzo del vero Crocus sativus .

IL SISTEMA RIPRODUTTIVO

La spezia dello zafferano Crocus Sativus è nota per le sue proprietà regolatrici del ciclo mestruale nelle donne ; zafferano con un po’ di tè o latte aiuta ad attenuare e mitigare il mal di testa ( emicrania, cefalea ) e il dolore associati al periodo mensile . È anche assodato che lo zafferano salvaguardia dai cambiamenti di umore che possono precedere il ciclo . Per le donne che si trovano incinta ( gravidanza ), una minuscola quantità di zafferano agevola nelle contrazioni ritmiche dell’ utero, attenuando così il dolore del parto e la tribolazione nel partorire la prole ; tuttavia una cospicua quantità di spezia può anche essere letale, dal momento che potrebbe innescare una grave crisi epilettica ( epilessia ) oppure forti crampi all’ utero e pertanto condurre ad un aborto indesiderato / spontaneo . C’è chi sostiene che lo zafferano quando mescolato all’ olio di oliva possa curare le ulcere all’ utero .

IL SISTEMA NERVOSO

Giappone ed Iran stanno svolgendo approfondite sperimentazioni sulle proprietà dello zafferano di mitigare la depressione ( vedi anche disturbo bipolare ). Importanti studi clinici documentano come gli estratti di essenza provenienti dai petali del croco si possano usare per trattare con determinate garanzie l’ epilessia e la depressione, dal momento che essi riescono ad agire come la fluoxetina oppure il Prozac che sono forniti ai pazienti in dosi di 30 milligrammi, 2 volte al giorno . Recenti studi hanno dimostrato come 30 mg di zafferano assunti 2 volte al giorno abbiano medesima efficacia del donepezil oppure Aricept nel curare il morbo di Alzheimer in forma lieve .

Visto che lo zafferano Crocus Sativus contiene la crocina, si dimostra un potente antiossidante neuronale ( neurone ) talmente energico ed influente da combattere efficacemente alcune malattie neuro degenerative . Studi e sperimentazioni hanno dimostrato inoltre che, lo zafferano ha proprietà come medicina anti ansia, dal momento che safranale e crocina sono efficaci in virtù delle loro proprietà ansiolitica ( ansiolitici ) e sedativa ( sedativi ). È stato anche attestato che la crocina possiede un effetto benefico sul sistema di neuro trasmissione serotoninergica ( serotonina ) e pertanto si delinea come terapia efficace anche nel caso di disordini ossessivo compulsivi . Lo zafferano agevola persino a preservare la potenza cerebrale, espressa come assimilazione e successiva conservazione delle informazioni .

SISTEMA CARDIOVASCOLARE

Lo zafferano Crocus Sativus possiede proprietà cardiotoniche ( cardiocinetico ) che favoriscono la circolazione nel corpo umano delle medicine sino al cuore . Gli antiossidanti contenuti nello zafferano evitano i problemi circolatori mantenendo basso il livello di trigliceridi e colesterolo . La crocetina presente nello zafferano coadiuva anche a sturare le arterie, immettendo ossigeno nel sistema cardo circolatorio, e incrementando l’ efficacia della circolazione sanguigna e conservando il cuore in eccellenti condizioni .

SISTEMA RESPIRATORIO

Per via delle sue proprietà come antinfiammatorio ( antinfiammatori ), la spezia dello zafferano Crocus Sativus può aiutare a calmare attacchi asmatici ( asma ) sgombrando le vie aeree in uno stato di gonfiore e ripristinando la respirazione normale . La medesima cosa accade con la tosse, il raffreddore, l’ influenza e la bronchite ; un bicchiere con del latte caldo a cui si aggiunge un poco di essenza di zafferano può aiutare a respirare meglio e a sentirsi in migliore salute, visto che lo zafferano aiuta a sciogliere il muco che provoca il senso di fastidio .

IL SISTEMA IMMUNITARIO

La pianta di croco Sativus rappresenta una fonte ricca di vitamine del gruppo B, specialmente B1 ( tiamina ), B2 ( riboflavina ), B6 e vitamina C ( acido ascorbico ), essenziali per mantenere il sistema immunitario sano e vitale . Lo zafferano contiene inoltre oli essenziali e fitochimici che rinforzano il sistema immunitario e procurano al corpo utili elementi anti cancerogeni ( carcinogenesi ). La crocetina estratta dallo zafferano ha una funzione di agente anti tumorale – anticancro che ostacola – blocca la crescita delle cellule cancerogene e catalizza – solletica il sistema antiossidante .

IL SISTEMA OFTALMICO

È risaputo che i carotenoidi dello zafferano Crocus Sativus favoriscano a ritardare il processo degenerativo maculare causato dall’ invecchiamento, rinforzando la membrana cellulare . Lo zafferano ripara gli occhi dalle ustioni solari provocate dalle radiazioni, dallo stress retinico ( retina ), dalla retinite pigmentosa, dalla cecità diurna, dalla lacrimazione ( lacrima ), congiuntivite, ed infine dalla cheratite .

MODI VARI

Il Crocus sativus può essere impiegato anche per molti altri usi nella medicina . È noto come i suoi derivati riescano ad aiutare a curare o prevenire i problemi di natura gastro intestinali ( apparato gastrointestinale ), come la flatulenza , e siano di aiuto nel caso di milza e fegato intasati . Lo zafferano se utilizzato come applicazione per uso topico porta sollievo al mal di testa, nel caso di mal di denti, in presenza di afte ( afta ), nel caso di dolore anale, oppure qualora di manifestino crampi muscolari, quando occorrono punture di insetti, e nella cura di ferite e lividi aperti . Una crema a base di essenza di zafferano favorisce la crescita dei capelli e fornisce buoni risultati nella cura di calvizie e dell’ alopecia androgenetica .

Lo zafferano Crocus Sativus per via delle sue proprietà può anche essere impiegato come stimolante, oppure come soppressore, del senso di appetito nelle diete ( dieta, dimagrante, appetizione ) . Lo zafferano può agevolare il dimagrimento, in virtù delle sue proprietà sudorative ( sudorazione ) e diuretiche ( diuretici ) . Studi clinici svolti sull’ effetto ottenuto relativamente alla perdita di peso dopo trattamento con lo zafferano, lascia presagire sviluppi e applicazioni particolarmente interessanti . Ad alcuni individui sono stati somministrati per 2 mesi delle capsule ad elevato contenuto di zafferano a intervalli programmati ed i risultati ottenuti hanno evidenziato un effetto benefico ed evidente .

Infine, la spezia dello zafferano Crocus Sativus vanta episodi molto interessanti per quanto concerne l’ eroticità ( erotismo ) . Si narrava che Cleopatra fosse solita immergersi in un bagno di acqua e zafferano come preludio ad intermezzi romantici . Comunque sia lo zafferano emana un seducente aroma esotico che risulta stimolante e sensuale ( seduzione ). Pertanto una bevanda addizionata con una determinata quantità di zafferano si trasforma in un afrodisiaco . Dunque anche le problematiche relative alla virilità possono trovare una soluzione grazie ai medicamenti che contengano discrete quantità di zafferano . Visti i numerosi utilizzi dello zafferano, non stupisce affatto che la produzione di questa elegante e fragile pianta sia popolare in Spagna, Italia, India, Iran, e Afghanistan .

ULTERIORI USI

DELLO ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

I pistilli del croco di zafferano Crocus Sativus, allorquando immersi in un liquido, liberano un vivido colore giallo uovo . Una volta ricavata la giusta concentrazione e dunque il colore, il decotto è pronto per essere usato . Le tinte a base di zafferano erano molto usate per colorare i tessuti, in modo tale da contrassegnare evidenziando lo stato sociale o in occasione di alcune funzioni religiose . I nobili per esempio non mancavano di indossare dei vestiti che avevano subito una tintura con lo zafferano in occasioni di importanti eventi . Le spose cartaginesi ( Cartagine ) e fenicie ( fenici ) indossavano frequentemente veli tinti con dello zafferano . I monaci tibetani, buddisti ( monaco buddista ), e indù ( induismo )si pregiavano di indossare tonache ( abito religioso ) tinte con lo zafferano . Anche gli Irlandesi tinteggiavano la lana con un colorante ottenuto dalla estrazione della spezia dello zafferano . I Giapponesi infine pitturavano i loro chimoni ( kimono ) con la spezia .

Le nobildonne aristocratiche e le donne cortigiane dei tempi più remoti indossavano lo zafferano come trattamento cosmetico ( cosmesi ) e di ringiovanimento e cura della pelle già di moda all’ epoca . Come ai giorni odierni, venivano applicate delle maschere al viso con all’ interno il contenuto dell’ essenza di zafferano per rendere la pelle delle donne estremamente soffice, levigata e senza fenomeni di acne o brufoli . In altri casi, il legno di sandalo mischiato con lo zafferano ed il latte venivano utilizzati per maschere facciali per conferire al viso un aspetto splendente e liscio . Ci si poteva avvalere anche di una miscela di miele, zucchero ( saccarosio ), ed olio di cocco per trattamenti estetici e maschere facciali . Questo perché la polvere di zafferano ha proprietà esfolianti ( gommage ) e dunque regala alla pelle un effetto luminoso conferendo un tono chiaro . Inoltre l’ estratto di zafferano serba poteri e proprietà antibatteriche ( antimicrobico ) che si ritiene possano curare brufoli, fenomeni di acne e altre affezioni o malattie della pelle, tra le quali alcuni indicano anche la lebbra e la psoriasi .

Si narrava che, nei periodi dell’ antichità, gli antichi Egizi ( antico Egitto ) talvolta indossassero dei coni di cera stracolmi di fiori e di zafferano i quali, quando si scioglievano, conferivano ai capelli una dolce ma pungente fragranza e profumo ; oppure che i Romani ( civiltà romana ) è risaputo facessero il bagno in grandi vasche colme di acqua e pistilli di zafferano ; che Zeus, il Dio Greco, dormisse in un giaciglio disseminato e cosparso di zafferano e che gli antichi Romani profumassero i loro letti nuziali ( talami ) con dello zafferano, per motivazioni legate alla sensualità nei momenti romantici . Nei paesi del levante, il legno di sandalo unito allo zafferano erano soliti venir miscelati per ricavarne un fragranza dagli effetti rilassanti in grado di alleviare anche il mal di testa . Per giungere alla ricetta e formulazione di essenze profumate floreali, i profumieri d’ oggi si avvalgono del principio secondo il quale lo zafferano sia in grado di armonizzare come nota media con altre fragranze ed essenze . In India esiste una pratica, vecchia di centinaia d’ anni, consistente nell’ addizionare lo zafferano ad una qualità speciale di tabacco, battezzato zaafrani zarda, per profumare l’ aria attraverso la sua fragranza .

Per concludere, la spezia dello zafferano Crocus Sativus può rappresentare un omaggio strabiliante in avvenimenti speciali come nel caso di matrimoni, a Natale, per le popolazioni musulmane in occasione del Ramadan e in altre circostanze religiose, poiché trattandosi di un bene estremamente prezioso e dunque dispendioso, descrive il proprio status symbol come altri beni di altra natura .

ALCUNI VALIDI CONSIGLI

PER ACQUISTARE LO ZAFFERANO CROCUS SATIVUS

Le cose da sapere sullo Zafferano Crocus Sativus

COSA È IMPORTANTE RICORDARE QUANDO SI VUOLE COMPRARE DELLO ZAFFERANO

Purtroppo esistono ed esisteranno sempre dei commercianti poco onesti che cercheranno di giocare brutti scherzi, pertanto la soluzione per scongiurare raggiri e acquisti sbagliati è quello di rivolgersi a venditori e negozi di provata affidabilità . È sempre buona norma comunque verificare l’ origine del prodotto, essere curiosi, prendere informazioni attraverso tutte le fonti possibili . Seguono alcuni consigli e cose che sarebbe utile sapere o ricordare quando si intende acquistare lo zafferano Crocus Sativus :

- Lo zafferano Crocus Sativus è una spezia molto costosa ; se il costo a parità di peso è troppo al di sotto di quelli che sono i prezzi di mercato a livello internazionale, bisogna che si accenda il primo campanello di allarme .

- Importante ricercare dei brand e marche conosciute, poiché anche in presenza di sconti e dunque un ribasso nel prezzo, si può stare tranquilli .

- I pistilli di zafferano Crocus Sativus non devono essere morbidi e umidi ma secchi e friabili per essere genuino .

- È anomalo quando ci sono pezzi rotti di spezia nella parte inferiore del contenitore .

- Lo zafferano esala un’ aroma fresco e speziato ; se si può percepire della muffa o se dalla fragranza si distinguono tracce di qualche sostanza chimica, abbandonare immediatamente la trattativa .

- I pistilli di zafferano Crocus Sativus sono omogenei per dimensione, tuttavia non per la colorazione . Pertanto, nel momento in cui visivamente si nota che ogni pistillo è del medesimo colore rosso in tutta la sua lunghezza da un’ estremo all’ altro, è verosimile se non probabile che i pistilli abbiano subito una colorazione artificialmente per mascherare o mimetizzare il vero colore sottostante, evidentemente non adeguato dal punto di vista visivo .

- I pistilli della spezia dello zafferano Crocus Sativus normalmente sono caratterizzati da un colore rosso vivo intenso, con la punta del pistillo che degrada come intensità , ossia il colore è leggermente più tenue, avvicinandosi ad un colore rosso con parvenze di arancio . Se il colore dello zafferano ad un controllo visivo appare rosso spento questo denota in modo palese che lo stock di zafferano non è fresco, ma vecchio .
- È altresì importante riconoscere le varie tipologie di zafferano : i pistilli di spezia di zafferano della più elevata qualità, soprannominata sargol, coupé, oppure premium tutto rosso, comprendono esclusivamente la componente rosso vivo degli stigmi, visto che lo stilo di colore giallo è stato precedentemente levato prima del procedimento di essiccazione . Uno zafferano che si presenta con lo stigma rosso vivo, e conserva anche solamente una parte dello stilo giallo, si qualifica come uno zafferano di mediocre qualità, poiché lo stilo non conferisce alcun sapore ed è ritenuto uno scarto del fiore .

- La confezione deve riportare la data del raccolto, e la produzione della spezia deve essere abbastanza recente .

- È meglio acquistare i pistilli Crocus Sativus, piuttosto che lo zafferano in polvere, poiché nel caso della polvere risulta meno agevole contraddistinguere la polvere di spezia di zafferano adulterata da quella genuina, salvo sia concesso un esame organolettico ed un assaggio del prodotto prima di confermare l’ acquisto .

FAQ

DOMANDE FREQUENTI SUL CROCUS SATIVUS

Zafferano Crocus Sativus FAQ Domande e Risposte

Domanda : In cosa consiste la differenza fra bulbi non biologici e bulbi biologici di Crocus Sativus ?

Ciò che distingue i bulbi biologici dai bulbi non biologici, sta nel fatto che i bulbi biologici durante la coltivazione sono interessati da procedimenti che non prevedono alcun impiego di prodotti chimici e fitosanitari, ( prodotto fitosanitario ) dunque vengono coltivati biologicamente al 100 % . Contrariamente, i bulbi non biologici richiedono durante il processo di coltivazione l’ impiego di modeste quantità di prodotti chimici e fitosanitari, sebbene anch’ essi siano coltivati in modo sostenibile .

Domanda : I bulbi biologici Crocus Sativus acquistati saranno corredati da un certificato biologico europeo ?

Esattamente si .

Domanda : Quali sono le differenze fra le differenti dimensioni dei bulbi ?

La differenziazione fra le dimensioni dei bulbi di zafferano Crocus Sativus consiste nel fatto che i bulbi di maggiore dimensione saranno caratterizzati da una più vitale e marcata fioritura, originando più fiori nel primo anno successivamente alla piantagione . I bulbi più voluminosi si sviluppano più facilmente, proliferano più rapidamente rispetto ai bulbi più piccoli .
I bulbi di zafferano di calibro 7 / 8 cm fioriscono all’ incirca per il 30 % ( si intende 30 fiori su 100 bulbi ), i bulbi di dimensione 8 / 9 cm circa 80 %, i bulbi di calibro 9 / 10 cm hanno fioritura per circa 150 %, i bulbi di dimensione 10 / 11 cm fioriscono al 200 % ed infine i bulbi di zafferano calibro 11 / + ( oltre gli 11 cm ) hanno un potere di fioritura che arriva a circa il 300 % solo nel primo anno di coltivazione .
Il rapporto di fioritura tenderà ad aumentare negli anni seguenti per via della loro crescita e riproduzione .

Domanda : Cosa sta a significare, bulbi coltivati in modo ” sostenibile ” ?

Bulbi coltivati in modo “ sostenibile “ indica che la coltivazione dei bulbi di zafferano, è stata condotta cercando comunque di ridurre al minimo indispensabile qualunque utilizzo di sostanze chimiche o non naturali come agro farmaci chimici ( vedi anche Fitofarmaci ).
Non si usano invece procedimenti di fumigazione dei suoli attraverso prodotti chimici, non si applicano pesticidi che possono contenere neonicotinoidi ( vedi anche Insetticida ) e diserbanti ” Roundup ( vedi anche Glifosato ) ” . Queste sostanze sono state eliminate dai procedimenti di coltivazione, sebbene ci siano coltivatori che in altre regioni o paesi li utilizzino .
Inoltre, miglioriamo e proteggiamo la qualità del suolo e del terreno con organismi del suolo della terra ed utilizziamo compost di alta qualità ed altri ammendanti di qualità .

Domanda : Cosa sono i neonicotinoidi ?

I composti chimici neonicotinoidi sono sostanze combinate alla nicotina, ed utilizzate in una certa gamma di pesticidi sistemici e di sostanze biocidi ( biocida ). L’ utilizzo di tali sostanze è stato accostato e legato da ricercatori scientifici mondiali con un apprezzabile incremento del tasso di mortalità delle api mellifere ( Apis Mellifera ).

Domanda : Perché è consigliabile non usare il Roundup ?

Studi scientifici indipendenti hanno evidenziato e comprovato che l’ erbicida Roundup, ( vedi anche Erbicidi ) ed in modo particolare il principio attivo in esso contenuto ” glifosato “, rivesta un ruolo nello sviluppare il cancro e potenzialmente portare alla distruzione di sostanze ormonali ( ormone ). Questo erbicida si classifica come particolarmente negativo per la terra in cui i bulbi sono destinati a crescere poiché la biologia legata al suolo risulta perturbata da glifosato in modo sostanziale .

Domanda : Perché i bulbi di zafferano Crocus Sativus forniti da noi risulteranno più convenienti rispetto ad altri negozi anche online ?

Perché il fornitore titolare dei bulbi di Crocus sativus venduti tramite questa pagina sono coltivati direttamente, l’ acquisto avverrà direttamente dal produttore, senza che siano coinvolti grossisti o intermediari . La produzione dei bulbi Crocus sativus, essendo su larga scala, consente di offrirli a condizioni economiche molto più favorevoli rispetto ad altri fornitori .

Domanda : Come mai non è possibile effettuare la consegna dei bulbi di zafferano Crocus Sativus prima del 25 luglio ?

La motivazione è legata al fatto che i bulbi di zafferano sono sradicati ogni anno verso la fine giugno / inizi del mese di luglio . Una volta sradicati, i bulbi vanno lavati, asciugati, e trattati ad adeguata temperatura . Dopo il trattamento, i bulbi sono calibrati secondo le dimensioni e sono pronti per la vendita . L’ intero ciclo produttivo deve rispettare precisi passaggi e la massima attenzione per garantire a tutta la clientela la migliore qualità possibile dei bulbi di Crocus Sativus e dello zafferano che verrà prodotto .

Domanda : Quale è il momento ottimale per impiantare i bulbi di zafferano di Crocus Sativus ?

Ebbene, il momento giusto per impiantare i nostri bulbi è verso la metà del mese di Agosto . I bulbi impiantati prima che sia la fine del mese di Agosto, fioriranno verso la fine del mese di Ottobre .

Domanda : Quanti bulbi di zafferano Crocus Sativus è possibile piantare per m2 ( metro quadrato ) ?

Il numero di bulbi di Crocus Sativus che è possibile impiantare per m2 è funzione delle dimensioni dei bulbi stessi . Dunque si possono piantare all’ incirca dai 70 ai 90 bulbi per ogni m2 nel caso di bulbi di calibro 7 / 8 cm, circa dai 60 ai 70 bulbi per m2 nel caso di bulbi di calibro 8 / 9 cm ed infine per bulbi di calibro 9 / 10 cm circa da 50 a 60 bulbi per m2 .

Domanda : Che cosa significa esattamente il calibro dei bulbi ?

Il calibro dei bulbi, è dato in centimetri rispetto alla circonferenza dei bulbi stessi . Ad esempio, i bulbi di calibro 9 / 10 possiedono una circonferenza che misurata sarà tra i 9 e i 10 cm . Il diametro dei bulbi tuttavia si può calcolare facilmente attraverso una divisione tra la circonferenza dei bulbi e Pi ( Pi ≈ 3,14 ). Dunque i bulbi di calibro 9 / 10 cm sono caratterizzati da un diametro compreso tra 9 / 3,14 ≈ 2,86 centimetri e 10 / 3,14 ≈ 3,18 centimetri .

Domanda : Ma quale è il prezzo corretto dello zafferano Crocus Sativus al kg ( chilogrammo ) ?

È piuttosto complesso fornire un prezzo che possa essere considerato fisso per lo zafferano poiché risente dalle dinamiche commerciali ed è dipendente dal rapporto tra domanda e offerta, inoltre risente dell’ influenza di varie variabili tra cui, la qualità e l’ origine . C’è chi sostiene che il prezzo di 1 kg ( chilogrammo ) di zafferano si attesti attorno a circa € 30.000 / Kg . Tuttavia, questo prezzo si riferisce esclusivamente per lo zafferano venduto in piccole quantità . Lo zafferano acquistato in un sacchetto di 50 mg ( milligrammi ) al supermercato costa circa € 1,25 che portato ad 1 kg, corrisponde a 25.000 € tuttavia come detto questo richiederebbe di analizzare altri elementi ora non disponibili . Ovviamente la qualità dello zafferano acquistabile presso la grande distribuzione è inferiore rispetto alla qualità di uno zafferano necessariamente più costoso acquistabile in negozi specializzati .

Domanda : È molto redditizio coltivare lo zafferano Crocus Sativus ?

È redditizio coltivare lo zafferano poiché quella dello zafferano è una coltura perenne . I bulbi acquistati, si moltiplicano di anno in anno nella terra dove crescono, dunque si può raccogliere lo zafferano prodotto fino a 4 – 5 anni in modo consecutivo, con il raccolto che cresce ogni anno . Dopo tale periodo è possono ripiantare di nuovo i bulbi su un altro terreno . È solo necessario procedere ad acquistare i bulbi una volta, per raccogliere lo zafferano per parecchi anni a seguire .

LINKS – CROCUS SATIVUS

Zafferano, Crocus, Crocus Sativus
Zafferano Biologico BIO, tramite Agricoltura Biologica, Zafferano non Biologico, Bulbi, Croco, Vendita all’ ingrosso
Zafferano, trading e paesi produttori ( English Version )
Consegna DAP ( delivery at place ), Franco Magazzino, a destino ( vedi Glossario della Logistica )
EX-Works
CIF – Cost Insurance and Freight ( wikipedia )
SBLC ( Standby Letter of Credit )
BG ( bank guarantee )
Performance Bond
MT103
ICPO ( irrevocable corporate purchase order )
Incoterms 2010
Documenti nel Commercio Estero
La consegna e qualità delle merci
Origine delle Merci
Glossario Doganale

Country Risk Map – Scopri gli strumenti SACE

SACE country risk map

Country Risk Map

SCOPRI LO STRUMENTO SACE PER QUANTIFICARE I RISCHI DELLA CONTROPARTE NEL PAESE ESTERO DOVE ESPORTARE O STABILIRE UNA FORMA DI PRESENZA ESTERA

country risk map SACE click

AREE MAPPATE:

- Mancato pagamento controparte sovrana;
- Mancato pagamento controparte bancaria;
- Mancato pagamento controparte corporate;
- Rischio di esproprio e violazioni contrattuali;
- Rischio guerre e disordini civili;
- Rischio trasferimento capitali e convertibilità.

INFORMAZIONI ADDIZIONALI:

- Di carattere generale sul paese estero;
- Informazioni sul contesto politico, economico, finanziario ed operativo;
- Condizioni di Assicurabilità;
- Categoria OCSE;

LINK SERVIZI SACE
LINK SITO SACE
LINK COMUNICATI STAMPA SACE

e_commerce China

e_commerce CHINA: piattaforme digitali per il mercato Cinese

e-commerce-china-cina-made-in-italy

E_COMMERCE CHINA: COME ESPORTARE NEL MERCATO CINESE, IL PIU GRANDE AL MONDO

TRAMITE DIGITAL AGENCY, PIATTAFORME E-COMMERCE E CANALI SOCIAL

Attraverso una digital agency specializzata, e una società italiana con sede in Cina, il Made in Italy o prodotti di qualità, hanno un canale privilegiato per il mercato cinese. Piattaforme e-commerce e molteplici canali social sono in grado di offrire i prodotti a più di 600 milioni di persone ogni giorno connesse a internet. Sia canali B2C che B2B, tramite sistema ERP di nuova generazione (Enterprise Resource Planning). Sgravata l’Azienda da rischi imprenditoriali salvo fornire il prodotto sdoganato in Cina, eventuali promozioni, certificati richiesti per l’immissione nel mercato, previa assistenza. La provvigione commerciale include i servizi di front end e back end, il servizio di lead to cash, operation, e spedizione all’acquirente finale. Possibile FTZ (free trade zone) per alcuni prodotti.

SETTORI MERCEOLOGICI: dal food, all’abbigliamento e fashion, agli arredi e complementi di arredo, cosmetica, lusso, ecc. ; previa manifestazione di interesse, seguirà preliminare analisi di fattibilità. Inviare mail per maggiori INFO.

contact IBS by mail

E_COMMERCE CHINA: PERCHÉ PUNTARE SUL MERCATO CINESE PER IL MADE IN ITALY

STATISTICHE DEMOGRAFICHE

Popolazione : 1,379 miliardi
Popolazione nelle aree urbane : 56%
PIL : $ USD 11,3 trilioni/mila miliardi.
Reddito medio familiare : $ USD 11.000 (72.321 yuan)
Età media : 37,3 anni
Lingue parlate: Cinese, Mandarino (99%)

BREVE QUADRO GENERALE

Oltre il 40% della spesa totale mondiale del 2015 legata all’e-commerce proviene dalla Cina.

UTILIZZO DEI DISPOSITIVI MOBILI

In Cina, lo shopping online attraverso dispositivi mobili è in forte espansione, con vendite pari a $ USD 333 miliardi nel 2015, l’85% in più rispetto al 2014.

STRATEGIA OMNICANALE

La Cina ha adottato una strategia omnicanale, tuttavia ancora frammentaria e in fase di evoluzione.

FUTURO E DATI

Nel 2016, il mercato cinese legato all’e-commerce è diventato il più grande del mondo.
Si prevede il raggiungimento di un totale di $ USD 1.6 trilioni (quasi il PIL annuale italiano), nel giro di due o tre anni.

Lo scorso anno, durante il “ Singles’ Day ”, il festival cinese dedicato allo shopping online, sono stati spesi 14,3 miliardi di dollari e il numero totale di acquirenti digitali nel paese ha raggiunto i 468 milioni.

I portafogli elettronici costituiscono il principale metodo di pagamento; infatti il 33% dei clienti utilizza la tecnologia per completare le transazioni.

e-commerce-china

E_COMMERCE CHINA: PERCHÉ DOVRESTI ESSERE INTERESSATO AL NOSTRO PACCHETTO ?

ORGANIZATION

• Voglio avviare un’impresa in Cina , ho bisogno di un legale.
• Ho bisogno delle licenze per importare i prodotti.
• Devo assumere un manager e dei dipendenti.
• Ho bisogno di un magazzino per la merce.
• Ho bisogno di installare un sistema di gestione localizzato (ERP).
• Devo contattare un contabile.
• Ho dei vincoli legati al flusso di cassa.

SALES

• Quali prodotti devo selezionare per il mercato cinese?
• Quali prezzi attirano i clienti?
• Formula B2B, B2C o entrambe?
• Strategia multi channel o single channel?
• Il Digital Marketing in Cina è complesso e per niente simile al modello occidentale. Come ci si relaziona con i consumatori cinesi?

RISKS

• E se lo stock non vende?
• E se il team non rende?
• Come posso assicurarmi che le informazioni arrivino tempestivamente e regolarmente alla mia sede centrale in Cina?
• Se ci sono delle operazioni da svolgere, come posso accertarmi che vengano eseguite correttamente?
• Abbiamo bisogno di dati riguardanti il mercato ed i consumatori, chi è in grado di interpretarli ?

i-servizi-digitali-in-china

E_COMMERCE CHINA – I SERVIZI: LA PRIMA PIATTAFORMA DIGITALE INTEGRATA PER IL MERCATO CINESE

DEFINIRE LA PRESENZA DELL’IMPRESA :

• Non è necessario avviare un’impresa in Cina, possiamo rappresentarvi noi.
• Sottoscriveremo un contratto chiaro e dettagliato, nel quale verranno spiegate in modo trasparente tutte le nostre attività.

OTTENERE UNA PRESENZA DIGITALE :

• Inizieremo ad operare aggiornando le piattaforme B2B / B2C con i vostri loghi e slogan, in modo da attrarre i consumatori.
• Realizzeremo tutte le campagne di Digital Marketing necessarie, al fine di garantire un costante traffico commerciale e d’affari sulla vostra piattaforma.

PROCESSO DI VENDITA :

• Seguiremo da vicino ogni vendita, assicurandoci di fornire ai vostri clienti cinesi il più alto grado di soddisfazione.
• Condivideremo con voi ogni informazione, per poi decidere insieme il prossimo passo da fare.

OPERAZIONI:

• Attraverso un’analisi, individueremo il mercato più adatto ai vostri prodotti e vi informeremo riguardo il corretto livello delle scorte.
• Dovrete solo trasferire lo stock e noi ci occuperemo del resto.

E_COMMERCE CHINA: IN SINTESI:

strategia-mercato-performance

STRATEGIA :

Raggiungere il settore della pubblicità cinese online e quello del marketing legato ai social media, permettendo la riconoscibilità del marchio e la familiarizzazione.
Rendere possibile l’acquisizione e la conversione dei consumatori cinesi online.
Coinvolgere la social CRM cinese ed incentivare la fidelizzazione dei clienti, la fedeltà al brand e la promozione.

MERCATO :

Entrare nel mercato dell’e-commerce cinese e consulenza strategica.
Apertura del sito di e-commerce autonomo Taobao Tmall e di altri eShops (JingDong, Amazon, QQ).
Operazioni di e-commerce cinese One-Stop-Solution : servizi di 3PL (Third Party Logistics), stoccaggio e distribuzione.

PERFORMANCE :

• Servizi di Search Engine Marketing (SEM) e campagne pay-per-click (PPC), per Baidu ed altri.
• Servizi per l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) ed il monitoraggio della reputazione.
• Pubblicità su siti web attraverso i banner, operazioni di re-targeting / re-marketing.
• Affiliate Marketing in Cina – Organizzazione, gestione e ottimizzazione del ritorno sull’investimento (ROI).
• Servizi di UI e UX Design, localizzazione, ottimizzazione e analitiche per il web.

E_COMMERCE CHINA: MULTICHANNEL-MULTIVENDOR, E-COMMERCE, CLOUD ERPS

chinese-digital-landscape

piattaforme-mondiali-e-commerce-cina

E_COMMERCE CHINA LINK

- E_commerce
- Piattaforme e distribuzione digitale
- B2B (business to business)
- B2C (business to consumer)
- Digital Agency EN
- FTZ (Free Trade Zone) EN
- SEM (Search Engine Marketing)
- SEO ( Ottimizzazione per i motori di ricerca )
- PPC (pay-per-click)
- Lead to Cash EN
- Omnichannel EN
- INCOTERMS 2010 termini di resa
- Ex-work
- Documenti commercio Estero
- Consegna e qualità della merce
- GLOSSARIO DOGANE

CANARIE, Business, Finanziamenti

CANARIE, TENERIFE, Business, Finanziamenti

canarie-business-opportunita-agevolazioni

CANARIE: opportunità di Business, Finanziamenti e Agevolazioni

IBS in virtù delle preziose sinergie e collaborazioni che ha in essere, ha il piacere di presentare le OPPORTUNITA’ nell’ARCIPELAGO DELLE CANARIE, attraverso:

- Finanziamenti e agevolazioni per startup;
- Illustrazione delle potenzialità che l’Arcipelago offre ad un potenziale investitore;
- Servizi offerti nei territori delle isole Gran Canaria, Tenerife, Lanzarote, Fuerteventura, La Gomera, El Hierro e La Palma unitamente ad una serie di informazioni di carattere generale a corollario.

SEDE DEGLI INCONTRI E SELEZIONE AZIENDE:

Dopo un primo contatto telefonico o via mail tramite il form di contatto che segue, verranno organizzati a Torino degli appuntamenti con un responsabile che valuterà il progetto Aziendale, fornendo alcune informazioni in merito alla fattibilità.

STUDIO TORINO: Corso San Maurizio 8, Torino (Ufficio piano terra)
UFFICIO SVILUPPO: Tenerife

E’ fondamentale prima di fissare un incontro in presenza, anticipare una presentazione, o teaser o un abstract del progetto nelle sue linee essenziali per una prima analisi. Qualora fosse valutato positivamente verranno richiesti prima dell’appuntamento a Torino informazioni aggiuntive.

INDICE DEI CONTENUTI DELL’ARTICOLO CHE SEGUE :

1. Bando di Concorso per Finanziamenti e Agevolazioni per Startup nei settori Tecnologia, Innovazione e Scienza nell’Arcipelago delle Canarie relativamente a progetti imprenditoriali che rappresentino il Made in Italy di successo.

2. Approfondimento su Tenerife, opportunità nei 3 continenti (Europa, America, Africa) per progetti di internazionalizzazione, ZEC (Zona Speciale Canaria), agevolazioni fiscali e doganali, opportunità ed informazioni di carattere generale.

contact IBS by mail

1. BANDO / CONCORSO per FINANZIAMENTI e AGEVOLAZIONI per STARTUP nei settori TECNOLOGIA, INNOVAZIONE e SCIENZA (strumenti di supporto e orientamento per le Startup Innovative)

bando-made-in-italy-canarie-tenerife

OGGETTO: Selezione di Progetti Imprenditoriali attraverso il Bando intitolato “Il Made in Italy d’eccellenza e di successo si insedia alle Canarie” e primo Orientamento Strategico a beneficio delle Start Up Italiane che desiderano insediarsi alle Canarie.

SPONSORSHIP DEL GOVERNO E DEGLI ENTI PREPOSTI

Enti ed Uffici preposti, Autorità Locali e Governo delle Canarie, promuovono il presente Bando per permettere ed agevolare l’insediamento presso le Isole Canarie di nuove Aziende, Imprese ed iniziative di tipo Imprenditoriale, progetti che si prefiggano l’obiettivo di rappresentare il “Made in Italy” vincente e di successo e che vogliano verificare come operare in alcuni settori strategici specifici dell’arcipelago delle Canarie.

PERCHE’ LE CANARIE: E IL RUOLO DELL’EU E DEGLI ENTI SOVRANAZIONALI

Nel 2015 la riforma asseverata dall’Unione Europea ha fornito continuità al Regime Economico e Fiscale (REF) delle Canarie che è entrato in vigore il 1/1/2015. Si aprono nuovi orizzonti temporali (2026) e specifici nel merito delle attività strategiche che è possibile insediare e sviluppare nell’arcipelago delle Canarie. Inoltre vi sono incentivi e deduzioni fiscali applicabili ed ottenibili, fondi e sovvenzioni per attività di particolari valenza strategica che rendono l’insediamento di particolare rilevanza e strategico.

SERVIZI PRELIMINARI E SOGGETTI AMMESSI:

Lo scopo dell’iniziativa è agevolare l’insediamento e/o la presenza presso l’arcipelago delle Canarie di validi rappresentanti dei modelli imprenditoriali di successo dell’ ”Italian Style” e del “Made in Italy” più rinomato.

Verranno erogati, unicamente ai progetti rispondenti alle caratteristiche richieste dal Concorso, i servizi che seguono, a titolo gratuito e non impegnativo:

- Prima consulenza di orientamento strategico, che include gli aspetti logistico, infrastrutturale e fiscale.
- Parere e suggerimenti e/o correttivi eventuali da apportare al Progetto imprenditoriale.
- Informazioni in merito ad eventuali opportunità per l’insediamento delle Startup, collaborazioni con Enti Pubblici, Istituzioni e Amministrazioni Locali, Parchi Tecnologici, Università, ecc.
- In un secondo momento, i Progetti che saranno selezionati potranno essere presentati ed assistiti da Studi e Partners residenti, nell’essere introdotti agli appositi Enti, Uffici Pubblici ed Organismi preposti dal Governo delle Canarie e dallo Stato della Spagna.

VALORE AGGIUNTO PER IMPRENDITORI E TITOLARI PROGETTI STARTUP:

- Poter fornire agli imprenditori Italiani ed investitori una panoramica esaustiva, rappresentata da una prima analisi di fattibilità del Progetto imprenditoriale alle Canarie, che tenga conto del Modello Fiscale (in funzione del tipo di Progetto, degli obiettivi e del modello Aziendale che il progetto si propone di realizzare), degli aspetti logistici, delle infrastrutture, delle iniziative diplomatiche e politiche, e di altri aspetti di importanza strategica.

- Attivare ed instaurare un dialogo tra soggetti preposti ad erogare servizi di assistenza e soggetti imprenditoriali interessanti e di spessore, fornendo a questi ultimi informazioni, indicazioni e servizi essenziali a titolo gratuito.

- Conferimento della “Patrocinazione” e assistenza specialistica a Progetti Imprenditoriali qualificanti, con un alto profilo tecnologico e/o professionale per valorizzare il “Made in Italy”.

FASE IIº (per i progetti valutati di interesse) :

Gli imprenditori selezionati, dopo una prima analisi, avranno la facoltà di poter fruire dei seguenti nostri servizi e consulenze erogati:

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO presso gli Uffici e/o le Amministrazioni Pubbliche, o gli Organismi e Funzioni preposti dal Governo delle Canarie con lo scopo di ottenere i riconoscimenti e la titolarità per poter richiedere i benefici, le esenzioni e/o le deduzioni fiscali e/o il supporto nello strat up del progetto o dell’Azienda.

Nel caso si tratti di presentare una richiesta di Autorizzazione ZEC (esempio: per poter beneficiare dell’applicazione di una aliquota di imposta del 4%), si potrà adottare la modalità “Procedura OnLine”. Sarà poi necessario recarsi previa programmazione appuntamento, presso gli Uffici Regionali preposti in TENERIFE o GRAN CANARIA, per svolgere un breve colloquio con un Funzionario, per presentare e protocollare la domanda o per il ritiro dell’Autorizzazione conseguita.

In alternativa alla procedura sopra riportata, in altri casi si procederà iniziando e concludendo una procedura “OnLine” e l’imprenditore o gli imprenditori si potranno recare sull’isola per espletare i successivi atti formali che necessitano della presenza in loco (costituzione società ecc.) .

ASSISTENZA E CONSULENZA PER COSTITUZIONE SOCIETA’ E GESTIONE SUCCESSIVA:

- Stesura Studio di Fattibilità
- Stesura Business Plan e/o Piano Investimenti
- Analisi e determinazione del modello societario / asset della nascente Impresa, in funzione dell’applicazione e della ottimizzazione del Regime Fiscale delle Canarie (REF, RIC ecc. ecc..) e/o di altre soluzioni che consentano deduzioni e/o benefici in materia fiscale
- Attività per la costituzione di una Società esempio atti formali, burocratici ecc., sia Società a Responsabilità Limitata (S.L.) oppure Società Anonima di diritto Spagnolo (equiparabile ad una S.p.A.) avente Sede Legale nelle Isole Canarie
- Gestione e tenuta contabilità
- Assistenza e attività di consulenza per le fasi di “start up” dell’Impresa
- Attività propedeutiche e di preparazione, come l’individuazione del sito, degli spazi e dei locali ecc.

ASSISTENZA E CONSULENZA PER L’INSEDIAMENTO E SUCCESSIVO AVVIO DELL’ATTIVITÀ:

- Assistenza e supporto per le pratiche e per l’avvio di consultazioni, collaborazioni, sinergie con Parchi Tecnologici, Università, Amministrazioni Locali ecc.

- Assistenza e consulenza e pratiche relative all’insediamento, per gli spazi e locali uso sede, uffici, laboratori (sia “sul libero mercato” sia nei Parchi Tecnologici, Vivero de Empresanas, oppure spazi in coworking ecc. ), spazi commerciali, artigianali, industriali, in funzione delle necessità e adatti allo scopo.

- Assistenza per la presentazione, (se previsto ove possibile) di domande per l’ottenimento di finanziamenti. Questa attività può essere effettuata solo dopo essersi dotati dello strumento Giuridico ossia dopo aver costituito e registrato l’Azienda presso il Registro delle Imprese.

CARATTERISTICHE E REQUISITI DEI PROGETTI IMPRENDITORIALI:

canarie-opportunita-di-business

Le caratteristiche e i requisiti essenziali che i progetti devono soddisfare per essere selezionati e presi in analisi sono quelli che seguono:

Il Progetto Imprenditoriale deve riguardare un’attività e/o deve operare in uno dei seguenti settori merceologici o essere riferito ad una delle seguenti categorie :
o Settore dell’Informatica, sviluppo software ed applicativi
o Elettronica, sviluppo hardware e firmware; produzione apparecchiature elettroniche
o Automazioni industriali, robotica, domotica (sviluppo e ricerca, prototipazione, produzione industriale)
o ITC e reti telematiche, tecnologie dell’informazione e comunicazione
o Telecomunicazioni
o Formazione inclusa e-learning anche utilizzando piattaforme digitali
o Intermediazione e trading utilizzando piattaforme digitali
o Marketing e pubblicità utilizzando piattaforme digitali
o Editoria digitale
o Fotografia e servizi per media e comunicazione
o Produzione e post-produzione video / cinematografia
o Fabbricazione di droni (aeromobili comandati a distanza)
o Ricerca per innovazione e sviluppo applicabile in vari settori
o Studi di Progettazione
o Nanotecnologie
o Biotecnologie e Scienze per l’alimentazione e la salute
o Altre attività strettamente correlate alla scienza, alla tecnologia, all’innovazione, allo sviluppo e alla ricerca.
NOTE: per certe attività di fabbricazione / produzione vengono inclusi il noleggio e il leasing dei prodotti lavorati, soluzioni ed apparecchiature realizzate.
ATTENZIONE: le attività di Ristorazione, e piccoli esercizi commerciali non possono usufruire delle agevolazioni descritte e sono pertanto esclusi.

Il progetto imprenditoriale per essere considerato, dovrà essere necessariamente corredato dalla documentazione richiesta.

I progetti imprenditoriali dovranno prevedere la creazione di una “stabile organizzazione” con una propria Sede Legale ed Operativa fisicamente ubicata in una delle Isole Canarie.

L’impegno economico minimo previsto da parte dell’investitore italiano, (senza contemplare aiuti e sovvenzioni) per l’acquisto di beni patrimoniali e/o strumentali, in funzione della realizzazione del progetto dovrà essere :

• di minimo 100.000 (Centomila,00) Euro per quelle attività che si insedieranno a Gran Canaria o Tenerife entro 24 mesi dall’inizio attività aziendale;
• di minimo 50.000 (Cinquanta,00) Euro per quelle attività che si insedieranno a El Hierro, Fuerteventura, La Gomera, La Palma e Lanzarote, entro 24 mesi dall’inizio attività aziendale.

Il progetto imprenditoriale o la startup dovranno prevedere la creazione di minimo:

• 5 (cinque) posti di lavoro per le attività che si insedieranno a Gran Canaria o a Tenerife entro i primi 6 mesi dall’inizio dell’attività aziendale.
• 3 (tre) posti di lavoro per le attività che si insedieranno a Lanzarote, Fuerteventura, La Gomera, El Hierro e La Palma entro i primi 6 mesi dall’inizio delle attività aziendali.

2. ARCIPELAGO DELLE CANARIE: “ TENERIFE “ e i vantaggi che offre ad un investitore per l’espansione di un progetto di internazionalizzazione

tenerife-mappa

INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE:

- Tenerife presenta un quadro macro economico e politico sicuro e stabile con l’aggiunta di garanzie europee.
- E’ dotata di moderne infrastrutture grazie ad uno sviluppo tecnologico costante e ad efficienti comunicazioni digitali realmente all’avanguardia (esempi : anello di fibra ottica, supercomputer Teide HPC, centro dati D-Alix).
- E’ favorita da un ambiente naturalistico e da una qualità di vita privilegiati, con un clima temperato tutto l’anno con una temperatura media di 22 gradi Celsius, con la media di ore di sole più alta d’Europa (3000).
- Dispone di eccellenti collegamenti aerei e marittimi e di Centri congressi attrezzati per eventi di eccellenza, con prezzi per noleggio di navi industriali e uffici molto competitivi.
- Costo del lavoro, delle forniture e dei servizi per le imprese molto competitivi (esempi: costo medio dell’elettricità, costo medio dell’acqua, dell’acqua calda, ecc.).
- Linee di finanziamento, aiuti e sovvenzioni, fideiussioni, incentivi allo sviluppo economico nazionali, regionali e insulari.
- Parco Scientifico e Tecnologico di Tenerife (PCTT): se il progetto fosse di natura tecnologica o di ricerca nei settori Salute, Biotecnologia, Innovazione Turistica.

tenerife-ambiente

POSIZIONE GEOGRAFICA STRATEGICA E ACCORDI CON PAESI CONFINANTI:

Grazie alla posizione geografica, ed essendo membro dell’EU, Tenerife rappresenta la porta di ingresso per tre continenti: Europa, America, Africa.

Per quanto riguarda l’Africa per citare alcuni paesi con i quali ci sono scambi commerciali in essere: Mauritania, Togo, Marocco, Nigeria, Guinea Equatoriale, e Capo Verde. Inoltre ci sono numerosi accordi già in essere con numerosi paesi dell’Africa Occidentale e 50 progetti di cooperazione in vari settori tra cui l’ambito: scienza, educazione, agricoltura, allevamento, energie rinnovabili, produzione di biocombustibili, e modernizzazione della Pubblica Amministrazione.

canarie-porta-di-ingresso-continenti-europa-africa-america

REGIME FISCALE AGEVOLATO E ZONA ESPECIAL CANARIA (ZEC)

Regime fiscale speciale unico in Europa grazie alla sua condizione insulare, che si adatta a tutte le tipologie di business e progetti imprenditoriali, pur mantenendo i vantaggi del diritto comunitario.

- IGIC (imposta generale indiretta Canaria) : 7% che è una imposta regionale sul consumo finale equiparabile alla nostra IVA.

ZONA SPECIALE CANARIA (ZEC):

- Per le imprese registrate nella ZEC, si applica l’imposta sul reddito delle società al 4% sulla parte di base imponibile derivante dalle operazioni realizzate alle Canarie.
- Le imprese registrate nel dominio ZEC non pagano la tassa IGIC.
- Requisiti: essere una entità di nuova creazione, disporre di un progetto ben redatto, avere un amministratore residente, investimenti in attivo fisso di almeno 100.000 euro durante i primi 2 anni e creare almeno 5 posti di lavori nei 6 mesi successivi alla registrazione della società presso il Registro delle Imprese Insulare.

Altri BENEFICI e VANTAGGI FISCALI ad INVESTIRE a TENERIFE:

- Accordi per evitare la doppia imposizione fiscal;
- Poter beneficiare della Direttiva “Società Madre-Figlia (2003/123/CEE) dell’Unione Europea tramite la quale i dividendi distribuiti dalla filiale registrata nel dominio ZEC alla società madre con sede in un qualunque altro paese UE (Unione Europea) non saranno trattenuti.
- Esenzione dall’imposta sulle Trasmissioni Patrimoniali e su tutti gli Atti Giuridici Documentati.
- Riserva per investire alle Canarie RIC con una detrazione fino ad un 90% sul beneficio non distribuito attraverso la dotazione di una Riserva Speciale per Investimenti alle Canarie (RIC).

ZONA FRANCA TENERIFE (ZFT)

Vantaggi doganali presso la Zona Franca Tenerife (ZFT): immagazzinare, trasformare e distribuire le merci senza dover pagare dazi, imposte indirette e imposte speciali. In particolare:

- Esenzione dai diritti di importazione durante la permanenza della merce nella Zona Franca Tenerife;
- Esenzione dal pagamento delle imposte speciali per tutte le merci che entreranno nella Zona Franca Tenerife;
- Esenzione dalla imposta IGIC imposta sul valore aggiunto (assimilabile alla nostra IVA) per le merci della Zona Franca e per i servizi prestati e inerenti le merci stesse.

TIPOLOGIE DI SOCIETA’ :

Pur essendoci varie opzioni e tipologia di società che si possono costituire e registrare le più note sono le seguenti:

- Società Anonima SA (equiparabile alla S.P.A. italiana)
- Società Limitata SL (equiparabile alla S.R.L. italiana)

Numero di soci minimo 1, cambia il capitale sociale (3000 Euro per la Società Limitata mentre è di 60.000 Euro per la Società Anonima). Si parte con un certificato negativo che è richiesto per definirne il nome, con l’apertura di un conto bancario, e la definizione di uno statuto societario e la scrittura pubblica notarile di costituzione, a cui seguirà numero di identificazione fiscale (prima provvisorio poi definitivo NIF) e iscrizione al registro delle Imprese Insulare. Le persone con un progetto imprenditoriale interessate alle Canarie o a Tenerife riceveranno tutte le informazioni di dettaglio.

canarie-porti-e-logistica

ALLEGATI, LINK O APPROFONDIMENTI PROGETTO CANARIE:

- Consorzio della Zona Franca di Tenerife (in spagnolo)
- Zona Speciale Canaria ZEC (in italiano, inglese, spagnolo)
- Tenerife: guida a 360 ° per visitare, vivere, investire (in italiano, inglese, spagnolo)
- Perché Tenerife ? I vantaggi e i benefici in termini di business e fiscali (in italiano)
- Modifica del regime economico e fiscale delle Isole Canarie (in spagnolo)
- Opportunità di investimento (in italiano, inglese, spagnolo)
- Procedimento registro enti zona franca Canaria (in italiano, inglese, spagnolo)
- Lista attività zona Franca ZEC Canaria (in italiano, inglese, spagnolo)

Note: per gli allegati non in download automatico è necessario inviare una mail e fornire i dati della persona o Azienda interessata.

ALTRI LINK UTILI:

- DESK esteri IBS
- Latest Business News Sommario
- Strategie finanziarie Internazionali e Trade Finance, Export Credit e Assicurazione Crediti, Risk Management
- SACE e assicurazione dei crediti
- Agenzia ICE Bruxelles e opportunità
- AGRI-FOOD Offerte e Catalogo
- Principali Documenti nel Commercio Internazionale
- Lettera di Credito e Garanzie Bancarie Internazionali
- Glossario Doganale
- Schede Paese e Articoli di carattere internazionale o di geopolitica
- IBS Blog

contact IBS by mail

Bulgaria B2B missione imprenditoriale

BULGARIA: MISSIONE IMPRENDITORIALE, INCONTRI B2B

bulgaria-missione-imprenditoriale-opportunita-investimento

BULGARIA: “ROAD SHOW OBIETTIVO BALCANI”, MISSIONE IMPRENDITORIALE, INCONTRI B2B, BUSINESS DEVELOPMENT E PARTNERSHIP CON AZIENDE BULGARE

PROMOTORI:

confindustria-bulgaria-logo

CONFINDUSTRIA BULGARIA – P.zza Pozitano 2, Sofia 1000, Bulgaria

In collaborazione con

INTERNATIONAL CENTER OF UNICREDIT BULBANK – 8 Aksakov Str, Sofia 1000, Bulgaria

PREMESSA

IBS in sinergia con CONFINDUSTRIA BULGARIA ha il piacere di ricevere manifestazioni di interesse per aderire alla prossima MISSIONE IMPRENDITORIALE a Sofia. L’evento è promosso da Confindustria Bulgaria per far conoscere le potenzialità della Bulgaria a beneficio di singole Aziende e/o delegazioni di Imprese italiane tramite Associazioni Industriali che siano interessate ad investire in Bulgaria e/o ad incontrare business partner locali di vari settori merceologici.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI SULL’ADESIONE ALLA NUOVA MISSIONE, DATA, ORGANIZZAZIONE

Si prega di prendere contatto con IBS attraverso il form di contatto che segue e sarà nostra cura ricontattarvi per raccogliere il vostro interesse e per fornire tutte le informazioni di dettaglio o per mettervi in comunicazione con il Responsabile di Confindustria Bulgaria incaricato per l’organizzazione dell’Evento.

SEGUONO APPROFONDIMENTI SULLA BULGARIA:

- 1. ESITI MISSIONE DEL 3 NOVEMBRE 2016 A SOFIA (già effettuata) : descrizione Evento, Agenda Missione Imprenditoriale e Delegazione Aziende Italiane partecipanti.

- 2. PERCHÉ INVESTIRE IN BULGARIA: introduzione al quadro macroeconomico, vantaggi tra cui bassi costi operativi, benefici fiscali, posizione strategica nel cuore dei Balcani.

Prosegui nella lettura per documentarti sulle Opportunità. Per INFO immediate scrivici tramite il FORM che segue.

contact IBS by mail

APPROFONDIMENTI SULLA BULGARIA :

1. ESITI MISSIONE IMPRENDITORIALE DEL 3 NOVEMBRE 2016 A SOFIA

missione-imprenditoriale-sofia-bulgaria-3-novembre-2016

Promotori CONFINDUSTRIA BULGARIA e UNICREDIT BULBANK

L’ultima missione imprenditoriale si è svolta il 3 novembre 2016, presso la sede dell’International Center di UniCredit Bulbank. I promotori dell’evento e della Missione Imprenditoriale, UniCredit Bulbank e Confindustria Bulgaria che tramite le Aziende associate, oltre 300 Aziende, è collegata al 5% del PIL complessivo della Bulgaria mediante le Aziende associate che generano oltre 25.000 posti di lavoro, tra cui citiamo le note Aziende Italiane Italcementi, Mapei, Unicredit, Generali e numerose altre PMI .

In occasione dell’ultima edizione “Obiettivo Balcani: Missione imprenditoriale in Bulgaria” si è registrata l’adesione di nove aziende italiane interessate al mercato bulgaro particolarmente attive nel territorio piacentino, motivate a ricercare dei partner e opportunità di business nel territorio della Bulgaria e nei territori confinanti con cui la Bulgaria ha in essere solidi scambi commerciali. L’evento si snoda come di seguito riportato nella sintetica rappresentazione dell’Agenda della giornata che segue, tramite una presentazioni della Bulgaria e delle opportunità di business che il Paese offre, come conseguenza dell’evento svoltosi nel maggio 2016 a Piacenza in occasione di un incoming di una rappresentanza di Aziende Bulgare ed Istituzioni Bulgare in Italia.

Le aziende italiane che hanno aderito alla missione imprenditoriale in Bulgaria, operano nello specifico nei settori dell’edilizia (edilizia, ristrutturazione, restauro, insonorizzazione, inferriate, porte blindate) e dell’arredamento ( arredo d’interno ed esterno, arredo urbano, piscine) e degli impianti o tecnologie per il risparmio energetico.

La giornata nello specifico ha avuto inizio attraverso le Istituzioni che ha visto l’intervento del Direttore Generale della Banca UniCredit Bulbank Dott. Enrico Minniti, successivamente è intervenuto il Direttore ICE Agenzia di Sofia Dott.sa Cinzia Bruno e successivamente il Presidente di Confindustria Bulgaria dott. Pietro Luigi Ghia. Successivamente la presentazione è proseguita a cura del Dott. Aldo Andreoni, Senior Banker, Corporate, Investment and Private Banking division, nella quale è stato brevemente presentato il quadro macroeconomico della Bulgaria e sono stati analizzati nello specifico i settori delle costruzioni e dell’industria alberghiera e ristorazione.

Il resto dell’evento è stato incentrato su incontri b2b (circa un centinaio di incontri) tra le varie aziende italiane in visita presso Sofia e le oltre sessanta aziende bulgare che hanno partecipato con grande motivazione all’evento.

AGENDA MISSIONE IMPRENDITORIALE

h. 9.00 – 09.30 Registrazione Aziende e Caffè di Benvenuto

h. 9.30 – 11.00

- Enrico Minniti General Manager e Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione di UniCredit Bulbank – Discorso di Benvenuto

- Pietro Luigi Ghia, Presidente di Confindustria Bulgaria – Discorso di Benvenuto

- Cinzia Bruno, Direttore di Italian Trade Agency ITA Sofia

- Aldo Andreoni, Senior Banker, Corporate, Investment and Private Banking division – Presentazione delle opportunità in Bulgaria

DOMANDE E RISPOSTE

h. 11.00 – 12.30 B2B meetings con Aziende associate di Confindustria Bulgaria già calendarizzati

h. 12.30 – 14.00 Pranzo e Networking

h. 14.00 – 14.30 Registrazione delle Aziende associate Bulgare e Caffè di Benvenuto

h. 14.30 – 15.00 Brief e presentazione delle Aziende Italiane a cura di Roberto Tortelotti e Raffaele De Risi

h. 15.00 – 18.00 B2B meetings con le Società associate Bulgare

DOWNLOAD : Agenda Missione Imprenditoriale

DOWNLOAD: Delegazione Aziende Italiane partecipanti

TESTIMONIANZE

Sono disponibili delle testimonianze e referenze di Aziende che hanno partecipato all’Evento tuttavia è necessario preventivamente manifestare interesse per il progetto per la futura Missione in fase di organizzazione e qualificarsi attraverso i riferimenti Aziendali per avere accesso a queste informazioni.

2. PERCHÈ INVESTIRE IN BULGARIA E NEI BALCANI

bulgaria-perche-investire-business-partner

QUADRO MACROECONOMICO IN BULGARIA

La Bulgaria ha registrato una crescita sostenuta nel corso del triennio 2006 – 2008, per poi subire una crisi nel 2009, tuttavia i dati che si riferiscono al 2010 e al 2011 riflettono dei segnali di ripresa dell’economia Bulgara. Inoltre dal 2012 si è riscontrata una sostanziale stabilizzazione dello sviluppo tendenziale, ed una spiccata vivacità negli scambi con paesi esteri, soprattutto dell’export (esportazioni oltre confine), in aggiunta si è verificata una ripresa della domanda interna e un sensibile miglioramento del coefficiente di assorbimento dei fondi europei. Il PIL (prodotto interno lordo) nel 2014 si è attestato a 42,8 miliardi di Euro (Fonte: UniCredit Bulbank, 2016), potendo così registrare una crescita annuale dello 1.5%.

Nel corso del 2015 l’Italia è passata dal ricoprire il terzo al secondo posto nella classifica dei partner commerciali della Bulgaria, dopo la Germania, e solo nei primi sei mesi dell’anno 2015, si è registrato un aumento sensibile dell’interscambio di circa il 6,5%. L’interscambio tra Italia e Bulgaria ammonta infatti a oltre 4 miliardi di Euro. Gli acquisti di beni e merci della Bulgaria dall’Italia si sono soprattutto concentrati nel settore della meccanica, metalmeccanica, meccanica di precisione, beni strumentali durevoli, nel settore dei metalli e abbigliamento. Una buona percentuale del business è inoltre indirizzato verso il settore delle calzature di pregio e calzaturiero, tessile, inoltre attrezzature e macchine di impiego generale e prodotti derivanti dal petrolio e fonti naturali.

Per quanto riguarda gli investimenti diretti esteri (IDE) complessivi italiani nel territorio della Bulgaria, hanno raggiunto i 1,4 miliardi di Euro nel 2014 e nello specifico le transazioni nette IDE per l’annualità 2014 dall’Italia ammontano a circa 19 milioni di Euro (MAE).

DOWNLOAD COUNTRY PROFILE (in italiano): scheda paese Bulgaria (Fonte SACE, anno 2016)

DOWNLOAD COUNTRY PROFILE (English): prospetto economico finanziario Bulgaria (Fonte UniCredit Bulbank, anno 2016)

DOWNLOAD (English): indici dal National Statistical Institute, Republic of Bulgaria 2016

STABILITÀ POLITICA ED ECONOMICA IN BULGARIA E INDICI DOING BUSINESS FAVOREVOLI

• ACCORDI INTERNAZIONALI : la Bulgaria è un paese membro dell’ Unione Europea, della WTO (World Trade Organization) e della NATO (North Atlantic Treaty Organization )

• CAMBIO: la stabilità della moneta è garantita attraverso il cambio fisso con l’Euro pari a : 1 Euro = 1.96 BGN (lev)

• DEBITO PUBBLICO : la Bulgaria ha il secondo più basso debito pubblico nell’Unione Europea (circa il 17% del PIL) ed uno dei più bassi deficit di bilancio dell’EU (2.1%) nel 2011

• MEDIA RISCHIO POLITICO 43% (Fonte: SACE, 2016)

• INDICE DOING BUSINESS : 38° su 189 paesi (52 giorni per registrare una impresa)

• SETTORI DI OPPORTUNITÀ PRINCIPALI : infrastrutture, mezzi di trasporto, meccanica strumentale, energia, ferrovie e costruzioni (segue elenco completo)

• EXPORT ITALIANO NELL’ANNO PRECEDENTE : tessile e abbigliamento, meccanica strumentale, metalli, mezzi di trasporto, chimica, altri

• PRINCIPALI PARTNER COMMERCIALI : Germania, segue Italia, poi Spagna e Francia

• INCREMENTO POTENZIALE DELL’EXPORT ITALIANO NEI PROSSIMI 3 ANNI : circa 240 miliardi di Euro.

BENEFICI FISCALI, BASSI COSTI OPERATIVI, SINTESI DEI VANTAGGI AD INVESTIRE IN BULGARIA

Tax benefits : il territorio della Bulgaria dispone di uno dei regimi fiscali più favorevoli all’interno dell’Unione Europea. L’aliquota fiscale per le Imprese è fissa flat al 10%. L’aliquota fiscale per le persone fisiche sia attesta anch’essa al 10% . Tuttavia per le aziende che decidono di insediarsi ed operare in aree collocate nel piano di sviluppo del Governo o ad alta disoccupazione beneficiano di un’aliquota fiscale dello 0% .

Esenzione Imposta indiretta : ci sono 2 anni di esenzione dall’imposta sul Valore Aggiunto ( IVA ) per quanto è collegato all’importazione di macchinari e attrezzature destinate a progetti di investimento in immobilizzazioni o in attivo fisso superiori ai 5 milioni di Euro che producano un ritorno occupazionale ossia diano lavoro ad almeno 50 dipendenti.

Dividenti : aliquota fiscale 5% sui dividendi e quote di liquidazione (0% per i residenti dell’EU).

Costo del Lavoro : la Bulgaria possiede uno dei più competitivi costi del lavoro in tutta Europa Centrale ed Est Europa.

Affitto ed Utenze : la Bulgaria vanta costi di affitto per uffici ed utenze di varia tipologia molto bassi.

Elettricità : in Bulgaria il costo dell’elettricità è pari al 70% della media europea dunque molto vantaggioso.

bulgaria-posizione-strategica-nei-balcani

POSIZIONE STRATEGICA DELLA BULGARIA NEL CUORE DEI BALCANI

La Bulgaria è Posizionata nel cuore dei Balcani, dunque è un hub logistico strategico naturale :

• CORRIDOI LOGISTICI: cinque corridoi europei Pan-European Corridors ( IV, VII, VII, XI, X) che attraversano il paese e conferiscono alla Bulgaria un peso strategico notevole in termini di connettività con i paesi EU.

DOWNLOAD: Pan-European Corridors (English)

• TRACECA : programma trasporti che connette l’Europa con il Caucaso e l’Asia Centrale.

DOWNLOAD: Piano di sviluppo infrastrutturale del Ministero dei Trasporti della Bulgaria, fino al 2015 (English)

• AEROPORTI: 4 aeroporti principali Sofia, Bourgas, Plovdiv e Varna.

• PORTI: 2 porti Varna e Bourgas e numerosi porti dislocati sul fiume Danubio.

RISORSE UMANE DI PREGIO IN BULGARIA

• HUMAN SKILLS: la forza lavoro è di pregio e altamente qualificata in Bulgaria e parla più di una lingua straniera.

• ETÀ MEDIA : il 62.2 % della popolazione bulgare è in età da lavoro (circa 4.6 milioni di persone)

• ALTA SCOLARITÀ : ogni anno 60.000 studenti si laureano

• SKILLS LINGUISTICHE : il 98% degli studenti delle scuole medie superiori studia una lingua straniera (nella maggior parte dei casi l’inglese) e il 73% degli studenti studia una seconda lingua straniera (per importanza primeggia il Tedesco, segue il Francese, poi lo Spagnolo e infine il Russo)

• RETE INTERNET : la velocità di accesso e navigazione attraverso la rete internet in Bulgaria è tra le prime per velocità in Europa, inoltre la diffusione del servizio determina che la quasi totalità della popolazione e delle istituzioni è connessa ed ha accesso ad internet.

LE SFIDE DEL FUTURO PER LA BULGARIA

Sebbene negli ultimi anni la Bulgaria ha investito e si è adoperata per migliorare la qualità di molti aspetti della sua struttura socio economica, esistono alcuni temi cruciali per un ulteriore sviluppo che richiedono per il futuro attenzione :

• Proseguire con il potenziamento della Rete infrastrutturale
• Proseguire con un ulteriore ampliamento del supporto erogato alle imprese nello specifico in termini di accesso ai servizi e anche alle infrastrutture
• Migliorare ulteriormente il contenimento della burocrazia e velocizzare le pratiche
• Riformare la giustizia.

IL RUOLO DEGLI INVESTIMENTI ITALIANI NEL TERRITORIO DELLA BULGARIA (IDE)

Ebbene L’Italia, oltre ad avere un ruolo cardine a livello di Commercio Estero essere il secondo partner commerciale della Bulgaria con un ammontare di oltre 4 miliardi di Euro di interscambio nell’ultimo anno, ricopre anche un ruolo di primo piano in materia di IDE (investimento diretto estero) per l’economia bulgara, grazie agli investimenti realizzati in Bulgaria da alcune grandi aziende italiane e numerose PMI (piccole e medie imprese).

Nel periodo intercorso tra il 1996 ed il 2014, gli IDE investimenti diretti italiani nel territorio della Bulgaria, secondo i dati ufficiali della Banca Nazionale Bulgara, hanno raggiunto un ammontare complessivo di oltre 1,4 miliardi di Euro, cifra che classifica l’Italia tra i primi dieci maggiori investitori in Bulgaria (dopo i Paesi Bassi, l’Austria, la Grecia, l’Inghilterra, la Germania, Cipro, la Russia, la Svizzera e gli Stati Uniti d’America).

Vi è una folta rappresentanza e una significativa presenza di imprese italiane di grandi dimensioni tra cui Enel, Assicurazioni Generali, Mapei, Edoardo Miroglio, Banca Unicredit e Rigoni di Asiago. Inoltre particolarmente intensa anche la presenza di PMI (piccole e medie imprese italiane) di cui 300 Imprese associate a Confindustria Bulgaria.
La presenza di Aziende Italiane in Bulgaria ha un impatto significativo anche sul bilancio complessivo dello Stato, contribuendo per circa il 5% al PIL nazionale (prodotto interno lordo), con circa 2 miliardi di Euro di fatturato annuo con ricadute occupazionali per circa 25.000 posti di lavoro.

COSTO DEL LAVORO IN BULGARIA MOLTO COMPETITIVO,TRA I PIÙ BASSI D’EUROPA

Proprio così, Il costo del lavoro in Bulgaria è tra i più contenuti di tutti i paesi in Europa. Il costo medio del lavoro in questo momento infatti si attesta attorno ai 490 Euro mensili (Dati NSI, National Statistical Institute Republic of Bulgaria, 2015).

Ovviamente questo è un dato medio, e in molte aree del Paese i salari si attestano su livelli retributivi più bassi tuttavia non sempre queste ultime sono servite a livello infrastrutturale come i grossi centri urbani o le città principali della Bulgaria. Allo stesso tempo, si può rilevare una ottima qualità della forza lavoro, specialmente nei settori di nicchia e nei campi tecnici ed informatici. Ci sono realtà locali come Plovdiv che offrono in particolare eccellenti rapporti tra costo del lavoro e qualità del lavoro erogato dal personale.

FISCALITÀ IN BULGARIA

Un aspetto che rende la Bulgaria un territorio attrattivo è anche l’ambito fiscale, infatti per quanto riguarda la tassazione dei redditi di impresa e privati la Bulgaria offre una flat tax, con una aliquota unica al 10% per aziende e privati. Si tratta come nel caso del costo del lavoro, di uno dei carichi fiscali più contenuti a livello UE (Unione Europea).

Per quanto riguarda le tasse indirette, l’aliquota ordinaria IVA (imposta sul valore aggiunto) applicata è invece pari al 20%, ma è prevista una riduzione dell’aliquota al 9% in alcuni casi specifici.
I diversi governi esecutivi in carica negli ultimi anni hanno ribadito più volte che la flat tax rimane anche per il futuro uno dei principi guida e un asset strategico della politica fiscale del Paese.

traceca-transport-corridor-europe-caucasus-asia

TRASPORTI IN BULGARIA

La Bulgaria rappresenta un ponte ideale tra l’UE e i Paesi dei Balcani, inclusa la Turchia, visto che è collocata al centro del Sud Est europeo. Il Paese è un naturale punto di passaggio per cinque corridoi paneuropei (IV, VII, VIII, IX e X) e fa parte del TRACECA (ossia Transport Corridor Europe Caucasus Asia), una organizzazione internazionale creata con lo scopo di favorire una efficace rete infrastrutturale tra l’Europa, i territori del Caucaso e l’Asia Centrale.

Il corridoio VIII, in modo particolare, collegherà la Bulgaria con l’Italia attraverso i porti della vicina Albania. Al momento il Governo bulgaro sta fortemente investendo nell’adeguare la rete ferroviaria e la rete autostradale. Infatti è stata completata l’autostrada “Trakia” che è in grado di collegare la capitale Sofia alla seconda città più importante del Paese ossia Plovdiv e al porto di Burgas situato sul Mar Nero. Segue il tronco autostradale denominato “Struma” che collegherà la Bulgaria alla Grecia. Per quanto concerne i trasporti aerei le città di Sofia, Plovdiv, Burgas e Varna sono dotate di aeroporti internazionali.

Inoltre, in aggiunta alle compagnie di bandiera, anche le compagnie low cost hanno penetrato da tempo il mercato bulgaro rafforzando la concorrenza interna al settore aeronautico civile. Infine è giusto rammentare che la Bulgaria ospita due porti tra i più importanti del Mar Nero – a Varna e Burgas – e che il Nord della Bulgaria fa parte del sistema di trasporto fluviale del Danubio. Questo asset logistico, tramite il canale sul Meno, consente alle navi di viaggiare e percorrere direttamente le tratte dal Mar Nero al Mare del Nord.

bulgaria-fondi-strutturali-eu-unione-europea

COME INFLUISCONO LE ISTITUZIONI E I FONDI EUROPEI SULLA BULGARIA

Gli investimenti di paesi stranieri in Bulgaria rappresentano uno dei principali motori della crescita del PIL e del Paese. Pertanto l’attenzione nei confronti dell’imprenditoria internazionale è alta. L’appartenenza all’UE (Unione Europea) rende inoltre l’ordinamento giuridico del paese sempre più vicino agli standard italiani e degli altri paesi europei. Di grande rilevanza anche i fondi europei che hanno un grande impatto sul paese. Per il periodo 2007 -2013, alla Bulgaria erano stati destinati 6,8 miliardi di Euro attraverso i Fondi Strutturali dell’UE. Particolarmente interessanti e impattanti sono stati anche i fondi distribuiti ed erogati mediante il Programma Operativo Competitività, fondi destinati anche alle aziende private.

Per il periodo di programmazione della Commissione Europea dei Fondi Strutturali Europei, 2014 – 2020, alla Bulgaria sono stati destinati circa 7,4 miliardi di Euro, una cifra importante suddivisa in 7 programmi operativi:

- Trasporti 1,6 Mld di Euro
- Ambiente 1,5 Mld di Euro
- Regioni in crescita 1,3 Mld di Euro
- Innovazione e competitività 1,2 Mld di Euro
- Risorse Umane 0.9 Mld di Euro
- Governance 0,2 Mld di Euro
- Scienza e istruzione 0,5 Mld di Euro.
A questi fondi si aggiungono i finanziamenti EU provenienti dalla Politica Agricola Comune (PAC) e altri Fondi provenienti dalla Politica Comune della Pesca (PCP) che stanziano 7,5 Mld di Euro.

SETTORI MERCEOLOGICI DI INTERESSE IN BULGARIA :

- Settore agroalimentare
- Settore tessile e abbigliamento
- Industria conciaria e calzature
- industria del legno e arredo
- Carta, cartotecnica, editoria e stampa
- Energia, energie rinnovabili e risorse naturali
- Industria chimica e farmaceutica
- Lavorazione gomma e materie plastiche
- Vetro e ceramica
- Lavorazione metalli
- Settore meccanica, meccanica di precisione, beni strumentali e durevoli
- Elettronica
- Trasporti e logistica
- Costruzioni, materiali da costruzione, real estate e attività immobiliari
- Altre industrie manifatturiere
- Servizi assicurativi e bancari
- Commercio e distribuzione
- Ambiente ed ecologia
- Servizi informatici, ITC, comunicazione
- Servizi alle Imprese
- Turismo, ristorazione, alberghi

PROMOTORI E PARTNERS DELL’INIZIATIVA:

CONFINDUSTRIA BULGARIA
P.zza Pozitano 2, Sofia 1000, Bulgaria
Tel: +359 (0) 2 8901420;
Fax: +359 (0) 2 8901424
segreteria@confindustriabulgaria.bg

INTERNATIONAL CENTER OF UNICREDIT BULBANK
1000 Sofia, 8 Aksakov Str.

ITA BULGARIA (Italian Trade Agency)
Bul. knyaghinya Maria Luisa, 2
Business Center TZUM, 1000 Sofia Bulgaria

ALTRI PARTNER DI CONFINDUSTRIA, 2016

- CONFINDUSTRIA BALCANI
- SIMEST (IMPEGNO ITALIANO NEL MONDO)
- BE BULGARIA ENGINEERING
- ASSICURAZIONI GENERALI
- KRIB
- UNIVERSITY OF NATIONAL AND WORLD ECONOMY
- IL SOLE 24 ORE BUSINESS SCHOOL

FONTI PER L’ARTICOLO: “Missione Imprenditoriale in Bulgaria”

- Confindustria Bulgaria
- International Center of UniCredit Bulbank
- ITA (Italian Trade Agency)
- SACE
- SACE Country Risk Map
- Ministero Trasporti GOV Bulgaria
- National Statistical Institute Republic of Bulgaria
- TRACECA (Transport Corridor Europe Caucasus Asia),
- Fondi Strutturali EU

Si ringrazia per l’Attenzione

IBS

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

contact IBS by mail